MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Mercoledì 21 ottobre la stagione concertistica della Associazione Alessandro Scarlatti apre con Gli Archi di Santa Cecilia diretti da Luigi Piovano

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
Mercoledì 21 ottobre, alle ore 21, nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo, si inaugura la Stagione Concertistica 2015/2016 della Associazione Alessandro Scarlatti con una delle indiscusse “eccellenze italiane” che ne sono protagoniste, Gli Archi di Santa Cecilia diretti da Luigi Piovano.
Da sempre la musica da camera è una delle attività dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia; ma negli ultimi anni ha acquisito ancora maggior rilevanza e i musicisti dell’Orchestra formano regolarmente diversi ensemble.
Gli Archi di Santa Cecilia sono costituiti dal nucleo forte di un’orchestra che sta conseguendo molti e meritati successi non solo nella sede romana, ma anche nelle tournée che sempre più spesso compie in Italia e all’estero.
Luigi Piovano è primo violoncello dell’orchestra ceciliana, musicista valoroso e focoso, ed è altrettanto intenso come direttore dell’orchestra d’archi dell’Accademia romana che gli è stata affidata direttamente da Sir Antonio Pappano.
Il programma presentato a Napoli proporrà due capolavori, i due classici per eccellenza scritti per una orchestra d’archi: le Serenate di Dvořák e di Čajkovskij, introdotte dal Concerto per archi di Nino Rota.

Biglietti:
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Mercoledì 21 ottobre 2015, ore 21.00 – Auditorium di castel Sant’Elmo

Gli Archi di Santa Cecilia
direttore: Luigi Piovano

Programma

Nino Rota (1911- 1979): Concerto per archi

Antonín Dvořák (1841-1904): Serenata per archi in mi maggiore op. 22

Pëtr Il’ič Čaikovskij (1840 – 1893): Serenata per archi in do maggiore op. 48

Gli Archi di Santa Cecilia

©Musacchio & Ianniello

©Musacchio & Ianniello

L’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è stata la prima in Italia a dedicarsi esclusivamente al repertorio sinfonico.
Dal 1908 a oggi ha tenuto circa 15.000 concerti collaborando con i maggiori musicisti del secolo: è stata diretta, tra gli altri, da Mahler, Debussy, Strauss, Stravinskij, Hindemith, Sibelius, Toscanini, Furtwängler, De Sabata e Karajan.
I suoi direttori stabili sono stati Bernardino Molinari, Franco Ferrara, Fernando Previtali, Igor Markevitch, Thomas Schippers, Giuseppe Sinopoli, Daniele Gatti e Myung-Whun Chung.
Dal 1983 al 1990 Leonard Bernstein ne è stato il Presidente Onorario.
Da quando, nel 2005, Sir Antonio Pappano ha assunto la carica di Direttore Musicale, il prestigio dell’Orchestra ha avuto uno slancio straordinario ottenendo i più importanti riconoscimenti internazionali sia in occasione delle numerose tournée sia per le registrazioni discografiche.
Dopo aver inciso per le maggiori etichette internazionali sotto la direzione di Maestri quali De Sabata, Solti, Maazel, Schippers, Giulini, Sinopoli, Bernstein, Gatti e Chung, oggi l’Orchestra di Santa Cecilia può vantare un rapporto in esclusiva con la EMI Classics (ora Warner Classics).
Tra le pubblicazioni più recenti dirette da Sir Antonio Pappano ricordiamo la Sesta Sinfonia di Mahler, la Nona Sinfonia di Dvořák, la Petite Messe Solennelle di Rossini e il War Requiem di Britten.
Da sempre la musica da camera è una delle attività dell’Orchestra di Santa Cecilia; negli ultimi anni ha acquisito ancora maggior rilevanza e i musicisti dell’Orchestra formano regolarmente diversi ensemble.
Dopo il grande successo ottenuto nel maggio 2013 nella stagione da camera di Santa Cecilia in occasione di un concerto con musiche di Schubert, l’Orchestra d’Archi dell’Accademia di Santa Cecilia ha avviato una collaborazione stabile triennale con Luigi Piovano, primo violoncello solista dell’Orchestra.
Nel marzo 2014 l’etichetta francese Eloquentia ha pubblicato il primo CD del gruppo sotto la direzione di Piovano con lo stesso programma del concerto di esordio: la Sonata “Arpeggione” nella trascrizione per violoncello e orchestra d’archi dello stesso Piovano (qui anche in veste di solista) e il Quartetto “La Morte e la Fanciulla” nella trascrizione per orchestra d’archi di Gustav Mahler.
Il CD ha avuto splendide recensioni sulla stampa internazionale.
Nel 2015, subito dopo un nuovo concerto nella stagione da camera dell’Accademia di Santa Cecilia, gli Archi hanno registrato un secondo CD sotto la direzione di Luigi Piovano per Eloquentia con in programma le due Serenate di Ciaikovskij e Dvořák.

Luigi Piovano

©Musacchio & Ianniello

©Musacchio & Ianniello

Primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, Luigi Piovano si è diplomato in violoncello a 17 anni col massimo dei voti e la lode sotto la guida di Radu Aldulescu, con cui in seguito si è diplomato in violoncello e musica da camera anche al Conservatorio Europeo di Parigi.
Premiato in diversi concorsi internazionali, è stato borsista della “International Menuhin Music Academy” di Gstaad e membro della “Camerata Lysy” e si è esibito, anche come solista, sotto la direzione di Yehudi Menuhin.
Per diversi anni ha fatto parte del Quartetto Michelangelo ed è stato primo violoncello del gruppo Concerto Italiano, diretto da Rinaldo Alessandrini, suonando nelle più prestigiose sedi internazionali e registrando numerosi CD.
Nel 1999 è stato scelto da Maurizio Pollini per partecipare al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, ripreso nel 2001 alla Carnegie Hall di New York, a Tokyo nel 2002 e a Roma nel 2003.
Dal 2000 è regolarmente ospite del Festival di Newport (USA). Ha tenuto concerti di musica da camera con Wolfgang Sawallisch, Myung-Whun Chung, Alexander Lonquich, Dmitry Sitkovetsky, Leonidas Kavakos, Katia e Marielle Labeque, Malcolm Bilson.
Dal 2007 suona regolarmente in duo con Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio “Latitude 41”.
Ha suonato come solista con prestigiose orchestre – Tokyo Philharmonic, New Japan Philharmonic, Accademia Nazionale di Santa Cecilia – sotto la direzione di Chung, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi.
Fra i suoi dischi più recenti, le Sei Suites di Bach (2010) per la Eloquentia che nel 2011 ha pubblicato anche l’integrale per violoncello di Saint-Saëns e un CD di musiche di Schubert con Latitude 41. Nel 2012 la Nimbus ha pubblicato le Variazioni Goldberg di Bach registrate in trio con Dmitry Sitkovetsky e Yuri Zhislin.
Suona un Alessandro Gagliano del 1710 e un violoncello a cinque corde William Forster III del 1795.
Dal 2002, fondata l’Orchestra da Camera della Campania – che nel 2010 ha mutato il proprio nome in quello di “Musici Aurei” –, Piovano si dedica sempre più anche alla direzione.
Ha registrato per la Naxos tre Concerti per pianoforte e orchestra di Paisiello (2009, solista Francesco Nicolosi) e per la Eloquentia le Quattro Stagioni di Vivaldi (2010, solista Grazia Raimondi), e ha collaborato con solisti come Luis Bacalov, Maurizio Baglini, Gemma Bertagnolli, Stefano Bollani, Michele Campanella, Sara Mingardo, Dmitry Sitkovetsky, François-Joël Thiollier.
Nel 2012 la Eloquentia ha pubblicato un CD in cui dirige i Kindertotenlieder e i Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler con Sara Mingardo e Musici Aurei, premiato in Francia dalla Académie du disque lyrique come miglior CD di Lieder dell’anno.
Di recente uscita, sempre per Eloquentia, il Concerto per violino di Britten con Livia Sohn come solista.
Dal 2008 è direttore artistico dell’Estate Musicale Frentana in Lanciano.
Nel 2010 ha ricevuto a L’Aquila il Premio Carloni “Premio Speciale Abruzzo Musica”.
Nel 2011, dopo il suo debutto come direttore e solista con l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, è stato invitato da quest’orchestra a tornare ogni anno in stagione come solista-direttore fino a tutto il 2014.
Nel 2012 è stato nominato direttore musicale dell’Orchestra della Magna Grecia di Taranto.
Dal 2013 è il nuovo direttore musicale di Roma Tre Orchestra.
Dopo il grande successo ottenuto nel 2013 dirigendo il gruppo degli Archi dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in un concerto di musiche di Schubert al Parco della Musica di Roma e l’immediata registrazione del medesimo programma per un CD pubblicato dalla Eloquentia nel marzo 2014, Piovano ha avviato una collaborazione stabile triennale alla testa degli Archi di Santa Cecilia.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

19 ottobre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica da camera, Napoli, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 1 Aprile inaugurazione della XVII Edizione dei Concerti di Primavera organizzati dalla Comunità Evangelica Luterana di Napoli

chiesa-evangelica-luterana1
Mercoledì 1 aprile 2015 (ore 20.30, Chiesa Luterana di Napoli – v. Carlo Poerio, 5), è in programma l’inaugurazione della diciassettesima edizione dei “Concerti di Primavera”, con sei appuntamenti musicali ad ingresso gratuito, promossi dalla Comunità Evangelica Luterana di Napoli presieduta da Riccardo Bachrach, per la direzione artistica di Luciana Renzetti.

Il primo concerto vedrà in scena il pianista Gianluca Luisi in un recital monografico dedicato alla trascrizioni di pagine operistiche di Franz Liszt, tratte dal “Trovatore”, “Rigoletto” e “Don Carlos” di Giuseppe Verdi, “Faust” di Charles Gounod, e “Tannahuser” e “Tristano e Isotta” di Richard Wagner.
La serata propone un ricordo del maestro Aldo Ciccolini, a due mesi dalla sua scomparsa, con gli interventi di Antonio Di Palma, Luciana Renzetti e dello stesso Luisi che eseguirà nella parafrasi lisztiana “Isoldes Liebestod”, brano particolarmente caro al grande pianista napoletano.

La diciassettesima edizione dei “Concerti di Primavera” dedica ampio spazio ai repertori contemporanei di rara esecuzione e ai giovani talenti della scena musicale.
Mercoledì 8 aprile, Andrea Montefoschi e Marco Marzocchi proporranno un programma dal titolo “Le suggestioni della Grande Madre Russia”, con brani, tra l’altro, del compositore classe 1993 Artem Nikitenko.
Mercoledì 15 aprile il Kansax Quartett rileggerà con i suoi sassofonisti pagine classiche e moderne, firmate da Bach, Debussy, Piazzolla, Rota e Iturralde.
Mercoledì 22 aprile il Quintetto Anemos commemorerà la Prima Guerra Mondiale, con opere composte durante il conflitto da autori del calibro di Respighi, Casella e Ravel.
Mercoledì 29 aprile si terrà la serata di premiazione del quindicesimo Concorso di Composizione della Comunità Evangelica Luterana di Napoli: in gara, per il premio della Giuria e per il premio intitolato a Franco Caracciolo, dieci composizioni finaliste, scelte tra le numerose partecipanti per le due sezioni, coro femminile e chitarra, ispirate quest’anno alle liriche di Alda Merini; la lettura è a cura dell’attore Alessandro Paschitto, esecuzione affidata al chitarrista Alessandro Di Gregorio e al Coro Femminile della Comunità Luterana di Napoli diretto dal maestro Carlo Forni.
Domenica 3 maggio (ore 19.00), prosegue il percorso di valorizzazione della tradizione mandolinistica di Raffaele Calace, intrapreso dal 2013 con Raffaele La Ragione: il musicista -che di recente ha pubblicato per Brilliant Classic il disco “Serenata Napoletana” con Giacomo Ferrari– sarà in scena per l’appuntamento di chiusura con il Melis Mandolin Quartet, la pianista Maria Di Franco e, per la prima volta a Napoli, l’orchestra a plettro “Delfini d’Oro” di Nagoya, formazione giapponese di ventiquattro musicisti non professionisti, specializzata nel repertorio mandolinistico classico e contemporaneo, anche partenopeo, fondata nel 1987.

La diciassettesima edizione della rassegna “Concerti di Primavera” è realizzata con il contributo spontaneo dei cittadini che donano alla Chiesa Luterana l’otto per mille, e con il sostegno degli sponsor tecnici Progetto Piano della ditta Alberto Napolitano e Fondazione Evangelica Betania.
Insieme con i “Concerti di Autunno”, la rassegna si inserisce nel più ampio programma di iniziative a scopo culturale, solidale e sociale, promosse dalla Comunità Evangelica Luterana di Napoli, attiva sul territorio da oltre venti anni.

I concerti sono tutti alle ore 20.30, tranne quello del 3 maggio che è alle ore 19.00.
I concerti sono tutti a ingresso libero.

Infoline:
www.celna.it
tel. 081-8043130
lucianarenzetti@gmail.com

Ufficio Stampa
dott. Paolo Popoli
tel.: 329.6197910
email: paolopopoli@gmail.com

Comunità Evangelica Luterana
Chiesa: via Carlo Poerio, 5 – Napoli
Ufficio: largo Terracina, 1 –Napoli
Tel +39-081-0900133 / Fax +39-081-660909
email: napoli@chiesaluterana.it
www.celna.it

_________________________________________________________

Programma generale XVII Edizione “Concerti di Primavera” 2015

Mercoledì 1 aprile 2015, ore 20.30
Chiesa Luterana di Napoli
Inaugurazione
Gianluca Luisi, pianoforte
“Una serata all’Opera” ricordando Aldo Ciccolini*

Musiche di Franz Liszt (1811 – 1886)
Isoldes Liebestod (R. Wagner)
Miserere dal Trovatore (G. Verdi)
Valzer di Faust (C. Gounod)
Rigoletto (Verdi)
Don Carlos (Verdi)
Tannhauser Overture (R. Wagner)
*Intervengono nel corso della serata: Antonio Di Palma, Luciana Renzetti e Gianluca Luisi

Mercoledì 8 aprile 2015, ore 20.30
Chiesa Luterana di Napoli
Andrea Montefoschi, flauto
Marco Marzocchi, pianoforte
“Suggestioni dalla Grande Madre Russia”

Otar Taktakisvili (1924-1989): Sonata per flauto e pianoforte
Edison Denissow (1929 – 1996): Sonata per flauto e pianoforte
Artem Nikitenko (1993): Sonatina per flauto e pianoforte
Sergej Prokof’ev (1891-1954): Sonata op.94 per flauto e pianoforte

Mercoledì 15 aprile 2015, ore 20.30
Chiesa Luterana di Napoli
Kansax Quartet**
** Vittorio Quinquennale, sax soprano
** Fabio Sullutrone, sax contralto
** Enzo Spizzuoco, sax tenore
** Giuseppe Moscato, sax baritono

Johann Sebastian Bach (1685 – 1750): Badinerie dalla Suite n. 2
Johann Sebastian Bach: Concerto Italiano
Claude Debussy (1862 – 1918): Clair de lune
Maurice Ravel (1875 – 1937): Bolero
Astor Piazzola (1921 – 1992): Escualo
Astor Piazzolla: Tanti anni prima
Pedro Iturralde (1929): Pequeña Czarda
Nino Rota (1911 – 1979): La Passerella di 8 ½

Mercoledì 22 aprile 2015, ore 20.30
Chiesa Luterana di Napoli
Quintetto ANEMOS **
** Filippo Mazzoli, flauto
** Marika Lombardi, oboe
** Nicola Zuccalà, clarinetto
** Ivan Calestani, fagotto
** Albin Lebossé, corno

Musiche composte durante la Prima Guerra Mondiale
Ottorino Respighi (1879-1936): Quintetto
Giorgio Federico Ghedini (1892-1965): Quintetto n. 1
Maurice Ravel (1875-1937): Tombeau de Couperin
Marco Enrico Bossi (1861-1925): Siciliana e Giga op. 73
Alfredo Casella (1883-1947): Pupazzetti op. 27

Mercoledì 29 aprile 2015, ore 20.30
Chiesa Luterana di Napoli
XV Concorso di composizione
Serata di premiazione
Alessandro Paschitto, voce recitante
Alessandro Di Gregorio, chitarra
Coro Femminile Luterano di Napoli
Direttore: Carlo Forni

Domenica 3 maggio 2015, ore 19.00
Chiesa Luterana di Napoli
Raffaele La Ragione, mandolino
Melis Mandolin Quartet **
** Salvatore Della Vecchia e Carla Senese, mandolini
** Marcello Smigliante Gentile, mandola
** Riccardo Del Prete, chitarra
Maria Di Franco, pianoforte

Musiche di Raffaele Calace (1863 – 1934)
Danza Esotica op.165 per quartetto romantico
Ouverture Genova op.143 per mandolino, mandola, mandoloncello e pianoforte
Concerto a plettro op.155 per quartetto classico e chitarra
Impressioni Orientali op.132 per quintetto a plettro e pianoforte

per la prima volta a Napoli
Orchestra a plettro “Delfini d’Oro” di Nagoya
Toshifumi Ariga: “Furusato” Trasfigurazione dell’Amore e Gioia
Raffaele Calace: Poupee Qui Danse Op.90 (Rid. Jiro Nakano)
Giuseppe di Giorgio Miceli: Serenata (Rid. Jiro Nakano)
Raffaele Calace (1863 – 1934): Danza e Cantabile Op.30 (Rid. Jiro Nakano) *
*Mandolino solo: Hirokazu Nan’ya
Enrico Marucelli (1877 – 1907): Capriccio Zingaresco (Rid. Eiji Kaeriyama) *
*Mandolino solo: Hirokazu Nan’ya
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

28 marzo, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazioni Musicali, Campania, Chiesa Luterana, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica corale, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 5 gennaio “Aspettando… la Befana!” con il Coro di Voci Bianche e il Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Proseguono gli appuntamenti delle festività natalizie del Teatro di San Carlo con il terzo evento della stagione Extra.
Giovedì 5 gennaio, alle ore 19.00, nel Foyer storico del teatro va in scena “Aspettando…la Befana!” protagonisti il Coro di Voci Bianche e il Corpo di Ballo del Massimo partenopeo.
Le Voci Bianche, dirette da Stefania Rinaldi, e accompagnate al pianoforte da Luigi Del Prete, proporranno un viaggio musicale attraverso le canzoni più famose del Santo Natale e le più celebri melodie del repertorio natalizio.
In programma, classici come “Adeste Fideles” (solista Maria Mormile), “Adagio” di Tomaso Albinoni (solista Lucia Azzi), e il medley composto da “Halleluja”, “Silent Night”, “Tu scendi dalle stelle”, “The First Noel”, “White Christmas” e “Gloria in excelsis deo” con voci soliste Sara Aluthudarage, Daniela Del Genio, Angela Malagisi, Beatrice D’Esposito, Elena e Fulvia Mazzella e Annachiara Simeone.
In chiusura, il messaggio di pace di “Happy Xmas (War is over)” di John Lennon (solisti Sara Aluthudarage, Daniela Del Genio, Angela Malagisi), e le melodie gospel di “Oh, Happy day” di Edwin Hawkins e di “Hail Holy Queen” di Marc Shaiman.
A seguire, l’esibizione dei Solisti, Primi ballerini e del Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo, diretto da Alessandra Panzavolta, con estratti dai balletti “Without Words” (coreografie di Nacho Duato, musiche di Franz Schubert) e “La Strada” (coreografie di Mario Pistoni, musiche di Nino Rota).

Entrambe le coreografie verranno poi riproposte sabato 7 gennaio, alle ore 18.00, ai laboratori artistici di Vigliena per l’appuntamento conclusivo della programmazione natalizia del Teatro di San Carlo.

Concerto “Aspettando…la Befana!”: posto unico 15 euro

(Infoline: 0817972331–412 – email: biglietteria@teatrosancarlo.it)

Ufficio Stampa Teatro di San Carlo
tel. 081.7972301-202
email: ufficiostampa@teatrosancarlo.it;
a.irollo@teatrosancarlo.it

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

1 gennaio, 2012 Posted by | Canto, Concerti, Danza, Musica, Musica classica, Napoli, Teatro San Carlo | , , , , , , , | Lascia un commento

La violoncellista Silvia Chiesa dà il via al “Progetto Nino Rota”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Alzi la mano chi non ricorda l’irresistibile marcia nel film di Fellini Otto e ½ o la straziante melodia nel Padrino di Ford Coppola.
Sono soltanto due tra le decine di colonne sonore composte da Nino Rota per Fellini, Coppola, ma anche per Visconti, Zeffirelli o Monicelli, e fanno ormai parte della memoria collettiva.
Ancora in gran parte sconosciuta è invece la ricca produzione di opere liriche, sinfonie, musica da camera, a cui il maestro si dedicava con competenza e passione.
Un’occasione per scoprire questo tesoro musicale, meno noto ma non meno emozionante, è fornita dal “Progetto Nino Rota” che prende il via nelle prossime settimane in occasione del centenario della nascita del compositore (Milano 3 dicembre 1911 – Roma 10 aprile 1979).
Ne è protagonista Silvia Chiesa che ha deciso di portare sotto i riflettori due capolavori sconosciuti: i Concerti per violoncello e orchestra.
Il primo fu composto nel 1972 insieme alle musiche per Il Padrino (che fece vincere a Rota l’Oscar per la colonna sonora), il secondo è del 1973, lo stesso anno di Amarcord.
E’ in uscita nei prossimi giorni il CD (Sony) con i Concerti per violoncello di Rota interpretati da Silvia Chiesa con l’Orchestra della Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris: si tratta della prima registrazione mondiale dei due brani con interpreti tutti italiani, solista, direttore e orchestra.
Il Secondo Concerto di Rota sarà presentato dal vivo alla Festa del Violoncello, in programma venerdì 11 novembre all’Auditorium Toscanini di Torino, dove Silvia Chiesa suonerà con l’Orchestra Rai di Torino diretta da Gürer Aykal (nella stessa serata si esibiranno anche i violoncellisti Giovanni Sollima e Massimo Macrì).
Un’anteprima è invece prevista in Francia, nella serata inaugurale della stagione del Teatro dell’Opera di Rouen, venerdì 9 e domenica 11 settembre: la violoncellista milanese interpreterà il Secondo Concerto con l’Orchestre de l’Opéra de Rouen diretta da Luciano Acocella.

“Nei Concerti per violoncellocommenta Silvia Chiesasi ritrova l’inesauribile vena melodica che caratterizza i lavori per il cinema di Rota. Il compositore qui fa ‘cantare’ al solista temi carichi di suggestione, esaltati dalla ricchezza timbrica dell’orchestra. Anche all’ascolto si notano molte affinità con le colonne sonore, che non sfuggiranno agli appassionati del grande schermo”.

Info:
www.sonymusic.com
www.operaderouen.fr
www.orchestrasinfonica.rai.it

Silvia Chiesa
Milanese di nascita e bolognese per scelta, Silvia Chiesa è la più conosciuta violoncellista italiana sulla scena internazionale.
Dopo gli studi con Filippini, Brunello e Janigro, ha intrapreso una brillante carriera solistica e si esibisce regolarmente in Francia (dove di recente la tv France 3 le ha dedicato una puntata dell’ambito programma Toute la musique qu’ ils aiment), ma anche in Inghilterra, Cina, Usa, Russia e Israele.
Ha eseguito in prima italiana musiche di Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Peter Maxwell Davies, Giovanni Sollima e per lei hanno scritto compositori come Azio Corghi e Matteo D’Amico.
Violoncellista del Trio Italiano dal 1997 al 2002, continua a dedicarsi alla musica da camera: in duo con il pianista Maurizio Baglini – suo partner anche nella vita – e con interpreti come Mario Brunello, Bruno Canino, Raina Kabaivanska, Andrea Lucchesini e Shlomo Mintz.
E’ in uscita per Sony il suo CD con i due Concerti di Nino Rota – di cui nel 2011 si celebra il centenario della nascita – insieme con l’Orchestra Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris.
Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

31 agosto, 2011 Posted by | Musica classica, Violoncellisti | , , , , | Lascia un commento

Il violoncello di Silvia Chiesa protagonista dell’Amiata Piano Festival

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Foto Ugo Dalla Porta

Gli appassionati della grande musica di Nino Rota sono avvisati: mancano ormai poche settimane all’uscita del cd con i suoi due Concerti per violoncello interpretati da Silvia Chiesa con l’Orchestra Sinfonica della Rai diretta da Corrado Rovaris (Sony).
A breve sarà disponibile anche l’album con musiche di Brahms e Schubert che la violoncellista milanese ha inciso in duo con il pianista Maurizio Baglini (Decca).
Nel frattempo ecco dove si può ascoltare Silvia Chiesa dal vivo in Italia, in un ricco repertorio di musica da camera che spazia da Bach a Debussy, da Beethoven a Richard Strauss e Dall’Ongaro.
A dividere il palcoscenico con lei saranno, tra gli altri, Alessandro Carbonare, Amanda Favier e Guido Corti.
Dal 7 al 28 agosto sono quattro gli appuntamenti da non perdere, tutti in Toscana, nella suggestiva cornice dell’Amiata Piano Festival.

Amiata Piano Festival
Informazioni per il pubblico:
info: amiatapianofestival.com

Ufficio stampa
Vinar Press
Natascha Rüdinger
cell. 335/6589256
e-mail: press@amiatapianofestival.com

_______________________________________________________

Programma

Domenica 7 agosto, ore 19 – Poggi del Sasso, Grosseto, Sala Musica Colle Massari
Silvia Chiesa, violoncello; Maurizio Baglini, pianoforte; Wolfram Schmitt Leonardy, pianoforte
Musiche di Debussy, Schubert, Mozart, Bach

Sabato 13 agosto, ore 19 – Poggi del Sasso, Grosseto, Sala Musica Colle Massari
Amanda Favier, violino; Marco Rogliano, violino; Silvia Chiesa, violoncello; Maurizio Baglini, pianoforte
Musiche di Debussy, Shostakovich, Dall’Ongaro

Giovedì 25 agosto, ore 19 – Poggi del Sasso, Grosseto, Cantina di Colle Massari
Silvia Chiesa, violoncello; Maurizio Baglini, pianoforte; Alessandro Carbonare, clarinetto
Musiche di Beethoven, Rota, Brahms

Domenica 28 agosto, ore 19 – Poggi del Sasso, Grosseto, Cantina di Colle Massari
Guido Corti, corno; Tedi Papavrami, violino; Silvia Chiesa, violoncello; Maurizio Baglini, pianoforte
Musiche di Hindemith, R. Strauss, Brahms.

Silvia Chiesa
Milanese di nascita e bolognese per scelta, Silvia Chiesa è la più conosciuta violoncellista italiana sulla scena internazionale.
Dopo gli studi con Filippini, Brunello e Janigro, ha intrapreso una brillante carriera solistica e si esibisce regolarmente in Francia (dove di recente la tv France 3 le ha dedicato una puntata dell’ambito programma Toute la musique qu’ils aiment), ma anche in Inghilterra, Cina, Usa, Russia e Israele.
Per lei hanno scritto compositori come Azio Corghi, Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Peter Maxwell Davies, Matteo d’Amico e Giovanni Sollima. Violoncellista del Trio Italiano dal 1997 al 2002, continua a dedicarsi alla musica da camera: in duo con il pianista Maurizio Baglini – suo partner anche nella vita – ed esibendosi anche con interpreti come Mario Brunello, Bruno Canino, Raina Kabaivanska, Andrea Lucchesini e Shlomo Mintz.
E’ in uscita per Sony il suo CD con i due Concerti di Nino Rota – di cui nel 2011 si celebra il centenario della nascita – insieme con l’Orchestra Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris.
Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

3 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Musica da camera, Violoncellisti | , , , , , | Lascia un commento

Al via venerdì 8 luglio la XIV edizione dei “Concerti d’estate di Villa Guariglia” con “Lo scoiattolo in gamba” di Nino Rota ed Eduardo de Filippo

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Venerdì 8 luglio alle ore 21, (Ingresso Libero) si riaccendono i riflettori sul palcoscenico dei “Concerti d’estate di Villa Guariglia organizzati da Tonia Willburger, con il contributo della Provincia di Salerno, del Centro Studi “Raffaele Guariglia”, del Comune di Vietri sul Mare, della Camera di Commercio di Salerno,della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, dell’Ept di Salerno e con la collaborazione tecnica è della Regione Campania, della Coldiretti Salerno e dell’Enoteca Provinciale di Salerno, con la celebrazione del centenario della nascita di Nino Rota e l’inaugurazione della sezione classica della rassegna, curata da Francesco Nicolosi.

La serata avrà il suo preludio nel vernissage della mostra, curata da Enrico De Nicola, Lucia Avigliano e Anna Rita Fasano, nell’ambito della celebrazione del Millennio dell’Abbazia Benedettina della SS. Trinità di Cava de’ Tirreni e benedizione del P. Abate D. Giordano Rota, previsto per le ore 19.30.
Il cenobio benedettino, con le sue immediate pertinenze, ossia i luoghi che ci circondano ed in cui si trova lo scrigno che ospita questa esposizione, sono rappresentati nelle collezioni dell’ambasciatore Guariglia in oggetti ed opere d’arte di natura diversa: quadri, disegni, stampe, libri, cartoline, e persino in un servizio di piatti che il colto diplomatico fece realizzare appositamente dalla Richard-Ginori di Doccia.
Cava, Vietri e Cetara, sono i luoghi dell’immediata giurisdizione dell’abbazia cavense: uniti dalla comune radice storica, e dall’essere oggetto di ammirazione da parte di artisti, letterati e viaggiatori, che in vario modo ne hanno fissato e trasmesso a noi le straordinarie bellezze ambientali ed architettoniche, oggi purtroppo non sempre conservate nello splendore di allora.
Gli oggetti esposti in mostra sono quelli osservati dall’ambasciatore Raffaele Guariglia quotidianamente, i libri sfogliati con l’amore onnivoro per la ricerca, le stampe raccolte in cartelle e le cartoline pazientemente raccolte in album, così come dipinti e disegni di Giacinto Gigante, Gabriele Smargiassi, Consalvo Carelli, Giovanni Giordano Lanza, ossia alcuni tra i grandi maestri del paesaggismo napoletano dell’800.

Alle ore 21, toccherà all’orchestra e al coro del Conservatorio Statale di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno, diretti da Massimiliano Carlini, onorare il tema della rassegna “Seiren Parthenope-il canto della sirena” con la rappresentazione di un’operina, “Lo scoiattolo in gamba”, composta da Nino Rota, nel 1959, per il XXII Festival Internazionale di Musica di Venezia, che si avvarrà della regia di Filippo Morace e dell’ allestimento scenico dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia.
“Lo scoiattolo in gamba” è una favola lirica su libretto di Eduardo De Filippo, su un tema scolastico di Luisa De Filippo.
Ha come protagonista un piccolo scoiattolo, interpretato dal soprano Carla Esposito, che non può rosicchiare perché ha perso in denti e si trova impegnato nell’arduo compito di cucinare per il Re, a cui darà voce il baritono Biagio Pizzuti, pur non essendone capace, in cambio di una dentiera d’oro.
Tra mille peripezie intraprende l’impresa ma non la porta a compimento se non dopo una minaccia di condanna a morte e alla fine, scoprendo di aver nuovamente i suoi denti, mangia tutto e scappa lasciando il Re ed il Ciambellano (ruolo baritonale in cui si alterneranno Antonio Cappetta e Luca Spassiera) con un palmo di naso.
Questa favola è costruita come un’opera lirica in miniatura, con un’introduzione recitata che vedrà protagonista la voce di Fabiana Cozzolino, con arie, duetti, concertati e cori, ma si distingue dall’opera tradizionale per la rapidità e la nitida caratterizzazione delle situazioni musicali e dei personaggi.
La musica, è pura espressione dell’estetica di Nino Rota, ancorata ad una concezione immediata, ingenua e spontanea, che può senz’altro prescindere da proposizioni teoriche e da forzate concettualizzazioni, fedele al primato della melodia e basato su di una tonalità del tutto priva di complicazioni armoniche e su ritmi e forme simmetriche e immediatamente percepibili, che condurrà l’uditorio in un libero giuoco di associazioni, spaziante tra i diversi generi musicali, dalla canzone, al musical, all’aria, al puro sinfonismo.

Il dopo-concerto sarà firmato da 8 ristoranti tra Vietri sul Mare, Salerno e Sieti ( Dal Pescatore, Enoteca Segetum, Il Principe e la Civetta, La Locanda del Cantastorie, L’Antica Pagliera, L’Argonauta e Taverna Santa Maria De Domno) in cui si rinnoverà quel felice connubio che solo musica e buona cucina riescono a realizzare.
Concerti d’estate è anche solidarietà: fino al 2 agosto (serata in cui saranno presenti anche alcuni bambini e la direttrice dell’orfanotrofio di Zhodino, Bielorussia) gli amici della rassegna di Villa Guariglia contribuiranno all’acquisto di un pianoforte per iniziare alla musica i piccoli.
Quest’anno la rassegna si avvarrà anche di un servizio navetta per e da Villa Guariglia, con partenza dal teatro Verdi di Salerno alle 20.00 e partenza da Villa Guariglia alla fine dell’evento.

Per info.:
ditta Rocciola: 347/ 4531429

L’Ufficio Stampa
Concita De Luca
Cell.: 328 0261294
Olga Chieffi
Cell-: 3478814172
sito web: www.eventsandmusic.it

Segreteria organizzativa:
CTA – Centro Turistico ACLI Vietri sul Mare
Piazza Matteotti
84019 Vietri sul Mare SA
telefono e fax: (+ 39) (0)89 211 285
mobile: (+ 39) 329 4158640
e-mail: ctavietri@libero.it oppure cta@comune.vietri-sul-mare.sa.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

6 luglio, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Canto, Cava de' Tirreni, Concerti, Musica, Musica classica, Musica Lirica, Opera | , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Da martedì 31 maggio su Sky Classica “La Princesse Jaune” di Camille Saint-Saëns e “La scuola di guida” di Nino Rota

Critica Classica di Marco del Vaglio:

L’Accademia Musicale Chigiana di Siena protagonista su Sky Classica.
La produzione di “Piccoli amori”, straordinario successo della 67ª Settimana Musicale Senese, conquista il canale 728 del bouquet Sky, che trasmette ogni giorno dieci blocchi tematici con il meglio dell’opera, dei concerti e della danza.
Da martedì 31 maggio infatti andranno in onda ben dieci repliche del progetto “Piccoli amori”, ovvero le due opere di rara esecuzione La Princesse Jaune di Camille Saint-Saëns e La scuola di guida di Nino Rota, prodotte dall’Accademia Chigiana e andate in scena a Siena lo scorso luglio.
La programmazione di Sky Classica inizia martedì 31 maggio alle ore 20.30 con La Princesse Jaune di Camille Saint-Saëns, opéra-comique in un atto su libretto di Louis Gallet, revisione di Bruno Moretti, regia e impianto visivo di Mietta Corli, light designer Guido Levi, con Maria Costanza Nocentini soprano e Carlo Allemano tenore, l’Orchestra della Toscana, Giuliano Carella direttore.
Rappresentata per la prima volta all’Opéra di Parigi nel 1872 e legata come ambientazione al gusto “orientale” molto di moda nella Parigi di secondo Ottocento, sarà poi trasmessa in replica l’1, 3, 4 e 5 giugno.

Da mercoledì 8 giugno (ore 22 circa) sarà la volta de La scuola di guida di Nino Rota con Raina Kabaivanska soprano e Giuseppe Sabbatini tenore, in onda a chiusura della trasmissione Contrappunti condotta da Carlo Boccadoro che dedica una puntata monografica al celeberrimo soprano bulgaro.
Scritta su testo di Mario Soldati e commissionata da Giancarlo Menotti per il Festival dei due Mondi di Spoleto del 1959, La scuola di guida di Nino Rota si avvale dell’orchestrazione di Bruno Moretti dallo spartito originale per canto e pianoforte, regia e impianto visivo di Mietta Corli, light designer Guido Levi, l’Orchestra della Toscana, Giuliano Carella direttore.
La puntata di Contrappunti dedicata a Raina Kabaivanska al cui termine viene messa in onda La scuola di guida verrà replicata il 9, 11, 12 e 13 giugno.

Ufficio stampa Accademia Chigiana:
Agenzia Freelance
tel.: 0577 219228 – 272123
Sonia Corsi
cell.: 335 1979765
Agnese Fanfani
cell.: 335 1979385
e-mail: relazioni@chigiana.it o info@agfreelance.it

__________________________________________________________________________________

Date e orari di trasmissione su Sky Classica (canale 728)

La Princesse Jaune

31/05: ore 20.30
01/06: ore 8.30
03/06: ore 12.20
04/06: ore 18.05
05/06: ore 21.55

La scuola di guida

08/06: ore 22 circa
09/06: ore 1.15 circa
11/06: ore 13.00 circa
12/06: ore 19 circa
13/06: ore 19.50

 

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

28 Mag, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica, Musica Lirica | , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: