MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Presentata a Trani la IV edizione di Lech Lechà – Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica che si terrà dal 14 al 19 marzo

logo lech lecha
Il 10 marzo è stata presentata a Trani, presso Palazzo Lodispoto, sede del cittadino Polo Museale, Lech Lechà – Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica (in programma a Trani dal 14 al 19 marzo 2016), la manifestazione che da ormai quattro edizioni ha riacceso i riflettori sull’ebraismo meridionale di cui Trani è tornata ad essere la capitale.
All’incontro con la stampa sono intervenuti Clara Minerva, Prefetto di Barletta Andria Trani, Anna Vita Perrone, Dirigente Servizio Cultura della Regione Puglia, Giuseppe Corrado, Presidente Provincia BAT, Amedeo Bottaro, sindaco di Trani, Grazia Di Staso, assessore alla Cultura del Comune di Trani, Pierluigi Campagnano, Vice-Presidente Comunità Ebraica di Napoli, Cosimo Yehudah Pagliara, assessore e consigliere della Comunità Ebraica di Napoli nonché co-direttore artistico della manifestazione insieme a Francesco Lotoro e Ottavio Di Grazia; il dott. Antonio Quinto in rappresentanza della Fondazione SECA e Luigi De Santis, console onorario in Puglia dello Stato di Israele.
Dopo la proiezione di un video che ha sintetizzato spirito e finalità di una manifestazione ormai diventata di interesse nazionale, il co-direttore artistico Cosimo Yehudah Pagliara, ha spiegato il significato dell’espressione ebraica Komemiut (a testa alta) che quest’anno fa da sottotitolo alla manifestazione, quale richiamo ad una fiera affermazione della propria identità ebraica, totalmente aperta al dialogo con gli altri e volta a promuovere la reciproca conoscenza quale strumento di incontro e di integrazione, nel rispetto delle peculiarità di ciascuno.
Un approccio tanto più significativo in un momento in cui l’antisemitismo torna a serpeggiare in Europa in modo preoccupante.
Il messaggio arriva da una città come Trani che – ricorda Pagliara – per secoli ebbe il quartiere ebraico, la Giudecca, e non il ghetto, forma di segregazione affermatasi solo dopo i provvedimenti antisemiti del XVI secolo. Fino alla nota cacciata degli Ebrei dal Regno di Napoli del 1541 non ci sono stati ghetti in Puglia, regione in cui l’apporto ebraico è stato sempre molto attivo e presente, così come lo è stato a livello nazionale: basti pensare che ai moti risorgimentali ha contribuito il 27% degli ebrei, una percentuale altissima attestata anche da storici non ebrei.
Oggi – ha concluso – gli ebrei voglio continuare ad essere partecipi ed ecco perché è importante il ruolo di Trani capitale dell’ebraismo non solo di ieri ma anche del presente e del futuro.

Ha quindi preso la parola Clara Minerva, Prefetto di Barletta Andria Trani, che ha definito Lech Lechà “un momento di dialogo importante in una fase storica delicata in cui emergono forme preoccupanti di intolleranza e odio etnico, per cui è più che mai urgente lanciare messaggi di segno opposto.
In tal senso la cultura svolge un ruolo chiave, perché riesce ad arrivare là dove non arrivano gli Stati, impegnati a garantire la sicurezza; purché però sia una cultura della pace e della tolleranza.”
L’intervento del presidente della provincia BAT, Giuseppe Corrado, ha sottolineato come Lech Lechà rappresenti “il punto di arrivo di un percorso di valorizzazione dell’integrazione, principio secondo il quale si può e si deve convivere nel rispetto delle specificità di ciascuno.” “Ritengo – ha aggiunto – che iniziative come questa vadano sostenute e incoraggiate. Vorremmo infatti che dall’essere ormai una manifestazione di interesse nazionale, possa diventare un appuntamento di rilevanza internazionale”.

Il Console Onorario in Puglia Luigi De Santis ha evidenziato il legame profondo e reale fra gli ebrei italiani e lo Stato di Israele, che proprio in Puglia ha voluto il suo primo consolato onorario.
Ha quindi lodato la mission di una manifestazione come Lech Lechà che “promuove la conoscenza quale motore di un’integrazione che esclude la rinuncia o lo snaturamento della propria cultura stimolando al rispetto per gli altri.” Ha quindi sottolineato come “la scelta di Israele di avere in Puglia il suo primo consolato onorario non è affatto casuale ma si lega appunto al ruolo che la regione sta giocando nella rinascita dell’ebraismo meridionale”.
Si è quindi detto “ben felice di far sì che la nuova istituzione possa collaborare con Lech Lechà e con le varie altre realtà operanti sul territorio.”
Anna Vita Perrone, Dirigente Servizio Cultura della Regione Puglia, ha riferito come la Regione si senta “orgogliosa che Lech Lechà stia crescendo sempre più” ed ha annunciato che “nel piano strategico per la Cultura che l’ente sta approntando, la manifestazione avrà un ruolo importante, dovendosi considerare un modello per tutte le iniziative che intendono promuovere il dialogo pacifico e l’integrazione”.

Grazia Di Staso, assessore alla Cultura del Comune di Trani, ha definito la comunità ebraica cittadina come “un capitale da valorizzare, per il percorso di pace e di tolleranza che è stata in grado di promuovere.” Ha quindi ricordato come fin dal Medioevo “Trani abbia svolto un ruolo fondamentale, tornando ora a dare risalto alla pregnanza culturale della sua comunità ebraica”.

Antonio Quinto, parlando a nome della Fondazione SECA, curatrice del nuovo Polo Museale di Trani e fra i partner di Lech Lechà, ha espresso l’orgoglio di questa istituzione per aver aver avuto l’occasione di ospitare la manifestazione nella riqualificata struttura di Palazzo Lodispoto, da considerarsi a disposizione della comunità ebraica e dell’intera città. Ed ha infine annunciato che il Polo Museale, che comprende anche la Sinagoga Museo S. Anna oltre al Museo Diocesano e quello della Macchina per scrivere, sarà inaugurato il prossimo 21 aprile.

Nel riprendere la parola, Cosimo Yehudah Pagliara ha annunciato per il 2017 due importanti partnership di Lech Lechà con alcune importanti realtà come il Museo dei Lumi della comunità ebraica di Casale Monferrato (Alessandria) e la israeliana Magen David Adom (Stella rossa di Davide), la società di soccorso nazionale, competente per le emergenze sanitarie e gli interventi in caso di disastro, fornendo soccorso con le ambulanze e un servizio di banca del sangue, analoga alla Croce Rossa e alla Mezzaluna Rossa internazionale.

Ha quindi proseguito la serie di interventi Pier Luigi Campagnano, vice-presidente della Comunità Ebraica di Napoli, che ha voluto ricordare gli esordi e l’evoluzione di Lech Lechà, passando poi la parola ad Amedeo Bottaro, sindaco di Trani, il quale ha ricordato come la restituzione nel 2005 della Sinagoga Scolanova, la più antica d’Europa, abbia rappresentato “un atto importante in cui si è espresso il grande spirito di accoglienza della città di Trani”. Ha quindi sottolineato anche l’importanza turistica di una manifestazione come Lech Lechà, in grado di attrarre persone da ogni dove.
“Il quartiere della Giudecca, dove io stesso vivo – ha detto il primo cittadino – è quotidianamente frequentato da persone che giungono fin qui per cogliere la storia che trasuda dalle sue pietre.E questo è per noi un motivo di orgoglio, accresciuto dal fatto che l’ebraismo a Trani non è solo memoria storica ma rivive ogni giorno grazie alla sua attiva comunità ebraica”.

I co-direttori artistici Ottavio Di Grazia e Francesco Lotoro hanno quindi chiuso l’incontro illustrando a grandi linee un programma che anche quest’anno, dal 14 al 19 marzo, si annuncia ricchissimo di iniziative fra conferenze, presentazioni librarie, mostre, concerti, studio dei testi scritturali, proiezione di docu-film, cucina casher elaborata sotto stretta sorveglianza del rabbinato di Napoli, e il grande dono dello Shabbat nell’incantevole scenario della Sinagoga Scolanova di Trani. In particolare Lotoro ha voluto rimarcare il forte legame instauratosi fra lo stato di Israele e la Puglia che ha avuto il merito di riportare l’ebraismo in un luogo dei suo fasti.
Ha inoltre ricordato come quest’anno si sia particolarmente consolidato il legame con le scuole, sempre più interessate a conoscere i vari aspetti dell’ebraismo e a rendendersi partecipi in modo attivo.

Anticipazioni sul programma

Sono sette le sezioni che compongono il cartellone di Lech Lechà Komemiut: Reshìt (Convegni su ebraismo, storia e attualità ebraica, Israele); Sefarìm (Fiera del libro ebraico, mostre e film); Yeshivà (Tefillòth e lezioni rabbiniche presso la Sinagoga Scolanova); Il canto di Abramo (Concerti, musiche e danze tradizionali ebraiche); Chi è rimasto a bottega? (Ristorazione casher sotto sorveglianza del Rabbinato di Napoli); Yom ha-Shabbat (Il Sabato, cuore pulsante della vita ebraica); Il ritorno del Mabit (La serata dell’ebraismo tranese).

Fra gli appuntamenti principali in programma la presentazione (martedì 15 marzo) del libro “Con lo sguardo alla luna. Percorsi di pensiero ebraico” (Giuntina) di Rav Roberto della Rocca, dedicato alla riscoperta di un ebraismo vivo, capace di rimanere sempre attuale, inesauribile fonte di saggezza e insegnamento; nella stessa giornata, la conferenza “Noi non dimentichiamo. I fatti di Monaco 1972”, con proiezione del film Munich di Steven Spielberg (2005) e gli interventi di Raphael Luzon scrittore e giornalista, Silvia Godelli già Assessore al Mediterraneo, Cultura, Turismo Regione Puglia, e Miriam Rebhun, scrittrice; la presentazione (mercoledì 16 marzo) del libro “Tramonto libico. Storia di un ebreo arabo. Prefazione di Roberto Saviano” (Giuntina), con intervento dell’autore Raphael Luzon, costretto nel 1967 ad abbandonare Bengasi in seguito al pogrom scatenato dalle folle arabe contro gli ebrei; l’appuntamento “Da Trani uscirà la Torà” (venerdì 18 marzo), giornata di full immersion nello studio dei pilastri scritturali dell’ebraismo (Torà e Mishnà); il concerto Il violino di Chagall dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio di Musica U. Giordano di Foggia nella suggestiva cornice del Castello Svevo di Trani nell’ultima serata (sabato 19 marzo).

I biglietti, al costo di 3 euro, potranno essere acquistati presso la Sinagoga e il Polo Museale – Info: 346.6812143-3924578848.

Tra gli eventi, si segnala la mostra fotografica Il Cantico dei Cantici a cura di Norma Picciotto, che sarà inaugurata lunedì sera alla ore 20.00, alla presenza dell’autrice.
Seguirà l’interpretazione dei versi del cantico a cura di Gianluigi Belsito, Claudia Lerro e Domenico Tacchio.
La mostra rimarrà aperta fino al 19 marzo.

Sempre presso il Polo Museale, si segnala la proiezione del docu-film Rinascere in Puglia, a cura dell’Associazione Amici di Maghen David Adom (AMDA-ITALIA), prodotto da Gady Castel e girato da Yael Katzir, che sarà proiettato lunedì 14 marzo, alle ore 9.00 e ore 11.00.

Anche gli studenti del Liceo De Sanctis parteciperanno a questa IV edizione di Lech Lechà: venerdì 18, alle ore 10.00, nell’Aula Magna del Liceo (sito in via Tasselgardo) racconteranno, attraverso pièce teatrali, video e letture sceniche, storie tratte da libri di autori ebrei o di argomento ebraico.

Ufficio stampa
Luciana Doronzo: 347.0095976
Enzo Garofalo: 328.1443279
Email: settimanaculturaebraica@gmail.com

Siamo anche su
Facebook – Lech Lechà – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica
Twitter – @LechLecha1

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

11 marzo, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Cinema, Concerti, Letteratura, Libri, Musica | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 31 agosto si chiude a Trani la seconda edizione di Lech Lechà, settimana di arte, cultura e letteratura ebraica

Logo Lech Lecha' 2013Il rinnovato successo di Lech Lechà, quest’anno alla sua seconda edizione, conferma l’interesse diffuso da parte del pubblico nei confronti della cultura ebraica riscoperta come una parte importante della nostra identità.
Nel corso della settimana, ormai giunta a conclusione, il desiderio di conoscere e di approfondire ha animato l’iniziativa di quanti sono intervenuti alle decine di conferenze, presentazioni di libri, visite guidate, spettacoli teatrali, proiezioni cinematografiche, corsi di lingua ebraica e di studio dei testi sacri dell’ebraismo, momenti conviviali, che hanno arricchito il fitto cartellone 2013.
Grande interesse hanno suscitato soprattutto gli appuntamenti dedicati al dialogo fra Ebraismo ed Islam, con l’incontro fra il rabbino capo di Napoli Scialom Bahbout e l’imam Yahia Pallavicini, oppure quelli incentrati intorno al tema delicato della Giustizia e dei suoi rapporti con la misericordia verso il prossimo o con il coraggioso esercizio della disobbedienza civile, che hanno avuto protagonisti prestigiosi come il giudice Ferdinando Imposimato e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni.
La settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica si conclude con la giornata di oggi (31 agosto), fra i momenti spirituali e conviviali dello Shabbath, un’ultima lezione sulla tradizione sapienziale della Cabalà tenuta da Daniel Eldar e la Notte dell’Ebraismo Tranese che porterà a riscoprire il fascino della Giudecca di Trani, l’antico quartiere ebraico della cittadina adriatica che storicamente ha svolto un ruolo di primo piano per gli ebrei del Meridione e non solo: la Promenade su Via La Giudea sarà seguita da una serata di canti e danze ebraiche a cui tutti potranno liberamente partecipare, magari concludendo in allegria con la grigliata di carne kasher servita presso il ristorante Il Marchese del Brillo.

Lech Lechà è promossa dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dalla Comunità Ebraica di Napoli e dal Comune di Trani, nonché patrocinata dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e dai Comuni di Barletta, Brindisi, Manfredonia, San Nicandro Garganico e Sogliano Cavour.
Direttore artistico: Francesco Lotoro.
__________________________________

Programma della Settima Giornata (TRANI – 31 agosto 2013):

Yom haShabbath
Tefillà di Shachrìth e Musàf
Sinagoga Scolanova
dalle ore 9:00

Yom haShabbath
Pranzo di Shabbath
È obbligatorio prenotarsi al ristorante prima dell’entrata dello Shabbath
Ristorante Il Marchese del Brillo
dalle ore 13:00 alle ore 15:00

Yom haShabbath
Divrè Torà, Minchà, Seudat shelishit, Arvit, Havdalà
Sinagoga Scolanova
dalle ore 17:00


I Mondi dell’Uomo
I tesori della Cabalà
Lezione pubblica tenuta da Daniel Eldar
introduce Rav Scialom Bahbout

La Cabalà è una antica tecnica spirituale, le sue regole rimaste celate per secoli, oggi siamo in grado di esporle e utilizzarle per migliorare la nostra vita e cambiare la nostra realtà.
Nella lezione pubblica si risponderà a queste domande. Chiunque avrà l’opportunità di conoscere segreti molto potenti che potrebbero diventare uno strumento molto efficace per raggiungere obiettivi.
Piazzetta Scolanova
alle ore 21:00

La notte dell’ebraismo tranese
Fascino della Giudecca
Promenade su Via La Giudea alla riscoperta delle antiche sinagoghe tranesi
a cura di Maria Pia Scaltrito

Attraverso un percorso guidato da Maria Pia Scaltrito, anche le sinagoghe di Trani non più accessibili come la Piccola e quella cosiddetta di S. Leonardo saranno illuminate e per una notte ricondotte a nuova vita.
quartiere ebraico
dalle ore 21:00 alle ore 23:00

La notte dell’ebraismo tranese – dalle ore 21:30
Quando il Rebbe danza
Serata di canti e danze ebraiche con libera partecipazione
Nadja Martina ed Ensemble Shanà Tovà, conduce Rav Scialom Bahbout
Piazzetta Scolanova

Danzava il re David abbracciato al Sefer, danzavano i chassidim nella piazza dello shtetl, danzano i parenti del ragazzo al suo bar mitzvà dinanzi al Kotel (Muro occidentale) di Gerusalemme.
Serata all’insegna della danza collettiva ebraica aperta a tutti e la cantante Nadja Martina con il suo Ensemble Shanà Tovà (fisarmonicista Fabio Zurlo, clarinettista Vincenzo Grasso, percussionista Davide Chiarelli) a inondare di canto e ritmo ebraico Piazzetta Scolanova.

La notte dell’ebraismo tranese
Grigliata di carne kasher

Presso il ristorante Il Marchese del Brillo si degusterà carne kasher preparata sotto sorveglianza rabbinica.
Ristorante Il Marchese del Brillo
dalle ore 22:00 alle ore 23:30

_________________________________________________________

Ufficio Stampa
Luciana Doronzo: cell. 3470095976
Enzo Garofalo: cell.328/1443279
Email info-stampa: settimanaculturaebraica@gmail.com

Info: direttore artistico e coordinamento Ulpàn
Francesco Lotoro: cell. 3402381725
presidente commissione scientifica e coordinamento
Yeshivà Rav Shalom Bahbout: cell. 3663165622
coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara: cell. 330877878;
coordinamento visite guidate
Luciana Doronzo: cell. 3470095976

Sito internet: www.settimanalechlecha.it
E-mail: info@settimanalechlecha.it
traniebraica@fastwebnet.it
E-mail info Brindisi e Sogliano Cavour: yehubav@gmail.com

Lech Lechà è promosso anche su Facebook.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

31 agosto, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Cultura, Cultura, Danza, Letteratura, Musica | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Si è chiusa fra i riti dello Shabbat e il divertimento della Notte dell’Ebraismo Tranese la Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica

Si è conclusa a Trani con un ricco cartellone di appuntamenti e un bel bagno di folla Lech Lechà, la Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica promossa dal 2 all’ 8 settembre dal Comune di Trani e dalla Comunità Ebraica di Napoli (nella cui giurisdizione rientra quella tranese), con il patrocinio di istituzioni ebraiche nazionali e delle amministrazioni di tutte quante le città partecipanti.
Dieci sono state infatti le città pugliesi che hanno ospitato sette giorni di conferenze, presentazioni di libri, seminari, proiezioni cinematografiche e molto altro per riappropriarsi del rapporto con una cultura che condivide tanta parte della nostra storia e anche del nostro presente.
Una cultura che qui al Sud ha lasciato tracce visibili del proprio antico passaggio e che, con discrezione vive la contemporaneità assistendo ad una progressiva crescita di interesse verso i suoi usi e costumi da parte di quanti vogliono ‘conoscere’ per ‘comprendere’ e quindi vincere i luoghi comuni.
Seguendo idealmente lo sviluppo di una ‘’settimana’’ ebraica con i suoi ritmi e i suoi riti, Lech Lechà ha avuto la sua chiusura ottimale con l’atmosfera dello Shabbat – ricorrenza che impone la cessazione delle principali attività quotidiane quale condizione per ‘immergersi’ nello spirito – fra momenti di preghiera, riflessione e anche sano divertimento tipico di un popolo che come pochi sa esercitare l’ironia e l’autoironia.
Sabato 8 settembre, dopo una mattinata in Sinagoga dedicata ai rituali dello Yom ha-Shabbat, già iniziati poco prima del tramonto del Venerdì, ha fatto seguito il Pranzo di Shabbat presso il ristorante ‘Il Marchese del Brillo’ di Trani, con cibi preparati sotto stretta osservanza rabbinica; quindi Rav Menachem Lazar e Rav Scialom Bahbout hanno parlato della storica figura di Menachem Mendel Schneerson, rebbe dello Chabad-Lubavitch uno dei più grandi movimenti religiosi del giudaismo chassidico, considerato Maestro dell’Umanità; l’incontro è stato seguito dalla ripresa dei rituali religiosi conclusisi alla comparsa delle prime tre stelle visibili ad occhio nudo con la recita della Havdalah, la preghiera che sancisce il termine dello Shabbat e segna il confine fra il periodo sacro e quello ‘ordinario’.
Verso le 21.00 ha avuto il via la Notte dell’Ebraismo Tranese, in occasione della quale sono stati riportati in vita luoghi di forte richiamo ebraico, ricreate atmosfere di un ebraismo mai scomparso dal retaggio di una città che per una notte ha voluto celebrarne il Rinascimento in Puglia.
Ecco quindi la lezione di Daniela Abravanel sullo studio della Cabalà; la passeggiata per strade e vicoli della ‘Giudea’ tranese con le illustrazioni storico-artistiche di David Cassuto e una coreografia curata dal regista Gianluigi Belsito; la serata di umorismo ebraico e di canti della tradizione ebraica condotta dal rabbino di Napoli Rav Scialom Bahbout con la partecipazione di Roberto Modiano e dell’Ensemble Shanà Tovà, e una chiusura all’insegna del convivio con la grigliata di carne Kasher.
Particolarmente intenso è stato per l’occasione l’afflusso di pubblico nella splendida cittadina adriatica, che proprio nei giorni scorsi ha riconfermato la concessione alla comunità ebraica dell’antica Sinagoga Scolanova, rientrata in funzione nel 2005 dopo mezzo millennio di silenzio.
Al tempo stesso Trani, mentre si comincia a pensare all’edizione 2013 di Lech Lechà, si prepara a moltiplicare le occasioni di rinascita della sua ‘anima’ ebraica accogliendo con entusiasmo, tramite i propri amministratori, la proposta del rabbino Bahbout di creare in città un Eruv, ossia di circoscrivere ritualmente un perimetro urbano in cui gli ebrei potranno vivere lo Shabbat con le stesse prerogative rituali valevoli per lo spazio domestico, così come l’idea di creare a Trani un centro studi sull’ebraismo aperto a chiunque voglia avvicinarsi ad una conoscenza sempre più approfondita di questa cultura.
Si tratta di scelte tutte finalizzate a riportare Trani a quella che fu il suo antico status di capitale dell’ebraismo meridionale, oltre che a potenziare le risorse di turismo culturale che il territorio è in grado di offrire.
Il direttore artistico di ‘Lech Lechà’ Francesco Lotoro, musicista nonché autore della monumentale enciclopedia ZK Musik dedicata a tutta la musica prodotta nei campi di concentramento fra il 1933 e il 1945, si è detto “estremamente soddisfatto dei risultati di pubblico e critica che la manifestazione ha riportato in questi sette giorni di full immersion nella cultura ebraica. E’ una premessa importante per poter cominciare a pensare a un’edizione ancora più ricca e articolata che speriamo di poter mettere in cantiere con l’indispensabile supporto della amministrazione di Trani e della Comunità Ebraica, i cui rappresentanti ringrazio pubblicamente per la loro preziosa collaborazione. Lech Lechà ovviamente non esaurisce l’approfondimento di quelli che sono i molteplici aspetti di una cultura millenaria e complessa come quella ebraica, ma vuole essere un importante input per quanti ancora poco conoscono di essa, uno strumento utile per iniziare a vincere luoghi comuni e pregiudizi, e soprattutto un mezzo per riappropriarsi dell’importantissimo segmento di una storia che è anche la Nostra storia”.

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 3281443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

9 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Letteratura, Musica | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 8 settembre si chiude a Trani “Lech Lechà – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica”

Si conclude domani a Trani, in coincidenza dello Shabbat ebraico, ‘Lech Lechà’ (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica, con la direzione artistica del M° Francesco Lotoro e il contributo determinante, per la parte organizzativa, di Grazia Sarah Tiritiello, autrice, curatrice di mostre, presidente dell’Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria di Barletta.
La manifestazione ha coinvolto con grande riscontro di pubblico ben 10 città pugliesi (Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Nardò, Lecce), proponendosi come una kermesse multidisciplinare con tanti ospiti protagonisti e un ricco programma articolato in dieci moduli:
1) Giornata Europea della Cultura ebraica 2012;
2) Reshit (Conferenze);
3) Ulpàn (Corso di Lingua Ebraica);
4) Safarim (Fiera del libro ebraico);
5) Il Canto di Abramo (Concerti e produzioni teatrali);
6) Un ebreo a Hollywood (Cinematografia ebraica);
7) Le Pietre Raccontano (Visite guidate ai tesori di Puglia);
8) I Sogni di Giuseppe (Seminario sulla interpretazione di sogni e visioni nella Torà e nei Profeti);
9) Chi è rimasto a bottega? (Minchà e Arvit in Scolanova, stand di libri e dischi, gastronomia kasher);
10) Yom ha – Shabbat (Il Sabato cuore pulsante della vita ebraica e modello di ricreazione dell’uomo).

Domani, dopo una parte della giornata dedicata alle pratiche rituali e al pranzo di Shabbat, a chiudere la manifestazione sarà La Notte dell’ebraismo tranese (Libri, Cabala, visite guidate, umorismo, gastronomia kasher).

Segnaliamo il programma della Settima Giornata con gli eventi indicati per tipo di ‘modulo’ (identificato da un numero) e per sede.

Sabato 8 settembre:

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 9:00 alle 12:00
10. Yom ha–Shabbat
Tefillà di Shachrit e Musaf

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo alle ore 13:00
10. Yom ha–Shabbat
Pranzo di Shabbat occorre prenotarsi presso il ristorante prima dell’entrata di Shabbat

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 17:00 alle 18:30
10. Yom ha–Shabbat
Divrè Torà; Menachem Mendel Schneerson, Maestro dell’Umanità Rav Menachem Lazar e Rav Scialom Bahbout parlano del Rebbe di Chabad Lubavitch

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 18:30 alle 19:57
10. Yom ha–Shabbat
Minchà, Seudat shelishit, Arvit

Trani, Sinagoga Scolanova alle ore 19:57
10. Yom ha–Shabbat
Havdalà

Trani, Piazzetta Scolanova dalle ore 20:30 alle 23:30
11. La notte dell’ebraismo tranese
Stand librario&discografico, enologia e artigianato ebraico con possibilità di acquisto

Trani, Sezione Ebraica del Museo Diocesano (ex Sinagoga Scolagrande) alle ore 21:00
11. La notte dell’ebraismo tranese
I mondi dell’uomo lezione di Daniela Abravanel dedicata allo studio della Cabalà

Trani, quartiere ebraico dalle ore 21:00 alle 23:00
11. La notte dell’ebraismo tranese
Fascino della Giudecca Promenade su Via La Giudea e strade contigue alla riscoperta delle antiche sinagoghe tranesi, illustrazioni storico–artistiche di David Cassuto, coreografia a cura di Gianluigi Belsito

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 21:00
11. La notte dell’ebraismo tranese
Quando il Rebbe ride
Serata di umorismo ebraico e canti della tradizione ebraica condotta da Rav Scialom Bahbout con la partecipazione di Roberto Modiano e l’Ensemble Shanà Tovà

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo alle ore 22:30
11. La notte dell’ebraismo tranese
Grigliata di carne kasher

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 3281443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

7 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Letteratura, Musica | , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lech Lechà – Programma dettagliato della Sesta Giornata (7 settembre)

Prosegue a Trani ‘Lech Lechà’ (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica, con la direzione artistica del M° Francesco Lotoro e il contributo determinante, per la parte organizzativa, di Grazia Sarah Tiritiello, autrice, curatrice di mostre, presidente dell’Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria di Barletta, e curatrice dell’introduzione al film ‘O Jerusalem’ proiettato alla Biblioteca G. Bovio di Trani il 3 settembre.
La manifestazione, che coinvolge 10 città pugliesi (Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Nardò, Lecce), è una kermesse multidisciplinare con un ricco programma articolato in dieci moduli:

1) Giornata Europea della Cultura ebraica 2012;
2) Reshit (Conferenze);
3) Ulpàn (Corso di Lingua Ebraica);
4) Safarim (Fiera del libro ebraico);
5) Il Canto di Abramo (Concerti e produzioni teatrali);
6) Un ebreo a Hollywood (Cinematografia ebraica);
7) Le Pietre Raccontano (Visite guidate ai tesori di Puglia);
8) I Sogni di Giuseppe (Seminario sulla interpretazione di sogni e visioni nella Torà e nei Profeti);
9) Chi è rimasto a bottega? (Minchà e Arvit in Scolanova, stand di libri e dischi, gastronomia kasher);
10) Yom ha – Shabbat (Il Sabato cuore pulsante della vita ebraica e modello di ricreazione dell’uomo).

Chiuderà la manifestazione (8 settembre) La Notte dell’ebraismo tranese (Libri, Cabala, visite guidate, umorismo, gastronomia kasher).

Segnaliamo il programma della Sesta Giornata con gli eventi indicati per tipo di ‘modulo’ (identificato da un numero) e per sede.

Venerdì 7 settembre:

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 9:00 alle 13:00
3. Ulpàn
Corso intensivo di studio della lingua ebraica moderna

Trani, punto d’incontro dinanzi alla Biblioteca Comunale G. Bovio alle ore 9:30
7. Le pietre raccontano
Visita virtuale (con filmati) a Yerushalayim (Gerusalemme)

Trani, Biblioteca Comunale G. Bovio alle ore 11:30
2. Reshìt
Arte e architettura ebraica in Puglia – 2.a parte
lectio magistralis di David Cassuto
introduce Lucia De Mari

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo dalle ore 13:00 alle 15:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Pranzo kasher sotto sorveglianza rabbinica

Trani, Biblioteca Comunale G. Bovio alle ore 16:00
8. I sogni di Giuseppe
Seminario sull’interpretazione dei sogni e chiavi di lettura biblico–archetipiche a cura di Rav Shalom Bahbout

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 16:00 alle 18:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario & discografico con possibilità di acquisto

Trani, Sinagoga Scolanova alle ore 16:30
2. Sefarìm
Moise Levy. Kitzur Sculchan Aruch e altri libri di letteratura biblica e halachica presenta l’Autore, conduce il dibattito Ottavio Di Grazia

Trani, Sinagoga Scolanova alle ore 17:30
2. Reshìt
Kabbalat Shabbat; pensieri e canti per prepararsi al Sabato
intervengono Daniela Abravanel, Guido Regina, David Gerbi, Cecilia Cohen Hemsi Nizza, Rav Scialom Bahbout

Trani, Piazzetta Scolanova dalle ore 17:30 alle ore 19:00
La a.s.d. “BEAGLE BALLET” condotta dal maestro Spartaco Catacchio presenta uno spettacolo di danze della tradizione popolare ebraica.

Trani, Sinagoga Scolanova alle ore 18:58
10. Yom ha–Shabbat
Hadlakat Nerot, Kabbalat Shabbat

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo alle ore 21:00
10. Yom ha–Shabbat
Cena di Shabbat occorre prenotarsi presso il ristorante prima dell’entrata di Shabbat

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 3281443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

6 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Letteratura | , , , , | Lascia un commento

Lech Lechà – Programma dettagliato della Quinta Giornata (6 settembre)

Prosegue a Trani e Manfredonia ‘Lech Lechà’ (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica, con la direzione artistica del M° Francesco Lotoro e il contributo determinante, per la parte organizzativa, di Grazia Sarah Tiritiello, autrice, curatrice di mostre, presidente dell’Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria di Barletta, e curatrice dell’introduzione al film ‘O Jerusalem’ proiettato alla Biblioteca G. Bovio di Trani il 3 settembre.
La manifestazione, che coinvolge 10 città pugliesi (Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Nardò, Lecce), è una kermesse multidisciplinare con un ricco programma articolato in dieci moduli:

1) Giornata Europea della Cultura ebraica 2012;
2) Reshit (Conferenze);
3) Ulpàn (Corso di Lingua Ebraica);
4) Safarim (Fiera del libro ebraico);
5) Il Canto di Abramo (Concerti e produzioni teatrali);
6) Un ebreo a Hollywood (Cinematografia ebraica);
7) Le Pietre Raccontano (Visite guidate ai tesori di Puglia);
8) I Sogni di Giuseppe (Seminario sulla interpretazione di sogni e visioni nella Torà e nei Profeti);
9) Chi è rimasto a bottega? (Minchà e Arvit in Scolanova, stand di libri e dischi, gastronomia kasher);
10) Yom ha – Shabbat (Il Sabato cuore pulsante della vita ebraica e modello di ricreazione dell’uomo).

Chiuderà la manifestazione (8 settembre) La Notte dell’ebraismo tranese (Libri, Cabala, visite guidate, umorismo, gastronomia kasher).

Segnaliamo il programma della Quinta Giornata con gli eventi indicati per tipo di ‘modulo’ (identificato da un numero) e per sede.

Giovedì 6 settembre:

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 9:00 alle 13:00
3. Ulpàn
Corso intensivo di studio della lingua ebraica moderna

Trani, punto d’incontro dinanzi alla Sinagoga Scolanova alle ore 9:30
7. Le pietre raccontano
Visita alla sezione ebraica del Museo Diocesano, alla Cattedrale e a Palazzo Beltrani di Trani

Trani, Biblioteca Comunale G. Bovio alle ore 16:00
8. I sogni di Giuseppe
Seminario sull’interpretazione dei sogni e chiavi di lettura biblico–archetipiche a cura di Rav Shalom Bahbout [durata: 2 ore / prosegue il 7 settembre alla stessa ora] – seconda parte.

Trani, Sinagoga Scolanova da un’ora prima del tramonto sino alla Kabbalat Shabbat di venerdì 7 settembre
9. Chi è rimasto a bottega?
Minchà e Arvit in Scolanova a cura di Rav Scialom Bahbout

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo (dalle ore 13:00 alle 15:00, dalle ore 21:00 alle 23:30)
Pranzo e cena kasher sotto sorveglianza rabbinica

Trani, Palazzo Beltrani dalle ore 17:00 alle 22:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario & discografico con possibilità di acquisto

Trani, Palazzo Beltrani alle ore 17:00
2. Reshìt
Arte e architettura ebraica in Puglia – 1.a parte
lectio magistralis di David Cassuto
introduce Maria Dettori

Trani, Palazzo Beltrani alle ore 18:30
4. Sefarìm
Donatella Ester Di Cesare. Se Auschwitz è nulla – Contro il negazionismo
presenta l’Autrice, conduce il dibattito Cecilia Cohen Hemsi Nizza

Trani, Palazzo Beltrani alle ore 19:30
2. Reshìt
Israele, diritto e immagine internazionale
relatori Ugo Villani, David Cassuto, Francesco Lucrezi, Claudia De Benedetti, Donatella Ester Di Cesare
modera il dibattito Ilana Bahbout
segue rinfresco

Trani, Palazzo Beltrani alle ore 21:30
5. Il canto di Abramo
Bravo! Da Capo! Il Cabaret nei Lager durante la 2a Guerra Mondiale
Musiche di Willy Rosen, Pepik Roubicek, Adolf Strauss, Otto Skutecky, Johnny&Jones, Jozef Kropinski, Walter Lindenbaum
ricerche e ricostruzione filologica di Francesco Lotoro
Cantanti Anna Maria Stella Pansini, Veronica Granatiero, Nico Sette, Angelo De Leonardis.
Orchestra Musica Concentrationaria diretta da Paolo Candido

Manfredonia, Palazzo Celestini dalle ore 18:00 alle 21:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Manfredonia, Palazzo Celestini alle ore 18:00
4. Sefarìm
Alfredo De Giovanni. Otto (Bastogi 2010) e altri libri di letteratura federiciana
presenta l’Autore, conduce il dibattito Paolo Cascavilla

Manfredonia, Palazzo Celestini alle ore 19:00
2. Reshìt
Rabbi Itzchak detto il Greco, maestro dell’ebraismo pugliese
relatori Ottavio Di Grazia, Rav Scialom Bahbout, Paolo Cascavilla
modera il dibattito Attilio Funaro

Manfredonia, Chiostro Palazzo Comunale alle ore 21:00
5. Il canto di Abramo
Israel! Il canto dell’anima ebraica
Ensemble Shanà Tovà
lettura scenica a cura di Simone Martino Franco, canta Nadia Martina

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 3281443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

5 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Canto, Concerti, Letteratura, Musica | , , , , , | Lascia un commento

Lech Lechà – Programma dettagliato della Quarta Giornata (5 settembre)

Prosegue a Trani, Nardò e Brindisi ‘Lech Lechà’ (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica, con la direzione artistica del M° Francesco Lotoro e il contributo determinante, per la parte organizzativa, di Grazia Sarah Tiritiello, autrice, curatrice di mostre, presidente dell’Istituto di Letteratura Musicale Concentrazionaria di Barletta, e curatrice dell’introduzione al film ‘O Jerusalem’ proiettato alla Biblioteca G. Bovio di Trani il 3 settembre.
La manifestazione, che coinvolge 10 città pugliesi (Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Nardò, Lecce), è una kermesse multidisciplinare con un ricco programma articolato in dieci moduli:

1) Giornata Europea della Cultura ebraica 2012;
2) Reshit (Conferenze);
3) Ulpàn (Corso di Lingua Ebraica);
4) Safarim (Fiera del libro ebraico);
5) Il Canto di Abramo (Concerti e produzioni teatrali);
6) Un ebreo a Hollywood (Cinematografia ebraica);
7) Le Pietre Raccontano (Visite guidate ai tesori di Puglia);
8) I Sogni di Giuseppe (Seminario sulla interpretazione di sogni e visioni nella Torà e nei Profeti);
9) Chi è rimasto a bottega? (Minchà e Arvit in Scolanova, stand di libri e dischi, gastronomia kasher);
10) Yom ha – Shabbat (Il Sabato cuore pulsante della vita ebraica e modello di ricreazione dell’uomo).

Chiuderà la manifestazione (8 settembre) La Notte dell’ebraismo tranese (Libri, Cabala, visite guidate, umorismo, gastronomia kasher).

Segnaliamo il programma della Quarta Giornata con gli eventi indicati per tipo di ‘modulo’ (identificato da un numero) e per sede.

Mercoledì 5 settembre:

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 9:00 alle 13:00
3. Ulpàn
Corso intensivo di studio della lingua ebraica moderna, a cura di Eitan Lerer.

Trani, punto d’incontro dinanzi alla Sinagoga Scolanova alle ore 9:00
7. Le pietre raccontano
Visite guidate ai tesori della Puglia, in collaborazione con Archeoclub Terra di Brindisi e Agenzia Puglia imperiale
Visita alla città di Canosa di Puglia e al sito storico di Canne della Battaglia Trasferta in bus

Trani, Biblioteca Comunale G. Bovio alle ore 16:00 [durata: 2 ore / prosegue il 6 e 7 settembre alla stessa ora]
8. I sogni di Giuseppe
Seminario sull’interpretazione dei sogni e chiavi di lettura biblico–archetipiche a cura di Rav Shalom Bahbout
Prenotare al n. di cell. 331.3989353 o presentarsi direttamente in sede alle ore 16.00

Trani, Sinagoga Scolanova – da 1 ora prima del tramonto a partire da mercoledì 5 settembre sino alla Kabbalat Shabbat di venerdì 7 settembre
9. Chi è rimasto a bottega?
Minchà e Arvit in Scolanova a cura di Rav Scialom Bahbout

Trani, Palazzo Beltrani dalle ore 18:00 alle 22:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Trani, Palazzo Beltrani alle ore 18:00
2. Reshìt
Ebrei e Cristiani; dalla rottura insanabile al dialogo nello spirito di Abramo relatori Francesco Lucrezi, Ottavio Di Grazia, Rav Scialom Bahbout, Mons. Michele Seccia, Mons. Giovanni Battista Pichierri  (arcivescovo di Trani-Barletta-Bisceglie e Nazareth) saluti dell’Assessore alla Cultura di Trani Salvatore Nardò modera il dibattito Daniela Pellegrino segue rinfresco

Trani, Palazzo Beltrani alle ore 20:00
2. Reshìt
Responsabilità del giudice e funzioni del magistrato nel sistema giudiziario italiano ed ebraico relatori Piercamillo Davigo, Antonio Laudati, Francesco Messina, Rav Scialom Bahbout saluti del Sindaco di Trani Luigi Nicola Riserbato modera il dibattito Andrea Lovato segue rinfresco

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo (dalle ore 13:00 alle 15:00, dalle ore 21:00 alle 23:30)
9. Chi è rimasto a bottega?
Pranzo e cena kasher sotto sorveglianza rabbinica

Nardò–S. Maria al Bagno, dalle ore 18:00 alle 22:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Nardò–S. Maria al Bagno, alle ore 17:00
4. Sefarìm
Donatella Ester Di Cesare. La giustizia deve essere di questo mondo presenta l’Autrice, conduce il dibattito Fabrizio Lelli

Nardò–S. Maria al Bagno, alle ore 18:00
2. Reshìt
Dal Darfur e Nardò verso Israele; il principio ebraico dell’accoglienza dei profughi relatori Fabrizio Lelli, Donatella Ester Di Cesare modera il dibattito Cosimo Y. Pagliara segue rinfresco

Nardò–S. Maria al Bagno, alle ore 19:30
6. Un ebreo a Hollywood
Vai e vivrai regia di Radu Mihaileanu introduzione al film a cura di Ilana Bahbout

Brindisi, Palazzo Nervegna dalle ore 19:00 alle 21:00
9. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Brindisi, Palazzo Nervegna alle ore 19:30
4. Sefarìm
Daniela Abravanel. La Cabalà e i Quattro mondi della guarigione presenta l’Autrice, conduce il dibattito Claudio Pagliara

Brindisi, Palazzo Nervegna alle ore 21:30
5. Il canto di Abramo
Dal Mediterraneo allo Shtetl; il canto dell’ebreo nella Diaspora – Lettura scenica dal Sefer ha–Yuhasin di Avraham Zacuto a cura di Gino Cesaria – Ensemble Shanà Tovà, canta Nadia Martina

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 3281443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

4 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Canto, Concerti, Letteratura, Musica | , , , , , , | Lascia un commento

“Lech Lechà” – Programma dettagliato della Terza Giornata (4 settembre)

Prosegue a Trani, Bari e Andria (Castel del Monte) ‘Lech Lechà’ (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica, manifestazione che coinvolge 10 città pugliesi (Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Nardò, Lecce): una kermesse multidisciplinare con un ricco programma articolato in dieci moduli:

1) Giornata Europea della Cultura ebraica 2012;
2) Reshit (Conferenze);
3) Ulpàn (Corso di Lingua Ebraica);
4) Safarim (Fiera del libro ebraico);
5) Il Canto di Abramo (Concerti e produzioni teatrali);
6) Un ebreo a Hollywood (Cinematografia ebraica);
7) Le Pietre Raccontano (Visite guidate ai tesori di Puglia);
8) I Sogni di Giuseppe (Seminario sulla interpretazione di sogni e visioni nella Torà e nei Profeti);
9) Chi è rimasto a bottega? (Minchà e Arvit in Scolanova, stand di libri e dischi, gastronomia kasher);
10) Yam ha – Shabbat (Il Sabato cuore pulsante della vita ebraica e modello di ricreazione dell’uomo).

Chiuderà la manifestazione (8 settembre) La Notte dell’ebraismo tranese (Libri, Cabala, visite guidate, umorismo, gastronomia kasher).

Segnaliamo il programma della Terza Giornata con gli eventi indicati per tipo di ‘modulo’ (identificato da un numero) e per sede.

Martedì 4 settembre:

Trani, Sinagoga Scolanova dalle ore 9:00 alle 13:00
3. Ulpàn
Corso intensivo di studio della lingua ebraica moderna

Trani, Ristorante Il Marchese del Brillo (dalle ore 13:00 alle 15:00, dalle ore 21:00 alle 23:30)
9. Chi è rimasto a bottega?
Pranzo e cena kasher sotto sorveglianza rabbinica

Bari, Sala Consiglio Comunale dalle ore 18:00 alle 22:00
7. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Bari, Sala Consiglio Comunale alle ore 18:00
2. Reshìt
Lech Lechà, vai a te stesso; dalla Cabalà alla psicologia energetica
relatrice Daniela Abravanel
modera il dibattito Guido Regina

Bari, Sala Consiglio Comunale alle ore 19:30
2. Reshìt
Diritti e doveri del paziente; i quesiti etici della medicina
relatori Ettore Attolini, Francesco Schittulli, Michele Emiliano, Guido Regina, Rav Scialom Bahbout
modera il dibattito Dov Holzer
segue rinfresco

Bari, Sala Consiglio Comunale alle ore 21:30
5. Il canto di Abramo
Salomon Rossi Hebreo, la sua musica Ensemble La Sonora Alternanza diretto da Angelo De Leonardis

Andria, Castel del Monte dalle ore 18:00 alle 22:00
7. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Andria, Castel del Monte alle ore 18:00
2. Reshìt
Una lettura ebraica, letteraria e astronomica di Castel del Monte relatori Roy Doliner, Nedim Vlora modera il dibattito Alfredo De Giovanni segue rinfresco

Andria, Castel del Monte alle ore 19:30
2. Reshìt
Cantata per i tempi nuovi, musicisti dell’Orchestra Musica Concentrationaria, attori e voci recitanti, regia di Gianluigi Belsito, introduce Ottavio Di Grazia.

Brindisi, Palazzo Nervegna dalle ore 18:00 alle 22:00
7. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Brindisi, Palazzo Nervegna alle ore 18:00
2. Reshìt
Mentre Sagunto brucia, Roma discute; per un’etica della Politica
relatori Benedetto Della Vedova, Rocco Palese, Francesco Fistetti, Silvia Godelli, Donatella Ester Di Cesare, Francesco Lotoro
saluti del Sindaco di Brindisi Mimmo Consales e del Presidente della Provincia di Brindisi Massimo Ferrarese
modera il dibattito Cosimo Y. Pagliara
segue rinfresco

Brindisi, Palazzo Nervegna alle ore 19:30
6. Un ebreo a Hollywood
Tentazioni d’amore regia di Edward Norton (2000) interpreti Ben Stiller, Edward Norton, Jenna Elfman
introduzione al film a cura di Ilana Bahbout

Lecce, Teatro Paisiello alle ore 19:30
4. Sefarìm
Fabio Tolledi. Il Cantico dei Cantici per lingua madre presenta l’Autore, lettura scenica del libro a cura di Astragali Teatro e Fabrizio Lelli

Oria, ex chiesa di S. Giovanni Battista dalle ore 19:00 alle 21:00
7. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 3281443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

3 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Letteratura, Musica | , , , , , | Lascia un commento

Inaugurata a Trani “Lech Lechà”, la Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica

Sinagoga Scolanova

A Trani in un’affollata Piazzetta Scolanova, davanti alla secolare sinagoga che dà il nome al luogo, si è ufficialmente inaugurata questa mattina la Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica ‘Lech Lechà’.
L’atmosfera era la stessa, gioiosa e solidale, del 2005 ossia dell’anno in cui, con la riapertura dell’antico luogo di culto nella Giudecca tranese, è tornata a riaccendersi nel Meridione d’Italia un faro per tutte quelle persone che vivono attivamente la tradizione religiosa ebraica o più semplicemente si sentono attratte da una cultura che ha costituito un momento importante nella costruzione identitaria del nostro Paese.
Visitatori da tutta Italia e anche dall’estero, giornalisti e operatori televisivi, hanno assistito a un suggestivo corteo in costume storico curato dal regista Gianluigi Belsito e simbolicamente formato dai rappresentanti delle 10 città che in questi giorni ospitano gli eventi della manifestazione: Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Lecce, Nardò.
Fra gonfaloni, squilli di trombe e rulli di tamburi – rivolgendosi al pubblico e ai rappresentanti delle istituzioni patrocinanti l’evento – un araldo ha rivolto in italiano e in ebraico il saluto a ciascuna delle città partecipanti, dando così inizio a una manifestazione il cui ricchissimo programma prevede fra l’altro conferenze, seminari, visite guidate a luoghi storici, un corso di lingua ebraica moderna, presentazioni di libri, proiezioni cinematografiche e appuntamenti gastronomici kasher.
Introdotti dall’avv. Cosimo Yehuda Pagliara, coordinatore di ‘Lech Lechà’ per il Salento, si sono susseguiti gli interventi delle autorità pugliesi e dei rappresentanti della comunità ebraica regionale e nazionale.
Il sindaco di Trani, Luigi Nicola Riserbato, si è detto “felice, con l’intera comunità di Trani, di tornare ad ospitare ancora una volta la celebrazione della Giornata Europea della Cultura Ebraica, importante appuntamento che apre una settimana ricca di eventi, occasione unica per riscoprire aspetti di una cultura con cui abbiamo condiviso una parte significativa della nostra storia passata, e che torna a far parte del nostro presente così come del nostro futuro…”.
In rappresentanza della Regione Puglia, l’Assessore al Mediterraneo Silvia Godelli ha sottolineato “l’importanza di questa iniziativa che concretizza qui al Sud un momento collettivo di rivitalizzazione di una cultura che ha avuto un ruolo importante…Dicevano i saggi: “Poveri quei luoghi che non si prendono cura dei propri Ebrei…”. Purtroppo questa terra se ne è dimenticata per quasi 500 anni, ma è bastata una scintilla – la riapertura della sinagoga di Trani – per far tornare alla luce luoghi, persone, tradizioni. E ciò non è passato inosservato, al punto che la Puglia ha ricevuto l’invito quale ospite d’onore a un importante seminario internazionale tenutosi in Israele sul tema della vita degli ebrei nelle comunità d’Europa. La comunità ebraica è ormai in una posizione di forte dialogo e la Settimana del Lech Lechà è un’occasione importante per “conoscere’’ e “far conoscere”: sull’ebraismo dominano infatti ancora troppi luoghi comuni per cui occorre conoscere meglio le sue radici e i molteplici aspetti nei quali si è espresso, in modo da superare la tendenza a identificare l’ebraismo con il solo Stato di Israele.
Sandro Temin, consigliere dell’UCEI, ha portato il saluto del presidente dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane, Renzo Gattegna, ed ha ricordato come gli attuali eventi di Trani siano “l’importante tappa di un percorso iniziato nel lontano 1863, quando l’unica comunità ebraica ricostituitasi al Sud, dopo la cacciata degli ebrei dal Meridione, fu quella di Napoli. Oggi si è aperta dunque una storia nuova, volta a ricostruire quel legame col passato che si era bruscamente interrotto…”.
Pier Luigi Campagnano, presidente della Comunità ebraica di Napoli, ha lodato “l’entusiasmo con cui le amministrazioni locali hanno accettato di partecipare a questa Settimana. Ciò – ha aggiunto – è per noi motivo di grande orgoglio.”
Ha poi ringraziato Francesco Lotoro, direttore artistico di Lech Lechà, “…vero e proprio motore di questa manifestazione, che insieme ai suoi collaboratori ha lavorato per mesi al fine di garantire un coordinamento di entità immane”.
Ha poi ringraziato l’assessore regionale Silvia Godelli “il cui contributo è stato veramente fondamentale”.
E’ stata poi la volta del sindaco di Barletta, Nicola Maffei, che ha messo in evidenza “l’importanza del tema dell’identità quale punto centrale di Lech Lechà, il cui obiettivo vuole essere quello di favorire la conoscenza dell’Altro. Questa manifestazione è l’invito a ripercorrere a ritroso la storia di una cultura e della sua presenza nel nostro territorio, ma anche la risposta al richiamo del domani. Vuole essere un felice contatto con la cultura ebraica e un’occasione di integrazione fra tutte le comunità che hanno aderito all’evento; un’opportunità di convivenza e di progresso”.
In rappresentanza del comune di Manfredonia, l’assessore Matteo Palumbo ha sottolineato l’importanza di “abbattere le barriere culturali” ed ha espresso “piena solidarietà della città di Manfredonia al popolo ebraico, spesso ingiustamente vittima degli eventi della storia. Come rappresentante di una città di mare “da sempre coacervo di molteplici componenti culturali, che ancora oggi persistono e convivono” ha rimarcato la necessità “di approfondire la conoscenza, quale premessa necessaria per capire più a fondo…A tal proposito – ha concluso – questa Settimana certamente servirà a favorire tale processo conoscitivo…” L’assessore Francesco Cannalire, ha invece portato il saluto della città di Brindisi “porto di pace, crogiolo di culture che vive con grande partecipazione l’adesione a questa iniziativa, perché riteniamo che “conoscere” sia le premessa necessaria per una integrazione completa.”
L’assessore alla Cultura di Trani, Salvatore Nardò, ha rilevato come insieme all’attenzione per la storia sia importante focalizzarsi sull’attualità della cultura ebraica: “vogliamo far trasparire anche quella che è la quotidianità della comunità ebraica. Conoscere storia e passato è infatti utile soprattutto se diventa uno strumento per rafforzare l’integrazione con una comunità come quella ebraica che a Trani è una presenza discreta, estranea alle forzature del proselitismo.”
Ha chiuso la lunga serie di interventi istituzionali Rav Amedeo Spagnoletto, in rappresentanza della comunità ebraica di Roma nonché stimatissimo Sofer (scriba): “Ritengo – ha dichiarato – che la restante parte dell’ebraismo italiano non possa non guardare con grande favore all’iniziativa partita da Trani, la quale permette e permetterà sempre più di capire le relazioni esistenti fra Meridione d’Italia e il resto della Nazione sotto il profilo della cultura ebraica…”.
L’intevento del direttore artistico di Lech Lechà, Francesco Lotoro, è quindi giunto a conclusione di questo importante momento introduttivo, seguito dalla visita alla Sinagoga Scolanova – aperta a tutto il pubblico presente – da un allegro Jewdrink, l’aperitivo ebraico a base di specialità salate e dolci della tradizione, e dalla visita alla sezione ebraica del locale Museo Diocesano, in attesa dei numerosi appuntamenti pomeridiani e serali: “Ringrazio tutte le istituzioni – ha dichiarato Lotoro – per aver permesso di tradurre in realtà un progetto di rinascita culturale. La risonanza di Lech Lechà ha ormai superato i confini nazionali, come dimostra l’interesse manifestato, fra gli altri, dal Jewish Telegraph di Boston. Una delle cose che mi preme però molto sottolineare è come moltissimi dei relatori che in questi giorni interverranno al Lech Lechà non sono ebrei, eppure hanno aderito con vero entusiasmo, segno del grande interesse che la nostra iniziativa è riuscita a catalizzare. E questo grazie alla collaborazione di tutti voi…”

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
Enzo Garofalo
cell.: 328.1443279
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Lech Lechà è promosso anche su Facebook
________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

3 settembre, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Letteratura | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 2 settembre inizia, da Trani e San Nicandro Garganico, “Lech Lechà” (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica

Parte da Trani e San Nicandro Garganico ‘Lech Lechà’ (Va’ verso te stesso) – Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica, manifestazione che coinvolge 10 città pugliesi (Trani, Barletta, Andria, Bari, San Nicandro Garganico, Manfredonia, Brindisi, Oria, Nardò, Lecce): una kermesse multidisciplinare con un ricco programma articolato in dieci moduli:

1) Giornata Europea della Cultura ebraica 2012;
2) Reshit (Conferenze);
3) Ulpàn (Corso di Lingua Ebraica);
4) Safarim (Fiera del libro ebraico);
5) Il Canto di Abramo (Concerti e produzioni teatrali);
6) Un ebreo a Hollywood (Cinematografia ebraica);
7) Le Pietre Raccontano (Visite guidate ai tesori di Puglia);
8) I Sogni di Giuseppe (Seminario sulla interpretazione di sogni e visioni nella Torà e nei Profeti);
9) Chi è rimasto a bottega? (Minchà e Arvit in Scolanova, stand di libri e dischi, gastronomia kasher);
10) Yam ha – Shabbat (Il Sabato cuore pulsante della vita ebraica e modello di ricreazione dell’uomo).

Chiuderà la manifestazione (8 settembre) La Notte dell’ebraismo tranese (Libri, Cabala, visite guidate, umorismo, gastronomia kasher).

Segnaliamo il programma della Prima Giornata (2 settembre), che coincide con la Giornata Europea della Cultura ebraica 2012, con gli eventi indicati per tipo di ‘modulo’ (identificato da un numero) e per sede.

Trani, Piazzetta Scolanova dalle ore 10:30 alle 13:00
1. Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012
Stand librario&discografico, enologia e artigianato ebraico con possibilità di acquisto

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 10:30
1.Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012
Inaugurazione Giornata Europea della Cultura Ebraica e LECH LECHÀ coreografia di Gianluigi Belsito

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 12:00
1. Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012
Lech…Lechà…Lechàim! concerto–aperitivo di musiche del Cafè Chantant I Musici della Giudecca

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 12:00
1. Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012
Jewdrink, l’aperitivo ebraico a cura della comunità ebraica di Trani

Trani, Sezione Ebraica del Museo Diocesano (ex Sinagoga Scolagrande) dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 18:00 alle 20:00
1. Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012
Visite alla Sezione Ebraica del Museo Diocesano in collaborazione con la Arcidiocesi di Trani–Barletta–Bisceglie e la cooperativa E.T.A. Puglia s.r.l.

Trani, Piazzetta Scolanova dalle ore 17:00 alle 22:00
7. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico, enologia e artigianato ebraico con possibilità di acquisto

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 17:00
2. Reshìt
Lo scriba e i testi sacri; viaggio nel mondo del Sofèr relatore Rav Amedeo Spagnoletto modera il dibattito Fabrizio Lelli

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 18:00
2. Reshìt
Gli ebrei durante l’impero romano; elementi storici e profili giuridici relatori Andrea Lovato, Giovanni De Bonfils modera il dibattito Francesco Lotoro segue rinfresco

Trani, Piazzetta Scolanova alle ore 19:30
2. Reshìt
Il Techelet di Taranto, Rabbi Akiva a Brindisi e altre storie ebraiche di Puglia relatori Roy Doliner, Fabrizio Lelli modera il dibattito Dov Holzer

Trani, Sinagoga Scolanova alle ore 21:30
5. Il canto di Abramo
Salomon Rossi Hebreo, la sua musica Ensemble La Sonora Alternanza diretto da Angelo De Leonardis

Sannicandro Garganico, Piazza Castello alle ore 12:00
1. Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012
Jewdrink, l’aperitivo ebraico a cura della comunità ebraica di Sannicandro Garganico

Sannicandro Garganico, Piazza Castello dalle ore 18:00 alle 22:00
7. Chi è rimasto a bottega?
Stand librario&discografico con possibilità di acquisto

Sannicandro Garganico, Piazza Castello alle ore 19:30
4. Sefarìm
Daniela Abravanel. Guarire per curarsi presenta l’Autrice, conduce il dibattito Grazia Gualano

Sannicandro Garganico, Palazzo Fioritto alle ore 21:30
6. Un ebreo a Hollywood
Train de vie regia di Radu Mihaileanu introduzione al film a cura di Grazia Gualano

Ufficio stampa
Luciana Doronzo
cell.: 3470095976 e 3313989353
e-mail: settimanaculturaebraica@gmail.com oppure traniebraica@fastwebnet.it

Info:

Direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725;

Presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622;

Coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

Segreteria organizzativa
Luciana Doronzo
Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook
_________________________________________________________

1 – Giornata Europea della Cultura Ebraica 2012 (2 settembre)
Con il Patrocinio dell’Unione Comunità ebraiche Italiane e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica

La Giornata Europea della Cultura Ebraica è nata nel 2000 allo scopo di aprire le porte dei luoghi ebraici, per far conoscere tradizioni e usanze, sinagoghe e musei ebraici, patrimonio storico, artistico e architettonico dell’ebraismo europeo.
In Italia la manifestazione ha una notevole risonanza, con oltre 50 mila visitatori per ogni edizione, più di 60 località coinvolte e centinaia di eventi che la prima domenica di settembre (data scelta per la manifestazione) animano piazze e strade italiane.
Lo scopo della giornata è favorire la cultura del dialogo, dell’accoglienza e rispetto per ogni diversità.
La Giornata Europea della Cultura Ebraica, alla quale partecipano ogni anno circa 30 Paesi Europei, è coordinata dalAEPJ (European Association for the Preservation and Promotion of Jewish Culture and Heritage) e gode dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica.
Nel 2009 Trani è stata città capofila della Giornata Europea della Cultura Ebraica; una Giornata tuttora ricordata dalle Istituzioni ebraiche nazionali come uno dei più riusciti eventi culturali dell’ebraismo italiano e con una enorme ricaduta di immagine per la città di Trani e il suo territorio.
La comunità ebraica tranese si distinse non soltanto per la vasta offerta culturale ma altresì per l’impeccabile organizzazione del Festival della Cultura Ebraica di Puglia NEGBA che ebbe inizio con la Giornata Europea della Cultura Ebraica.
La medesima formula viene riproposta per la Giornata e per Lech Lechà.

2.-Reshìt – Conferenze su ebraismo, storia ebraica e Israele

La parola ebreo non indica una nazionalità o cittadinanza né designa un seguace della religione ebraica. Ebreo è chi nasce da genitori o almeno da madre ebrea o che si converte alla religione ebraica.
Chi nasce da madre o genitori ebrei è sempre considerato formalmente membro del popolo ebraico; chi si converte all’ebraismo entra a far parte del popolo ebraico a pieno titolo.
Ci sono ebrei bianchi, etiopi di ceppo camitico detti Falasha, neri indiani dell’Andra Pradesh, tunisini di Djerba, gialli di Kaifeng, mongolidi del Birodidjan ecc.
La parola ebreo compare per la prima volta in Genesi 14:13, dove Abramo viene chiamato Avraham ha-ivrì (l’ebreo).
Ci sono due spiegazioni: perché discendente di Ever (la terza generazione dopo Sem figlio di Noè) o perché, dopo aver lasciato la sua città, Ur-Kasdìm in Mesopotamia, andò al di là (me-ever) dell’Eufrate per stabilirsi in Canaan, futura Terra d’Israele.
Ivrì significa colui che va al di là del fiume oppure, in quanto unico monoteista, colui che sta da una parte del mondo mentre il resto si trova dall’altra parte del fiume.
Ogni popolo ha il suo fiume, come il Nilo per gli Egiziani o il Danubio per l’Europa orientale; per gli Ebrei attraversare l’Eufrate è un gesto che affida i destini di quella regione alla discendenza di Abramo padre di molte nazioni.
Ma la storia ha fatto sì che gli Ebrei attraversassero loro malgrado parecchi fiumi, non c’è epoca che non abbia visto gli Ebrei cacciati dalla loro terra: dal re assiro Tiglat Pileser, dal re babilonese Nebucadnetsar, da Roma, dalla Spagna, dal Terzo Reich, dagli Arabi.
Quando Abramo lasciò Ur-Kasdìm per Canaan, percorse il nuovo paese e ovunque costruiva un altare e proclamava il nome del Dio unico.
E’ scritto (Genesi 12:9): “Abramo camminava e viaggiava verso sud”.
Nel Meridione d’Italia, dopo la cacciata del 1541, è venuto a mancare l’ebreo come interlocutore nel dialogo tra fedi e culture; il ritorno e la diffusione dell’ebraismo, dei suoi valori etici verso il Mezzogiorno è uno degli obiettivi principali di Lech Lechà.

4.-Sefarim – Fiera del libro ebraico e presentazioni librarie con gli autori

C’è qualcosa che lega indissolubilmente il popolo ebraico ai libri; dalla cultura ebraica della Diaspora o di Israele al mondo cartaceo degli autori, editori e lettori il passaggio è strettamente obbligato.
Gli ebrei possiedono il Libro per eccellenza: la Torà, non solo Legge scritta da Dio medesimo e summa della storia dell’Umanità e dell’universo ma autentico thesaurus della Scienza e della Tecnica sociale che segna i meccanismi dell’intelletto, scaffale di idee e valori utili a esercitare il gusto del progresso, della tolleranza, della libertà d’espressione e di critica, della creatività.
La Torà ha reso quello ebraico un popolo all’avanguardia nelle idee e nella scoperta di metodi di ricerca tali da scardinare i misteri del sapere umano e in essi scorgere nuovi significati o ricostruire situazioni inimmaginabili di creatività.
Libri di argomento ebraico saranno presentati dagli stessi Autori con la partecipazione di giornalisti e uomini di cultura che con gli Autori approfondiranno i libri sottoponendo loro domande proprie o del pubblico. Ogni libro sarà acquistabile presso lo stand a margine della relativa presentazione libraria.

5.-Il Canto di Abramo – Concerti, produzioni teatrale, musica tradizionale ebraica

Nel Mediterraneo si incrociano tre grandi culture religiose: ebraica, cristiana e musulmana.
Popoli e storie divise da conflitti ideologici e territoriali ma con un’unica discendenza rivendicata, quella di Abramo cresciuto in Ur-Kasdìm che lascia la sua terra.
Quando cantò Abramo? Il testo biblico non risponde ma l’istinto ci suggerisce che Abramo abbia intonato il suo canto al culmine della legatura del figlio Isacco, quando la voce divina fermò la sua mano nell’atto di sacrificare il figlio, dopo aver notato il montone incastrato nei pruni, antesignano del corbàn del Tempio.
Il canto di Abramo risuona attraverso millenni e, intrecciandosi nei tempi e luoghi più diversi con gli eventi del Mediterraneo, conserva la sua unicità nella lode all’unico Dio, pilastro della civiltà.
Il canto ebraico sopravvisse alla distruzione del Secondo Tempio nel 70 e.v. quando i Maestri proibirono la musica strumentale in segno di lutto.
Il canto dei leviti si spostò dal Tempio alla sinagoga dando inizio alla storia della musica ebraica nella Diaspora.
Il canto gregoriano discende da quello del Tempio, il canto dell’Islam conserva intatto il pianto di Aga per Ismaele, il conforto divino della promessa di una vasta e duratura progenie, l’orgoglio di una grande nazione che abbracciò il tesoro spirituale del monoteismo.

6.-Un ebreo a Hollywood – Produzione cinematografica ebraica e introduzione ai film

Mentre nel teatro leggero gli attori ebrei portano un soffio di assurdità (vedi le maschere dello shlemiel, del nebech, del mishegoss, del badchen, del chutzpa, del draykopf, del kibitzer), nel cinema l’ebreo si dissimula nelle figure della società moderna, assume gli atteggiamenti dei popoli presso i quali vive sino a relegare in un angolo della coscienza la propria identità.
Ciò permette all’attore ebreo quasi uno sdoppiamento; ironizza su se stesso come se parlasse di un altro.
Forse proprio per questo ritroviamo nei comici ebrei il tema del doppio (Danny Kaye ne ‘Il giullare del re’, Jerry Lewis ne ‘Le folli notti del dottor Jerryll).
Come suggerisce il libro ‘An Empire of their own: how the Jews invented Hollywood’ di Neal Gabler, nel 1979 gli ebrei negli Stati Uniti erano il 3% della popolazione, eppure fra i comici se ne contava l’80 %.
Negli anni in cui il cinema americano diventava arte, Hollywood divenne per molti ebrei luogo dove esprimere quella parte di sé che costituisce un ponte con gli altri.
Come leggiamo fra le dense pagine di ‘Non solo Woody Allen. La tradizione ebraica nel cinema americano’ di Guido Fink, Hollywood è stata per gli ebrei una homeland alternativa dove rappresentare la propria identità di frontiera.
Comicità, equivoco, complessità, ambivalenza sono alcuni degli ingredienti di un cinema definito talora ebraico o americano o comico, umoristico o semplicemente appartenente all’anima irrequieta dell’uomo contemporaneo.
Hollywood tende a rappresentare non soltanto l’ebreo ma anche l’immigrato o chi, in cerca della propria identità e realizzazione personale, si presta a un senso di comica inadeguatezza.
I personaggi di questo cinema aprono la strada a una nuova comicità colorita da un’allegra amarezza e in cui è facile riconoscersi.
Emergono i difficili contorni di un’identità irrequieta, avvolti da un sorriso yiddish assolutamente originale, paradossale, assurdo: trattasi di quell’assurdità che declina l’identità moderna.
Nel cinema gli ebrei hanno trasformato la cultura chiusa in valigia, la propria esistenza in qualcosa da condividere e di tremendamente locale: hanno saputo rappresentare una condizione non solo ebraica ma anche americana o appartenente a quella realtà globale caratterizzata dal passaggio a Occidente.
Sarà per questo che è stato possibile inventarsi un Woody Allen così newyorkese e, al tempo stesso, così ebreo, radicalmente sradicato a se stesso eppure così identificabile, emblematico cittadino della metropoli dei migranti; merito non soltanto dell’eredità del teatro yiddish ma altresì del saper leggere creativamente la propria condizione, raccontarla e condividerla con gli altri.

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

31 agosto, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Letteratura, Musica | , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: