MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Grande partecipazione a Benevento per l’iniziativa “Charta Cantat”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Un pubblico numeroso, attento ed affascinato ha partecipato all’iniziativa Charta Cantat promossa dal Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, dal Fondo Edifici di Culto della Prefettura e dall’Inner Wheel Club di Benevento.
L’incontro sui rotoli dell’Exultet beneventano con la prof. Luisa Nardini ed il prof. Thomas Forrest Kelly, nella cornice della chiesa di Santa Sofia, ha creato nuovi spunti per l’ambiente musicale e, più in generale, culturale della città di Benevento.
“Da qui deve partire un nuovo rinascimento del nostro Sannio, che valorizzi la propria storia non una sola volta all’anno, ma con iniziative costanti e frequenti, che diffondano la nostra cultura e facciano conoscere il nostro immenso patrimonio” – così il Prefetto di Benevento Michele Mazza, che insieme all’ assessore provinciale alla cultura, Carlo Falato, ha sottolineato la necessità di un impegno costante e proficuo di quanti, soprattutto giovani, si muovono nell’ ambito culturale.
“Valorizzare il canto beneventano attraverso percorsi di studio dedicati è l’obiettivo che il Conservatorio sannita si è prefissato – ha affermato la prof. Maria Gabriella Della Sala, direttore del Conservatorio – dando la possibilità agli studenti di appropriarsi di strumenti utili a conoscere e valorizzare un pezzo della nostra storia studiato ed apprezzato all’estero”.
Un incontro fatto di poche parole ma di tante immagini e musica: la chiesa ha riecheggiato ancora una volta delle note conservate da secoli nei codici miniati, gli stessi in cui – come ha sottolineato Kelly – la chiesa di Santa Sofia è già raffigurata come patrimonio dell’umanità.

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

30 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Canto, Musica, Musica classica | , , , , , | Lascia un commento

Dal 2 al 25 luglio torna l’Amalfi Coast Music & Arts Festival

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Il QuinTango di Washington e i “”Michael O’Neal Singers” di Atlanta sono tra gli ospiti della sedicesima edizione dell’Amalfi Coast Music & Arts Festival, la rassegna itinerante targata Usa al via sabato 2 luglio (ore 21), nella sala grande del Lloyd’s Baia Hotel di Vietri sul Mare, con un recital lisztiano dei pianisti Thomas Mastroianni, Ksenia Nosikova, Logan Skelton, Steven Spooner e Fabio Witkowski.
A Franz Liszt, nel bicentenario della nascita, sono infatti dedicati gli appuntamenti della sezione pianistica (2-10 luglio) del festival organizzato dal Center of Musical Studies di Washington, sotto la direzione di Sasha Katsnelson e Leslie Hyde, in collaborazione con la Regione Campania, la Provincia di Salerno, e i Comuni di Vietri sul Mare, Maiori, Amalfi, Cava de’ Tirreni e Scala, dove si terranno oltre venti concerti ad ingresso libero fino al 25 luglio.
I protagonisti del recital inaugurale sono docenti di prestigiose università statunitensi e tra i membri della “faculty” del festival, per i corsi di alto perfezionamento in pianoforte, canto e, da quest’anno, scrittura creativa, che si svolgeranno a Vietri sul Mare con la partecipazione di studenti da tutto il mondo. Anche in questa edizione saranno complessivamente in più di trecento, tra “guest performers”, professori, allievi, e cultori delle arti, a dar vita ad una vivace “community” formata da americani, canadesi, coreani, cinesi, svedesi, italiani, inglesi, sudafricani, attratti dalle occasioni di arricchimento professionale e culturale che il festival offre nell’affascinante scenario della Costiera Amalfitana.
Una manifestazione, quindi, che contribuisce anche all’indotto turistico del territorio.
Il cartellone vedrà in scena alcuni degli autorevoli docenti delle masterclasses pianistiche anche negli appuntamenti successivi, tra i quali il concerto di Ksenia Nosicova, Steven Spooner e Mina Perry, il 6 luglio al Museo diocesano di Amalfi (“Liszt e l’opera francese”), e quello di Michele Campanella, l’8 luglio a Palazzo Mezzacapo di Maiori con il terzo volume degli “Anni di pellegrinaggio” del grande ungherese.
I più talentuosi, tra i giovani pianisti che frequentano i corsi – tenuti anche da altri maestri di rilievo come Aldo Ciccolini, John Perry e il cinese Jin Zhang del Central Conservatory di Beijing – avranno l’opportunità di esibirsi nei concerti delle “Young Artist Series”, in programma al Lloyd’s Baia Hotel di Vietri (7 e 10 luglio) e in altre località costiere.
Da quasi dieci anni parte integrante della “community” del festival, il Fine Arts Quartet non mancherà l’appuntamento con i propri estimatori, seppur provato dalla prematura scomparsa del suo violoncellista Wolfgang Laufer, a cui la rassegna dedica un tributo.
I violinisti Ralph Evans ed Efim Boico, il violista Nicolò Eugelmi, di recente affiancati dal violoncellista Robert Cohen, suoneranno con il pianista John Perry musiche di Shostakovich, Glazunov e Brahms, il 12 luglio al Lloyd’s Baia Hotel.
Stessa cornice per la performance del QuinTango (due violini, violoncello, contrabbasso e pianoforte), l’acclamato ensemble fondato e capitanato dalla violinista Joan Singer, in scena il 15 con brani di Bardi, Salgan, Piazzolla, Cobian, Mores.
Un recital di arie d’opera interpretate dagli allievi delle masterclasses di canto aprirà, il 16 luglio, presso l’Oratorio dell’Arciconfraternita di Vietri, il programma lirico e corale che il 18 porterà a Scala le nuove voci della rassegna.
Tra gli appuntamenti più suggestivi, quelli con l’affermato coro guidato da Michael O’Neal, atteso il 19 luglio, nella chiesa di San Francesco a Maiori, per un concerto di brani della tradizione spiritual, e il 22 alla Badia di Cava de’ Tirreni, dove eseguirà la Messa in Sol maggiore di Schubert.
Chiusura pucciniana con gli allestimenti di “Suor Angelica” e “Gianni Schicchi” dal celebre “Trittico”.
Le opere, che vedranno avvicendarsi sul podio i direttori Greg Ritchey e Stephen Sulich, saranno presentate il 23 luglio alla Villa comunale di Vietri, il 24 alla Badia di Cava, e il 25 al Porto turistico di Maiori.

Addetto stampa
Teresa Rocciola
Tel. 347 47 37 569

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

30 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Cava de' Tirreni, Musica classica, Musica da camera, Musica Lirica | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 1 luglio la stella internazionale del violino Janine Jansen ospite dei “Concerti al Tramonto”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Venerdì 1 luglio, alle ore 20.00, la prestigiosa rassegna anacaprese Concerti al Tramonto, che si svolge a Villa San Michele, si arricchirà di un ulteriore nome internazionalmente conosciuto e apprezzato.
Sarà infatti la grande violinista Janine Jansen, insieme al geniale violoncellista Daniel Blendulf e al virtuoso pianista Love Derwinger, ad esibirsi in concerto sulle note di Liszt, Beethoven e Ravel, in occasione del terzo appuntamento della rassegna.
L’artista olandese, bellissima oltre che brava, che dopo il suo debutto londinese si è esibita con le maggiori orchestre di tutto il mondo e con i più eminenti direttori del calibro di Valery Gergiev, Mariss Jansons, Lorin Maazel, Riccardo Chailly, ha il merito di aver conquistato tanti dischi di platino nei Paesi Bassi, quanti prodotti, e di essere tra le violiniste più scaricate su iTunes.
Tra gli impegni più recenti l’incisione di un recital francese dal titolo Beau Soir con il pianista Itamar Golan – tra i suoi partner figurano anche Jean-Yves Thibaudet, Mischa Maisky, Julian Rachlin, Martin Fröst, Khatia Buniatishvili, Leif Ove Andsnes e Torleif Thedéen – e le esibizioni con la New York Philharmonic, la London Philharmonic, la Oslo Philharmonic, la Danish National Symphony orchestras e l’Orchestre de Paris.

La rassegna Concerti al Tramonto, realizzata con il sostegno del Consiglio della Cultura dello Stato Svedese, con il patrocinio dell’Ambasciata di Svezia e con il contributo di Progetto Piano, si svolgerà ogni venerdì fino al 12 agosto e ospiterà una straordinaria varietà di artisti, accomunando la cultura italiana a quella svedese.

Per l’acquisto dei biglietti (prezzo € 15,00; ridotto ragazzi e studenti € 5,00) basta recarsi alla biglietteria dalle 18,30 – il bar Café Casa Oliv in occasione del concerto resterà aperto – o, in prevendita, presso il bookshop del museo, tutti i giorni dalle 9 alle 18.

Per informazioni

Ufficio stampa
Luca Grossi
Villa San Michele
V.le Axel Munthe 34
80071 – Anacapri (NA)
Tel.: +39 081 837 1401
Fax: +39 081 837 3279
sito web: www.villasanmichele.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Musica da camera, Pianisti, Violinisti, Violoncellisti | , , , , , , , , | Lascia un commento

A Palazzo Carafa di Maddaloni “Il Tocco di Venere” ha proposto figure femminili tra le due guerre mondiali nelle musiche di Weill, Gardel e Gershwin

Una donna indecisa su quale uomo sposare, un’altra che prende vita, pur essendo di marmo, e fa innamorare chi l’ha liberata dall’incantesimo.
Sono solo alcune delle figure femminili, talora allegre, talora tristi, altre volte piene di rabbia o di nostalgia, passate in rassegna nella serata dal titolo “Il Tocco di Venere”, organizzata dall’Associazione “D’Altro Canto”, in collaborazione con il Centro Internazionale di Musica da Camera, tenutasi a Palazzo Carafa di Maddaloni.
Tre le protagoniste, il soprano Rita Del Santo, la pianista Maria Grazia Ritrovato e l’attrice Maria Gabriella Tiné e tre anche i compositori considerati, il tedesco Kurt Weill (1900-1950), l’argentino Carlos Gardel (1890-1935) e lo statunitense George Gershwin (1898-1937), nato in una famiglia ebrea di origini russe, la cui caratteristica era quella di risiedere negli Usa a metà degli anni ’30.
Il nome del primo è indissolubilmente legato a quello del drammaturgo, poeta e regista Bertolt Brecht, un connubio che portò sulla scena, fra la fine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, lavori di intensa valenza politica e satirica, fortemente innovativi per l’epoca, quali “L’opera da tre soldi”.
Costretto a fuggire dalla Germania nel 1933, a seguito dell’avvento del nazismo, Weill soggiornò brevemente a Parigi e Londra, per poi abbandonare definitivamente, nel 1935, un’Europa sull’orlo del baratro e spostarsi a New York, dove morì prematuramente per un infarto nel 1950.
Spostandosi negli Usa, fu costretto anche a cambiare radicalmente genere, dedicandosi esclusivamente al musical, con esiti peraltro notevolissimi.
A tale repertorio appartenevano My Ship (da Lady in the Dark, 1941) e Speak Low (da One Touch of Venus, 1943), rispettivamente su testi di Ira Gershwin e Ogden Nash, con i quali è iniziato il concerto.
Il periodo francese era invece rappresentato da Je ne t’aime pas (1934), su lirica di Maurice Magre, scritta per la cantante Lys Gauty e il tango habanera Youkali, il cui motivo composto inizialmente per le musiche di scena di Marie Galante (1934), si avvalse solo nel 1946 delle parole di Roger Fernay (che, per inciso, non avevano nulla a che vedere con la storia di Marie Galante).
Il secondo autore della serata, Carlos Gardel, era famosissimo come interprete dei suoi tanghi, nati dalla collaborazione con il paroliere brasiliano Alfredo Le Pera, i cui titoli si trasformarono spesso in film di successo, che si avvalevano della carismatica presenza dell’argentino.
I brani proposti durante la serata, El día que me quieras, Por una cabeza e Volver (questi ultimi due in una versione pianistica), risalivano tutti al 1935, anno in cui Gardel perì, insieme a Le Pera e ad altri suoi stretti collaboratori, in un incidente aereo a Medellin in Colombia, mentre stava portando avanti una tournée in Sudamerica.
La produzione gershwiniana era invece rappresentata dal Preludio n. 2 per pianoforte, (dai Tre Preludi, 1926), e da alcuni pezzi appartenenenti a musical, arrangiati per pianoforte quali Someone to watch over me (da Oh Kay!, 1926) ed Embraceable you (da Girl Crazy, 1930) o concepiti per voce e pianoforte, come The man I love (da Strike Up the Band, 1927), fino alla chiusura rivolta alla celeberrima Summertime, sicuramente il motivo più noto dell’opera Porgy and Bess (1935).
Per quanto riguarda le interpreti, hanno evidenziato un ottimo affiatamento, con Rita Del Santo dotata di una bella voce, che ha eseguito i vari brani con passione ed intensità, senza però incorrere nell’errore, abbastanza frequente fra le sue colleghe, di voler drammatizzare, a tutti i costi, pezzi che sono nati per i musical e non per l’opera.
Dal canto suo Maria Grazia Ritrovato ha messo in luce un tocco agile e morbido, a volte quasi colloquiale, emerso soprattutto in Gershwin, che ha conquistato il pubblico presente.
Ricordiamo ancora il notevole apporto di Maria Gabriella Tinè, che ha introdotto il concerto ed ha letto in modo molto partecipe le traduzioni italiane dei testi dei brani, prima di ogni esecuzione, e la proposizione dello struggente Uocchie ‘e piscatore, di Maria Grazia Ritrovato, suonato come bis, che ha degnamente chiuso una serata rivolta all’universo femminile.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 giugno, 2011 Posted by | Concerti, Musica classica, Napoli, Palazzo Carafa di Maddaloni | , , , , , , , | Lascia un commento

A “Voci nel Chiostro” l’Ensemble Esedra protagonista di un’affascinante serata di cultura medievale e rinascimentale

Il terzo concerto della rassegna “Voci nel Chiostro”, organizzata dall’Associazione Alessandro Scarlatti, svoltosi nella chiesa dei santi Marcellino e Festo, ha ospitato l’Ensemble Esedra, diretto da Ferdinando de Martino e formato da Gabriella Romano (soprano), Silvia Tarantino (contralto), Roberto Franco (tenore) e Angelo Florio (basso).
Il quartetto, accompagnato da Fabio Soriano (flauti) e Francesco Manna (percussioni) ha eseguito brani medievali e rinascimentali, che si alternavano con alcuni sonetti di Cecco Angiolieri, vero fulcro della serata, recitate dall’attore Paolo Cresta.
Così, da una parte era possibile ascoltare una serie di liriche del poeta toscano, dall’iniziale Tre cose solamente m’ènno in grado al conclusivo e celeberrimo S’i’ fosse foco, che dava anche il titolo all’intera serata, mentre dall’altra si succedevano pezzi del repertorio popolare o di autori attivi fra la metà del Cinquecento e l’inizio del Seicento.
Fra i primi ricordiamo Bacche bene venies e In taberna quando sumus, tratti dai Carmina Burana, canti risalenti al XIII secolo e raccolti nel Codex Latinus Monacensis (detto anche Codex Buranus, in quanto provenienti dal convento bavarese di Benediktbeuern, l’antica Bura Sancti Benedicti), tornati in auge nel Novecento grazie a Carl Orff che ne utilizzò alcuni per la sua omonima cantata scenica.
Molto interessante anche la proposizione di alcune estampies, appartenenti ad un genere nato nelle corti europee del XII secolo, costituito in origine da composizioni liriche con accompagnamento strumentale, e diffusesi poi sotto forma di danza, tra il XIII e il XIV secolo, i cui unici esempi sono attualmente conservati presso la Bibliothèque Nationale de Paris, nella raccolta nota come Manuscrit du roi.
Per quanto riguarda i musicisti del Cinquecento e dei primi del Seicento , accanto ad alcuni classici quali Contrappunto bestiale alla mente (da Il festino nella sera del giovedì grasso avanti cena) di Adriano Banchieri, La Gagliarda di Baldassarre Donato e Sentomi la formicula di Filippo Azzaiolo, l’Ensemble Esedra ha proposto i meno noti Io ti voria contar di Orlando di Lasso, Speme amorosa e Il piacere di Giovanni Giacomo Gastoldi, e una Pavana di Thoinot Arbeau.
Uno sguardo agli interpreti per sottolineare innanzitutto la bravura e la notevole presenza scenica dei quattro cantanti, artisti di provata esperienza, sia nei brani d’insieme, sia nel momento in cui sono stati chiamati a parti solistiche.
Non erano da meno i due strumentisti, che hanno superato brillantemente le difficoltà legate alle problematiche della musica antica, mostrando un ottimo affiatamento con il quartetto vocale.
Bravissimo anche Paolo Cresta, che si è immedesimato splendidamente nel ruolo di Cecco Angiolieri, rendendo ulteriormente vivaci liriche già per loro molto frizzanti e, naturalmente, un grande plauso va al direttore, Ferdinando de Martino, che ha concepito un concerto di rara intensità, frutto di lunghi e approfonditi studi (il cui programma è stato variato in extremis,per un’improvvisa afonia che ha colpito il soprano Maria Sirignano), confermando la sua particolare predilezione per un periodo musicale così poco esplorato come quello che abbraccia Medioevo e Rinascimento.
L’unico forte rammarico sta nel fatto che alcune contingenze fortemente negative, quali la presenza di ingenti cumuli di immondizia, passibili di essere dati da un momento all’altro alle fiamme, e uno sciopero serale dei trasporti, abbiano consigliato molti appassionati a rimanere a casa, privandosi di un tuffo nel passato che avrebbe permesso loro una breve evasione dalla tragedia del presente.
Prossimo ed ultimo appuntamento di “Voci nel Chiostro” giovedì 30 giugno, con il concerto del duo costituito da Valentina Varriale (soprano) e Pier Luigi Ciapparelli (tiorba), in una serata rivolta ad arie sacre italiane del Seicento sul Cantico dei Cantici

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 giugno, 2011 Posted by | Associazione "A. Scarlatti", Canto, Musica classica, Napoli | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 30 giugno il pianista Alvaro Siviero ospite dell’ottavo appuntamento della stagione del Maggio della Musica

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Giovedì 30 giugno, alle ore 20.30 Veranda Neoclassica di Villa Pignatelli, nuovo appuntamento della XIV edizione del Maggio della Musica.
L’appuntamento di giovedì è speciale. Vedrà protagonista, infatti, un grande pianista, Alvaro Siviero.
Un artista brasiliano di grandissima fama voluto fortemente dal direttore artistico della manifestazione, Michele Campanella.
Siviero che si è specializzato a Vienna, in Germania, Portogallo, Italia, Francia e Svizzera, partecipa attivamente allo scenario musicale brasiliano sia come solista sia come musicista da camera e si esibisce con regolarità con un gran numero di orchestre nazionali e internazionali.
Nel 2006 è stato in assoluto il primo pianista brasiliano a partecipare al masterclass dedicato a Beethoven presso la Casa Orfeo – Fondazione Wilhelm Kempff a Positano, fondata dallo stesso Kempff.
A Napoli, per il pubblico del Maggio della Musica, suonerà di Heitor Villa-Lobos, Dança do Índio Branco, di Franz Liszt e Franz Schubert, Widmung, ancora di Franz Liszt, Étude d’exécution transcendante n. 11, Rhapsodie hongroise n. 11, Fantasia quasi Sonata “Aprés une lecture de Dante”, e infine di Johann Strauss figlio e Alfred Grünfeld, Concert Paraphrase su “Die Fledermaus”.

L’Associazione Maggio della Musica è presieduta da Luigia Baratti.
Main sponsor BNL-Gruppo BNP PARIBAS.

Costo del biglietto
Intero: 20 euro
Ridotto: 15 euro

Biglietteria
Villa Pignatelli (da un’ora prima dell’inizio del concerto) e nelle prevendite abituali

Ufficio Stampa
Raffaella Tramontano
Cell.: 392 8860966 / 338 8312413
e-mail: raffaella.tramontano@libero.it

Associazione Maggio della Musica
Via Domenico Fontana 39
80128 Napoli
Tel/fax: 081 6131338
e-mail: maggiodellamusica@libero.it
sito web: www.maggiodellamusica.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

28 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica, Napoli, Pianisti, Villa Pignatelli | , , , , , , , | Lascia un commento

Dal 3 al 24 luglio al Museo Archeologico Nazionale la decima edizione dei “Pomeriggi in Concerto” di Napolinova

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Anche quest’anno, durante le domeniche di luglio, ancora una volta negli splendidi spazi del Museo Archeologico Nazionale, grazie alla gentile ospitalità della Soprintendenza per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, Napolinova organizza la rassegna “Pomeriggi in Concerto”, giunta alla decima edizione e divenuta ormai un appuntamento fisso per i tanti appassionati durante l’estate napoletana, essendo l’unico appuntamento dedicato “solamente” alla musica classica e che, invece che proporre i “soliti” nomi, dà spazio a grandi solisti e a tanti giovani, offrendo ai “veri” appassionati di musica classica, ma anche a quelli che si avvicinavano per la prima volta, la possibilità di ascoltare e conoscere “gratuitamente” un repertorio sempre più di raro ascolto.

Questa manifestazione, nata con il titolo “Notti in Concerto” nel luglio ’97 al Museo di Capodimonte nel magnifico “Salone delle Feste”, in occasione della prima apertura notturna del Museo, si è poi svolta per vari anni al Museo di San Martino nell’antica “Sala del Refettorio” della Certosa, anche in orario pomeridiano, divenendo “Pomeriggi in Concerto”.

Si è poi tenuta a Villa Pignatelli, alla Chiesa di S. Severo al Pendino ed al Museo Archeologico Nazionale.

In particolare l’edizione di quest’anno si articolerà in quattro domeniche del prossimo luglio alle ore 17,30 e sarà ad ingresso gratuito.

Ogni concerto, approfittando dell’attività estiva di Napolinova che organizza durante il mese di Luglio una serie di master musicali, che avranno come docenti artisti di fama internazionale venuti a Napoli da tutto il Mondo, proporrà un diverso strumento musicale presentandone, come fatto in precedenti edizione per altri argomenti, sia il repertorio, con l’esibizione di questi grandi solisti e anche di tanti giovani talenti provenienti da tutta Italia venuti a partecipare ai master, sia la storia e lo sviluppo attraverso dei brevi incontri con questi grandi artisti che precederanno il concerto.

Il primo concerto-incontro, dedicato al violino, è con Manuel Meo, solista di grande valore e docente al Conservatorio di Milano, il secondo, invece, dedicato al violoncello, è con Sandro Meo, violoncellista e camerista di fama internazionale.

Il terzo, dedicato alla voce e al Bel Canto, sarà con il tenore Delfo Menicucci, solista e docente di fama internazionale, maestro anche di Andrea Bocelli.

Ultimo appuntamento, dedicato al pianoforte, con Antonio Pompa-Baldi, pianista italiano acclamato negli Stati Uniti e docente per chiara fama alla Cleveland University, una delle maggiori università americane, dove vedremo esibirsi solisti venuti a Napoli dall’Italia e dal Mondo.

(Comunicato del direttore artistico: Alfredo de Pascale)

Primo concerto: domenica 3 luglio, ore 17.30

Ingresso ad Inviti da ritirare al concerto fino ad esaurimento posti

L’ingresso sarà consentito dalle ore 17,15

info:

347.8430019

Info@asociazionenapolinova.it

__________________________________________________________________________________________

Programma generale

3 luglio, ore 17.30: “Omaggio al Violino”

Concerto e incontro con Manuel Meo e i partecipanti al Master internazionale di violino

Manuel Meo si è diplomato con lode al Conservatorio di Napoli.

Si è perfezionato con Grubert, Giles, Romano. Vincitore assoluto della Rassegna per Quartetto d’Archi di Vittorio Veneto, inizia presto un’attività esibendosi anche da solista e direttore per le maggiori Istituzioni italiane.

Ha registrato e suonato in tutto il Mondo (Inghilterra, Svizzera, Spagna, Brasile, Australia). Ha collaborato con Vernikov, Majsky, Christian, Bogino.

Da solista ha suonato sotto la direzione di Bellugi (Brahms), Pradella, Tournier, Maag con cui ha inciso Vecné Evangelium di Janacek.

E’ stato 1° violino solista d’importanti orchestre, collabora con la Piccola Sinfonica di Milano, per la quale a Giugno sarà Tutor nella preparazione di un’Orchestra giovanile come a Lanciano. Insegna violino al Conservatorio di Milano e ai corsi di Ravello e Altomonte.

Suona su un violino C. F. Landolfi del 1774.

10 luglio, ore 17.30: “Omaggio al Violoncello”

Concerto e incontro con Sandro Meo e i partecipanti al Master Internazionale di violoncello

Sandro Meo, vincitore di concorsi nazionali ed internazionali, ha suonato in tutto il mondo per rinomati festival ed associazioni (Carnegie Hall di New York, Wigmore hall di Londra, Musikhalle di Amburgo, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Maggio Musicale Fiorentino, Amici della Musica di Firenze).

Ha registrato per la RAI, per Radio Clasíca e per la BBC.

Ha inciso la Fantasia sulla Lucia di Lammermoor di Mercadante, i quartetti per piano e archi di Brahms, i trii di Schubert e Mendelssohn e i trii di Hummel per Warner, Fonit Symphonia.

Con il Trio Voces Intimae di cui è cofondatore ha rappresentato l’Italia al Festival Europa-Italia e all’inaugurazione del semestre di Presidenza italiana dell’U.E.

E’ direttore artistico e 1° violoncello della Philharmonia Mediterranea.

Tiene corsi in Italia e Spagna.

Dal 1986 è titolare di violoncello al Conservatorio di Cosenza.

17 luglio, ore 17.30: “Omaggio alla Lirica”

Concerto e incontro con Delfo Menicucci e i partecipanti al Master Internazionale di canto

Pianista collaboratore: Simonetta Tancredi

Avendo constatato su se stesso i benefici della “Tecnica di Affondo” appresa da Rina Del Monaco, moglie del grande tenore Mario, ha elaborato un proprio “metodo” grazie allo studio di meccanica e fisiologia dell’emissione vocale in sede medico/scientifica, collaborando con emeriti foniatri e specialisti (Fussi, Berioli, Panattoni) ed illustri cantanti (Dessì, Armiliato, Bocellii).

Molti suoi allievi, oggi in carriera, hanno iniziato lo studio con lui ed altri hanno riacquisito la funzionalità grazie al suo intervento.

La sua esperienza è condensata nel trattato “Scuola di canto – lirico e moderno”

Nel 2003 ha tenuto una relazione sull’affondo al convegno internazionale di canto e foniatria di Ravenna.

Dal ’95 è docente di canto al Conservatorio di Milano ed è direttore artistico del concorso internazionale “Trofeo La Fenice”.

Ha tenuto master in tutto il mondo

24 luglio ore 17.30: “Omaggio al Pianoforte”

Concerto e incontro con Antonio Pompa-Baldi e i partecipanti al Master Internazionale di pianoforte

Antonio Pompa-Baldi, acclamato dalla Critica americana come “il nuovo messia del pianoforte” e “il talento maggiore degli ultimi 30 anni”, si è affermato nel mondo dopo le vittorie ai concorsi Van Cliburn, Cleveland e Marguerite Long, precedute da quelle in Italia ai concorsi Speranza e Rina Sala Gallo.
Negli ultimi anni, con 80 concerti per stagione, si e’ esibito nelle città e nelle sale più prestigiose del Mondo ( New York – Carnegie Hall e Lincoln Center, Parigi – Salle Pleyel, Salle Gaveau, Theatre des Champs-Elysees, Salle Cortot, Londra, Stoccarda, Tokyo, Seoul, Pechino, Los Angeles, Chicago, Boston -Symphony Hall, Milano-Sala Verdi, Bologna, Roma, Houston, New Orleans, Philadelphia, Miami-Lincoln Theatre).
Ha riscosso grande successo alla Carnegie Hall di New York (Isaac Stern Auditorium), sia in recital sia con orchestra (1° concerto di Tchaikovsky).
Ha debuttato a Tokyo con i Berliner Symphoniker.
Nel 2003, ha ricevuto due prestigiosi riconoscimenti: il titolo di Artista Steinway, e la nomina, per chiara fama, come “Distinguished Professor of Piano” al Cleveland Institute of Music.
Nell’estate del 2006, gli è stato conferito il titolo di Professore Onorario del Conservatorio Nazionale Cinese di Pechino

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo

tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

27 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Concerti, Musica, Musica classica, Napoli, Pianisti, Violinisti, Violoncellisti | , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 30 giugno la rassegna “Voci nel Chiostro” chiude con un omaggio al “Cantico dei Cantici”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Giovedì 30 giugno, alle ore 19.30, nella Chiesa dei Santi Marcellino e Festo, “Voci nel Chiostro”, la rassegna corale della Associazione Alessandro Scarlatti, si concluderà con un delicato omaggio al “Cantico dei Cantici”, offerto dalla tiorba di Pierluigi Ciapparelli e dalla voce di Valentina Varriale.
Il concerto, intitolato “O quam tu es pulchra”, raccoglie una serie di arie sacre del Seicento su uno dei testi più lirici e inusuali delle Sacre Scritture.

Il concerto è fuori abbonamento; i biglietti, del costo di 5 Euro, andranno in vendita un’ora prima dell’inizio del concerto presso la Chiesa dei Santi Marcellino e Festo

______________________________________________________________________________________

Programma

“O quam tu es pulchra” – Arie sacre del Seicento sul Cantico dei Cantici

Alessandro Grandi (1575/1630)
Egredimini, filiae Sion
O quam tu pulchra es

Claudio Monteverdi (1567 – 1643): Ego flos campi

Alessandro Grandi: Tota pulchra es

Giovanni Girolamo Kapsberger ( 1580 – 1651): Toccata seconda arpeggiata

Francesco Casola (1635 ca – ?): Quam candidus es

Giovanni Paolo Cima (1570 ca – 1622 ca): Adiuro vos filiae Hierusalem

Anonimo XVII sec.: Corrente sopra l’aria di Firenze (Ms. Jagiellonische Bibliothek, Cracovia)

Claudio Monteverdi: Nigra sum

Giovanni Legrenzi (1626 – 1690): Angelorum ad convivia

Stefano Bernardi ( 1580 ca – 1636): O dulcissima dilecta mea

Valentina Varriale, soprano
Pier Luigi Ciapparelli, tiorba

Valentina Varriale

Diplomatasi con il massimo dei voti al Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli, Valentina Varriale ha cominciato molto giovane la carriera solistica.
Ha cantato nei principali teatri italiani ed europei sotto la direzione di R. Alessandrini, O. Dantone, J. Savall, F. Bonizzoni, I Sonatori della Gioiosa Marca e collabora stabilmente con La Cappella della Pietà dè Turchini diretta da A. Florio esibendosi in numerosi festival (Beaune, Montpellier, Pergolesi-Spontini, Santiago de Compostela, Citè de la Musique…).
Ha inciso per la Opus 111, la Eloquentia e la Glossa e recentemente ha vinto il primo premio del concorso “Benvenuto Franci” di Pienza.
Particolarmente interessata al repertorio barocco ha seguito masterclass del soprano Roberta Invernizzi mentre attualmente studia sotto la guida del soprano Maria Ercolano.

Pier Luigi Ciapparelli

Nato a Napoli, Pier Luigi Ciapparelli ha cominciato gli studi musicali con la chitarra classica, per poi dedicarsi esclusivamente al liuto e agli strumenti antichi a pizzico sotto la guida di Andrea Damiani a Roma e presso il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma.
Ha in seguito conseguito il diploma in liuto presso il Conservatorio “Benedetto Marcello” a Venezia con Tiziano Bagnati.
Ha completato la sua formazione frequentando le master class tenute da Jakob Lindberg.
È componente stabile de Il Complesso Barocco, orchestra con strumenti originali diretta da Alan Curtis e ha collaborato con diversi ensembles specializzati nell’esecuzione del repertorio dal Rinascimento al tardo-Barocco e guidati da musicisti come Antonio Florio, Ottavio Dantone e Fabio Lombardo, con i quali si è esibito con grande successo nei maggiori festival, teatri d’opera e sale da concerto fra Italia, Europa e Stati Uniti.
Ha inciso numerosi cd per Deutsche Gramophon-Archiv, Virgin Classics (EMI), BMG Classics, Naïve, Stradivarius, Symphonia e Nuova Era, ed ha inoltre effettuato registrazioni radiofoniche per la RAI e per la Deutschland Radio Berlin.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

27 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Canto, Concerti, Musica, Musica classica, Napoli | , , , , | Lascia un commento

Concerti a Napoli dal 27 giugno al 3 luglio 2011

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Questi i concerti della prossima settimana:

Martedì 28 giugno, alle ore 18.45, nel Teatro di Corte del Palazzo Reale per “I Martedì dell’Arte”, l’Accademia Musicale Napoletana organizza un incontro-concerto con il pianista Paolo Restani e Massimo Fargnoli sulla Scuola Pianistica Napoletana

In programma musiche di Liszt

Ingresso libero fino ad esaurimento posti
__________________________________________________________

Martedì 28 giugno, alle ore 21.00, nei Giardini di Palazzo Reale, per la stagione estiva del Teatro di San Carlo e, nell’ambito de “I Martedì dell’Arte”, concerto dell’Orchestra dei Fiati del Teatro di San Carlo diretta da Maurizio Agostani

Programma

C. Gounod: Petite Symphonie per strumenti a fiato

G. Rossini
Semiramide, ouverture
Guglielmo Tell, ouverture
Il barbiere di Siviglia, ouverture
L’Italiana in Algeri, ouverture

Ingresso gratuito, previo ritiro del biglietto al botteghino del Teatro di San Carlo

Per informazioni: http://www.teatrosancarlo.it/it/materiale201112/65-estiva/773-musicagiardini.html

Attenzione: si informa il pubblico che per assistere ai concerti nei giardini, ci si accomoda direttamente sul prato.
Si raccomanda un abbigliamento comodo.

__________________________________________________________

Mercoledì 29 giugno, alle ore 20.30 (Turno S), con replica giovedì 30 giugno, alle ore 18.30 (Turno P), al Teatro di San Carlo, per la stagione sinfonica, concerto dell’Orchestra del Teatro di San Carlo, diretta da Donato Renzetti

Programma

C. Debussy: Nocturnes, per orchestra e coro femminile

Leonard Bernstein: Chichester Psalms, per voce bianca, coro e orchestra

E. Elgar: Enigma Variations, op. 36

Costo del biglietto

Intero: da 90 a 35 Euro
Ridotto: da 80 a 30 Euro (titolari Carte dei programmi di Membership, gruppi di almeno 10 persone membri di enti, CRAL ed associazioni convenzionati con il Teatro di San Carlo)
Giovani under 30 (palchi laterali): 20 Euro

__________________________________________________________

Giovedì 30 giugno, alle ore 19.00, nella chiesa della Casa della Missione di S. Vincenzo de’ Paoli (via Vergini 51), concerto del duo formato da Daniela del Monaco (contralto) e Roberta Schmid (organo)

Programma

J. S. Bach: Bist du bei mir (Contralto e Organo)

G. B. Pergolesi: Quae moerebat, dallo Stabat Mater (Contralto e Organo)

D. Buxtehude: Passacaglia in re minore BuxWV 161 (Organo solo)

G. F. Händel
Herr, erbarme dich mein
Alleluja HWV 269

(Contralto e Organo)

E. Chausson: Tota pulchra es, Maria (Contralto e Organo)

E. Gigout: Toccata in si minore (Organo solo)

C. Franck: Ave Maria (Contralto e Organo)

A. Pärt: My heart’s in the Highland (Contralto e Organo)

Tradizionali
Amazing grace
Sometimes I feel like a motherless child
Kum Ba Jah

(Contralto e Organo)

Ingresso libero
__________________________________________________________

Giovedì 30 giugno, alle ore 19.30, nella Chiesa dei Santi Marcellino e Festo (Largo San Marcellino, 10), quarto ed ultimo appuntamento della rassegna “Voci nel Chiostro”, organizzata dall’Associazione Alessandro Scarlatti, dal titolo “O quam tu pulchra es”, arie sacre del Seicento sul Cantico dei Cantici, con la partecipazione del duo formato da Valentina Varriale (soprano) e Pier Luigi Ciapparelli (tiorba)

Programma

A. Grandi
Egredimini, filiae Sion
O quam tu pulchra es

C. Monteverdi: Ego flos campi

A. Grandi: Tota pulchra es

G. G. Kapsberger: Toccata seconda arpeggiata

F. Casola: Quam candidus es

G. P. Cima: Adiuro vos filiae Hierusalem

Anonimo XVII sec.: Corrente sopra l’aria di Firenze (ms. Jagiellonische Bibliothek, Cracovia)

C. Monteverdi: Nigra sum

G. Legrenzi: Angelorum ad convivia

S. Bernardi: O dulcissima dilecta mea

Costo del biglietto: 5 Euro
__________________________________________________________

Giovedì 30 giugno, alle ore 20.30, a Villa Pignatelli, per la rassegna Maggio dei Monumenti-Maggio della Musica 2011, concerto del pianista Alvaro Siviero

Programma

F. Chopin
Ballata n. 1 in sol minore, op. 23
Ballata n. 2 in fa maggiore, op. 38
Ballata n. 3 in la bemolle maggiore, op. 47
Ballata n. 4 in fa minore, op. 52

H. Villa-Lobos: Homenagem a Chopin

S. Rachmaninov: Variazioni su un tema di Chopin, op. 22

Costo del biglietto

Intero: 20 Euro
Ridotto: 15 Euro

__________________________________________________________

Domenica 3 luglio, alle ore 17.30, al Museo Archeologico Nazionale, primo appuntamento con la decima edizione dei “Pomeriggi in Concerto” di Napolinova.
Il concerto inaugurale è dedicato al violino con l’esibizione degli studenti del master tenuto da Manuel Meo

Ingresso gratuito, fino ad esaurimento posti, previo ritiro degli inviti al Museo a partire dalle 17.15

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

26 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Concerti, Maggio della Musica, Musica classica, musica sinfonica, Napoli, Teatro San Carlo | , , , | Lascia un commento

Mercoledì 29 giugno “Charta Cantat”, conversazione sui rotoli miniati dell’Exultet Beneventano con Luisa Nardini e Thomas Forrest Kelly

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Mercoledì 29 giugno, alle ore 19.00, presso la chiesa di Santa Sofia in Benevento, la dottoressa Luisa Nardini, ricercatrice di Musicologia presso l’Università del Texas-Austin, ed il professor Thomas Forrest Kelly, docente di Storia della musica presso l’Università di Harvard e massimo esperto di canto beneventano, saranno i protagonisti di “Charta Cantat”. I rotoli miniati dell’Exultet Beneventano.
La serata, una conversazione con i due docenti co-organizzata dal Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, dal Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazioni – Fondo Edifici di Culto della Prefettura e dall’Inner Wheel Club di Benevento, con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura della Provincia e del Comune di Benevento, sarà una nuova occasione di conoscere, o approfondire, una delle più antiche tradizioni liturgiche del nostro passato.
Aperta dai saluti di Maria Gabriella Della Sala (Direttore del Conservatorio), Anna Amalia Villaccio (Presidente Inner Wheel), Achille Mottola (Presidente del Conservatorio), Raffaele Del Vecchio (Assessore alla Cultura Città di Benevento), Carlo Falato (Assessore alla cultura Provincia di Benevento) e Michele Mazza (Prefetto di Benevento), la serata sarà incentrata sulla descrizione, fatta dai due specialisti, dei vari aspetti che caratterizzano i rotoli miniati dell’Exultet, rotoli decorati, utilizzati per la benedizione del cero nella veglia pasquale.
Benevento, centro della Longobardia minore, fu sede di alcuni scriptoria, luoghi annessi ai monasteri dove venivano prodotti codici contenenti un proprio tipo di scrittura e un proprio linguaggio musicale, che esplicavano una liturgia e un calendario liturgico tipicamente beneventano, che perdurarono per oltre cinque secoli.
Con il termine exultet, in particolare, si designava sia la forma di benedizione del cero pasquale, sia il rotolo pergamenaceo sul quale questa si trascriveva nell’Italia meridionale.
Tra il X e il XIV secolo, il canto liturgico con cui il diacono annunciava al clero e ai fedeli il mistero della redenzione, venne copiato su fogli di pergamena cuciti tra loro in modo da formare dei rotoli.
La particolarità, e ricchezza, di questi rotoli è sicuramente rappresentata dal fatto che il testo scritto è affiancato da neumi – note che ne indicano l’andamento melodico – e da una serie di miniature tratte dall’Antico e Nuovo Testamento che ne illustrano il contenuto e il significato.
A partire dall’ XI secolo scrittura e miniature vengono collocati in direzione opposta, in modo tale che ciò che veniva cantato dal diacono potesse essere compreso dai presenti attraverso le immagini che apparivano lentamente, mentre il rotolo veniva svolto.
Il prof. Kelly, nel corso di decenni di studio, ha elencato che di ventotto rotoli di Exultet, ben tredici conservano melodia e testo beneventano.
A conclusione della serata, il coro “Santa Cecilia” della Cattedrale di Benevento, diretto dal M° Mons. Lupo Ciaglia, eseguirà brani tratti dai cod. 40 e 21 – conservati presso l’Archivio Capitolare di Benevento: liturgia della Settimana Santa, Veglia di Pasqua con l’Exultet, Doxa/Gloria, Messa dell’Assunzione, Antifona di S. Barbato, Dodici Santi Fratelli, Tutti i Santi.
Il canto beneventano, la scrittura beneventana, sono un patrimonio di inestimabile valore, purtroppo ancora poco conosciuto, e tutelato, dai beneventani.
Ogni anno, la “biblioteca” Capitolare, dove sono conservati il maggior numero di codici di tale tradizione, è meta di studiosi provenienti da diverse nazioni, spinti dal desiderio di vivere l’emozione di vedere e studiare questo immenso tesoro.
Forse anche noi dovremmo imparare ad apprezzare e valorizzare un tale patrimonio, e sostenere quanti, Arcidiocesi e Conservatorio, stanno cercando di tutelare un patrimonio invidiatoci da tutto il mondo.

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

25 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Canto, Musica, Musica classica | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: