MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Martedì 24 maggio al Conservatorio di Avellino prosegue la rassegna “Parole di Musica” con uno studio sulla canzone napoletana

Copertina libro The neapolitan canzona
Martedì 24 maggio, alle ore 15.00, il Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino presenta The Neapolitan Canzone in the Early Nineteenth Century as Cultivated in the Passatempi musicali of Guillaume Cottrau, edited by Pasquale Scialò, Francesca Seller, Anthony R. DelDonna, (Lanham, Lexington Books, 2015).
L’evento è parte della rassegna letteraria dell’Istituto musicale, Parole di Musica – novità editoriali nel mondo musicale e musicologico, organizzata dal corso accademico di II livello in Discipline storiche critiche e analitiche della musica e coordinata dal prof. Antonio Caroccia.
A presentare il volume, insieme ai curatori, saranno Marta Columbro e Francesco Pareti.

Questo volume è uno studio multidisciplinare della tradizione napoletana del canto ottocentesco o “Canzona napoletana”.
Si basa su fonti primarie (manoscritti musicali originali, corrispondenza, diari e materiali storici varie) e secondarie recuperate da archivi napoletani, biblioteche e collezioni private.
Il libro ha come obiettivo la figura di Guillaume Cottrau (1797-1847), un musicista ed editore che ha lasciato una larghezza significativa di brani originali, arrangiamenti e canzoni presenti nella serie intitolata “Passatempi musicali”.
I brani presenti nei “Passatempi musicali” rimangono all’interno del repertorio internazionale della canzone napoletana, tra cui “Fenesta vascia”, “Lo Guarracino”, “Cannetella,” e molti altri.
Sono, inoltre, strettamente legati alla identità storica, culturale e linguistica di Napoli e della diaspora napoletana.
Questo volume è il primo del suo genere in lingua inglese e offre contributi originali di ricerca su Cottrau, sulla cultura del tempo, sugli artisti e la loro musica, che hanno reso celebre e internazionale la Canzona napoletana.

Per info:
Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino
via Circumvallazione, 156
Ufficio Stampa
Eleonora Davide: (+39) 333.7179479

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

20 Mag, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Libri, Musica | , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 12 agosto Enzo Moscato a “Un’Estate al Madre” con “Toledo Suite”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Subito prima della pausa di Ferragosto, venerdì 12 agosto 2011, alle ore 21.30, in scena al Museo Donnaregina (via L. Settembrini n. 79 – Napoli), “Toledo Suite”, recital tra musica e teatro scritto, diretto e interpretato da Enzo Moscato per una performance d’eccezione, curata da “Progetto Sonora”, nell’ambito della IV edizione di “Un’Estate al Madre”.
Da Viviani, Gill, Taranto e Trovajoli, sino a Brecht, Eisler, Weill, Marguerite Duras un viaggio tra i graffiti vocali dell’anima che non conoscono barriere e confini.
Lo spettacolo si avvale di alcune collaborazioni ‘storiche’ del teatro di Moscato: da Mimmo Paladino, che firma le immagini sceniche, a Pasquale Scialò, autore delle elaborazioni e della direzione musicale, a Cesare Accetta per le luci, a Tata Barbalato per i costumi.
È un iter sonoro e interpretativo colto e popolare al tempo stesso, elegante e ricercato, eppure vivido, autentico e diretto.
Un recital fortemente suggestivo, carico di emozioni, dalle sensazioni nette, che attraversa generi e repertori canori differenti, tenuti insieme da due componenti essenziali: uno chansonnier straordinario e un unico filo tematico che unisce tre elementi: il quartiere “Toledo”, la musica e le puttane.
Un interprete di successo come Moscato, il cui debutto in teatro è nel ’76, poi anche autore di pièce teatrali, quindi dato in prestito alla TV e al cinema, in lavori di celebri registi come Pappi Corsicato, Mario Martone, Antonella De Lillo e Massimo Andrei, riesce a dar vita a uno spettacolo intenso, in cui diversi linguaggi artistici, quello canoro, musicale e figurativo, si mescolano in maniera armoniosa ed equilibrata.
«“Toledo-Suite”… ovvero ‘Recital’ o ‘Serata-Voce’. Viaggio nel flusso canoro-migratorio dei generi vocali più diversi, come spiega l’autore stesso…
Enzo Moscato una sera, e quel suo canto/carezza/pugnale; quell’indefinibile assenza/presenza sulla scena, affidata alla sua gola. Quel duttile, affascinante gioco, che fa a meno di arredo, di orpelli, di costumi e finzioni.
Che fa a meno di tutto, tranne che della Voce. Forte e fragile pigmento. Forte e fragile epidermide del suo essere ‘così’: antico, moderno, aspro, dolce, smarrito, evocativo, adulto, bambino, terribile e infrangibile Assoluto, che tutto consegna alla forma-canzone, dai trovatori ai coevi cantautori… per sortire una reazione, dar vita a emozioni, lasciare un segno e forse anche una ferita».
Scrive Enrico Fiore su “Il Mattino”, a proposito di una messinscena di questo straordinario percorso nell’incomparabile vocalità di Moscato che «…la musica qui va intesa come soglia tra il tormento di un’asfissia subita e il conforto di un’evasione sognata. E non a caso, allora, della musica vengono chiamate a parlare, fra una canzone e l’altra, le puttane che comparivano, per l’appunto, in “Toledo suite”, il testo dell’88 che faceva parte di “Tiempe sciupate”…».
E a tutto ciò, a un’atmosfera spiazzante, a una teoria di apparenti contraddizioni, di volute dissonanze, di contrasti cercati, contribuisce, per paradosso, da un parte, il dialogo fluido e naturale dell’interprete con le raffinate raffigurazioni di Mimmo Palladino proiettate sullo schermo; dall’altra, quello, altrettanto spontaneo e complice, instaurato con le creazioni musicali di Pasquale Scialò.

La Formazione:
Enzo Moscato, autore e interprete;
Mimmo Paladino, immagine sceniche;
Pasquale Scialò, composizioni originali ed elaborazioni musicali;
Tata Barbalato, costumi;
Claudio Romano, chitarra;
Paolo Sasso, violino.

Costo del biglietto: 12 Euro
Info e prenotazioni:
081/19313016
prevendite circuito: www.go2.it

Ufficio Stampa “Progetto Sonora”:
Victoriano Papa
cell.: 333/2824262,
e-mail: victorianopapa@alice.it
sito web: www.progettosonora.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

10 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Teatro, Un'estate al madre | , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: