MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Domenica 2 ottobre a Palazzo Zevallos il ciclo dell’Associazione Alessandro Scarlatti “I suoni della storia” ospita il duo minimoEnsemble e l’attore Enzo Salomone nel concerto-spettacolo “Mauthausen 1915-1918”

locandina-i-suoni-della-storia-2016
Domenica 2 ottobre, alle ore 11.30, nella splendida sede di Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo, 185 – Napoli) appuntamento di grande impatto nell’ambito del ciclo “I suoni della storia” intitolato “1916: Musiche dal naufragio”, dedicato idealmente al centesimo anniversario della scomparsa di Enrique Granados, perito nell’affondamento del piroscafo Sussex durante la Prima Guerra Mondiale.

Il duo minimoEnsemble – formato da Daniela del Monaco e Antonio Grande – e l’attore Enzo Salomone daranno vita al concerto/spettacolo intitolato “Mauthausen 1915-1918”, basato sulle ricerche di Beniamino Cuomo sul diario di Paolo Modugno, elettricista del sommergibile Medusa, affondato nel 1915, redatto nei tre anni in cui fu prigioniero a Mauthausen.
Questo campo di prigionia ospitò tra il 1914 e il 1918 quasi quarantamila prigionieri di diverse nazionalità; quasi 2000 italiani vi persero la vita a causa delle atroci condizioni di vita.
Il musicista Gilardi, compagno di prigionia di Modugno, riportò in patria gli spartiti utilizzati dalla banda musicale di questo campo di prigionia, come il “Valzer di Mauthausen” o la “Ninna nanna delle 12 mamme”, che verranno eseguiti accanto a canzoni in voga negli anni di guerra.

Biglietto unico: 5 Euro

Infoline
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Domenica 2 ottobre 2016
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano – ore 11.30
“I Suoni della Storia” – “1916: Musiche dal naufragio”, nell’anniversario della scomparsa di Enrique Granados

Programma

minimoEnsemble
Daniela del Monaco, contralto
Antonio Grande, chitarra
Enzo Salomone, voce recitante

Mauthausen 1915 –‘18
Ricerche storiche e progetto a cura di Beniamino Cuomo

Aniello Califano – Enrico Cannio: ‘O surdato ‘nnammurato

Odoardo Spadaro: Ninna nanna delle dodici mamme

Salvatore Gambardella – Gennaro Ottaviano: ‘O marenariello

Gennaro Capurro – Eduardo Di Capua: ‘O sole mio

P. Brumana: Valzer Mauthausen (chit. sola)

Teodoro Cottrau: Santa Lucia

E. A. Mario: La serenata del cuoco

Vincenzo Bellini (attr.): Fenesta ca lucive

E. A. Mario: Presentimento

Anonimo: E anche al mi marito tocca andare (filastrocca)

Ernesto De Curtis – Giambattista De Curtis: Torna a Surriento
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

28 settembre, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Chitarristi, Concerti, Italia, Letteratura, Musica, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 20 settembre a Palazzo Zevallos Stigliano parte la programmazione dell’Associazione Alessandro Scarlatti con il primo appuntamento della rassegna “I suoni della storia – 1815 fra il Congresso di Vienna e la Battaglia di Waterloo”

logo-associazione-scarlatti
Domenica 20 settembre, alle ore 11.00, nella splendida sede di Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo, 185 – Napoli) riprendono, dopo la pausa estiva, le attività fuori abbonamento della Associazione Alessandro Scarlatti con la rassegna “I suoni della storia – 1815 fra il Congresso di Vienna e la Battaglia di Waterloo”.

Un ciclo di tre concerti volto a ripercorrere due avvenimenti cruciali della storia europea, dei quali ricorre il bicentenario, con concerti dedicati a pagine musicali dell’epoca e a letture di grandi scrittori che la fanno rivivere: le danze schubertiane affidate alle sonorità delicate del fortepiano , un insolito Beethoven eseguito da un duo mandolino e tastiera, e melodie del primo Ottocento per soprano e pianoforte saranno intervallate da estratti da “La Certosa di Parma” di Stendhal, “La fiera delle vanità” di Thackeray e “I cento giorni” di Joseph Roth.
Come già nel precedente ciclo, dedicato alla prima guerra Mondiale, protagonista sarà lo stridente contrasto tra il mondo culturale rassicurante e sognante dei salotti europei e lo smarrimento dell’individuo al cospetto dei grandi avvenimenti storici.

In questo primo appuntamento le romanze di Schubert, Verdi e Rossini, eseguite dal soprano Eleonora Contucci e dal pianista Antonio Di Marco, saranno accostate a brani del romanzo di Thackeray recitati da Andrea de Goyzueta, dove il salottiero universo di due coppie inglesi viene sconvolto dalla imminente battaglia di Waterloo.

Prossimi appuntamenti il 27 settembre con il duo mandolino e fortepiano di Mauro Squillante e Pier Paolo De Martino con la partecipazione dell’attore Raffaele Ausiello, e a chiusura il 4 ottobre il fortepiano di Enrico Baiano dialogherà con entrambi gli attori.

Biglietto unico: 5 Euro

Infoline
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Programma

Ludwig van Beethoven (1770 – 1827): Recitativo e aria “Ah, perfido!” op. 65

Franz Schubert (1797 – 1828)
“Gretchen am Spinnrade” op.2 D.118, da Schwanengesang D957
“Ständchen” libro 1, n.4

Vincenzo Bellini (1801 – 1835
“Il fervido desiderio”, arietta n. 15
“Vaga luna”, arietta n.34

Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809 – 1847)
“Schilflied” n. 4, da Sei lieder op. 71
“Auf flügeln des gesanges” n. 2 (da Sei lieder op. 34

Gioachino Rossini (1792 – 1868)
La promessa n.1
Il rimprovero n.2
(da Soirées musicales)

Giuseppe Verdi (1813 – 1901)
Deh pietoso, oh addolorata n.6
Perduta ho la pace n.5
(da Sei romanze)

Gioachino Rossini: La danza n.23, da Soirées musicales

Eleonora Contucci, soprano
Antonio Di Marco, pianoforte
Andrea de Goyzueta, voce recitante

Eleonora Contucci
Ancora bambina ha cantato nella prima del Pollicino di Henze allestita al Cantiere Internazionale d’Arte di Montepulciano.
Cresciuta artisticamente all’interno di questa realtà poliziana sotto la guida di grandissimi artisti come Marcel Marceau, ha preso parte a numerose produzioni, come la prima italiana di Cinderella di Maxwell Davies e la prima assoluta di La figlia del Mago di Ferrero.
Iniziato lo studio del canto lirico con Maria Vittoria Romano, si è diplomata sotto la guida di Nicoletta Panni.
Ha frequentato numerose masterclasses, fra cui quelle con Alfredo Kraus, Renata Scotto, Julia Hamari, Regina Resnik e quella con Hervé Niquet sulla vocalità barocca.
Il suo vasto repertorio affianca titoli celeberrimi a opere più inusuali, o prime assolute, come Robinson di Boccadoro, a lavori che fondono il canto con la recitazione.
Ha cantato Nozze di Figaro con Zubin Mehta a Firenze, Amadigi di Händel con Rinaldo Alessandrini al San Carlo di Napoli, a Roma e al Festival di Beaune, Parsifal e La Favorite al Carlo Felice di Genova, L’incoronazione di Poppea diretta da Alessandrini a Salamanca e a Beaune, Don Giovanni al Festival Operaincanto e per la Fondazione Cantiere di Montepulciano, La Bohème al Tuscia Opera Festival.
Fra gli impegni più recenti, L’elisir d’amore a Firenze con la direzione di Bruno Campanella, Orfeo alla Scala con la direzione di Alessandrini e la regia di Bob Wilson, Le Devin du village di Rousseau a Roma, Gianni Schicchi al Regio di Parma, L’elisir d’amore al Comunale di Modena e al Regio di Parma.
Fra i suoi prossimi impegni, Elektra di Strauss al Comunale di Bologna.
Molto attiva anche in campo concertistico sotto la guida di direttori come Albrecht, Bolton, De Bernart, Stenz e Tate, ha collaborato con gli ensemble “Concerto Italiano”, “Musica Rara”, “La Stagione Armonica”, “Sentieri Selvaggi”, “Tetraktis”. Ha eseguito, in diretta Euroradio, le liriche da camera di Verdi per Radio Tre in occasione del centenario verdiano e, più recentemente, la Nona di Beethoven diretta da Luigi Piovano e il concerto di chiusura del 39° Cantiere di Montepulciano diretto da Roland Böer.
Dal 2014 collabora con l’Ensemble di Zurigo “I Baroccoli”.
Di recente pubblicazione due CD per la Brilliant con Costantino Mastroprimiano al fortepiano con i Lieder di Norbert Burgmüller e la prima registrazione mondiale dei Lieder di Hugo Staehle.

Antonio Di Marco
Nato a Teramo nel 1991, inizia lo studio del pianoforte a soli 9 anni, e si diploma con il massimo dei voti presso l’ISSM “G. Braga” di Teramo, conseguendo poi nel 2015 anche il diploma del biennio sperimentale di Secondo Livello in Musica da camera.
Pianista accompagnatore della classe di canto e collaboratore delle classi di strumento del medesimo ISSM di Teramo, si dedica inoltre allo studio della composizione e dell’organo con i Maestri Vetuschi e Marini (organista titolare della Basilica-Cattedrale di S. Maria Assunta di Teramo).
Spesso richiesto quale pianista accompagnatore per masterclasses vocali e strumentali, ha seguito corsi di direzione di coro e vocalità con i Maestri Berrini, Manzo, Mungai, Woodbury; è inoltre diplomato in formazione e direzione di coro presso la C.E.I. sotto la guida del M° Marco Berrini, nonché cantore nel coro nazionale “G. M. Rossi” della C.E.I.
Dal 2007 è direttore del coro e organista della Basilica-Cattedrale di S. Maria Assunta di Teramo, presso la quale ha fondato nel 2009 ha fondato la Cappella, di cui è direttore.
Nel 2011-2012 ha rappresenta l’ ISSM “Braga” alle rassegne “Omaggio a Liszt” e “Debussy camerista”.
Nel 2012 è diventato Direttore dell’Insieme Vocale Vox Aurea, e dal 2013 dirige l’Associazione Corale Teramana “G. Verdi”.
Nel luglio 2013 ha vinto il concorso per maestri collaboratori al pianoforte indetto dal Teatro Lirico Sperimentale “A. Belli” di Spoleto, dove ha seguito il corso di specializzazione e uno stage, diplomandosi brillantemente.
Nel luglio 2015 ha tenuto un concerto come organista solista presso l’Abbazia di Farfa nell’ambito del SabinaMusicaFestival.
Come continuista/organista collabora con diverse realtà orchestrali locali.

Andrea de Goyzueta
Nasce a Napoli nel 1976.
E’ attore, produttore teatrale e parte del comitato artistico della storica compagnia Ente Teatro Cronaca fondata da Mico Galdieri.
Dopo la formazione artistica svolta principalmente presso il Laboratorio Permanente del Teatro Elicantropo di Napoli, nel 2004 si laurea con lode in Lettere e Filosofia, è borsista presso l’Istituto Italiano per gli Studi Storici fondato da Benedetto Croce e fonda l’Associazione Tourbillon Teatro, con la quale svolge un’intensa attività artistica e di produzione teatrale e musicale lavorando, tra gli altri, con il M° Roberto De Simone.
A ottobre 2012 riceve il Premio Domenico Rea, sezione teatro, “come riconoscimento per i meritevoli primi anni di attività teatrale ed impegno culturale, e come incoraggiamento per la prosecuzione della carriera”.
Ha iniziato il suo percorso di attore con il regista Carlo Cerciello nel 2001 in spettacoli come “Stanza 101” (premio speciale UBU 2001) e “Noccioline” (premio Ruccello 2006) e, tra gli altri, con Mariano Rigillo, Bruno Garofalo, Alessandra Asuni.
Nelle ultime stagioni è stato coprotagonista con l’attore e regista Claudio Di Palma nello spettacolo “La Finestra sul Cortile” e “Ferito a Morte” di Raffaele La Capria con Mariano Rigillo per il Teatro Stabile di Napoli; ha lavorato con la regista e drammaturga Sarasole Notarbartolo nello spettacolo “La Danse des Amants” per il Festival Giardino delle Esperidi a Campsirago in Brianza; è stato uno degli interpreti del progetto “Occhi Gettati” di e con Enzo Moscato diretto dal regista Francesco Saponaro; ha prodotto e interpretato lo spettacolo “Il Contratto” di Eduardo De Filippo per la regia di Pino Carbone per il Festival Benevento Città Spettacolo. Partecipa all’ultima edizione del Festival dei Corti di Cairano con il monologo “Giulietta e il suo Romeo” da Alessandro Baricco.
Ha incontrato nel suo percorso artistico molti compositori e musicisti tra i quali Carlo Galante, Francesco D’Errico, Mario Caroli, Valerio Virzo, Fabrizio Elvetico.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

16 settembre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 22 novembre recital del soprano Carmen Giannattasio al Conservatorio di Avellino

Carmen Giannattasio 3
Grande attesa ad Avellino per il concerto che Carmen Giannattasio terrà presso il Conservatorio Cimarosa, sabato 22 novembre, alle 19.30.
Dopo aver raccolto il successo alla Scala di Milano con l’opera Simon Boccanegra nella parte di Amelia, la Giannattasio offrirà al pubblico avellinese una carrellata di arie tratte dalle opere più note, insieme all’Orchestra del Conservatorio di Avellino diretta da Carmine Santaniello.
“Da ragazzina volevo fare la giornalista. Ho militato per un po’ in una piccola redazione. Poi, un bel giorno, la Musica mi ha scelto, ha deciso dovessi diventare cantante! Benedetta Musica, non finirò mai di ringraziarla abbastanza. Essere al di qua del golfo mistico non ha prezzo!”
Così parla ai suoi amici del web, mostrando quella grande passione che diventa arte quando la cantante sale sul palco e incanta il suo pubblico con la sua splendida voce.
In programma: V. Bellini “Norma” – Sinfonia; G. Puccini,”Un bel dì vedremo” (dall’Opera “Madama Butterfly”); G. Puccini “Oh mio babbino caro” (dall’Opera “Gianni Schicchi”); G. Rossini, “La gazza ladra” Ouverture; G. Puccini: “Vissi d’Arte” (dall’Opera “Tosca”); G. Puccini: “Tu che di gel sei cinta” (dall’Opera “Turandot”).

L’ingresso è libero, ma si consiglia di arrivare per tempo.

Ricordiamo che venerdì 21 alle 20 sarà di scena alla Casina del Principe un altro appuntamento del Conservatorio di Avellino: Napolinjazz.
Lo spettacolo vedrà in scena Marina Bruno (voce); Salvatore Santaniello (sax); Giuseppe Di Capua (pianoforte); Francesco Angiuli (contrabbasso) e Gianfranco Manna (batteria).
Autori delle elaborazioni musicali il M° Giuseppe Di Capua ed il M° Salvatore Santaniello, docente e capo del dipartimento di jazz del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino.

Anche per questo appuntamento l’ingresso è libero.

Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Conservatorio di Avellino
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

20 novembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Canto, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, Musica Lirica, Regioni | , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: