MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Mercoledì 16 dicembre la Nuova Orchestra Scarlatti, diretta da Beatrice Venezi, ospite della stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
Mercoledì 16 dicembre, alle ore 21, la Associazione Alessandro Scarlatti, ospita nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo una delle più vivaci realtà musicali cittadine, la Nuova Orchestra Scarlatti, diretta dalla venticinquenne Beatrice Venezi.

Da sempre attiva per la diffusione della musica per il pubblico delle scuole, negli ultimi anni la Nuova Orchestra Scarlatti ha affiancato alle attività concertistiche una serie di iniziative come la Scarlatti Young, orchestra per giovani strumentisti tra gli 11 e i 18 anni, e l’orchestra amatoriale Scarlatti per tutti.

Nel programma della serata, all’intima atmosfera natalizia di Corelli segue la gioiosa vitalità delle Antiche Danze dell’ungherese Farkas, che rielabora in moduli stravinskiani i ritmi magiari.
A un classico del più luminoso ‘900 come la Sinfonietta di Britten, con la sua tarantella finale, fa eco l’invenzione inedita di un compositore napoletano contemporaneo, Patrizio Marrone, dallo stile eclettico e comunicativo, che nel suo”Polittico” (commissionato dalla Nuova Scarlatti nel 2001) parte da un evocativo tema di Gagliarda di metà ‘600 per costruire una rapsodia per archi e fiati che si arricchisce man mano di idee e di colori.
La presa sul pubblico fino al termine del programma è poi assicurata dalla poetica ironia dei quattro deliziosi Valzer di Šostakovič (rielaborazioni strumentali di brani tratti da musiche per film e per balletto degli anni ’30) e dalla Fuga di Piazzolla, in cui contrappunto e tango si contrastano in un crescendo che coinvolge l’ascolto fino all’ultima battuta.

Biglietti
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Mercoledì 16 dicembre, ore 21.00 – Auditorium di Castel Sant’Elmo

Nuova Orchestra Scarlatti
direttore, Beatrice Venezi
clarinetto solista, Gaetano Russo

Programma

Arcangelo Corelli (1653-1713): Concerto grosso op. 6 n. 8 in sol minore ‘fatto per la notte di Natale’

Ferenc Farkas (1905-2000): Antiche danze ungheresi dal secolo XVII per fiati

Benjamin Britten (1913-1976): Sinfonietta op. 1

Patrizio Marrone (1961): Polittico per piccola orchestra (da un tema di Biagio Marini)

Dmjtrij Šostakovič (1906-1975): Quattro valzer per flauto, clarinetto e archi

Astor Piazzolla (1921-1992)
Ave Maria per clarinetto e archi
(clarinetto solista Gaetano Russo)
Fuga per piccola orchestra

Nuova Orchestra Scarlatti
Nuova Orchestra ScarlattiNasce a seguito dello scioglimento dell’Orchestra Scarlatti RAI, debuttando il 21 marzo 1993 all’Auditorium RAI di Napoli, con un concerto diretto da John Neschling, trasmesso sia su Radiotre che in televisione su RAITRE.
A partire dal 1994 è presente sul territorio napoletano e campano con eventi e rassegne periodiche come ad esempio, il “Festival Barocco e…”, giunto alla dodicesima edizione.
Parallelamente, l’orchestra ha tenuto numerosi concerti in importanti centri italiani ed esteri con un repertorio volto particolarmente a valorizzare in Italia e nel mondo il patrimonio della scuola musicale napoletana.
L’Orchestra realizza anche da anni incontri musicali dedicati ai giovani: tra le iniziative più recenti il ciclo di appuntamenti tenutosi presso l’Auditorium della RAI di Napoli nell’autunno 2009 che ha visto la partecipazione di oltre 9.000 tra allievi e docenti provenienti da circa 60 Istituti di Istruzione primaria dislocati in tutta la Campania
Ha inciso dal vivo per la Nuova Era l’opera del ‘700 Amor vuol sofferenza di Leonardo Leo diretta in prima esecuzione moderna e recentemente ha inciso per la Stradivarius Destinazione del Sangue, opera poetico-musicale ispirata al martirio di San Paolo a Roma.
La Nuova Orchestra Scarlatti ha eseguito due grandi concerti per la Pace a Gerusalemme e a Ramallah, nei Territori Palestinesi nell’ottobre 2005.
Altri impegni internazionali due concerti operistici realizzati per la Fondazione del Teatro di San Carlo di Napoli nell’ambito dell’inaugurazione dell’anno Italia-Cina: a Pechino nella Concert Hall della Città proibita e a Tianjin nella Great Hall of People .

Beatrice Venezi
Beatrice Venezi 2Direttore d’orchestra, pianista e compositrice, diplomata in Pianoforte sotto la guida del M.° Norberto Capelli, si è perfezionata con i Maestri Lucchesini, De Maria e Balzani.
Nel 2005 è stata vincitrice del 1° premio assoluto del Concorso Nazionale di Interpretazione Pianistica “R.Zucchi” e nel 2006 del 4° Concorso Internazionale per Giovani Musicisti “R. Zanuccoli”
Allieva del M° Piero Bellugi per la Direzione d’orchestra, si è diplomata presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano con il massimo dei voti cum laude sotto la guida del M° Vittorio Parisi.
Ha approfondito la sua tecnica direttoriale con il M° Gianluigi Gelmetti presso l’Accademia Chigiana di Siena e con i Maestri Oleg Caetani e John Axelrod, dei quali è assistente.
Ha collaborato con festival importanti quali il New European Festival di Stuttgart, il Festival di Bellagio e del Lago di Como, e il Festival Pontino di musica contemporanea.
Ha debuttato presso il Maggio Musicale Fiorentino con l’opera “Candide” di L. Bernstein nel maggio 2015; è stata recentemente insignita del prestigioso “Premio Donna 8 Marzo – La Musica per la Vita” dall’ Associazione ASSAMI – Amici del Conservatorio di Milano.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

14 dicembre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Prima del concerto, Regioni, Sale da concerto | , , , , , , , , | Lascia un commento

Martedì 14 ottobre terza serata di “Autunno in Musica” al Conservatorio di Avellino con il duo Di Lorenzo-Fiscella

Locandina Concerti di Autunno al Cimarosa 2014
Per la terza serata di Autunno in Musica 2014, rassegna organizzata dal Conservatorio Cimarosa di Avellino, ad esibirsi sarà, martedì 14 ottobre, alle ore 19.00, il duo pianistico formato da Giuseppe Giulio Di Lorenzo e Lorenzo Fiscella.

In programma Three easy pieces di Igor Stravinsky; En vacances di Déodat de Séverac; Il marciapiede mobile di Aldo Cusano; 7 variazioni su un tema originale di Lorenzo Fiscella; Divertimento per due pianoforti di Patrizio Marrone.

Three easy pieces di Igor Stravinsky è una raccolta di brani per quattro mani del compositore russo terminata nel 1915 e pubblicata come un insieme nell’inverno del 1917.
Può essere considerato un esempio di Gebrauchsmusik , cioè musica concepita e composta appositamente per qualche scopo e non fine a se stessa.
Lo scopo era quello di insegnare ai suoi bambini a suonare affiancandoli in brani a quattro mani. I tre movimenti sono Marzo, Valzer e Polka.
La produzione di de Séverac comprende, oltre a numerose pagine cameristiche, e a diverse opere liriche, anche un nutrito numero di brani sacri.
È stato organista e compositore e qualcuno lo avvicina a Fauré per stile a armonia.
En vacances è formato da 12 movimenti: Invocation à Schumann; Au château et dans le parc; Les caresses de Grand’Maman; Les petites voisines en visite; Toto déguisé en suisse d’église; Mimi se déguise en marquise; Ronde dans le parc; Où l’on entend une vieille boîte à musique; Valse romantique; La fontaine de Chopin; La vasque aux colombes (terminato da Blanche Selva ); Les deux mousquetaires.
Tratto dalla fiaba musicale “Il Marciapiede Mobile” per orchestra e voce recitante, il brano in programma è la trascrizione per pianoforte a quattro mani operata da Aldo Cusano.

L’ingresso è gratuito

Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Conservatorio
______________________________________

Giuseppe Giulio Di Lorenzo
E’ un brillante pianista, allievo di Francesco Nicolosi, laureato al Conservatorio Cimarosa nel 2012 e diplomato in Musica da Camera all’Accademia Nazionale di Santa Cecilia di Roma.
Vincitore di diversi concorsi pianistici internazionali, si è classificato primo assoluto al “Premio Italia Olimpo Pianistico” di Taranto, come miglior laureato d’Italia, vincendo la medaglia del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, la medaglia del Ministro della Gioventù Giorgia Meloni e una targa d’argento della Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Sin da giovanissimo si è esibito in città italiane per prestigiose associazioni musicali sia da solista che in formazioni cameristiche.

Lorenzo Fiscella
Diplomato in pianoforte a Napoli nel 1990 e poi in musica corale e composizione, ha partecipato a diversi concorsi pianistici, classificandosi sempre tra i vincitori.
Ha composto musica di vario genere: strumentale e vocale.
Dal 1999 è titolare di cattedra al Conservatorio Cimarosa di Avellino.
E’ autore di uno dei brani in programma.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

12 ottobre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Il Coro della Pietrasanta fornisce una rigorosa interpretazione dei brani della scuola polifonica napoletana di ieri e di oggi

Se il Settecento è stato un momento irripetibile per la Napoli musicale, la città partenopea ha comunque vissuto periodi ricchi di fermenti artistici anche precedentemente e, ancora oggi, è patria di autori molto validi, seppur con visibilità decisamente minore.
Un capitolo abbastanza trascurato, che il Coro della Pietrasanta, nato nel 1998 e diretto, fin dai suoi albori, dal maestro Rosario Peluso, ha voluto approfondire in un concerto dal titolo “ ‘Sto Core Mio – degli Antiqui e de’ Moderni nella Scuola Napoletana dal ‘500 al ‘900”, organizzato dalla Società Polifonica della Pietrasanta.
Nella prestigiosa cornice della Chiesa di Santa Maria Donnalbina l’ensemble ha eseguito un programma che, nella prima parte, era dedicato alla villanella cinquecentesca.
Si è così potuto apprezzare come un genere, tipicamente napoletano, fosse diventato parte integrante del repertorio colto, sia di autori locali quali Giovanni Domenico da Nola, sia di musicisti come il barese Pomponio Nenna ed il fiammingo Orlando di Lasso.
Al Novecento e all’attualità era invece rivolta la seconda parte, iniziata con ‘Sto Core Mio del maestro Peluso, pezzo decisamente contemporaneo, che si basava sulle note dell’omonimo brano di Orlando di Lasso, una sorta di ideale collegamento fra il Rinascimento e i giorni nostri.
Era poi la volta di Ipolita, un inedito madrigale “moderno”, con il quale Roberto Altieri ha voluto fornire il suo contributo alla serata, seguita dalla prima esecuzione napoletana dei Due canti a cinque voci (L’ombra dei boschi d’Aser e Saltavan Ninfe), lavori giovanili di Pietro Clausetti (1904-1963), noto soprattutto per le sue colonne sonore.
Ultimo brano di un autore partenopeo, l’essenziale Carpe Diem di Patrizio Marrone, anche questo scritto appositamente per la manifestazione, che ha preceduto In Memoriam del romano Michele Iosia, Lux Aurumque dello statunitense Eric Whitacre e Deo gratias dell’estone Urmas Sisask, posti a completamento della panoramica legata alla musica corale del nostro tempo.
Per quanto riguarda il Coro della Pietrasanta, molto ben diretto da Rosario Peluso, ha confermato di essere un’ottima realtà.
Ciò che colpisce soprattutto, è la sua capacità di passare, senza alcun problema, dalla musica del Cinquecento a quella contemporanea, per la quale sembra possedere una particolare propensione e, non è un caso, se compositori come Altieri e Marrone abbiano affidato all’ensemble la “prima” di due loro creazioni.
Pubblico numerosissimo, che ha chiesto ed ottenuto un bis rivolto al divertente Les boites à musique di Guy Lafarge e Pierre Philippe, con il quale si è chiusa una serata volta ad evidenziare le eccellenze napoletane del lontano passato e di oggi.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

13 giugno, 2011 Posted by | Canto, Concerti, Musica, Musica classica, Napoli | , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: