MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Martedì 14 marzo a Palazzo Carafa di Maddaloni concerto inaugurale della rassegna “MusicAscolto in Salotto” organizzata dall’Associazione IAAM


Martedì 14 marzo, alle ore 19.00, presso Palazzo Carafa di Maddaloni (v. Maddaloni, 6), concerto inaugurale della rassegna “MusicAscolto in Salotto”, organizzata dall’Associazione IAAM (“Italian Association for Arts and Music”), concerto dal titolo “Musica in Trio”, con la partecipazione di Stefano T. Duca (flauto), Lorenzo Traverso (pianoforte), Myriam Traverso (viola) e un’introduzione alla liuteria con spiegazioni della tecnica di costruzione di strumenti a pizzico e ad arco a cura di Davide Traverso

Programma

J. S. Bach: Suite n.1 in sol maggiore per viola

S. Rachmaninov: Preludio op.3 n.2 per pianoforte

J. S. Bach: Sonata in sol minore per flauto e pianoforte

F. Kreisler: Liebesleid per flauto, viola e pianoforte

E. Elgar: Salut d’amour per flauto, viola e pianoforte

Contributo: 10 euro

Prenotazione obbligatoria ai seguenti contatti:
cell.: 3454317836
eventi@iaam.it
www.iaam.it
fb: iaam

Prossimo appuntamento:
Giovedì 23 marzo, ore 19.00
“Piano Recital”

________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

12 marzo, 2017 Posted by | Agenda Eventi, Associazione IAAM, Associazioni Musicali, Campania, Centro italiano di musica da camera, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Palazzo Carafa di Maddaloni, Regioni, Sale da concerto | , , , , , , , | Lascia un commento

Il pianista Luigi Gagliardi si esibisce nella storica Sala Pergolesi

Foto Max Cerrito

Foto Max Cerrito

Nella Sala Pergolesi del Palazzo Carafa di Maddaloni, in collaborazione con il Centro Italiano di Musica da Camera, si è recentemente tenuto il concerto di Luigi Gagliardi, classe 1989, che rientrava nell’ambito dei premi assegnati all’artista in qualità di vincitore assoluto dell’edizione 2015 del Concorso Pianistico Europeo “Don Enrico Smaldone” di Angri (Sa).
L’artista ha proposto un programma molto vario, iniziato con Tango di Igor Stravinskij, scritto nel 1940 dall’autore russo, per motivi di natura prettamente economica in quanto, spostatosi da poco negli USA, aveva serie difficoltà finanziarie.
Il successivo Impromptu, op 66 n. 2, da Three Impromptus for piano (1991) dell’ucraino Nikolai Kapustin, metteva invece in evidenza un compositore tuttora vivente, che spesso ama conciliare nei suoi lavori classica e jazz.
Era poi la volta di un altro musicista russo, Sergej Rachmaninov, con il Momento Musicale op. 16 n. 3, tratto dai Sei Momenti Musicali, op. 16 (1896), mentre la prima parte si chiudeva con i Three Preludes for piano dello statunitense George Gershwin, che originariamente dovevano comprendere ben 24 pezzi brevi e vennero eseguiti in “prima” assoluta dal compositore in persona a New York nel 1926.
Dopo un breve intervallo, è toccato al Bolero, op. 19, brano di Fryderyk Chopin non molto conosciuto, completato nel 1833 e pubblicato l’anno seguente con dedica alla Contessa Émilie de Flahaut.
Il recital si chiudeva nel segno di Franz Liszt con la Ballata n. 2 in si minore e la Rapsodia Ungherese n. 11 in la minore.
La prima venne composta da Liszt nel 1853, durante la sua permanenza a Weimar, dove ricopriva il ruolo di Maestro di Cappella e contiene richiami al mito classico di Ero e Leandro, mentre la seconda appartiene ad un gruppo di 19 brani, basati su temi popolari magiari, concepiti fra il 1846 ed il 1853.
Per quanto riguarda l’interprete, Luigi Gagliardi si è dimostrato un bravo pianista che, pur affrontando con uguale impegno l’intero programma, mostrava di prediligere i brani più vicini alle sonorità jazzistiche, come quelli di Kapustin e di Gershwin.
Pubblico attento e partecipe, per una serata molto raccolta, aperta dalla presentazione della professoressa Maria Pia Cellerino, Direttore Artistico dell’Associazione Culturale e Musicale “Euterpe” di Angri (Sa), che organizza il concorso “Don Enrico Smaldone”, dove ha prevalso un’atmosfera di salotto d’altri tempi, grazie ad un luogo storico le cui pareti sono impregnate di musica.
Appuntamento, quindi, al prossimo anno, con una lodevole iniziativa che metterà sicuramente in evidenza qualche altro giovane talento.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

11 luglio, 2015 Posted by | Associazione Culturale e Musicale “Euterpe” di Angri, Associazioni Musicali, Campania, Centro italiano di musica da camera, Concorsi pianistici, Concorso Pianistico Europeo “Don Enrico Smaldone”, Italia, Musica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 24 ottobre l’Autunno in Musica del Conservatorio di Avellino propone due concerti per pianoforte ed orchestra

Locandina Concerti di Autunno al Cimarosa 2014
Continua all’insegna del pianoforte la rassegna del Conservatorio di Avellino Autunno in Musica 2014, ma per questo appuntamento si raddoppia.
Venerdì 24 ottobre, alle ore 19.00 sul palco dell’Auditorium del Cimarosa saranno due i concerti per pianoforte e orchestra che vedranno protagonisti due musicisti di gran pregio.
Il primo presenterà il Concerto op. 16 (Allegro molto moderato, Adagio, Allegro moderato molto e marcato) di Edvard Grieg, al piano Amedeo Francesco Aurilio.
Il secondo il Concerto n. 2 op. 18 (Moderato, Adagio sostenuto, Allegro scherzando) di Sergej Rachmaninov, al piano Massimo Severino.
L’Orchestra quella del Conservatorio, diretta da Antonio Sinagra.
“Si tratta di un’occasione rara – afferma, presentando la serata, il vice direttore dell’Istituto Musicale Antonio Di Palmaperché è veramente difficile avere sullo stesso palco due concerti di questo rilievo. Ci troviamo di fronte a un caposaldo della nuova maniera di concepire il concerto per pianoforte e orchestra, di una complessità tecnica senza uguali, ma davvero commovente”.
E riguardo al concerto di Rachmaninov, è ancora Di Palma a voler sottolineare lo stato d’animo con cui il compositore, che attraversava un doloroso momento di depressione, realizzò quest’opera, il cui secondo movimento ha dato vita alla canzone di grande fama “Stay by myself” che ricordiamo come un successo di Mariah Carey.
Per entrambi i concerti il punto di svolta è da identificare nel rapporto tra pianoforte e orchestra che si stabilisce già dalle prime battute, dove ad introdurre è lo strumento solista contrariamente all’uso della prassi classica.
La scelta operata dai due pianisti per la serata del 24 ottobre è sicuramente una scelta difficile, ma consapevole in perfetto accordo con la bravura degli esecutori.

L’ingresso è gratuito

Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Conservatorio di Avellino
______________________________________

Amedeo Francesco Aurilio
Diplomato in pianoforte nel 1986 con il massimo dei voti sotto la guida di Giovanni Carlo Cuciniello, frequenta un Corso di Perfezionamento Pianistico con Alessandro Specchi ed un Corso Triennale di Esecuzione Pianistica con Franco Medori presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra in Roma.
Successivamente consegue il Diploma in Didattica della Musica, il Diploma di Musica Corale e Direzione di Coro, il Diploma Accademico in Discipline Musicali ad Indirizzo Interpretativo Compositivo in Musica da Camera con votazione 110/110 con lode ed il Diploma Accademico in Discipline Musicali ad Indirizzo Solistico in Pianoforte con votazione 110/110 con lode.
Svolge attività concertistica come solista in formazione da camera e con orchestra sia in Italia che all’estero. Roma: Palazzo della Cancelleria, Napoli: Maschio Angioino, Ville Vesuviane, Barquisimeto Estrado Lara: Teatro Juares ( Venezuela); Cava: Badia Orchestra Filarmonica “G.Verdi”, Cortland N.Y: Dowd Fine Art Center Symphony Orchestra Department of Performing Arts S.U.N.Y; Caracas: Centro Italo-Venezolano ( Venezuela), Osaka (Giappone), Amalfi: Chiostro del Duomo, Maratea:Festival Pianistico Internazionale di Maratea e del Golfo di Policastro, Steinenbronn (Germania); Kremsmunster Sonntagsmusik auf Scloss Kremsegg ( Austria); Catanzaro: Cattedrale; Salerno: Festival Internazionale del Cinema Orchestra Filarmonica “ G. Verdi”; Foggia: Orchestra “ T.L. da Victoria” ecc..
Esplica attività didattica dal 1987 alle dipendenze del Ministero della P.I e del Ministero dell’Università e Ricerca.
Docente di pianoforte presso il C.D.M di Polla, docente di Propedeutica Musicale presso il C.D.M di Postiglione, docente di pianoforte presso il Conservatorio di Musica “N. Rota” di Monopoli.
E’ autore di diverse pubblicazioni e revisioni sulla teoria musicale, solfeggio , composizioni a carattere didattico per pianoforte a 4 mani, per coro polifonico e trascrizioni per piccola orchestra.
E’ titolare di Cattedra presso il Conservatorio di Musica “D. Cimarosa” di Avellino.

Massimo Severino
Ha dato il suo primo concerto all’età di 14 anni con un programma dedicato a F. Chopin.
Si è formato sotto la guida di Aldo Tramma, Sergio Perticaroli e Andrej Jacinsky presso il Conservatorio di Musica S.nPietro a Majella di Napoli, all’Accademia di Santa Cecilia di Roma e al Mozarteum di Salisburgo.
Vincitore di premi pianistici internazionali come il Viotti-Valsesia, Sergej Rachmaninov e Porrino, ottiene incontri musicali fondamentali con Sergio Fiorentino, Vladimir Ashkenazy e Dmitri Bashkirov.
Si è esibito per prestigiose società concertistiche, dalla Sala Verdi del Conservatorio di Milano per La Società dei Concerti, all’ Auditorium Conciliazione di Roma per l’Accademia di S. Cecilia, Quadrivium di Genova per la G.O.G.,Villa Rufolo (Ravello) per “Ravello Concert’s”, Auditorium RAI (NA) per l’Associazione Scarlatti, Palazzo Ducale (VE) per Blanc et Noir, Grosse Studio Mozarteum (Salisburgo), Teatro dell’Opera del Casinò per la Sinfonica di Sanremo, Anfiteatro per Taormina Arte, Martina Franca per il Festival di Valle d’Itria, Kisinev, per la Filarmonica di Stato della Moldavia, Craiova, per la Filarmonica Oltenia, all’ Auditorium di Capodimonte (NA) per “Maggio Monumenti”.
Membro di diverse giurie di concorsi pianistici nazionali ed internazionali come il “Premio Fiorentino”e il “S. Rachamaninov”, continua la sua attività concertistica esibendosi come solista con orchestre come la Mediterranean Simphony, Orchestra, Sinfonica di Sanremo, Filarmonica di Stato della Moldavia, Nuova Orchestra di Bari, Musica Renovata, e collaborando con direttori d’orchestra come M. Marvulli, D. De Villers, M. Caldi.
Per la musica da camera ha collaborato con J.Daszak, C. Zehier, U.Danhofer per l’integrale degli Scottische Lieder di L. v. Beethoven.
Per il teatro dirige “La Gatta Cenerentola” di Roberto De Simone nei teatri Ponchielli (Cremona), Morlacchi (Perugia), Comunale di Ferrara, Modena, Piacenza, Bonci (Cesena), Augusteo (Napoli). Nel marzo 2014 incide “Mi voz”, album di Tango in collaborazione con l’associazione “diMusicainMusica”.

Antonio Sinagra
Compositore e direttore d’orchestra, compie i suoi studi musicali al Conservatorio “S. Pietro a Majella” di Napoli.
Attualmente è docente al Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino.
Ha composto numerose musiche di scena, tra cui: Il burbero benefico, Il borghese gentiluomo, Estate e fumo, La pelle, Indians, Partitura (per computer e nastro magnetico), Orchestra di periferia, Risorgimento (per grande banda), Molto rumore per nulla, Ubu Roi e molte altre ancora.
Ha scritto l’opera “Delizie & Misteri Napoletani”( prima rappresentazione al Festival di Spoleto-1995) e l’opera/concerto “Sona, Sona” (1989).
E’ autore di commedie musicali tra le quali: L’Opera de’ muort’ ‘e famma, Medea di Porta Medina con Lina Sastri, Teatro Excelsior con Massimo Ranieri, Cantata di Natale per la R.A.I., Ogni anno punto e da capo, Mal’aria prodotto da Media Aetas.
Dal 1980 al 1984 compone le musiche di scena di tutti gli spettacoli di Eduardo De Filippo, fino all’ultimo lavoro “La Tempesta”, rappresentato in prima mondiale nel 1985 alla Biennale di Venezia con l’Orchestra della Fenice diretta dallo stesso autore.
Musica, su commissione dello stesso drammaturgo, le poesie che vengono rappresentate in forma di concerto dal titolo “Penziere Mieje” con la regia di Luca De Filippo.
Ha diretto in vari teatri italiani ed esteri, tra cui: Regio di Parma, Comunale di Firenze, Bologna e Modena, Filarmonica di Verona, Schauspiel di Francoforte, Auditorium della RAI di Napoli, Comunale di Buenos Aires, Comunale di Perugia.
Ha scritto le colonne sonore di vari film, tra cui: “Scusate il ritardo” di Massimo Troisi, e “Sabato, Domenica e Lunedì” per la regia di L. Wertmuller con Sophia Loren e Luca De Filippo.

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

22 ottobre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, musica sinfonica, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 30 novembre il Duo “Sein und Zeit” ospite dei Concerti di Autunno

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Mercoledì 30 novembre, alle ore 20.30, nuovo appuntamento con la rassegna “Concerti di Autunno” 2011, promossa dalla Comunità Evangelica Luterana di Napoli con la direzione artistica di Luciana Renzetti.
In programma presso la Chiesa Luterana di via Carlo Poerio in Napoli, il concerto del Duo “Sein und Zeit” formato da Danilo Squitieri, violoncellista dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, e Fiorenzo Pascalucci, affermato pianista in campo nazionale ed estero.
Il programma della serata propone tre interessanti pagine di autori contemporanei dell’Est Europa: “Suite Italienne” di Igor Stravinskij, “Variazioni su un tema di Rossini” di Bohuslav Martinů e la “Sonata in sol minore op.19” di Sergej Rachmaninov.

Prossimo concerto della Comunità Evangelica Luterana, mercoledì 7 dicembre, evento che chiude la rassegna “Concerti di Autunno” 2011.
Sul palco, Francesco Di Donna al pianoforte e Luca Signorini, primo violoncello del Teatro di San Carlo, impegnati nell’esecuzione di brani di Fauré, Debussy e Franck.

Ingresso libero

Ufficio Stampa
Paolo Popoli
tel.: 329.6197910
email: paolopopoli@gmail.com

Comunità Evangelica Luterana
Chiesa: Via Carlo Poerio, 5 – Napoli
Ufficio: Largo Terracina, 1 – Napoli
Tel +39-081-66-3207
Fax +39-081-660909
email: info@lutero.org

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 novembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Chiesa Luterana, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Prima del concerto | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 21 luglio la 80ª Estate Musicale Chigiana ospita il pianista Joaquín Achúcarro

Critica Classica di Marco del Vaglio:

L’appuntamento con il celebre pianista spagnolo Joaquín Achúcarro è per domani, giovedì 21 luglio, alle ore 21.15, al Teatro dei Rinnovati per la 80ª Estate Musicale Chigiana.
Il concerto si aprirà con la Toccata in do maggiore BWV 564 di Bach nella trascrizione di Busoni per poi proseguire con la Sonata n. 30 in mi maggiore op. 109 di Beethoven.
Nella seconda parte del programma ci saranno tre pagine di Liszt, Liebestraum n. 3 “O Lieb”, Vals Oubliée n.1 e Funerailles, e ancora i Tre Preludi, opera postuma in re minore, op. 32, n. 5 in sol maggiore e op. 32 n. 12 in sol minore di Rachmaninov e i Due Studi op. 8 n. 5 in si maggiore e n. 12 in re diesis minore “Patetico” di Skrjabin.

I biglietti (interi 25 e 18 euro, ridotti 8 euro per studenti, giovani sotto i 26 anni e over 65) saranno in vendita anche domani, giovedì 21 luglio, a partire dalle ore 19.15 presso il Teatro dei Rinnovati.

Per informazioni
tel.: 0577 22091 o www.chigiana.it

Ufficio stampa Accademia Musicale Chigiana
Agenzia Freelance
tel. 0577 219228 – 272123
Sonia Corsi
cell. 335 1979765
Agnese Fanfani
cell. 335 1979385
e-mail: relazioni@chigiana.it o info@agfreelance.it
________________________________________________________________________________

Joaquín Achúcarro

Joaquín Achúcarro vanta 50 anni di carriera concertistica internazionale, nel corso della quale ha suonato in 60 paesi con più di 200 orchestre e 342 direttori.
La sua produzione discografica conta 26 titoli con opere di Beethoven, Brahms, Chopin, Schumann, Schubert, Ravel, Debussy, Falla, Granados, Musorgskij, Rachmaninov, Rodrigo, Turina e Bartók incise per RCA, BMG, Claves, Ensayo, Master of Arts, Arcobaleno e Yamaha. Per la Sony ha inciso il Concerto per pianoforte di Joaquìn Rodrigo nella versione da lui rielaborata su espresso desiderio del compositore. Achucarro si dedica anche con passione all’insegnamento: dal 1989 è docente di pianoforte all’Accademia Chigiana e tiene la Cattedra Speciale di Pianoforte “Joel Estes Tate” della Southern Methodist University di Dallas (Texas).
Nell’aprile 2008 un gruppo di persone e istituzioni ammiratrici di Achucarro ha creato sempre a Dallas la “Joaquín Achúcarro Foundation” allo scopo di perpetuare la sua eredità come artista e insegnante e di aiutare i giovani pianisti agli inizi della loro carriera. Tra le onorificenze ricevute spicca il titolo di “Artist for Peace 2000” conferitogli dall’Unesco a Parigi.
Nel 2003 il Re Juan Carlos di Spagna gli ha concesso la Grande Croce del Merito Civile.
Ha inoltre ricevuto in Spagna la Medaglia d’Oro delle Belle Arti e il Premio Nazionale di Musica.
Nel 2004 Bilbao, la sua città natale, lo ha nominato “Figlio Prediletto”, titolo non concesso a nessuno dal 1965.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

20 luglio, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Pianisti, Prima del concerto | , , , , , , , , , | Lascia un commento

I “Pomeriggi in Concerto” di Napolinova propongono a sorpresa il duo formato da Catello Coppola e Aniello Iaccarino

Il secondo appuntamento dei “Pomeriggi in Concerto” di Napolinova, che hanno luogo nella “Sala delle Conferenze” del Museo Archeologico Nazionale di Napoli, doveva essere dedicato al saggio conclusivo del Master di violoncello, ma problemi di natura organizzativa hanno fatto slittare l’evento.
A questo punto Alfredo de Pascale, direttore artistico della rassegna, non volendo annullare il concerto e privare così il pubblico dei napoletani di una delle pochissime occasioni di ascoltare musica in un periodo morto come quello attuale, ha pensato bene di invitare il duo formato da Catello Coppola (flauto) e Aniello Iaccarino (pianoforte).
I due giovanissimi interpreti hanno affrontato brani prevalentemente del Novecento, iniziando con la Sonata per flauto e pianoforte del ceco Bohuslav Martinů (1890-1959).
Scritta nel 1945, in un particolare momento della vita dell’autore che, esule negli Usa, era fortemente indeciso se rimanere lì, ritornare nella sua patria o prendere qualche altra strada, venne dedicata a George Laurent, all’epoca primo flauto della Boston Symphony Orchestra.
Tipica dello stile di Martinů, la Sonata si caratterizza, tra l’altro, per il movimento conclusivo (Allegretto poco moderato), il cui motivo deriva dal verso di un uccello notturno, il Caprimulgus vociferus, ascoltato dal compositore a Capo Cod nel Massachusetts dove risiedeva per una breve vacanza.
Dopo un salto all’indietro, con la Sonata in do minore, opera giovanile di Gaetano Donizetti (1797-1848), è stata la volta di Vocalise di Sergej Rachmaninov (1873-1943), posta a chiusura delle Quattordici liriche per voce e pianoforte, op. 34 (1915).
Il suo lirismo ha finito per oscurare il resto della raccolta, facendo sì che Vocalise fosse oggetto di numerose versioni, fra le quali anche una per flauto e pianoforte.
Il recital è terminato con la Sonatina di Eldin Burton (1913-1979), arrangiamento per flauto e pianoforte di un pezzo pianistico da lui composto come esercizio, quando era studente alla Juilliard School.
Il brano si aggiudicò nel 1948 una rassegna organizzata dal New York Flute Club, che aveva come premio la pubblicazione della composizione vincitrice a cura dell’editore Schirmer e, grazie a questo, risulta ancora in repertorio, unico nell’ambito della produzione, abbastanza scarna, del musicista statunitense.
Alcune considerazioni, ora, sugli interpreti, il flautista Catello Coppola ed il pianista Aniello Iaccarino, a cominciare dalla loro capacità di concepire, in tempi brevissimi, un programma insolito e ricco di brani di raro ascolto.
Una peculiarità confermata anche nel bis, rivolto a Aria di Otar Taktakishvili (1924-1989), autore a noi completamente sconosciuto, che però ha rappresentato una delle figure di maggior prestigio della musica georgiana del Novecento, avendo ottenuto numerosi premi, scritto l’inno del suo paese ed essendo anche stato eletto Ministro della Cultura.
Ma, oltre a proporre un panorama poco frequentato di buona musica del Novecento, i due esecutori hanno evidenziato elevata bravura e buon affiatamento, per cui si può dire che la scelta effettuata da Alfredo de Pascale si sia dimostrata vincente, e chi non è venuto, perché poco attratto dal violoncello, ha perso sicuramente una grande occasione per poter apprezzare due giovani talenti.
La rassegna proseguirà domenica 17 luglio, come da programma generale, con il tenore Delfo Menicucci e i partecipanti al suo Master Internazionale di Canto e Tecnica Vocale.

Marco del Vaglio

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

14 luglio, 2011 Posted by | Musica classica, Musica da camera, Napoli | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 10 aprile 2011 concerto della pianista Maria Grazia Ritrovato per gli Incontri Musicali dello Zonta International

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 10 aprile, alle ore 11.00, al Circolo Ufficiali della Marina Militare (Via Cesario Console 3 bis), nell’ambito degli Incontri Musicali organizzati dallo Zonta International – 28° Distretto-Area 3 Napoli, si terrà un concerto della pianista Maria Grazia Ritrovato.

In programma musiche di Haydn, Ritrovato, Chopin, Liszt, Rachmaninov

Contributo di beneficenza: Euro 10,00

_______________________________________________

Programma

Haydn: Sonata n. 11 in sol maggiore

Ritrovato: Reciproco Rondo’

Chopin
Valzer op. 69 n.1
Fantasia-Improvviso op. 66

Liszt
Consolation n.3
Studio da concerto n.3” Un sospiro”

Rachmaninov: Preludio op. 23 n. 5

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**
il Video Ufficiale dal CD
NEFELI di Susanna Canessa:

CALEB MEYER
watch on YouTube!Click here

7 aprile, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Concerti, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Pianisti | , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: