MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Martedì 25 novembre Ton Koopman e l’Amsterdam Baroque Orchestra and Choir ospiti della stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Martedì 25 novembre, alle ore 21, sempre nell’Auditorium di  Castel Sant’Elmo una serata di festa per la Associazione Alessandro Scarlatti con un memorabile concerto dedicato a celebrare il settantesimo compleanno del grande Ton Koopman insieme ai 35 anni di attività con l’Amsterdam Baroque Orchestra and Choir.
E davvero è difficile trovare chi meglio di Koopman e dei “suoi” musicisti – è proprio il caso di usare questo possessivo, poiché dal 1979 i legami artistici tra direttore ed orchestra sono pressoché inscindibili – riesca ad interpretare la musica bachiana.
La ricerca filologica, lo studio storico, la capacità tecnica, l’enorme esperienza nell’esecuzione del repertorio barocco e infine la straordinaria personalità del direttore in questa serata si mettono a sorpresa alla prova nell’esecuzione di tre capolavori mozartiani.
Il poderoso programma si apre con il celebre Requiem K. 626, legato ormai nell’immaginario comune al film “Amadeus” di Milos Forman, che raffigurava Mozart in fin di vita alle prese con un misterioso messaggero che gli commissiona quella che lui stesso arriva a considerare la propria messa funebre. uesto episodio è riportato da tutti i biografi di Mozart, anche se la situazione era probabilmente assai più banale e prosaica ; è comunque accertato che Mozart non completò il Requiem (che fu terminato dal suo allievo Süssmayr), ma lasciò comunque uno dei più sublimi capolavori della storia della musica.
Segue il mottetto Ave verum Corpus K. 618 che riporta la data del 17 giugno del 1791: subito prima del Requiem, dunque, e meno di sei mesi prima della morte di Mozart.
A un periodo completamente diverso, invece, appartiene la Messa in do maggiore K. 317 detta “dell’incoronazione”, composta a Salisburgo al principio del 1779 da un Mozart poco più che ventitreenne.
Il titolo, apocrifo, non fa riferimento ad alcuna incoronazione imperiale ma all’ipotesi, in seguito contraddetta, che fosse stata composta per celebrare l’incoronazione dell’immagine sacra di Maria conservata nel santuario di Maria Plain, presso Salisburgo.

Costo del biglietto

Platea I settore: 25 Euro
Platea II settore: 20 Euro
Platea III settore
Intero: 15 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it; info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Programma

Martedì 25 novembre, ore 21.00 – Auditorium di Castel Sant’Elmo

Amsterdam Baroque Orchestra and Choir
Johannette Zomer, soprano
Bogna Bartosz, contralto
Jörg Dürmüller, tenore
Klaus Mertens, basso
Ton Koopman, direttore

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Requiem in re minore K 626
Ave Verum Corpus, mottetto in re maggiore K 618
Krönungsmesse in do maggiore K. 317

Amsterdam Baroque Orchestra
Amsterdam Baroque Orchestra and ChoirTon Koopman ha fondato l’Amsterdam Baroque Orchestra nel 1979.
Il gruppo è formato da musicisti specializzati nell’ambito della musica barocca a livello internazionale che si ritrovano insieme varie volte all’anno per preparare ed eseguire nuovi programmi.
Per i musicisti ogni concerto è una grande esperienza e l’energia unita all’entusiasmo di Koopman sono sicura garanzia della migliore qualità.
Nel 1994 Ton Koopman e l’Amsterdam Baroque Orchestra & Choir hanno intrapreso uno dei più ambiziosi progetti discografici delle ultime decadi: l’esecuzione e la registrazione integrale delle Cantate sacre e profane di Bach.
Per questo straordinario progetto Koopman e l’Amsterdam Baroque Orchestra & Choir hanno ricevuto il “Deutsche Schallplattenpreis Echo Klassik”.
Oltre alle registrazioni in CD Ton Koopman ha pubblicato insieme al musicologo Christoph Wolff tre libri dedicati alle Cantate di Bach e prodotto una serie di sei documentari televisivi.
Oltre all’opera di Bach l’Amsterdam Baroque Orchestra & Choir ha registrato tutte le principali opere barocche e classiche.
Tra i molti premi ricevuti: il Gramophone Award, Diapason d’Or, 10-Repertoire, Stern des Monats-Fono Forum, Prix Hector Berlioz e due Edison Awards.
Nel 2008 l’ensemble e Ton Koopman hanno ricevuto il prestigioso BBC Award e nel 2009, per la seconda volta, hanno vinto l’”Echo Klassik Award” per il VII volume dell’Opera-Omnia di Buxtehude.
Tutti i dischi recenti di Ton Koopman e dell’Amsterdam Baroque Orchestra & Choir sono prodotti da “Antoine Marchand”, un’etichetta affiliata a Challenge Classics.
Tra le recenti pubblicazioni figurano i 22 cofanetti dell’integrale delle Cantate di Bach, la Passione secondo Matteo e la Passione secondo Marco in CD e in DVD, i primi sedici volumi dell’Opera-Omnia Edition di Buxtehude e l’Offerta Musicale di Bach.
Ton Koopman e l’Amsterdam Baroque Orchestra sono regolarmente ospiti delle principali sale da concerto in Europa, Stati Uniti e Asia.

Ton Koopman
Ton KoopmanE’ nato a Zwolle in Olanda e accanto agli studi classici si è dedicato allo studio dell’organo, del clavicembalo e della musicologia ad Amsterdam, ricevendo il “Prix d’Excellence” sia per l’organo che per il clavicembalo.
Fin dall’inizio la prassi filologica e gli strumenti originali hanno caratterizzato il suo stile esecutivo portandolo a creare all’età di 25 anni la sua prima orchestra barocca. Nel 1979 ha fondato l’Amsterdam Baroque Orchestra, a cui ha fatto seguito l’Amsterdam Baroque Choir nel 1992.
Ton Koopman si è esibito nelle più importanti sale da concerto e nei più prestigiosi festival dei cinque continenti.
Come organista ha suonato sui preziosi strumenti antichi esistenti in Europa, mentre come clavicembalista e direttore dell’Amsterdam Baroque Orchestra & Choir ha suonato al Concertgebouw di Amsterdam, al Théatre des Champs-Elysées di Parigi, al Musikverein e alla Konzerthaus di Vienna, Philharmonie di Berlino, Lincoln Center di Carnegie Hall di New York, Suntory Hall di Tokyo così come a Londra, Bruxelles, Madrid, Roma, Salisburgo, Copenhagen, Lisbona, Monaco e Atene.
Ton Koopman svolge un’intensa attività come direttore ospite e ha lavorato con le principali orchestre del mondo tra le quali spiccano Filarmonica di Berlino, Royal Concertgebouw di Amsterdam, Orchester des Bayerischen Rundfunks, Tonhalle Orchester di Zurigo, Wiener Symphoniker, Orchestre Philharmonique de Radio France, Boston Symphony, Chicago Symphony, New York Philharmonic, San Francisco Symphony, così come Cleveland Orchestra, dove è Artista Residente.
L’ampia attività come solista e direttore è testimoniata dall’impressionante numero di dischi per varie case discografiche tra cui Erato, Teldec, Sony, Philips e DG.
Nel 2002 Koopman ha creato la sua propria etichetta “Antoine Marchand”, distribuita da Challenge Records.
Tra il 1994 e il 2004 Ton Koopman è stato impegnato in un progetto unico nel suo genere, l’esecuzione e la registrazione delle Cantate di Bach.
Un imponente lavoro di ricerca per il quale ha ricevuto il Deutsche Schallplattenpreis Echo Klassik, il premio Hector Berlioz e il BBC Award oltre alle nomination sia per il Grammy Award (USA) che per il Gramophone Award (UK).
Nel 2005 Ton Koopman ha intrapreso un altro grande progetto: la registrazione dell’integrale di Dietrich Buxtehude.
Ad oggi sono stati pubblicati 16 volumi che includono l’integrale per organo e cembalo e quattro volumi dell’opera vocale.
La musica da camera sarà pubblicata nei prossimi mesi.
Ton Koopman è Presidente della “International Dietrich Buxtehude Society” e nel 2012 ha ricevuto il Buxtehude-Preisträger dalla città di Lubecca e il Bach-Preisträger dalla città di Lipsia.
Ton Koopman ha pubblicato molti saggi e diversi testi critici e per anni ha lavorato all’edizione completa dei concerti per organo di Händel per Breitkopf & Härtel. Recentemente ha curato nuove edizioni del Messiah di Händel e de Il Giudizio Universale di Buxtehude per Carus Verlag.
Oltre alla cattedra di clavicembalo al Conservatorio dell’Aja, Koopman è Professore all’Università di Leiden ed è Membro Onorario della Royal Academy of Music di Londra.
Ton Koopman è direttore artistico del Festival in Francia “Itinéraire Baroque”.

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

21 novembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni | , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 26 gennaio l’Associazione Alessandro Scarlatti ospita l’ensemble La Risonanza, diretto da Fabio Bonizzoni

Critica Classica di Marco del Vaglio:


Giovedì 26 gennaio, Fabio Bonizzoni, alla guida del suo ensemble La Risonanza, eseguirà in Castel Sant’Elmo, alle ore 21, per la Associazione Alessandro Scarlatti un interessante programma interamente imperniato sulla Hofmusik bachiana, che permette di esplorare uno degli ambiti solitamente meno “frequentati” nelle sale da concerto, quello delle cantate profane a carattere celebrativo.
A completare il programma la celebre seconda suite per orchestra, pagina di strepitoso effetto strumentale che, con un’insolita commistione tra la forma francese dell’Ouverture e quella italiana del Concerto, costituisce uno straordinario esempio del modo in cui il genio bachiano riesce a sublimare il trattenimento di corte e mondano a livello di capolavori assoluti.
Di alto livello, come sempre, la scelta delle voci, con la soprano Deborah York (vincitrice di un Grammy Award), il contralto Nicola Marchesini, il tenore Kristian Adam e il basso Sergio Foresti.

Fabio Bonizzoni, allievo di Ton Koopman, ha dedicato studi e ricerche all’opera di vari autori barocchi, tra cui Händel (abbiamo ascoltato nell’aprile 2009 la sua interpretazione de “La Resurrezione”) e naturalmente Bach.
“Durante gli studi che stavo conducendo sulla forma della serenata, forma attorno alla quale sto costruendo un progetto di ricerca pluriennale – dice Bonizzoni – mi sono dunque imbattuto in tre serenate di Bach spesso considerate semplici cantate profane ma, in realtà, chiamate proprio serenate. Furono scritte a Kothen e parodiate successivamente, a Lipsia, in cantate sacre.”
Un attento studio di ricostruzione – condotto in collaborazione con il musicologo Karl Boehmer – ha portato alla ricostruzione di questi tre brani, due dei quali si potranno ascoltare in questo programma in prima esecuzione moderna.

Prezzo del biglietto

I settore: 25 Euro
II settore: 20 Euro
III settore
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani: 8 Euro
Last minute (giovani al di sotto dei 31 anni): 3 Euro, in vendita un’ora prima del concerto
.

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it;
info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

________________________________

Programma

Johann Sebastian Bach (1685-1750):
Cantata BWV 173 “Durchlauchtster Leopold”
per il compleanno del principe Leopold von Anhalt-Köthen

Ouverture n. 2 in si minore BWV 1067

Cantata BWV 36a “Steigt freudig in die Luft”
per il compleanno di Charlotte Friederike, seconda moglie del principe Leopold von Anhalt-Köthen

Ricostruzione: Karl Böhmer e Fabio Bonizzoni
Prima esecuzione moderna

La Risonanza
Fondata nel 1995 da Fabio Bonizzoni come un ensemble vocale e strumentale, La Risonanza si è progressivamente trasformata in un’orchestra da camera su strumenti originali, con un organico variabile a seconda dei programmi, e talora con l’apporto di formazioni corali.
Il repertorio si incentra sulla musica italiana dei secoli XVII e XVIII, spesso con programmi che prevedono solisti vocali; tra gli ospiti più frequenti figurano artisti come Roberta Invernizzi, Emanuela Galli, Nuria Rial, Fulvio Bettini, Furio Zanasi, e Marina De Liso.
Ospite regolare delle maggiori istituzioni europee e dei più importanti festival di musica antica (Utrecht, Brugge, Cuenca, San Sebastian, Santander, Saint Michel en Tiérache), dal 2007 il complesso è orchestra residente nel dipartimento francese dell’Aisne, con il sostegno del Ministero della Cultura e della Comunicazione.
Fra le numerose registrazioni, si ricordano il CD dedicato a Girolamo Frescobaldi (1996), quello con la “Missa non sine quare” di Johann Caspar Kerll (per Symphonia, premio Choc di “Le monde de la Musique”), e quello dedicato alle cantate di Luigi Rossi (Stradivarius).
Dal 2000 incide per Glossa, che ha pubblicato un CDdedicato a Barbara Strozzi ed un altro con i concerti per organo di Giuseppe Sammartini, e con cui La Risonanza è impegnata nel primo progetto di registrazione integrale delle cantate italiane di Händel; il primo CD, dedicato a quelle composte per il Cardinale Pamhilj, è stato insignito del prestigioso Stanley Sadie Händel Recording Prize 2007.

Fabio Bonizzoni
Milanese, ha studiato presso il Conservatorio Reale de L’Aia ottenendo, nella classe di Ton Koopman, il diploma in organo barocco e quello di solista in clavicembalo.
Dopo aver suonato con alcune delle principali orchestre barocche di oggi (Amsterdam Baroque Orchestra di Ton Koopman, Le Concert des Nations di Jordi Savall, Europa Galante di Fabio Biondi), si dedica ora all’attività solistica e alla direzione della sua orchestra La Risonanza, tenendo concerti nelle più importanti sale e nei principali festival di musica antica di tutto il mondo.
Docente di clavicembalo presso il Conservatorio di Trapani e presso il Conservatorio Reale de L’Aia, come presidente dell’Associazione Hendel, che promuove studi e ricerche sulla musica di Handel in Italia, è spesso invitato a tenere conferenze e seminari.
Dopo vari CD come solista per Arcana e Stradivarius, registra ora per la casa spagnola Glossa con cui ha inciso opere di Giovanni Salvatore, di Giovanni Picchi (“Preis der Deutches Schallplattenkritik”), di Francesco Geminiani (premio “ffff” di Télérama), di Bernardo Storace (disco del mese di “Amadeus”), di Domenico Scarlatti (premio “Eccezionale”di “Scherzo”).
L’ultimo CD pubblicazione è dedicato alle Variazioni Goldberg di J. S. Bach, e il prossimo presenterà invece l’Arte della Fuga; con La Risonanza ha intrapreso la registrazione di tutte le cantate italiane con strumenti di Händel.

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

23 gennaio, 2012 Posted by | Associazione "A. Scarlatti", Auditorium Castel S. Elmo, Concerti, Musica, Musica classica, Napoli | , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: