MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

La stagione 2015-2016 della Associazione Alessandro Scarlatti apre mercoledì 21 ottobre con gli Archi dell’Accademia di Santa Cecilia diretti da Luigi Piovano

logo-associazione-scarlatti
La stagione 2015-16 dell’Associazione “Alessandro Scarlatti – Ente Morale” di Napoli propone ventidue concerti collegati tra loro da linee diverse, composte con l’auspicio di raggiungere “un’armonica polifonia”: “polifonia” perché molte e diverse sono le personalità degli artisti ospiti e degli autori che saranno eseguiti fra il 21 ottobre 2015 e la fine di aprile 2016; “armonica” perché tutte le voci, insieme, offriranno al nostro pubblico un panorama certo non esaustivo, ma ci auguriamo interessante e vivace, delle occasioni musicali del nostro tempo.
Il concerto inaugurale della stagione riprende il filo, già presente in quelle passate, di presentare nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo le “eccellenze italiane”.
Quest’anno protagonisti saranno gli Archi dell’Accademia di Santa Cecilia, cioè il nucleo forte di un’orchestra che sta conseguendo molti e meritati successi non solo nella sede romana, ma anche nelle tournée che sempre più spesso compie in Italia e all’estero.
Il programma presentato a Napoli proporrà le Serenate di Dvořák e di Ciaikovsky e il Concerto di Nino Rota, con la direzione di Luigi Piovano, primo violoncello della compagine ceciliana, un musicista cui ormai da anni il direttore stabile Antonio Pappano ha affidato il gruppo degli archi.
Altri nomi eccellenti di interpreti italiani li ritroviamo il 20 dicembre con il duo formato da due pianisti ormai da tempo affermati, Bruno Canino e Enrico Pieranunzi, entrambi uniti dalla passione per la musica moderna e contemporanea, declinata più nel versante “classico” per il primo, in quello “jazz” per il secondo, e che dialogheranno insieme tra reciproche provocazioni.
Il concerto del 16 dicembre sarà poi un inedito incontro fra due realtà napoletane, che nel nome ricordano il grande compositore.
La nostra associazione ospita la Nuova Orchestra Scarlatti con un programma che spazia dal barocco del Concerto di Natale di Corelli a una pagina contemporanea di Patrizio Marrone, passando anche per tre composizioni di Astor Piazzolla.
Una presenza “forte” del pianoforte non deve mancare in una stagione di musica da camera: tre concerti sono affidati ad artisti che hanno oggi circa quarant’anni e che si trovano dunque ad essere il collegamento fra la generazione dei grandi nomi e quella di chi oggi sta emergendo.
Maria Perrotta (28 ottobre) si è imposta già da qualche anno come una personalità sicura, capace di rinnovare anche pagine che hanno un’importante e consolidata tradizione interpretativa; Ramin Bahrani (13 gennaio) unisce nel suo concerto al prediletto J. S. Bach le musiche di Domenico Scarlatti, in un omaggio non solo alla nostra città ma anche a un compositore che ha impresso un segno forte allo sviluppo della sonata pianistica.
Poco più che ventenne è invece Beatrice Rana, già ospite con la Perrotta nello scorso anno in una serie di quattro concerti a Villa Pignatelli, e ormai pienamente affermata: il 7 aprile dialoga con il Quartetto Modigliani in una esecuzione integrale dei quartetti e quintetti con pianoforte di Robert Schumann divisa tra questa stagione e la successiva.
Accanto alla musica per pianoforte, quella per quartetto è un’altra presenza centrale nella stagione prossima.
Ravvicinati nel tempo sono gli appuntamenti di novembre: il 12 una giovane e promettente formazione slovacca, il Quartetto Mucha, erede della grande tradizione quartettistica della sua terra, è seguito, dopo un paio di settimane (24 novembre), da un ensemble di grande fama, l’Emerson, che si è costituito a New York nel 1976.
Tra le due date il Quartetto di Venezia propone il 18 novembre il primo di tre appuntamenti, che proseguiranno nelle prossime stagioni, dedicati alle pagine per quartetto di autori italiani, da Boccherini a Luciano Berio.
Anche un altro gruppo italiano inizierà un cammino con noi nella prossima stagione per proseguirlo nella successiva: il 20 gennaio e il 2 marzo il Quartetto di Cremona intraprende l’affascinante viaggio fra tutti quartetti di Mozart, un autore che è da sempre nel cuore del nostro pubblico.
E a proposito di ensemble che ritornano, il 10 febbraio riascolteremo i musicisti dell’Atos Trio che completeranno la serie delle pagine per trio di Beethoven.
Ci saranno poi molti interpreti cari da anni al nostro pubblico: Jordi Savall con il suo Hesperion XXI (il 3 dicembre) con un programma incentrato sul motivo della “Follia” e il duo “di famiglia” formato da Misha e Lily Maisky (il 24 febbraio).
E naturalmente ci saranno due temi sempre presenti nelle nostre stagioni: l’attenzione al Novecento e al contemporaneo e la grande tradizione barocca.
A Dimitri Šostakovič, uno dei più sofferti e interessanti protagonisti dello scorso secolo è dedicato il concerto del 4 novembre: al pianista Marco Scolastra e al Quartetto Savinio si affiancherà la voce di Sandro Cappelletto per illustrare la figura dell’artista sovietico a quarant’anni dalla scomparsa.
L’organico del gruppo protagonista il 9 dicembre fa già presagire un ascolto inconsueto e ricco di fascino: un ricco numero di percussioni sarà al centro della serata dell’ensemble Tetraktis con pagine che andranno da Varèse a John Cage.
Ad Arnold Schoenberg sarà dedicato il concerto del gruppo Operaincanto diretto da Fabio Maestri con la partecipazione del soprano Alda Caiello, interprete raffinata dei Brettl Lieder, pagine ispirate al mondo del cabaret berlinese del primo Novecento.
E anche quest’anno avremo un appuntamento “cross-over” dedicato alla musica jazz, con il trio (17 febbraio) del contrabbassista franco-spagnolo Renaud Garcia-Fons.
Per la grande tradizione del Barocco, spicca il concerto dell’Orchestra Barocca Pietà de’ Turchini diretta da Antonio Florio, un appuntamento sempre caro al nostro pubblico, che propone quest’anno (24 marzo) un’inedita pagina del nostro Seicento, la Passione secondo Giovanni di Gaetano Veneziano, compositore napoletano del quale ricorrono il prossimo anno 350 anni dalla nascita.
Ma è importante sottolineare che ormai da anni l’Associazione Scarlatti dedica molto impegno ad una attività didattica conclusa da performance pubbliche.
Progetto innovativo ed unico in Italia, il contenitore Scarlattilab raccoglie le iniziative della nostra Associazione dedicate ai giovani cantanti e strumentisti dei Conservatori del Sud che si affacciano alla carriera professionale.
Per lo Scarlattilab/Barocco gli allievi dei Conservatori di Napoli, Bari e Cosenza, con la direzione artistica di Antonio Florio e Dinko Fabris, seguono percorsi finalizzati alla preparazione di raffinati programmi di musica sei-settecentesca, con lo scopo di creare un necessario punto di incontro e di stimolo tra sperimentazione didattica e attività concertistica.
I due progetti del prossimo anno si concluderanno uno, il 10 novembre, con un concerto in occasione del bicentenario di due protagonisti del nostro Settecento musicale, Girolamo Abos e Gennaro Manna, l’altro il 12 dicembre al termine di un seminario dedicato alla pratica del basso continuo.
Una seconda occasione didattico-performativa è costituita dallo ScarlattiLab/Electronics, un collaborazione attiva dal 2012 con i Conservatori di Napoli e Salerno, sotto l’egida di Agostino Di Scipio e Giancarlo Turaccio, che si propone di promuovere la ricerca e la sperimentazione nell’ambito della musica contemporanea.
Il laboratorio cura sia la nascita e lo sviluppo di progetti compositivi, sia la costruzione e crescita dei processi esecutivi della nuova musica elettronica: i giovani compositori sono anche interpreti dei propri lavori, oltre che di pagine del repertorio contemporaneo.
Il concerto conclusivo avrà luogo il 27 gennaio e tornerà sul tema della “risonanza” già esplorata l’anno scorso in un gruppo di lavoro che comprendeva una ricerca interdisciplinare tra musicisti, filosofi e ricercatori di vari ambiti scientifici; in questa occasione autorevole protagonista sarà il M° Mario Bertoncini che dirigerà una masterclass sulla realizazzione della sua composizione “Solo aus dem klavierquartett” per cavo sospeso e 5 risuonatori.

Accanto poi a questi due laboratori, destinati a studenti già addentro al linguaggio musicale, vi è poi il progetto che intende portare la formazione musicale, corale e strumentale, anche ai bambini delle più piccole fasce di età.
Le attività musicali dedicate all’infanzia hanno iniziato a svilupparsi nel gennaio 2011 nella collaborazione tra l’Associazione Alessandro Scarlatti –Ente Morale e l’ICS “Paolo Borsellino”, che si trova nel quartiere delle Case Nove, tra la Stazione centrale e il porto di Napoli, con la creazione di un coro di voci bianche e in seguito di un orchestra di bambini e bambine fra gli 8 e i 13 anni.
Il progetto, intitolato “Musica e Società” si avvale del sostegno di Intesa Sanpaolo.

L’immagine della Scarlatti si presenta quest’anno rinnovata: nella grafica, nel calendario della stagione, nel sito web.
Particolarmente innovativa sarà la nuova gestione dei programmi di sala, con i commenti ai brani scaricabili tramite QR Code inseriti nei manifesti e nei programmi.
Da sottolineare in chiusura il consistente ridimensionamento dei prezzi di biglietti e abbonamenti: anche questo fa parte dell’ impegno e spirito di servizio della Associazione Alessandro Scarlatti a favore della città.

Abbonamenti ai concerti

Intero: euro 250
Ridotto CRAL: euro 230
Ridotto fedelissimi: euro 160*
Giovani (under 33) fedelissimi: euro 50*

*gli abbonamenti fedelissimi possono essere acquistati solo presso:
Associazione Scarlatti, Napoli, Piazza dei Martiri 58 ore 10-13 e 15.30 -18 giorni feriali

Gli abbonati della stagione precedente possono confermare il posto entro il 14 ottobre Nuovi abbonamenti dal 15 ottobre
E’ aperta la lista di attesa per i nuovi abbonati.

Biglietti singoli concerti

Intero: euro 15
Ridotto fedelissimi: euro 10
Ridotto giovani (under 33): euro 10
Last minute (fino a 33 anni): euro 3 in vendita un’ora prima dell’inizio del concerto

Sconto del 10% (esclusi i biglietti last minute) per i possessori di Feltrinelli Carta Più

Prevendite

Concerteria, via Schipa 23
Il Botteghino, via Pitloo 5
MC Revolution, via Palermo 124
Promos, via Stanzione 49

Uffico stampa
Chiara Eminente
Infoline: 081 406011
info@associazionescarlatti.it
www.associazionescarlatti.it

Occasioni Musicali
In qualità di nuovo direttore artistico dell’Associazione “Alessandro Scarlatti” spero che la stagione che propongo quest’anno corrisponda alla fiducia che hanno riposto in me il presidente Sicca e il Consiglio Direttivo e alla simpatia che mi hanno dimostrato tanti nostri soci e ascoltatori incontrati durante i concerti della scorsa stagione.
Ho cercato di fare in modo che fosse una stagione fedele alla tradizione di un’importante associazione di musica da camera con una lunga storia alle spalle, ma al tempo stesso aperta al nuovo e all’inedito.
Teniamo così acceso, parafrasando Gustav Mahler, il fuoco della passione per la musica classica e di ricerca (senza timore di usare queste due definizioni), ma al tempo stesso non “adoriamo le ceneri” di un repertorio che, nella sua grandezza, non è mai esaurito.
L’apertura al nuovo non vuole perciò dire soltanto musiche mai proposte, ma anche un modo diverso e magari provocatorio di eseguire il già noto.
Anche l’immagine della Scarlatti si presenta quest’anno rinnovata: nella grafica, nel calendario della stagione, nel sito web.
È soprattutto a quest’ultimo che ci affideremo per comunicare con i soci, con gli abbonati, con chi già ci conosce, ma anche per incontrare nuovi amici.
Invitiamo tutti a servirsene per lasciarci i loro commenti, le critiche e soprattutto i loro indirizzi
mail, con i quali potremo ricordare loro gli appuntamenti e comunicare le novità, anche dell’ultim’ora.
Nel calendario e sul sito sono state riunite, con pari importanza, tutte le iniziative della Scarlatti, perché sia visibile lo sforzo che l’Associazione fa, fedele al proprio statuto, per “la diffusione dell’arte e della cultura musicale nelle sue molteplici forme e nel solco della grande tradizione napoletana”.
Spesso anche gli spettatori più fedeli dei nostri concerti si stupiscono del numero delle nostre iniziative: i due ScarlattiLab che danno ai giovani musicisti occasioni di approfondire sia le tematiche della musica barocca sia quelle legate alla ricerca dei nuovi suoni dell’elettronica (non a caso abbiamo inserito in stagione entrambe le serie), il progetto che, anno dopo anno, ha portato al restauro e a una nuova vita sonora tanti organi antichi della nostra Regione, l’attenzione ai bambini, che vivono spesso condizioni difficili o di disagio nella nostra città, e ai quali offriamo la possibilità di una nuova forma di socializzazione e di crescita attraverso la pratica musicale, nel coro e in un’orchestra a loro dedicati.
E poi i concerti fuori stagione che si svolgono al mattino a Palazzo Zevallos e, novità di quest’anno, una serie di conversazioni su vari momenti e protagonisti della musica che saranno ospitate la domenica a Villa Pignatelli.
L’auspicio è che chi ci segue ai concerti di Castel Sant’Elmo o al Teatrino di Corte dia uno sguardo anche a queste altre occasioni e che chi segue le altre nostre altre iniziative venga poi anche a sentire un concerto.
(Renato Bossa)
_________________________________________________________

Associazione Alessandro Scarlatti – Programma generale stagione 2015-2016

Mercoledì 21 ottobre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Gli Archi di Santa Cecilia
Luigi Piovano, direttore

Nino Rota: Concerto per archi
Antonín Dvořák: Serenata in mi maggiore op. 22
Pëtr Il’ič Čajkovskij: Serenata in do maggiore op. 48

Mercoledì 28 ottobre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Maria Perrotta, pianoforte

Wolfgang Amadeus Mozart: Sonata in sol maggiore K. 283
Johannes Brahms: 4 Ballate op. 10
Franz Schubert: Sonata n. 21 in si bemolle maggiore D. 960 op. post.

Mercoledì 4 novembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Quartetto Savinio
Marco Scolastra, pianoforte
Sandro Cappelletto, voce recitante
“Šostakovič, un artista per il popolo” a 40 anni dalla morte

Dmitrij Šostakovič
Trio n. 2 in mi minore op. 67
Quintetto in sol minore op. 57

Martedì 10 novembre 2015 – Teatro di Corte di Palazzo Reale, ore 21.00
ScarlattiLab\Barocco

“Gennaro Manna e Alessandro Scarlatti – due generazioni a confronto” in collaborazione con i Conservatori di Napoli e di Palermo

Giovedì 12 novembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Quartetto Mucha

Franz Joseph Haydn: Quartetto in re maggiore op. 76 n. 5
Wolfgang Amadeus Mozart: Quartetto in sol maggiore K. 387
Ludwig van Beethoven: Quartetto in fa minore op. 95 “Serioso”
Ilja Zeljenka: Quartetto n. 7 “Hommage à Beethoven”

Mercoledì 18 novembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Quartetto di Venezia

“La musica italiana per quartetto d’archi” – primo concerto
Luigi Boccherini: Quartetto in sol maggiore op. 52 n. 3
Bruno Maderna: Quartetto in due tempi
Giacomo Puccini: “Crisantemi”
Giuseppe Verdi: Quartetto mi minore

Martedì 24 novembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Quartetto Emerson

Johannes Brahms: Quartetto in la minore op. 51 n. 2
Franz Schubert: Quartetto in sol maggiore D. 887

Giovedì 3 dicembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Hesperion XXI
Jordi Savall

“Folias & canarios”, musiche all’epoca di Carlo V e Filippo II

Mercoledì 9 dicembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Tetraktis

Musiche di Henry Cowell, Lou Harrison, Carlos Chávez, Steve Reich, John Cage e Edgard Varèse

Venerdì 11 dicembre 2015 – Teatro di Corte di Palazzo Reale, ore 21.00
ScarlattiLab\Barocco

“Continuum – Sonate da camera per violoncello” in collaborazione con i Conservatori di Napoli, di Bari e di Palermo

Mercoledì 16 dicembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Nuova Orchestra Scarlatti

Arcangelo Corelli: Concerto grosso in sol minore op. 6 n. 8, “Fatto per la notte di Natale”
Ferenc Farkas: Antiche danze ungheresi del secolo XVII per fiati
Benjamin Britten: Sinfonietta op. 1
Patrizio Marrone: Polittico per piccola orchestra
Dmitrij Šostakovič: Quattro valzer
Astor Piazzolla: Fuga per piccola orchestra

Domenica 20 dicembre 2015 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Bruno Canino, pianoforte
Enrico Pieranunzi, pianoforte

“Americhe”
William Bolcom: Due Rags da “The Garden of Eden”
George Gershwin: “I got rhythm”
Aaron Copland: “Danzón cubano”
Leonard Bernstein: Music for two pianos
Enrico Pieranunzi: “Duke’s dream”
Carlos Guastavino: “Las niñas de Santa Fe”;
Astor Piazzolla
“Fuga y misterio”
“Milonga del ángel”
“La muerte del ángel”

Mercoledì 13 gennaio 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Rahmin Bahrami, pianoforte
“Viaggio in Italia con Johann Sebastian Bach”

Musiche di Johann Sebastian Bach e di Domenico Scarlatti

Mercoledì 20 gennaio 2016 – Teatro di Corte di Palazzo Reale, ore 21.00
Quartetto di Cremona

Integrale dei quartetti per archi di Wolfgang Amadeus Mozart – primo concerto
Quartetto in sol maggiore K. 80
Quartetto in re maggiore K. 155
Quartetto in sol maggiore K. 156
Quartetto in do maggiore K. 157
Quartetto in fa maggiore K. 158
Quartetto in si bemolle maggiore K. 159
Quartetto in mi bemolle maggiore K. 160

Mercoledì 27 gennaio 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
ScarlattiLab \Electronics\ Risonanza2

Mario Bertoncini – “Solo aus dem Klavierquartett” per cavo sospeso e 5 risuonatori in collaborazione con i Conservatori di Napoli e di Salerno

Mercoledì 10 febbraio 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Atos Trio

Integrale dei trii con pianoforte di Ludwig van Beethoven – secondo concerto
Trio in mi bemolle maggiore op. 1 n. 1
Trio in do minore op. 1 n. 3
Trio in si bemolle maggiore op. 97 “Arciduca”

Mercoledì 17 febbraio 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Renaud Garcia-Fons Trio
Renaud Garcia-Fons, contrabbasso a 5 corde; Kiko Ruiz, chitarra flamenca ;
Negrito Trasante, percussioni

Mercoledì 24 febbraio 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Mischa Maisky, violoncello
Lily Maisky, pianoforte

Johann Sebastian Bach: Sonata n. 3 in sol minore BWV 1029
Franz Schubert: Sonata in la minore/maggiore D. 821 “Arpeggione”
Robert Schumann: 5 Stücke im Volkston op. 102
Johannes Brahms: Sonata in mi minore op. 38

Mercoledì 2 marzo 2016 – Teatro di Corte di Palazzo Reale, ore 21.00
Quartetto di Cremona

Integrale dei quartetti per archi di Wolfgang Amadeus Mozart – secondo concerto
Quartetto in fa maggiore K. 168
Quartetto in la maggiore K. 169
Quartetto in do maggiore K. 170
Quartetto in mi bemolle maggiore K. 171
Quartetto in si bemolle maggiore K. 172
Quartetto in re minore K. 173

Mercoledì 16 marzo 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Ensemble Incanto
Alda Caiello, soprano
Fabio Maestri, direttore

Arnold Schönberg
“Brettellieder”
“Die eiserne Brigade”
“Ode a Napoleone” op. 41

Giovedì 24 marzo 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Orchestra Barocca Cappella Pietà de’ Turchini
Ghislieri Choir
Antonio Florio, direttore

Gaetano Veneziano: “Passio secundum Joannem”

Giovedì 7 aprile 2016 – Auditorium di Castel Sant’Elmo, ore 21.00
Quartetto Modigliani
Beatrice Rana, pianoforte

Robert Schumann
Quartetto in la minore op. 41 n. 1
Quartetto in fa maggiore op. 41 n. 2,
Quartetto per pianoforte, violino, viola e violoncello in mi bemolle maggiore op. 47

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

12 ottobre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 10 giugno l’Associazione Alessandro Scarlatti propone il pianista Georgijs Osokins nell’ambito del concerto organizzato in occasione del semestre lèttone di Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea

Logo Associazione Scarlatti + simbolo presidenza lettone
Mercoledì 10 giugno 2015, alle ore 20.30, presso il Teatro di Corte di Palazzo Reale, si terrà un concerto straordinario della Associazione Alessandro Scarlatti.
L’evento, in collaborazione con l’Ambasciata della Repubblica di Lettonia e con la Soprintendenza di Palazzo Reale, celebra il semestre lèttone di Presidenza del Consiglio Europeo; interverranno alla serata Ministro dell’Economia della Lettonia Dana Reizniece-Ozola e l’Ambasciatore della Repubblica di Lettonia Artis Bērtulis.

Interprete del concerto, dedicato alla diffusione della cultura musicale lèttone, sarà il giovane e brillante pianista Georgijs Osokins, più volte vincitore di premi nell’ambito di concorsi internazionali.
In programma si intrecciano brani di autori appartenenti alla tradizione nordeuropea: da Fryderyk Chopin a Pēteris Vasks a Ādolfs Skulte, accostati a Domenico Scarlatti, a sottolineare l’incontro tra le diverse culture europee.

Costo del biglietto
Intero: 20 Euro
Ridotto giovani: 8 Euro
Last minute (fino a 25 anni): 3 Euro

Questo concerto sostituisce quello previsto per il gennaio 2015, completando il numero in abbonamento: gli abbonati potranno accedere portando con sé la tessera di abbonamento 2014/2015.

Infoline:
Associazione Alessandro Scarlatti
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Mercoledì 10 giugno, ore 20.30, Teatrino di Palazzo Reale
Concerto straordinario per il semestre lèttone di Presidenza del Consiglio Europeo

Programma

Domenico Scarlatti (1685 – 1757)
Sonata in re minore K. 213
Sonata in fa minore K. 466

Pēteris Vasks (1946): Vasaras vakara mūzika (Musica per una sera d’estate)

Ādolfs Skulte (1909 – 2000): Arietta (trascrizione di Georgijs Osokins)

Fryderyk Chopin (1810 – 1849)
Barcarolle in fa diesis maggiore op. 60
Rondò in fa maggiore op. 5 “à la mazur”
Walzer in fa maggiore op. 34 n. 3
Vriazioni in la maggiore “Souvenir de Paganini” op.post.
Mazurka in do diesis minore op. 41 n. 4
Mazurka in do diesis minore op. 50 n. 3
Polonaise in la bemolle maggiore op. 53 “Eroica”

Georgijs Osokins
Georgijs OsokinsNato nel 1995 è il più giovane di una famiglia di pianisti accanto al padre Sergey e al fratello Andrejs.
Malgrado la giovane età ha ottenuto riconoscimenti internazionali sia in Europa che in Cina, dove nel 2014 ha vinto il Premio Internazionale Chopin per giovani pianisti, ottenendo un particolare apprezzamento da parte di Dmitry Bashkirov.
Attualmente è tra gli 84 pianisti selezionati per il Premio Chopin di Varsavia, che si terrà nell’ottobre del 2015.
Ha inoltre vinto il Concorso Internazionale Alexander Scriabin a Parigi nel 2009, il Concorso di Jurmala in Léttonia nel 2010 ed ha ricevuto il premio Speciale Chopin al Concorso di Monza nel 2010. Nel 2013 in Polonia ha ricevuto il Premio Speciale Tatiana Shebanova per l’esecuzione del Quarto Concerto di Beethoven.
Ha tenuto il suo concerto di debutto all’età di 10 anni con la Latvian National Symphony Orchestra, e si sta attualmente perfezionando presso la prestigiosa Juilliard School di New York.
Ha tenuto concerti con la Orchestra Sinfonica di Lvov in Ucraina, con la Armenian Philarmonic Orchestra, con l’Orchestra da Camera Wratislavia e con l’Orchestra Sinfonica di Częstochowa in Polonia.
In questa stagione ha tenuto recital in Germania, Francia, Inghilterra e Polonia.
La registrazione live del suo recital nella Grand Guild Hall di Riga è stato pubblicato dalla casa discografica Dux Recording in collaborazione con Fazioli Pianos.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

5 giugno, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , | Lascia un commento

Al Teatrino di Corte di Palazzo Reale un magnifico concerto dedicato agli albori del Settecento napoletano

Foto Vincenzo Moccia

Foto Vincenzo Moccia

Ultimo appuntamento, al Teatrino di Palazzo Reale a Napoli, con il ciclo “Una balconata per la musica di corte”, inserito nell’ambito della stagione ufficiale dell’Associazione Alessandro Scarlatti.
Il concerto conclusivo, dal titolo “Sotto le ali dell’Aquila Imperiale”, in quanto incentrato sugli autori attivi alla corte di Napoli durante la dominazione asburgica (1707-1734), ha avuto come prestigiosi protagonisti l’ Ensemble Barocco di Napoli, diretto dal flautista Tommaso Rossi, ed il soprano Maria Grazia Schiavo.
La serata ha avuto inizio con il Concerto in sol minore per flauto, due violini, viola e basso continuo di Francesco Mancini (1672-1737), allievo di Francesco Provenzale al Conservatorio della Pietà de’ Turchini, che portò avanti una prestigiosa carriera, come direttore del Conservatorio di Santa Maria di Loreto e in qualità di maestro della Cappella Reale, dove successe ad Alessandro Scarlatti.
La successiva aria Amare e tacere è pena tiranna, accompagnata dai flauti, apparteneva ad “Astarto” del sassone Johann Adolf Hasse (1689-1733), dramma in musica che esordì nel 1726 al Teatro San Bartolomeo di Napoli.
Altra figura di spicco fu Leonardo Vinci (1690-1730), tra gli autori più noti e richiesti della prima metà del Settecento.
Dalla sua ultima opera “Artaserse”, su testo di Metastasio, abbiamo ascoltato l’aria di Arbace “Vo solcando un mar crudele” che, alla “prima” tenutasi a Roma nel 1730, venne interpretata dal castrato Giovanni Carestini.
Decisamente oggi meno noto, ma molto famoso ai suoi tempi, il compositore e virtuoso del violino Angelo Ragazzi (1680-1750), che visse fra le corti di Napoli e Vienna.
La sua Sonata VI in sol minore per violino e archi, tratta dalla raccolta di 12 Sonate a quattro op. 1 (Roma, 1736) evidenziava un brano di ottima fattura, caratterizzato da passaggi di grande difficoltà affidati allo strumento solista.
Ultimo brano, prima dell’intervallo, “Mentre dormi amor fomenti”, aria di Licida da “Olimpiade” di Giovanni Battista Pergolesi (1710-1736) che musicò, in occasione del carnevale romano del 1735, uno dei più famosi libretti di Metastasio (utilizzato, in circa un secolo, almeno da una cinquantina di compositori).
La seconda parte si apriva con “Ahi se la speme”, aria per soprano, traversiere e archi, nuova incursione nell’ “Astarto” di Johann Adolf Hasse, seguita dal Concerto in la minore per flauto, due violini, viola e basso continuo, risalente al 1725 del pugliese Domenico Sarro (1679-1744), celebre soprattutto per la sua produzione operistica, al punto che il suo dramma “Achille in Sciro” fu scelto per inaugurare nel 1737 il Teatro di San Carlo.
Penultimo brano in programma “Lieto così talvolta”, aria di Farnaspe da “Adriano in Siria” di Giovanni Battista Pergolesi, sempre su libretto di Metastasio, affidata al suo esordio nel 1735 alla strepitosa vocalità del castrato Gaetano Majorano, conosciuto con il soprannome di Caffarelli.
Chiusura con “Torbido e irato”, altro pezzo ricco di passaggi virtuosistici, creato per porre in risalto la bravura di Farinelli, tratto da “Erminia” di Alessandro Scarlatti (1660-1725), scritta nel 1723 in occasione delle nozze fra Maria Luisa Caracciolo de’ Principi di Santobuono e Ferdinando Colonna Principe di Stigliano.
Uno sguardo ora agli interpreti, a cominciare dal soprano Maria Grazia Schiavo che, confrontatosi con un repertorio quanto mai vario e complesso, caratterizzato da arditezze virtuosistiche, abbinate a passaggi ricchi di suggestioni, ha fornito un’altra prova straordinaria.
A tal proposito, va ricordato che tutte le arie eseguite, come accennato precedentemente, avevano per destinatari una serie di castrati di assoluto valore e, seppure possa apparire una affermazione scontata, la loro vocalità si discostava nettamente da quella che caratterizza un soprano o un mezzosoprano.
In altre parole, l’interprete femminile, se non vuole andare incontro a problemi, che talora possono risultare abbastanza seri nell’economia complessiva, deve letteralmente “entrare nei panni” di un castrato.
E, se diamo uno sguardo a quanto attualmente offre il campo in ambito barocco, ci rendiamo conto che artisti della bravura e dell’esperienza di Maria Grazia Schiavo ve ne sono ben pochi.
Venendo alla parte strumentale, va innanzitutto citato Tommaso Rossi, nel duplice ruolo, ottimamente ricoperto, di flauto solista e direttore dell’Ensemble Barocco di Napoli.
Interprete di fama internazionale, il flautista ha avuto l’ulteriore merito di aver concepito un bellissimo programma, scegliendo, nell’ambito di un periodo abbastanza circoscritto, una serie di piccoli capolavori.
Relativamente all’Ensemble Barocco, compagine formata da Raffaele Di Donna (flauto), Rossella Croce (primo violino, impegnata come splendida solista nel brano di Ragazzi), Marco Piantoni (violino secondo), Raffaele Tiseo (violino terzo), Rosario Di Meglio (viola), Rebeca Ferri (violoncello), Giorgio Sanvito (violone), Ugo Di Giovanni (arciliuto) e Patrizia Varone (clavicembalo), ha anch’esso evidenziato una estrema bravura dei singoli, un affiatamento perfetto nei pezzi strumentale ed un’intesa notevolissima anche con il soprano.
L’unica nota stonata è venuta da una certa parte del pubblico (giunto numeroso, ma non quanto l’evento meritasse), che continua imperturbabile a lasciare accesi i telefoni cellulari nonostante l’annuncio fatto prima dell’inizio del concerto, tossisce continuamente, senza preoccuparsi di limitare l’entità dei colpi, che rasentano spesso delle vere e proprie fucilate (amplificate da ambienti acusticamente favorevoli) e fa apprezzamenti ad alta voce mentre gli artisti si esibiscono.
A ciò va aggiunto che la porta d’entrata del Teatrino di Corte è stata più volte sbattuta in modo violento.
E qui entra in gioco il servizio di protezione, che deve obbligatoriamente accompagnare qualsiasi tipo di manifestazioni, ma non si riesce a comprendere perché, quando il concerto ha luogo nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo, tutto fila liscio, mentre al Teatrino di Corte diventa un ulteriore fattore di disturbo.
Chiudiamo ricordando i due bis, entrambi da brividi, consistenti nella splendida trascrizione in stile barocco di “Viento”, omaggio a Pino Daniele del maestro Marco Sannini, e nell’aria “Il volo così fido”, dall’opera “Riccardo I” di Georg Friedrich Händel, a coronamento di un concerto di elevatissimo livello.
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

24 gennaio, 2015 Posted by | Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 14 dicembre la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ospita l’Europe Union Baroque Orchestra al Teatrino di Corte di Palazzo Reale

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Domenica 14 dicembre, nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale, alle ore 20.30, per il quarto concerto del ciclo di concerti dedicati alla musica composta per le corti europee nel’700 “Una balconata per la musica di corte”, in collaborazione con la Soprintendenza di Palazzo Reale, la Associazione Alessandro Scarlatti approfondisce il repertorio della musica di corte francese con il concerto dell’Europe Union Baroque Orchestra diretta da Lars Ulrik Mortensen.

Il pezzo più notevole di questo programma, se non dell’intero 18° secolo, è il particolarissimo brano “Les Elements” di Jean-Fery Rebel, a lungo leader dei 24 Violons du Roy, l’orchestra di Versailles che accompagnava Luigi XIII durante la giornata. “L’introduzione di questa sinfonia era naturale, era Caos stesso, questa confusione che regnava tra gli elementi prima l’istante in cui, soggetta alle leggi invariabili, hanno preso il loro posto prescritto nell’ordine della natura – ha scritto Rebel in una introduzione – Ho avuto il coraggio di unire la confusione degli elementi con confusione armonica. Ho cercato di far sentire tutti i suoni mescolati insieme, o meglio tutte le note dell’ottava insieme in un accordo.”
Di un periodo successivo, legata alla corte del Re Sole è la suite tratta da varie opere di Rameau in cui torna il tema della rappresentazione degli elementi della natura.

Ogni anno l’ Europe Union Baroque Orchestra invita 100 giovani musicisti provenienti da tutta Europa a prendere parte ad audizioni della durata di tre giorni.
I 25 candidati che vengono selezionati, normalmente provenienti da 13 o più paesi e di un’età media di 24 anni, trascorreranno sei mesi insieme, studiando e suonando attraverso tutta l’Europa al seguito dei maggiori specialisti della musica barocca, e trasmettendo al pubblico un contagioso ed immediato entusiasmo e tutta la freschezza tecnica dei migliori giovani strumentisti barocchi d’Europa.

Costo del biglietto

Intero: 20 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it; info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Domenica 14 dicembre, ore 20.30 -Teatrino di Corte del Palazzo Reale di Napoli

European Union Baroque Orchestra
Lars Ulrik Mortensen, direttore e clavicembalo

Violini primi
Yotam Gaton (Ro)
Antonio De Sarlo (It)
Sarina Matt (Li)
Emma Lake (Uk)

Violini secondi
Jamiang Santi (It)
Alicja Sierpinska (Pl)
Saron Houben (Nl)
Nadine Henrichs (De)

Viole
Rafael Roth (De)
Andrea Angela Ravandoni (Se)

Violoncelli
Guillermo Turina Serrano (Es)
Nicola Paoli (It)
Contrabbasso
Lisa De Boos (Be)

Flauti
Emma Halnan (Uk)
Flavia Hirte (De)

Oboi
Jana Langenbruch (De)
Jan Hutek (Pl)

Fagotto
Andrew Burn (Uk)

Programma

La création du monde

Jean-Féry Rebel (1666-1747): Les éléments

Georges Muffat (1653-1704): Concerto grosso XII in sol maggiore “Propitia Sydera”

Jean-Féry Rebel: Les caractères de la danse

Jean-Philippe Rameau (1683-1764): La création du monde, suite di danze dalle opere “Zaïs”, “Les Boréades”,“Platée”

European Union Baroque Orchestra
Non ci sono altre orchestre come l’European Union Baroque Orchestra: l’EUBO si rinnova di consueto selezionando nuovi musicisti ad ogni anno e rendendo così unici i suoi progetti musicali.
Le performance dal vivo dell’EUBO godono di tutta la freschezza tecnica dei migliori giovani strumentisti barocchi d’Europa e trasmettono al pubblico un contagioso ed immediato entusiasmo.
I membri dell’EUBO arrivano da tutta Europa per vivere un’esperienza di lavoro che li mette a confronto con alcuni dei più importanti direttori della scena internazionale; per il 2014: Lars Ulrik Mortensen, Rachel Podger e Sergio Azzolini.
Le tournée dell’orchestra si svolgono in tutta l’Unione, dalle più celebrate sale da concerto alle pittoresche chiese di montagna e ai grandi festival internazionali di musica antica.
Nei punti cardine di questa esperienza musicale l’EUBO crea i suoi progetti in residenza: Echternach in Lussemburgo, Amilly in Francia, Kloster Michaelstein in Germania, Gent in Belgio, e Pavia con il Collegio Ghislieri in Italia.
L’attività dell’EUBO è sponsorizzata da “The Early Music Shop” e all’EUBO è stato affermato per sempre il titolo dell’Ambasciatore Culturale dell’Unione europea. Portabandiera dell’Europa, “l’EUBO è il simbolo perfetto della forza dell’integrazione: un sottile e potente strumento di armonizzazione tra i popoli e le nazioni” (Presidente José Manuel Barroso).

Lars Ulrik Mortensen
Inizia a studiare clavicembalo e basso figurato a Copenaghen alla Royal Danish Academy of Music, proseguendo poi a Londra con Trevor Pinnock.
Fa parte come clavicembalista degli ensemble di musica barocca London Baroque, dal 1988 al 1990, e Collegium Musicum 90, dal 1990 al 1993.
Dal 1991 al 1999 è direttore artistico dell’orchestra barocca Concerto Copenaghen, con cui lavora al Royal Opera di Copenaghen; dal 2004 è direttore artistico della European Union Baroque Orchestra
La sua carriera concertistica si divide tra l’attività di direttore d’orchestra, quella di clavicembalista solista e quella di musicista da camera insieme con altri artisti: con il violinista John Holloway e il violoncellista David Watkin ha costituito il Trio Veracini.
Accompagna frequentemente al clavicembalo il soprano Emma Kirkby, con la quale ha registrato alcune opere di Buxtehude, e il violoncellista Jaap ter Linden.
Le sue numerose registrazioni, alcune realizzate anche con The English Concert, sono dedicate in gran parte all’opera dei musicisti barocchi, da Bach a Buxtehude, da Vivaldi a Haydn, ed hanno ottenuto vari riconoscimenti internazionali.
È stato nominato “Musicista danese dell’anno” nel 2000, e ha ricevuto il premio francese Cannes Classique nel 2001 e il premio danese Musica nel 2002. L’incisione delle Variazioni Goldberg è stata premiata con il Diapason d’Or.
Nel 2007 ha ricevuto il premio Leonie Sonning’s Music Prize e il Danish Music Awards Classical “Orchestral CD of the year” per l’incisione dell’opera dei poco conosciuti compositori tedeschi Johan-Gottfried W. Palschau e Johann Abraham Peter Schulz.
Nel 2010 ottiene il Grammy Awards per il CD delle Cantate di Bach, con il mezzosoprano Anne Sofie von Otter.

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

11 dicembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 10 dicembre la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti propone una serata mozartiana con il Quartetto Hugo Wolf nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Mercoledì 10 dicembre, nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale, alle ore 20.30, per il terzo concerto del ciclo di concerti dedicati alla musica composta per le corti europee nel’700 “Una balconata per la musica di corte” in collaborazione con la Soprintendenza di Palazzo Reale, la Associazione Alessandro Scarlatti affida al Quartetto Hugo Wolf di Vienna l’esecuzione dei celebri quartetti di Mozart composti per il Re di Prussia.
Il quartetto è stato scoperto e portato in Italia da Mario Brunello, che lo ha invitato nella sua rassegna Antiruggine per esibirsi al loro fianco

Wolfgang Amadeus Mozart scrisse fra il giugno 1789 e il giugno 1790 tre quartetti d’archi su commissione di Federico Guglielmo II di Prussia, che era un buon suonatore di violoncello.
La commissione era per sei quartetti per archi, ma il musicista ne portò a compimento soltanto tre, le cui partiture sono caratterizzate dal ruolo importante che in esse è attribuito alla parte del violoncello.
È stato ipotizzato che, ad un certo punto, Mozart si sia stancato di dover ottemperare alla condizione postagli dal sovrano, e che tale insofferenza sia stata un motivo per il quale l’ordinazione rimase parzialmente inevasa; ciò risulterebbe particolarmente evidente negli ultimi due tempi del quartetto K 590, nei quali il violoncello perde quasi per intero il suo ruolo predominante.

Costo del biglietto

Intero: 20 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it; info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Mercoledì 10 dicembre, ore 20.30 -Teatrino di Corte del Palazzo Reale di Napoli

Programma

Quartetto Hugo Wolf
Sebastian Gürtler, violino
Régis Bringolf, violino
Thomas Selditz, viola
Florian Berner, violoncello

Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)

I Quartetti per il re di Prussia

Quartetto in re maggiore K. 575
Quartetto in si bemolle maggiore K.589
Quartetto in fa maggiore K.590

Quartetto Hugo Wolf
Quartetto Hugo Wolf“Personalità forti che interagiscono fra di loro in un modo nient’affatto sentimentale, attento e cordiale nello stesso tempo, e che creano una spirale emotiva difficile da spiegare”.
Queste qualità, unite a una appassionata capacità espressiva e a una costante curiosità artistica, sono il segno distintivo di questo quartetto.
Da vent’anni è ai vertici della scena musicale cameristica internazionale ed entusiasma il pubblico.
La sua carriera ha preso avvio dopo un percorso formativo con i quartetti Alban Berg, Smetana, Amadeus, LaSalle e con Ferenc Rados.
Fondato a Vienna nel 1993 l’Hugo Wolf Quartett ha conseguito ben presto riconoscimenti quali il Premio Speciale della Filarmonica di Vienna e l’European Music Award per la musica da camera.
Nel 1995 ha vinto il Concorso Internazionale per Quartetti d’archi di Cremona e ha debuttato alla Konzerthaus di Vienna.
Nel 1998 è stato eletto “Rising Star” dal Musikverein e dal Konzerthaus di Vienna e da allora è di casa al Concertgebouw di Amsterdam, alla Wigmore Hall di Londra, al Lincoln Center, alla Carnegie Hall di New York, nella Filarmonica di Berlino, al Festival di musica da camera di Lockenhaus, al Festival di Colmar, a La folle journée de Nantes e alla Schubertiade di Schwarzenberg.
Numerosi i brani composti per l‘Hugo Wolf Quartett ed eseguiti per la prima volta dallo stesso Quartetto, come il quarto quartetto per archi di Friedrich Cerha, “Dichotomie“ di Johannes Maria Staud, i quartetti di Erich Urbanner, Dirk D´Ase e Otto M. Zykan, così come un quartetto e un ottetto del chitarrista jazz Wolfgang Muthspiel.
Le incisioni dei quartetti di Beethoven op. 18/4 e op. 132 e di quelli di Franz Schubert D 887 e D 87 hanno ottenuto entrambi il Premio Pasticcio della Radio austriaca.
Il Quartetto collabora strettamente con il leggendario trombettista jazz Kenny Wheeler e il pianista John Taylor con i quali ha inciso “Other People”.
Tra le registrazioni recenti un concerto live al Festival di Lockenhaus, l’integrale dei Quartetti di Hugo Wolf e l’Ottetto di Schubert.
Dal 2009 il Quartetto organizza una sua rassegna da camera alla Konzerthaus di Vienna, sostenuta dalla Fondazione Alban Berg.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

5 dicembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 3 dicembre la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ospita il concerto di Enrico Baiano nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Mercoledì 3 dicembre, nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale, alle ore 20.30 per il secondo concerto del ciclo di concerti dedicati alla musica composta per le corti europee nel’700 “Una balconata per la musica di corte” in collaborazione con la Soprintendenza di Palazzo Reale, la Associazione Alessandro Scarlatti ospita una delle eccellenza napoletane, Enrico Baiano, per festeggiare i 300 anni dalla nascita di Carl Philipp Emanuel Bach.
Clavicembalista conosciuto ed apprezzato in tutta Europa, si presenta in questa occasione al fortepiano, ma affianca alla carriera di musicista anche quella di autore di studi specialistici: è infatti appena stato pubblicato un suo testo sulle Sonate di Domenico Scarlatti scritto a quattro mani con Marco Moiraghi.

Carl Philipp Emanuel Bach fu in vita assai più rinomato dell’illustre padre.
Il suo destino si sarebbe stranamente incrociato con quello di Telemann che fu suo padrino di battesimo: alla morte del più anziano compositore, fu proprio il figlioccio di un tempo a vincere il concorso per l’incarico di Generalmusikdirektor ad Amburgo.

Costo del biglietto

Intero: 20 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it; info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Mercoledì 3 dicembre, ore 20.30 -Teatrino di Corte del Palazzo Reale di Napoli

Programma

Carl Philipp Emanuel Bach(1714 – 1788)
Sonate, Rondò e Fantasie

Sonata in la maggiore WQ 55:4
Rondò in la minore WQ 56:5
Sonata in mi minore WQ 59:1
Fantasia in do maggiore WQ 59:6
Sonata in re minore WQ 57:3
Rondò in re minore WQ 60:4
Sonata in fa maggiore WQ 56:4
Sonata in la minore WQ 49:1

Enrico Baiano
Enrico BaianoE’oggi considerato uno dei più completi ed interessanti interpreti sulla scena della musica antica.
Nel suo approccio interpretativo si combinano sapientemente rigore storico-stilistico, libertà espressiva e grande virtuosismo; una non comune capacità di sfruttare le risorse timbriche ed espressive del clavicembalo gli permette di realizzare crescendo, diminuendo, cantabilità ed effetti orchestrali che rendono ogni concerto un evento.
Nato a Napoli nel 1960, dopo essersi brillantemente diplomato in Pianoforte e Composizione presso il Conservatorio ‘S. Pietro a Majella’ di Napoli si è specializzato in clavicembalo, clavicordo e fortepiano con Emilia Fadini presso il Conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano.
Ha registrato otto CD per l’etichetta ‘Symphonìa’, ora in corso di ripubblicazione per le etichette Pan Classic e Glossa, tutti accolti entusiasticamente dalla critica e più volte premiati; un altro CD dedicato alle Sonate di Scarlatti, recentemente pubblicato dall’etichetta Stradivarius, ha vinto il Premio Speciale della Critica Classica di “Musica & Dischi” come miglior album 2013 nella sezione “classica strumentale italiana”.
Ha preso parte a diverse trasmissioni televisive e radiofoniche italiane ed estere e a due film-documentario del regista Francesco Leprino: “Sul nome B.A.C.H.” e “Un gioco ardito” (su Domenico Scarlatti).
Tra le sue pubblicazioni ricordiamo: Metodo per clavicembalo, edito da Ut Orpheus e tradotto in cinque lingue; Le Sonate di Domenico Scarlatti (in collaborazione con Marco Moiraghi), edito da LIM – Libreria Musicale Italiana; Il discorso musicale, in La narrazione al plurale (a cura di S. Messina), edito da Gaia.
Enrico Baiano tiene regolarmente corsi per la Fondazione Italiana per la Musica Antica (corsi internazionali di Urbino), per l’associazione L’Architasto di Roma e per la società di musica antica Origo et Practica di Tokyo.
E’ docente di clavicembalo, clavicordo e fortepiano presso il Conservatorio ‘Domenico Cimarosa’ di Avellino.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

2 dicembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , | Lascia un commento

Concerti a Napoli dal 10 al 16 novembre 2014

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Nicola Bonifacio Logroscino

Nicola Bonifacio Logroscino

Questi gli appuntamenti previsti dal 10 al 16 novembre 2014:

Lunedì 10 novembre, alle ore 18.00, al Circolo Artistico Politecnico (Piazza Trieste e Trento, 48) nell’ambito de “I Lunedì Musicali”, concerto dalla “Banda Bassetti” (clarinetti bassi e corni di bassetto), formata da Oriana Santini, Sauro Berti, Gianni Battista Iannucci e Francesco Mennella

In programma musiche di Bach, Murcia e Boots

Per accedere ai concerti è necessario acquistare un tesserino, che dovrà essere esibito all’ingresso.
E’ possibile richiedere il tesserino presso la segreteria dell’Associazione, dal lunedi al venerdi dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20.

_________________________________________________________

Mercoledì 12 novembre, alle ore 20.30, nel Teatrino di Corte di Palazzo Reale, per la stagione in abbonamento 2014-2015 dell’Associazione Alessandro Scarlatti, concerto dell’ Ensemble Zefiro

Programma

G. F. Händel: Suite in fa maggiore HWV 348 (da “Watermusic”)

G. P. Telemann: “Wasser-Ouverture” in do maggiore TWV 55:C3

G. F. Händel
Suite in re maggiore HWV 349
Suite in sol maggiore/minore HWV 350

(da “Watermusic”)

Costo del biglietto

Intero: 20 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

_________________________________________________________

Mercoledì 12 novembre, alle ore 20.30, nella Chiesa Evangelica Luterana (v. Poerio, 5) per i “Concerti di Autunno”, recital del chitarrista Nicola Jappelli

Programma

M. Giuliani: Cinque Waltzes (dai 12 Waltzes, op. 57)

F. Sor: Première pièce de société op. 33

F. Carulli: Première Solo op. 76

D. Aguado: Le Fandango variée op. 16

N. Paganini: Due Sonate M.S. 84

F. Carulli: Trois Divertissements pour la guitarre accordée en Mi majeur op. 223

Ingresso libero
_________________________________________________________

Venerdì 14 novembre, alle ore 17.30, a Palazzo Serra di Cassano (v. Monte di Dio, 14), presentazione della Salome di Richard Strauss curata dal musicologo Massimo Lo Iacono, con la partecipazione del maestro Gabriele Ferro.
Al termine verrà eseguito il Sestetto-Ouverture da Capriccio di Richard Strauss da sei giovani componenti della Rotary Chamber Orchestra

Ingresso libero
_________________________________________________________

Venerdì 14 novembre, alle ore 18.45, nella chiesa di San Diego dell’Ospedaletto (via Medina, 3), per la XVII edizione del Festival di Musica da Camera, organizzato dall’associazione Napolinova, concerto del duo formato da Vincenzo Meriani (violino) e Dario Cusano (pianoforte)

Programma

T. A. Vitali: Ciaccona in sol minore

A. Dvořák: Sonatina in sol maggiore op. 100

S. Prokofiev: Sonata n. 2 in re maggiore, op. 94 bis

M. Ravel: Tzigane, rapsodia per violino e pianoforte

Costo del biglietto: 3 Euro
_________________________________________________________

Venerdì 14 novembre, alle ore 19.00, nella chiesa dei Santi Marcellino e Festo (Largo San Marcellino), per l’ “Autunno Musicale” della Nuova Orchestra Scarlatti, “Dialoghi sonori”, concerto per fiati da Haydn a Maderna.

Costo del biglietto: 12 Euro
_________________________________________________________

Venerdì 14 novembre, alle ore 19.30, nella chiesa dell’Immacolata al Vomero (piazza Immacolata), nell’ambito della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci, concerto del trio formato da Gina Lacorazza (voce), Giovanni Giugliano (contrabbasso) e Tobías González Jiménez (organo)

Programma

T. Dubois: Toccata in sol maggiore

O. Ravanello: Elegia

E. Gigout: Toccata in si minore

L. Boëllmann: Prière à Notre-Dame e Toccata (dalla Suite gothique, op. 25)

P. Mascagni: Intermezzo (da “Cavalleria Rusticana”)

G. Puccini: Io de’ sospiri (da “Tosca”)

E. Grieg: Solvejs Lied (da “Peer Gynt)

J. S. Bach: Liebster Jesu, wir sind hier

G. Mahler: Ich bin der Welt abhanden gekommen

Ingresso libero
_________________________________________________________

Venerdì 14 novembre, alle ore 20.30, nella chiesa di S. Lorenzo Maggiore (v. Tribunali, 316), per la rassegna “Musica nei luoghi sacri”, concerto dei Tenores di Bitti Remunnu ‘e Locu in collaborazione con la Pontificia Fonderia Marinelli

Ingresso gratuito fino ad esaurimento dei posti con prenotazione obbligatoria

Info e prenotazioni
800 600 601
dai cellulari e dall’estero
+39 06 39 96 76 50
(dal lunedì al venerdì: 9.00 – 18.00; sabato 9.00 -14.00)
www.cantasuonaecammina.it
_________________________________________________________

Sabato 15 novembre, alle ore 20.30 (Turno A), al Teatro di San Carlo, per la stagione d’Opera e Balletto 2013-2014, allestimento di Salome, dramma musicale in un atto di Richard Strauss, sul libretto di Hedwig Lachmann, dal poema di Oscar Wilde

Orchestra del Teatro di San Carlo, diretta da Gabriele Ferro
Regia: Manfred Schweigkofler
Scene: Nicola Rubertelli
Costumi: Kathrin Dorigo
Luci: Claudio Schmid
Coreografia: Valentina Versino
Assistente alla regia: Franz Braun
Scenografo Collaboratore: Pasqualino Marino

Personaggi ed interpreti

Erode: Kim Begley
Erodiade: Natascha Petrinsky
Salome: Annemarie Kremer
Jochanaan: Markus Marquardt
Narraboth: Wookyung Kim
Un paggio di Erodiade: Jurgita Adamonyte
Cinque Giudei: Karl Ebner, Enzo Peroni, Cristiano Olivieri, Rouwen Huther, Karl Huml
Due Nazareni: Roberto Holzer, Nicolò Ceriani
Due Soldati: Christian Hübner, Francesco Musinu
Un Cappadoce: Javid Samadov
Uno Schiavo: Antonio Mezzasalma

Costo del biglietto

Intero: da 160 a 50 Euro
Ridotto: da 140 a 45 Euro (titolari Carte dei programmi di Membership, gruppi di almeno 10 persone membri di enti, CRAL ed associazioni convenzionati con il Teatro di San Carlo)
Giovani under 30 (palchi laterali): 30 Euro

_________________________________________________________

Domenica 16 novembre, alle ore 17.30, presso l’Associazione Culturale Eurios (via Niutta, 22), concerto del duo formato da Angela Amato e Alessandro Parfitt

Programma

J. S. Bach
Aria sulla quarta corda per violino e violoncello
Suite n.1 per violoncello solo
Allemande per violino solo

D. Popper: Polonaise per violoncello

G. Perlmann: Danza

Anonimo: Tre Melodie Folkloristiche Europee

Ingresso libero
_________________________________________________________

Domenica 16 novembre, alle ore 18.30, al Centro Culturale Domus Ars (via S. Chiara, 10), concerto dell’Orchestra San Giovanni, diretta da Keith Goodman, con la partecipazione del pianista Vincenzo Maltempo

Programma

J. S. Bach
Aria dalla Suite BWV 1068
Concerto per pianoforte in la maggiore BWV 1055

G. Gershwin: Lullaby per archi

W. A. Mozart: Concerto per pianoforte ed orchestra in la maggiore K. 414

Costo del biglietto: 10 Euro
_________________________________________________________

Domenica 16 novembre, alle ore 20.30, nell’Auditorium di Castel S. Elmo, per la stagione in abbonamento 2014-2015 dell’Associazione Alessandro Scarlatti, concerto del Sestetto Stradivari, con la partecipazione di Antonio Sciancalepore (contrabbasso)

Programma

R. Strauss
Sestetto, dall’opera “Capriccio”
Metamorfosi, versione per settimino
(rielaborazione Rudolf Leopold)

J. Brahms: Sestetto in sol maggiore op. 36

Costo del biglietto

Platea I settore: 25 Euro
Platea II settore: 20 Euro
Platea III settore
Intero: 15 Euro
Giovani: 8 Euro

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

8 novembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazione Trabaci, Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Chiesa Luterana, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Musica Lirica, Napoli, Prima del concerto, Regioni, Sale da concerto, Teatro San Carlo | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: