MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Venerdì 1 aprile al Teatro Gesualdo concerto dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio di Musica di Avellino

locandina concerto avellino 1 aprile
Venerdì 1 aprile, l’Orchestra Giovanile del Conservatorio di Musica di Avellino, in collaborazione con University of Columbia, Missouri (USA), presenta al Teatro Carlo Gesualdo di Avellino, alle ore 19.00, un concerto con musiche di Beethoven (Concerto n. 3 op. 37 per pianoforte e orchestra in do minore) e Mozart (Ch’io mi scordi di te?, Recitativo e Rondò K. 505 per soprano, pianoforte e orchestra).

Dirige Paul Crabb, direttore delle attività orchestrali e corali dell’Università statunitense; pianista Peter Miyamoto, docente presso la stessa Università e artista di fama internazionale; soprano Carmen Osato, laureata in Canto presso il nostro Conservatorio con il massimo dei voti e selezionata dallo stesso Crabb per questo concerto.

Riguardo alla scelta del programma il M° Miyamoto spiega «Il Concerto di Beethoven mi sta molto a cuore, l’ho suonato la prima volta con l’Orchestra Sinfonica di San Francisco quando avevo 15 anni e l’ultima venti anni fa. Scoprii, invece, il brano di Mozart quando la mia insegnante, la napoletana Maria Curcio, che è stata guida di molti grandi pianisti ed è stata una pianista nota durante la seconda guerra mondiale, vivendo a Londra, teneva una trasmissione radiofonica per la BBC negli anni ’90. Fu nell’archivio dell’emittente che trovai la registrazione di quest’aria eseguita, sotto la direzione di Otto Klemperer, dal soprano Elisabeth Schwarzkopf nel 1950».

Paul Crabb, che non è alla prima visita al Cimarosa, commenta il suo ritorno al Conservatorio cittadino: «Sono molto contento dello scambio di informazioni e idee musicali che sta avvenendo tra i nostri docenti. Oggi il mondo è molto piccolo per non comunicare. La vera musica si costruisce dall’apprendimento reciproco e dalla comprensione di culture diverse. Ringrazio per questo il Conservatorio Cimarosa, il direttore Carmine Santaniello e Roberto Maggio che, nella sua funzione di responsabile dei Rapporti Internazionali, ha lavorato costantemente e con grande impegno al successo delle iniziative che insieme stiamo mettendo in campo per il futuro dei nostri giovani musicisti».

Il presidente del Conservatorio Luca Cipriano a proposito ha commentato: «La nostra Orchestra Giovanile, ormai attiva e a pieno regime dal 2013, è ancora una volta testimone dello scambio culturale che abbiamo concretizzato tra il nostro paese e gli Stati Uniti sul terreno della musica. Il concerto sarà l’occasione per ricordare le giovani e innocenti vittime dell’incidente, il cui cammino verso la conoscenza è stato tragicamente interrotto in Catalogna lo scorso 20 marzo. Il concerto si svolgerà al Teatro Gesualdo che con il Conservatorio ha stretto un connubio virtuoso costruendo un ponte tra il centro di formazione e produzione artistica, che è il nostro Istituto musicale, e il pubblico cittadino».

Per il direttore Carmine Santaniello «Inizia con questo concerto la primavera del Cimarosa in attesa delle manifestazioni che siamo soliti offrire alla città per vivere insieme ai nostri allievi e ai nostri docenti piacevoli e formativi momenti di buona musica. Iniziare questa stagione dal nostro Teatro è motivo di grande piacere per tutti noi».

Roberto Maggio, responsabile dei rapporti internazionali del Cimarosa spiega che «nonostante la tristezza legata al ricordo dei giovani Erasmus che hanno perso la vita in Spagna, non possiamo nascondere l’orgoglio di essere l’unico conservatorio italiano ad avere un accordo bilaterale con gli States, grazie alla capacità che i nostri direttori hanno avuto di guardare avanti. Le occasioni di incontro e scambio, che hanno caratterizzato questi anni, dall’inaugurazione dell’accordo nel 2013, non possono che intensificarsi grazie all’apertura di canali per l’agenzia Erasmus che faciliteranno queste pratiche, offrendo ai nostri studenti sempre maggiori opportunità di guardarsi intorno e di decidere del proprio futuro».

Il concerto che rientra nelle attività di scambio musicale e culturale con l’Università statunitense, sancito da un accordo bilaterale, avrà accesso libero fino ad esaurimento posti.

Per info:
Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino
via Circumvallazione, 156
Eleonora Davide
Relazioni interne e rapporti con la stampa
Tel. 333-717.94.79
relazioni.interne@conservatoriocimarosa.org

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

26 marzo, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Canto, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, musica sinfonica, Regioni, Teatri, Teatro Carlo Gesualdo | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Martedì 22 marzo al Conservatorio di Avellino “Parole di Musica” ospita la presentazione del libro di Sandro Cappelletto sui Quartetti per archi di Mozart

Copertina i Quartetti per archi di Mozart
Continua la rassegna del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino, “Parole di Musica”, il 22 marzo, alle ore 15.00, con la presentazione del libro di Sandro Cappelletto, I quartetti per archi di Mozart. Alla ricerca di un’armonia possibile (Milano, il Saggiatore, 2016).
Con l’autore ne parlerà Antonio Caroccia, coordinatore della manifestazione letteraria, organizzata dal corso accademico di II livello in Discipline storiche, critiche e analitiche della musica del Cimarosa.

A completare l’incontro un intervento musicale a cura del maestro Mario Dell’Angelo e degli allievi: Francesca Scognamiglio alla viola; Roberta di Giacomo al violoncello; Ishaady Mucciolo al violino I; Ilaria Venuto al violino II.
Verrà proposto l’ascolto del primo movimento del quartetto “La caccia” n. 17 K 458 di Wolfgang Amadeus Mozart.

Ingresso libero

Lodi, una locanda nei pressi della stazione di posta, Idi di marzo dell’anno 1770.
Un ragazzo di quattordici anni, salda la mano, pochi i ripensamenti, compone il suo primo quartetto.
L’avvio del primo movimento, un adagio in sol maggiore, lascia stupefatti: un incedere di viola e violoncello, lento, piano, austero, ieratico.
Sulla partitura finale, il padre – che ha aggiunto abbellimenti, appoggiature, trilli – scrive: «15 di Marzo alle 7. di sera – di Amadeo Wolfgango Mozart».
Dal Quartetto di Lodi a quelli Viennesi e ai Prussiani, passando per i celebri sei affidati al maestro Haydn – perché sia loro «Padre, Guida, ed Amico!» –, Sandro Cappelletto disegna con piglio sicuro la traiettoria dei ventitré quartetti per archi che Mozart compose dal marzo 1770 al giugno 1790, proiettandola sullo sfondo della Vienna del secondo Settecento: umori e ultimi fulgori del Secolo dei Lumi che va spegnendosi si alternano così sulla pagina per dar conto delle ispirazioni e dei contrattempi, delle intuizioni e delle vertigini, di una tecnica straordinaria e del rapporto speciale che sempre Mozart sembrò avere con questo genere appena nato – il quartetto, che traccia la propria origine proprio a Haydn e a Luigi Boccherini – eppure già così diffuso.
Biografia musicale e lucida analisi critica del genio di Wolfgang Amadeus Mozart, I quartetti è innanzitutto uno strumento fondamentale per accostarsi alla sua musica, insieme rivoluzionaria ed emblematica di un’intera epoca, nel cui suono vive immutato e immortale lo spirito dell’arte.

Sandro Cappelletto
Sandro CappellettoE’ nato a Venezia. Scrittore e storico della musica, ha pubblicato, tra l’altro, una biografia di Beethoven (Newton Compton 1986), un’analisi della Turandot (Gremese 1988), la prima biografia critica di Farinelli (La voce perduta, EDT 1995), un’inchiesta sugli Enti Lirici (Farò grande questo teatro!, EDT 1996) e il saggio Inventare la scena per la Storia del Teatro (Einaudi 2001).
Autore di testi teatrali e per il teatro musicale, di programmi radiofonici e televisivi, è accademico dell’Accademia Filarmonica Romana e fa parte della commissione artistica della Scuola di Musica di Fiesole.

Per info:
Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino
via Circumvallazione, 156
Eleonora Davide
Relazioni interne e rapporti con la stampa
Tel. 333-717.94.79
relazioni.interne@conservatoriocimarosa.org

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

17 marzo, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Libri, Musica, Musica classica, Regioni | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 2 marzo la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ospita il secondo concerto rivolto ai Quartetti per archi di Mozart

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
Mercoledì 2 marzo 2016, alle ore 21, al Teatro di Corte di Palazzo Reale, secondo appuntamento con il Quartetto di Cremona per l’esecuzione integrale dei Quartetti di Mozart, che verrà completata nella prossima stagione concertistica 2016/2017 della Associazione Alessandro Scarlatti.
“Presentare tutti i Quartetti di Mozart è un’occasione speciale perché, effettivamente, non si sentono spesso – commentano i giovani strumentisti cremonesi – Questo permette di seguire al meglio l’evoluzione del genio di Salisburgo”
Questo secondo appuntamento ci porta a Vienna, dove il giovane Mozart nell’estate del 1773 compone una seconda serie di quartetti, a distanza di pochi mesi da quelli scritti a Milano.
Questi sei Quartetti viennesi, rispetto ai precedenti, risentono l’influsso di Haydn nella forma in quattro movimenti e non più in tre, con l’aggiunta del Minuetto, che ormai stava diventando un elemento strutturale di questo nuovo genere di musica strumentale.

Biglietti
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Mercoledì 2 marzo 2016, ore 21.00 – Teatro di Corte di Palazzo Reale

Quartetto di Cremona
Cristiano Gualco, violino
Paolo Andreoli, violino
Simone Gramaglia, viola
Giovanni Scaglione, violoncello

Programma

Integrale dei quartetti per archi di Wolfgang Amadeus Mozart – secondo concerto

Quartetto in fa maggiore K 168
Quartetto in la maggiore K 169
Quartetto in do maggiore K 170
Quartetto in mi bemolle maggiore K 171
Quartetto in si bemolle maggiore K 172
Quartetto in re minore K 173

Quartetto di Cremona
Quartetto di CremonaNasce nel 2000 presso l’Accademia Stauffer di Cremona.
Si perfeziona con Piero Farulli e con Hatto Beyerle, affermandosi in breve come una delle realtà cameristiche più interessanti sulla scena nazionale e ben presto anche internazionale.
Il Quartetto è ospite regolare nei principali festival e rassegne in Europa, Sudamerica, Australia e Stati Uniti: Beethovenhaus e Beethovenfest di Bonn, Bozar di Bruxelles, Festival di Turku, Kammermusik Gemeinde di Hannover, Konzerthaus di Berlino, Wigmore Hall di Londra, Perth Festival in Australia, Coliseum di Buenos Aires, Metropolitan Museum di New York, sono tra i palcoscenici calcati dal quartetto.
Dal 2011 al 2014 come “Artist in Residence” presso la Società del Quartetto di Milano ha eseguito l’ integrale dei quartetti di Beethoven, riscuotendo un tale successo da essere re-invitati nel 2016 per eseguire il ciclo completo dei quartetti di Mozart.
Nell’estate 2016 riproporranno il ciclo Beethoven al festival di Norwich.
La stampa specializzata internazionale ne sottolinea le alte qualità artistiche ed interpretative ed emittenti radiotelevisive di tutto il mondo (quali RAI, WDR, BBC, VRT, SDR, ABC) trasmettono regolarmente i loro concerti in un repertorio che spazia dalle prime opere di Haydn alla musica contemporanea.
Dall’autunno 2011 sono titolari della cattedra di Quartetto presso l’Accademia Walter Stauffer di Cremona.
In campo discografico, nel 2011 è uscito per la Decca l’integrale dei Quartetti di Fabio Vacchi e nel 2012 per la Naxos, hanno inciso un disco dedicato ai compositori italiani dal titolo “Italian Journey”
Terminerà nel 2015 la pubblicazione dell’integrale dei Quartetti di Beethoven per la casa discografica tedesca Audite: il primo volume ha ottenuto subito importanti riconoscimenti come 5 stelle dal BBC Music Magazine e dallo Strad e nel giugno 2013 è stato nominato Disco Star del mese dal prestigioso Fonoforum tedesco.
Grande successo hanno ottenuto anche i volumi successivi, esaltati dalla critica internazionale che unanimemente considera il quartetto di Cremona il vero erede del Quartetto Italiano
Tra gli ultimi riconoscimenti, ricordiamo il Supersonic Award della rivista tedesca Pizzicato e la nomination all’International Musical Award 2015 per la musica da camera.
Il Quartetto di Cremona è stato scelto come testimonial per il progetto “Friends of Stradivari”.
Cristiano Gualco suona un violino Giovanni Battista Guadagnini, Torino 1776
Paolo Andreoli suona un violino Paolo Antonio Testore, Milano ca 1758
Simone Gramaglia suona una viola Gioachino Torazzi, ca 1680
Giovanni Scaglione suona un violoncello Don Nicola Amati, Bologna 1712
La Fondazione Kulturfonds Peter Eckes aiuta il Quartetto di Cremona con questi straordinari strumenti, grazie alla gentile intermediazione del Dott. Gianni Accornero.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

29 febbraio, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 20 gennaio la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ospita il primo concerto rivolto ai Quartetti per archi di Mozart eseguiti dal Quartetto di Cremona

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
Mercoledì 20 gennaio 2016, alle ore 21, al Teatro di Corte di Palazzo Reale, il Quartetto di Cremona inaugura, per la Associazione Alessandro Scarlatti, una serie di quattro concerti che affronterà, in ordine rigorosamente cronologico, l’intera produzione quartettistica di Mozart, e che verrà completata nella prossima stagione concertistica 2016/2017.
Il programma del primo appuntamento vedrà l’esecuzione del Quartetto in sol maggiore, scritto a Lodi da un Mozart quattordicenne, e dei 6 quartetti “milanesi”, tutte opere composte durante il suo primo viaggio in Italia in compagnia del padre Leopold.

Biglietti
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Mercoledì 20 gennaio 2016, ore 21.00 – Teatro di Corte di Palazzo Reale

Quartetto di Cremona
Cristiano Gualco, violino
Paolo Andreoli, violino
Simone Gramaglia, viola
Giovanni Scaglione, violoncello

Programma

Integrale dei quartetti per archi di Wolfgang Amadeus Mozart – primo concerto

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Quartetto n. 1 in sol maggiore K. 80
Quartetto n. 2 in re maggiore K. 155
Quartetto n. 3 in sol maggiore K. 156
Quartetto n. 4 in do maggiore K. 157
Quartetto n. 5 in fa maggiore K. 158
Quartetto n. 6 in si bemolle maggiore K. 159
Quartetto n. 7 in mi bemolle maggiore K. 160

Quartetto di Cremona
Quartetto di CremonaNasce nel 2000 presso l’Accademia Stauffer di Cremona.
Si perfeziona con Piero Farulli e con Hatto Beyerle, affermandosi in breve come una delle realtà cameristiche più interessanti sulla scena nazionale e ben presto anche internazionale.
Il Quartetto è ospite regolare nei principali festival e rassegne in Europa, Sudamerica, Australia e Stati Uniti: Beethovenhaus e Beethovenfest di Bonn, Bozar di Bruxelles, Festival di Turku, Kammermusik Gemeinde di Hannover, Konzerthaus di Berlino, Wigmore Hall di Londra, Perth Festival in Australia, Coliseum di Buenos Aires, Metropolitan Museum di New York, sono tra i palcoscenici calcati dal quartetto.
Dal 2011 al 2014 come “Artist in Residence” presso la Società del Quartetto di Milano ha eseguito l’ integrale dei quartetti di Beethoven, riscuotendo un tale successo da essere re-invitati nel 2016 per eseguire il ciclo completo dei quartetti di Mozart.
Nell’estate 2016 riproporranno il ciclo Beethoven al festival di Norwich.
La stampa specializzata internazionale ne sottolinea le alte qualità artistiche ed interpretative ed emittenti radiotelevisive di tutto il mondo (quali RAI, WDR, BBC, VRT, SDR, ABC) trasmettono regolarmente i loro concerti in un repertorio che spazia dalle prime opere di Haydn alla musica contemporanea.
Dall’autunno 2011 sono titolari della cattedra di Quartetto presso l’Accademia Walter Stauffer di Cremona.
In campo discografico, nel 2011 è uscito per la Decca l’integrale dei Quartetti di Fabio Vacchi e nel 2012 per la Naxos, hanno inciso un disco dedicato ai compositori italiani dal titolo “Italian Journey”
Terminerà nel 2015 la pubblicazione dell’integrale dei Quartetti di Beethoven per la casa discografica tedesca Audite: il primo volume ha ottenuto subito importanti riconoscimenti come 5 stelle dal BBC Music Magazine e dallo Strad e nel giugno 2013 è stato nominato Disco Star del mese dal prestigioso Fonoforum tedesco.
Grande successo hanno ottenuto anche i volumi successivi, esaltati dalla critica internazionale che unanimemente considera il quartetto di Cremona il vero erede del Quartetto Italiano
Tra gli ultimi riconoscimenti, ricordiamo il Supersonic Award della rivista tedesca Pizzicato e la nomination all’International Musical Award 2015 per la musica da camera.
Il Quartetto di Cremona è stato scelto come testimonial per il progetto “Friends of Stradivari”.
Cristiano Gualco suona un violino Giovanni Battista Guadagnini, Torino 1776
Paolo Andreoli suona un violino Paolo Antonio Testore, Milano ca 1758
Simone Gramaglia suona una viola Gioachino Torazzi, ca 1680
Giovanni Scaglione suona un violoncello Don Nicola Amati, Bologna 1712
La Fondazione Kulturfonds Peter Eckes aiuta il Quartetto di Cremona con questi straordinari strumenti, grazie alla gentile intermediazione del Dott. Gianni Accornero.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

18 gennaio, 2016 Posted by | Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni | , , , | Lascia un commento

Domenica 17 gennaio a Villa Pignatelli incontro con Sandro Cappelletto dal titolo “Mozart, i quartetti e il classicismo”

Logo Associazione Alessandro Scarlatti 2015-2016
Per venire incontro a un’esigenza di divulgazione più volte manifestata dal nostro pubblico, la Associazione Alessandro Scarlatti propone una breve serie di incontri la domenica mattina presso la Villa Pignatelli in collaborazione con il Polo Museale della Campania.
Si tratterà di quattro conversazioni, nel corso delle quali il nostro direttore artistico, Renato Bossa, dialogherà con vari esperti su altrettanti momenti cardine della storia della musica.
Il primo di questi appuntamenti, intitolato “Mozart, i quartetti e il classicismo” si terrà Domenica 17 gennaio, alle ore 11, in Villa Pignatelli, e vedrà Renato Bossa dialogare con Sandro Cappelletto autore per il Saggiatore di un fortunato saggio\romanzo in cui si disegna la traiettoria dei ventitré quartetti per archi che Mozart compose dal marzo 1770 al giugno 1790, proiettandola sullo sfondo della Vienna del secondo Settecento.

L’accesso alla conferenza è gratuito.

Questo incontro di approfondimento è idealmente collegato al primo di una serie di concerti nei quali il Quartetto di Cremona eseguirà l’integrale dei quartetti di Mozart: il concerto inaugurale di questo ciclo si terrà mercoledì 20 gennaio 2016, alle ore 21, al teatro di Corte di Palazzo Reale.

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline
081 406011

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

15 gennaio, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni, Villa Pignatelli | , , , | Lascia un commento

Giovedì 12 novembre la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti propone l’esordio napoletano del Quartetto Mucha

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
Giovedì 12 novembre 2015, alle ore 21, nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo, concerto di debutto a Napoli del Quartetto Mucha, per la stagione concertistica dell’Associazione Alessandro Scarlatti.
Il giovane quartetto si è costituito nel 2003 presso il Conservatorio di Bratislava ed è uno dei più promettenti ensemble di musica da camera della Slovacchia; la lunga lista di premi vinti in prestigiosi concorsi che li ha portati alla ribalta (tra cui la Martinů Competition di Praga e il Premio Paolo Borciani di Reggio Emilia) è coronata dalla vittoria del 1° premio al Leoš Janáček International Competition di Brno solo pochi mesi fa.
C’è una storia di famiglia dietro la costituzione del quartetto Mucha: il loro primo insegnante è infatti stato Stanislav Mucha, padre del violoncellista Pavol Mucha, nonché 1° violino di quel Quartetto Moyzes che ha fatto conoscere in tutta Europa la musica da camera composta in Slovacchia.
Anche questa sera avremo questa opportunità: il concerto è infatti concluso da un brano di Ilja Zeljenka, autore la cui produzione è stata fortemente ostacolata dal regime sovietico, dedicato a Beethoven.
Il resto del programma è una piccola storia della musica per quartetto d’archi con pagine di Haydn, Mozart, Beethoven.

Biglietti:
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Giovedì 12 novembre 2015, ore 21.00 – Auditorium di Castel Sant’Elmo

Quartetto Mucha
Juraj Tomka, violino
Andrej Baran, violino
Veronika Prokešová, viola
Pavol Mucha, violoncello

Programma

Franz Joseph Haydn (1732 – 1809): Quartetto in re maggiore op. 76 n.5

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791): Quartetto in sol maggiore K. 387

Ludwig van Beethoven ( 1770 – 1827): Quartetto in fa minore op. 95 “Serioso”

Ilja Zeljenka (1932-2007): Quartetto n. 7 “Hommage a Beethoven”

Quartetto Mucha
Quartetto MuchaIl Quartetto Mucha è stato fondato nel 2003 al Conservatorio di Bratislava ed è oggi considerato uno dei più promettenti gruppi da camera della Slovacchia.
Il primo insegnante del Quartetto è stato Stanislav Mucha, padre del violoncellista Pavol Mucha e primo violino del Quartetto Moyzes.
Oggi il Quartetto Mucha studia presso l’Università della musica e delle arti di Vienna nella classe di Johannes Meissl e all’Accademia delle Belle Arti di Bratislava con Jan Slavik.
Il Quartetto ha vinto il 2° premio al Concorso Martinů di Praga nel 2010, altri numerosi premi in concorsi internazionali, ultimo dei quali il 2° Premio ed il premio del pubblico al Concorso Premio Paolo Borciani di Reggio Emilia nel 2014.
Sempre del 2014 è il Primo Premio al Concorso Internazionale di Musica da camera di Praga.
Il Quartetto Mucha ha frequentato i corsi dell’Accademia Internazionel di Reichenau
Nel 2012 e 2013, sotto la guida, fra gli altri, di Peter Schuhmayer, Johannes Meissl, Othmar Mueller, Hatto Beyerle, Andras Keller ha preso parte alle masterclasses di Gunter Pichler a Schwarzenberg; di Miguel da Silva e Alfred Brendel all’Accademia Musicale di Villecroze; di Gerhard Schulz, Michael Tree e Atar Arad all’Accademia internazionale di musica da camera McGill di Montreal.
Nella stagione 2014-15 studieranno con Gunter Pichler alla Scuola Superiore Reina Sofia di Madrid.
Il Quartetto Mucha è stato ospite di numerosi festivals e società di concerto internazionali fra cui Festival di Bratislava, Musikverein di Vienna, Schubertiade di Schwarzenberg e si è esibito in concerto in occasione della visita ufficiale della Regina Elisabetta d’Inghilterra nel 2008.
Nel novembre 2011 ha debuttato alla Philharmonie del Lussemburgo.
Nell’agosto 2013 è stato loro assegnato, dal Sindaco della città di Piestany, un premio speciale per il contributo dato alla diffusione della Musica slovacca nel mondo.
Fra i progetti futuri “Musica_litera” (un progetto che unisce musica e letteratura) e una tournée con musiche di Antonín Dvořák.
_______________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

11 novembre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni, Sale da concerto | , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 28 ottobre la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ospita la pianista Maria Perrotta

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
«Pianismo a metà perfetta fra … Alexis Weissenberg e … Glenn Gould» (N. Carusi, Libero);
«Il suono è sgranato, la tecnica è clavicembalistica, il disegno formale è nitido: se continua così, Maria Perrotta sembra destinata a diventare la Rosalyn Tureck italiana» (E. Girardi, Corriere della Sera);
«È una figura schiva e poco conosciuta, è uno dei veri astri del pianismo mondiale» (P. Isotta, Corriere della Sera).
Con queste prestigiose presentazioni mercoledì 28 ottobre, alle ore 21, nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo, la giovane pianista Maria Perrotta torna a presentarsi al pubblico della Associazione Alessandro Scarlatti con un affascinante programma che sgrana capisaldi della letteratura pianistica: il concerto si apre con la Sonata n. 5 in sol maggiore K. 283 di Mozart, proseguendo con le 4 Ballate op. 10 di Johannes Brahms e concludendo con la monumentale Sonata n. 21 in si bemolle maggiore D 960 di Franz Schubert.

La pianista calabrese residente a Parigi, che ama portare in pubblico programmi molto complessi (come negli anni scorsi le Variazioni Goldberg di Bach o le tre Ultime Sonate di Beethoven), arriva a Napoli dopo aver inaugurato la stagione della Accademia Filarmonica a Bologna, ed aver pubblicato per la Decca un CD, come suo solito, registrato rigorosamente dal vivo, del suo recital chopiniano portato in tournée nel 2014.
«Suonare senza poter ripetere determina una qualità diversa nella concentrazione.– spiega la pianista a Leonetta Bentivoglio in una recente intervista – Registrare in studio è un’operazione fredda e razionale, che fa uscire l’interprete dal flusso della continuità».

Biglietti:
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Mercoledì 28 ottobre 2015, ore 21.00 – Auditorium di Castel Sant’Elmo

Maria Perrotta, pianoforte

Programma

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791): Sonata n. 5 in sol maggiore KV 283

Johannes Brahms (1833-1897): 4 Ballate op. 10

Franz Schubert (1797-1828): Sonata n. 21 in si bemolle maggiore D 960 op. post.

Maria Perrotta
Maria PerrottaApplaudita come interprete particolarmente comunicativa, Maria Perrotta si afferma in importanti concorsi fra cui il “Rina Sala Gallo” di Monza, il “Premio Encore! Shura Cherkassky” (2008) e il Concorso “J. S. Bach” di Saarbrücken (2004), premio quest’ultimo che la impone sulla scena pianistica internazionale come una significativa interprete bachiana, riscuotendo ampi successi di pubblico e di critica: «Maria Perrotta sa sfruttare le risorse del pianoforte moderno senza incorrere in inesattezze stilistiche. Il suono di vitrea trasparenza, la tessitura sempre percepibile, l’interessante articolazione della frase hanno reso la musica di Bach in modo ideale» (Saarbrücker Zeitung).
Registra per la Radio Tedesca, per la Rai e Sky. La sua incisione dal vivo delle Variazioni Goldberg di Bach ottiene il favore della critica specializzata: 5 Stelle delle riviste Amadeus e Musica, 5 Stelle e Disco del Mese della rivista Suonare News, Premio della Critica 2012 promosso dalla rivista Musica & Dischi.
Nell’ottobre 2013 la Decca pubblica un cd con la sua registrazione dal vivo delle tre ultime Sonate di Beethoven che ottiene le “5 Stelle Amadeus” ed è scelto come miglior cd del mese dalla rivista Amadeus.
Nel settembre 2014 esce la sua nuova incisione per Decca delle Variazioni Goldberg di Bach.
Fra i suoi recenti impegni l’esecuzione del Clavicembalo ben temperato di J. S. Bach, del Quarto Concerto per pianoforte e orchestra op. 58 di Beethoven con la Filarmonica Arturo Toscanini diretta da Antoni Wit e una tournée in Francia e Italia con un programma interamente dedicato a Chopin.
Maria Perrotta studia al Conservatorio di Cosenza, dov’è nata, con Antonella Barbarossa e si diploma con lode al Conservatorio di Milano con Edda Ponti.
Ottiene il Diploma Superiore di Musica da Camera all’École Normale de Musique di Parigi, si perfeziona a Imola con Franco Scala e Boris Petrushansky e in Germania con Walter Blankenheim.
Nel 2007 si diploma con lode presso l’Accademia di Santa Cecilia nella classe di Sergio Perticaroli.
Arricchisce la sua formazione con Cristiano Burato e François-Joël Thiollier.
Vive a Parigi.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

26 ottobre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni, Sale da concerto | , , , , | Lascia un commento

Venerdì 19 e sabato 20 dicembre Bruno Canino al Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino per una masterclass ed un concerto

Locandina Canino
Il grande pianista Bruno Canino ritorna nel Conservatorio Cimarosa a due anni dalla sua partecipazione alle Celebrazioni del Quarantennale dell’Istituzione.
Con l’entusiasmo di sempre, incontrerà gli studenti del Conservatorio venerdì 19 e sabato 20 dicembre, dalle 10 alle 13.30, per una Masterclass pianistica e, sempre sabato 20, alle 19.30 nell’Auditorium del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino saluterà il pubblico avellinese con un concerto che prevede quattro Valzer di Chopin ed il celeberrimo Concerto per pianoforte e orchestra K.488 di W. A. Mozart.
L’Orchestra del Conservatorio, diretta dal Gina Grassi, inaugurerà la serata con la Serenata per archi, op. 20 di E. Elgar e, ancora una volta, l’Auditorium della Massima Istituzione Musicale Irpina, sarà testimone della Grande Musica.

Bruno Canino (classe 1935) è stato allievo di Vincenzo Vitale e di Enzo Calace.
Ha iniziato poi una lunga carriera di concertista e camerista in tutto il mondo, durante la quale ha collaborato con artisti come Cathy Berberian, Severino Gazzelloni, Itzhak Perlman, Salvatore Accardo, Uto Ughi, András Schiff e Viktoria Mullova, (con la quale vinse il Premio Edison nel 1980), David Garrett, Franco Mezzena.
Tra le sue registrazioni più importanti: le Variazioni Goldberg di Johann Sebastian Bach, l’integrale dell’opera pianistica di Alfredo Casella e la prima integrale pianistica di Claude Debussy su compact disc.
Attualmente è docente di musica da camera con pianoforte presso la Scuola di musica di Fiesole e alla Escuela Reina Sofia di Madrid. Nel 1999-2002 è stato direttore musicale della Biennale di Venezia.

Gina Grassi proviene da una famiglia di famosi pittori.
Ha studiato pianoforte, composizione, direzione di Coro e direzione d’Orchestra.
Ha già alle sue spalle una lunga carriera concertistica come direttore d’orchestra, sia in Italia che all’estero.
Il suo repertorio sinfonico spazia dal barocco agli autori contemporanei, con particolare riguardo all’opera di W. A. Mozart e L. van Beethoven.
Quello operistico da Pergolesi, a Mozart, a Mascagni e Verdi.
Ha diretto moltissime orchestre italiane ed estere riscuotendo unanimi consensi di critica e di pubblico.
E’ docente presso il Conservatorio di Avellino.

(Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Conservatorio di Avellino)
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

15 dicembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica da camera, musica sinfonica, Regioni | , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 10 dicembre la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti propone una serata mozartiana con il Quartetto Hugo Wolf nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Mercoledì 10 dicembre, nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale, alle ore 20.30, per il terzo concerto del ciclo di concerti dedicati alla musica composta per le corti europee nel’700 “Una balconata per la musica di corte” in collaborazione con la Soprintendenza di Palazzo Reale, la Associazione Alessandro Scarlatti affida al Quartetto Hugo Wolf di Vienna l’esecuzione dei celebri quartetti di Mozart composti per il Re di Prussia.
Il quartetto è stato scoperto e portato in Italia da Mario Brunello, che lo ha invitato nella sua rassegna Antiruggine per esibirsi al loro fianco

Wolfgang Amadeus Mozart scrisse fra il giugno 1789 e il giugno 1790 tre quartetti d’archi su commissione di Federico Guglielmo II di Prussia, che era un buon suonatore di violoncello.
La commissione era per sei quartetti per archi, ma il musicista ne portò a compimento soltanto tre, le cui partiture sono caratterizzate dal ruolo importante che in esse è attribuito alla parte del violoncello.
È stato ipotizzato che, ad un certo punto, Mozart si sia stancato di dover ottemperare alla condizione postagli dal sovrano, e che tale insofferenza sia stata un motivo per il quale l’ordinazione rimase parzialmente inevasa; ciò risulterebbe particolarmente evidente negli ultimi due tempi del quartetto K 590, nei quali il violoncello perde quasi per intero il suo ruolo predominante.

Costo del biglietto

Intero: 20 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it; info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Mercoledì 10 dicembre, ore 20.30 -Teatrino di Corte del Palazzo Reale di Napoli

Programma

Quartetto Hugo Wolf
Sebastian Gürtler, violino
Régis Bringolf, violino
Thomas Selditz, viola
Florian Berner, violoncello

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)

I Quartetti per il re di Prussia

Quartetto in re maggiore K. 575
Quartetto in si bemolle maggiore K.589
Quartetto in fa maggiore K.590

Quartetto Hugo Wolf
Quartetto Hugo Wolf“Personalità forti che interagiscono fra di loro in un modo nient’affatto sentimentale, attento e cordiale nello stesso tempo, e che creano una spirale emotiva difficile da spiegare”.
Queste qualità, unite a una appassionata capacità espressiva e a una costante curiosità artistica, sono il segno distintivo di questo quartetto.
Da vent’anni è ai vertici della scena musicale cameristica internazionale ed entusiasma il pubblico.
La sua carriera ha preso avvio dopo un percorso formativo con i quartetti Alban Berg, Smetana, Amadeus, LaSalle e con Ferenc Rados.
Fondato a Vienna nel 1993 l’Hugo Wolf Quartett ha conseguito ben presto riconoscimenti quali il Premio Speciale della Filarmonica di Vienna e l’European Music Award per la musica da camera.
Nel 1995 ha vinto il Concorso Internazionale per Quartetti d’archi di Cremona e ha debuttato alla Konzerthaus di Vienna.
Nel 1998 è stato eletto “Rising Star” dal Musikverein e dal Konzerthaus di Vienna e da allora è di casa al Concertgebouw di Amsterdam, alla Wigmore Hall di Londra, al Lincoln Center, alla Carnegie Hall di New York, nella Filarmonica di Berlino, al Festival di musica da camera di Lockenhaus, al Festival di Colmar, a La folle journée de Nantes e alla Schubertiade di Schwarzenberg.
Numerosi i brani composti per l‘Hugo Wolf Quartett ed eseguiti per la prima volta dallo stesso Quartetto, come il quarto quartetto per archi di Friedrich Cerha, “Dichotomie“ di Johannes Maria Staud, i quartetti di Erich Urbanner, Dirk D´Ase e Otto M. Zykan, così come un quartetto e un ottetto del chitarrista jazz Wolfgang Muthspiel.
Le incisioni dei quartetti di Beethoven op. 18/4 e op. 132 e di quelli di Franz Schubert D 887 e D 87 hanno ottenuto entrambi il Premio Pasticcio della Radio austriaca.
Il Quartetto collabora strettamente con il leggendario trombettista jazz Kenny Wheeler e il pianista John Taylor con i quali ha inciso “Other People”.
Tra le registrazioni recenti un concerto live al Festival di Lockenhaus, l’integrale dei Quartetti di Hugo Wolf e l’Ottetto di Schubert.
Dal 2009 il Quartetto organizza una sua rassegna da camera alla Konzerthaus di Vienna, sostenuta dalla Fondazione Alban Berg.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

5 dicembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 5 dicembre “Sonata Irregolare per Anime Inquiete” inaugura la sezione teatrale del Festival Internazionale di Musica Antica “Soave sia il vento”

Wunderkammer-Soave sia il vento
Inaugura venerdì 5 dicembre (ore 21) l’appuntamento del Festival Internazionale di Musica Antica “Soave sia il vento” dedicato al teatro a cura di Wunderkammer.
Nei suggestivi spazi della Chiesa di Santa Caterina da Siena (via Santa Caterina, 38) andrà in scena Sonata Irregolare per Anime Inquiete di Massimo Smith e Maurizio Tieri, con Raffaele Imparato e Ciro Giordano Zangaro.
Lo spettacolo narra gli ultimi giorni di vita di Wolfgang Amadeus Mozart in una pièce al confine tra ironia e sogno.
La scena ospita il confronto serrato in un tempo e spazio onirico, tra Antonio Salieri, uno dei più acclamati musicisti europei di quell’epoca, e la sregolatezza geniale, immensa, eppure profondamente umana di Mozart.
Tra brillanti scontri e battibecchi, fughe musicali e lessicali i due protagonisti attraversano le stagioni dell’arte e della vita divertendo e, spesso, commuovendo, in un duello che, al di là delle apparenze, nasconde l’abbraccio tra due amici che si scontrano, si amano e si rispettano profondamente.

Prenotazione obbligatoria inviando una mail all’indirizzo wunderkammer_teatro@libero.it

Costo del biglietto: 12 Euro
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

4 dicembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Campania, Centro di musica antica "Pietà dei turchini", Italia, Musica, Napoli, Regioni, Teatro | , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: