MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Domenica 3 luglio nella Chiesa dell’Annunziata a Salerno la rassegna “Organi Storici della Campania” chiude con il concerto del maestro Alessandro Rizzotto

Logo Associazione Alessandro Scarlatti 2015-2016
Domenica 3 luglio 2016, alle ore 20, nella storica Chiesa dell’Annunziata a Salerno il M° Alessandro Rizzotto terrà il concerto conclusivo della prestigiosa rassegna Organi Storici della Campania, della Associazione Alessandro Scarlatti, giunta alla XVII edizione.

Nato nel 2001 e dedicato alla scoperta e alla valorizzazione del vasto patrimonio organario della nostra Regione, il ciclo “Organi Storici della Campania “ ha spaziato negli anni nelle più importanti Basiliche e Chiese della città di Napoli e in varie sedi della Campania come il Santuario di San Rocco a Lioni, la Chiesa di Santa Maria della Speranza a Battipaglia, la Chiesa di Sant’Antonio al Seggio di Aversa, il Santuario di Sant’Antonio di Afragola, la cinquecentesca Collegiata di San Michele a Solofra.
Ad oggi nell’ambito della rassegna sono stati eseguiti circa 100 concerti.

La Chiesa dell’Annunziata di Salerno fu costruita nel 1627 sulle rovine della vecchia chiesa di fine quattrocento, distrutta da un’alluvione.
Di rilevante importanza l’organo in legno del 1880 in stile neogotico, opera dell’organaro Giovanni Battista De Lorenzi caratterizzato da tre tastiere in avorio ed una pedaliera di ventisette pedali, originariamente previsto per il Duomo di Schio ma giunto nel 1888 a Salerno.
L’organo è stato recentemente restaurato e riportato all’antico splendore.

Il M° Rizzotto così presenta il programma del concerto: “Ciò che apparentemente risulta un incoerente miscuglio di forme, compositori e epoche, risponde invece alla volontà di mostrare il “multiforme ingegno” che attraverso i secoli ha contagiato questi geniali (appunto) compositori. Il corpus centrale vede l’esecuzione di otto corali composti sulla medesima melodia ma alla distanza di ben due secoli e proposti all’ascolto come riflessi in uno specchio. Non manca nemmeno il riverbero italiano illuminato dalla rilettura tedesca in apertura e la chiusura con un Messico influenzato dalla scuola italiana”

Il concerto è gratuito

Infoline
Associazione Alessandro scarlatti
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Domenica 3 luglio, ore 20.00 – Chiesa dell’Annunziata (Salerno)

Alessandro Rizzotto, organo

Programma

Johann Gottfried Walther (1684 – 1748): Concerto del Sig. Tomaso Albinoni in fa maggiore LV 126

Marcel Dupré (1886 – 1971)/Johann Sebastian Bach (1685 – 1750)
Jésus, ma confiance op. 28, n. 45
Jesus, meine Zuversicht BWV 728

Le fils de Dieu est venu op. 28, n. 28
Gottes sohn ist kommen BWV 703

Loué soit le Dieu Tout-Puissant op. 28, n. 53
Lob sei dem allmächtigen Gott BWV 704

Aie pitié de moi, o Seigneur Dieu op. 28, n. 23
Erbarm dich mein, o Herre Gott BWV 721

Ah, Dieu et Seigneur op. 28, n. 2
Ach Gott und Herr BWV 714

Bien-aimé Jésus, nous sommes ici op. 28, n. 52
Liebster Jesu, wir sind hier BWV 730 e 731

Jésus-Christ, Fils unique de Dieu op. 28, n. 30
Herr Christ, der einig Gottes Sohn BWV 698

Mon âme exalte le Seigneur op. 28, n. 55
Meine Seele erhebt den Herrn BWV 733

Jesús Estrada (1898 – 1980)
Procesión y Saeta (1951)
Noël en estilo francés del siglo XVIII (1963)

Alessandro Rizzotto
Alessandro RizzottoÈ nato a Asola (Mantova).
Dal 1980 è organista titolare dello storico organo costruito nel 1823 dai fratelli Serassi per l’antica Cattedrale di S. Andrea in Asola restaurato dalla ditta Mascioni.
Il compianto maestro Renzo Buja lo ha guidato al diploma conseguito presso il Conservatorio “Cesare Pollini” di Padova.
In seguito ha preso parte a numerosi corsi di interpretazione e perfezionamento tenuti da illustri docenti, frequentando con particolare interesse le lezioni di Maximilian Zweimüller, Michel Chapuis, e all’Accademia di Musica Italiana per Organo a Pistoia.
Seguendo consigli e suggestioni del musicista inglese Christopher Stembridge si dedica anche allo studio del clavicordo e con questo strumento ha tenuto numerosi concerti anche all’estero.
Suoi articoli sono stati commissionati da riviste specializzate e per conto delle Editions Alphonse Leduc di Parigi, ha curato l’edizione italiana del “Corso completo di Fuga” del francese Marcel Dupré.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

27 giugno, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Chiesa SS. Annunziata, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Organisti, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 27 febbraio il maestro Nicola Florio ospite dei “Vespri d’organo”

Vespri d'organo - Giornata Mondiale lotta AIDS
Venerdì 27 febbraio, alle ore 19.30, nella chiesa dell’Immacolata al Vomero (piazza Immacolata), si terrà il secondo appuntamento della IX edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è Mauro Castaldo, gemellata con l’ Internationales Stuttgarter Orgelfestival in Germania.
Protagonista del concerto sarà Nicola Florio, organista titolare della cattedrale di Cerreto Sannita (Bn), che proporrà un programma di notevole interesse storico-musicale, incentrato sugli autori attivi in Germania prima dell’avvento di Johann Sebastian Bach.
La prima parte della serata sarà rivolta ai rappresentanti della cosiddetta “Scuola organistica del Nord”.
In apertura ascolteremo il Preludio in mi minore, detto “Il piccolo” di Nicolaus Bruhns (1665-1697), talento molto apprezzato dal suo docente Dietrich Buxtehude, la cui carriera venne stroncata da una morte prematura.
I successivi Ach wie nichtig e Vater unser im Himmelreich corrispondono rispettivamente ad una partita e a un preludio corale, tratti dalla produzione di Georg Böhm (1661-1733).
Compositore, organista e docente, è ricordato per alcuni suoi brani legati allo stile improvvisativo dell’epoca (il cosiddetto stylus phantasticus) e per aver avuto allievi prestigiosi fra i quali, molto probabilmente, vi fu anche Bach, negli anni in cui quest’ultimo soggiornò a Lüneburg.
Meno noto dei precedenti, Christian Geist (1650-1711), autore del preludio corale Allein Gott in der Höh sei Ehr, attivo soprattutto in Scandinavia, che morì a Copenhagen durante un’epidemia di peste.
Toccherà poi alla Ciaccona in mi minore, del già citato Dietrich Buxtehude (1637-1707), danese di nascita, che si stabilì in Germania a trentun anni, ed è considerato il maggior compositore e organista della sua epoca.
La sua produzione ebbe grande influenza sul giovane Bach che, secondo la tradizione, percorse a piedi i 400 chilometri che separavano Arnstadt (dove ricopriva il ruolo di organista della chiesa di San Bonifacio), da Lubecca, città nella quale Buxtehude lavorava in qualità di organista titolare della Marienkirche.
La seconda parte, dedicata ai compositori della “Scuola organistica del Centro”, inizierà con il Preludio e fuga in si bemolle maggiore di Johann Kuhnau (1660-1722), noto per essere stato il predecessore di Bach nel ruolo di Kantor della chiesa di San Tommaso a Lipsia.
Con i Preludi corali Allein Gott in der Höh sei Ehr e Warum sollt ich mich denn grämen si passerà a Johann Gottfried Walther (1684 – 1748), cugino di Bach, figura eclettica di compositore, organista e lessicografo, che fu il primo a scrivere un dizionario in tedesco, contenente le biografie di molti autori allora conosciuti e la spiegazione di circa tremila vocaboli legati al campo musicale.
A completamento di questa panoramica, verranno eseguiti il Preludio e fuga in mi minore e la Ciaccona in re di Johann Pachelbel (1653-1706), oggi noto soprattutto per il Canone in re maggiore.
L’interessantissimo programma si concluderà con Ataccot (Toccata in re minore per moto retrogrado), un omaggio particolare al sommo Bach da parte del connazionale Enjott Schneider, nato nel 1950.

Prossimo appuntamento:

Venerdì 27 marzo 2015, ore 19,30, Chiesa dell’Immacolata al Vomero, Napoli
Antonio Varriano, organo

L’ingresso è libero

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 – Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.trabaci.com

_________________________________________________________

Programma

“Scuole a confronto nella Germania pre-bachiana”

La Scuola organistica del Nord

Nicolaus Bruhns (1665-1697): Preludio in mi (detto “Il piccolo”)

Georg Böhm (1661-1733):
Ach wie nichtig
Vater unser im Himmelreich

Christian Geist (1650-1711): Allein Gott in der Höh sei Ehr

Dietrich Buxtehude (1637-1707): Ciaccona in mi minore

La Scuola organistica del Centro

Johann Kuhnau (1660-1722): Preludio e fuga in si bemolle maggiore

Johann Gottfried Walther (1648-1748):
Allein Gott in der Höh sei Ehr
Warum sollt ich mich denn grämen

Johann Pachelbel (1653-1706):
Preludio e fuga in mi
Ciaccona in re

Omaggio stravagante al Maestro di Eisenach:
J. S. Bach (1865-1750) – E. Schneider (1950): Ataccot (Toccata in re minore per moto retrogrado)

Nicola Florio
Nicola FlorioHa conseguito il Diploma in Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio di Musica “Nicola Sala” di Benevento.
Attualmente, presso il medesimo Conservatorio, sta seguendo un corso di prassi e letteratura organistica con la guida del M° Mauro Castaldo.
E’ inoltre laureato in Giurisprudenza presso l’Università Federico II di Napoli.
Dal 1989 è organista della Cattedrale di Cerreto Sannita (BN).
Con il coro della Cattedrale pratica un ampio repertorio che spazia dal gregoriano alle musiche moderne e contemporanee, animando le più importanti celebrazioni presiedute dal Vescovo sia in Diocesi che altrove (Basilica di S. Pietro in Roma, Basilica di Pompei, Chiesa Abbaziale di Casamari, Cattedrale di Altamura).
Ha preso parte, come uditore, al convengo sulla storia, restauro e conservazione degli organi delle chiese di Napoli e sulla storia degli antichi organi della Cattedrale di Napoli.
Ha partecipato alle rassegne organistiche: “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli” ed al “Festival Organistico del Sannio Giovanni Salvatore”.
Ha frequentato vari corsi di perfezionamento: tra altri, sui “Fiori Musicali di Girolamo Frescobaldi”, in S. Giovanni in Laterano in Roma e “Sulla interpretazione della letteratura organistica italiana a uno e due organi” (VII corso di perfezionamento), in San Petronio in Bologna, con il maestro L. F. Tagliavini; su “J. S. Bach – I corali dell’autografo di Lipsia e i corali Schubler”, nel Santuario di Castelpetroso (IS) con il maestro Antonio Varriano; su “J. P. Sweelinck e la Scuola Organistica del Nord”, presso il Conservatorio di Benevento, con il maestro Matteo Imbruno; sulla “Vocalità barocca e basso continuo”, nella chiesa di S. Bartolomeo in Civitella Licinio, con i maestri Mauro Castaldo e Rosa Montano.
Collabora con l’Ufficio Liturgico – Sezione canto sacro della Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata dei Goti.
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

22 febbraio, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione Trabaci, Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Organisti, Regioni | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ai “Vespri d’organo” un interprete di altissimo livello

Foto Fulvio Calzolaio

Foto Fulvio Calzolaio

Il recente appuntamento con i “Vespri d’organo”, rassegna organizzata dall’Associazione Trabaci e affidata alla direzione artistica del maestro Mauro Castaldo, ha ospitato Fabrizio Fancello, organista titolare della Cattedrale di San Lorenzo a Genova e docente di Organo e Canto Gregoriano al Conservatorio “N. Sala” di Benevento.
Il musicista ha proposto un programma rivolto a brani di autori attivi in Germania e Francia, in un arco temporale compreso fra il Seicento ed i primi del Novecento, iniziando con il Praeludium in re maggiore BuxWV 139 di Dietrich Buxtehude (1637-1707) danese di nascita, che si stabilì in Germania dopo aver superato la trentina e fu il maggior compositore e organista della sua epoca, influenzando anche il giovane Bach.
E’ stata poi la volta di Johann Gottfried Walther (1684-1748), autore di numerose trascrizioni organistiche di celebri brani di musicisti dell’epoca, fra le quali il Concerto “del sigr. Vivaldi”, che aveva come riferimento il Concerto per violino in si minore RV 388 del compositore veneziano.
Il successivo Magnificat primi modi, del francese Jean-François Dandrieu (1682?-1740), metteva in evidenza un autore e apprezzato interprete che, dopo esser stato organista titolare in alcune importanti chiese di Parigi, ricoprì incarichi prestigiosi nell’ambito della Cappella Reale.
Dalla vasta produzione del sommo Johann Sebastian Bach (1685-1750), Fancello ha proposto i Preludi al corale luterano “Nun komm der Heiden Heiland” BWV 659 e BWV 661, tratti dai “Preludi corali di Lipsia”, scritti fra il 1740 ed il 1750.
Interamente francese la parte conclusiva del recital, prima con la Fantaisie n. 3 in do maggiore op. 157 di Camille Saint-Saëns (1835-1921), e poi con In ParadisumToccata in sol maggiore, appartenenti a due differenti raccolte di Théodore Dubois (1837-1924), musicista vincitore del Prix de Rome nel 1861, docente del Conservatorio di Parigi e autore di un “Trattato d’armonia teorica e pratica” utilizzato ancora oggi.
In complesso una panoramica molto interessante, esaltata dalla bravura di Fabrizio Fancello che si è dimostrato organista di elevatissimo spessore, ed ha avuto inoltre il merito di affiancare, ad autori celebri, compositori raramente ascoltati dalle nostre parti, che meriterebbero maggiore attenzione.
Pubblico abbastanza numeroso e attento, che ha gradito moltissimo il recital e si è prodotto in uno scrosciante applauso finale, degno coronamento di un’ottima serata di musica organistica.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

2 dicembre, 2014 Posted by | Campania, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 28 novembre 2014, concerto di Fabrizio Fancello per la rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”

logo-associazione-trabaci1

Venerdì 28 novembre 2014, alle ore 19.30, chiesa dell’Immacolata al Vomero (piazza Immacolata), nuovo appuntamento della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è il Mauro Castaldo, gemellata con il St. Nikolaus Orgelfestival di Stuttgart (Germania), dedicata quest’anno alla memoria della contessa Milly Gardini.
Protagonista del concerto il maestro Fabrizio Fancello, organista titolare della cattedrale di San Lorenzo a Genova, che proporrà una panoramica compresa fra il Seicento ed i primi del Novecento, rivolta ad autori attivi in Germania e Francia.
In apertura verrà eseguito il Praeludium in re maggiore BuxWV 139 di Dietrich Buxtehude (1637-1707) danese di nascita, che si stabilì in Germania a trentun anni.
Considerato il maggior compositore e organista della sua epoca, ebbe una decisa influenza anche sulla produzione giovanile di Bach.
Il successivo Concerto “del sigr. Vivaldi” rientra nell’ambito delle numerose trascrizioni effettuate da Johann Gottfried Walther (1684-1748) su brani di musicisti all’epoca famosi.
Cugino di Bach, oltre ad essere compositore ed organista, Walther fu anche lessicografo, in quanto curò un dizionario in tedesco, dove inserì la spiegazione di alcune migliaia di vocaboli legati al settore musicale, abbinati alle biografia di molti autori.
Sarà poi la volta del Magnificat primi modi, appartenente ad una raccolta, pubblicata postuma, del francese Jean-François Dandrieu (1682?-1740), ai suoi tempi apprezzato interprete che, dopo esser stato organista titolare in alcune importanti chiese di Parigi, approdò alla Cappella Reale.
Non poteva mancare, in questo programma, Johann Sebastian Bach (1685-1750), presente con i Preludi al corale luterano “Nun komm der Heiden Heiland” BWV 659 e BWV 661, dai cosiddetti “Preludi corali di Lipsia”, scritti fra il 1740 ed il 1750.
Nella parte conclusiva del recital, incentrata sul repertorio francese, ascolteremo prima la Fantaisie n. 3 in do maggiore op. 157, dedicata nel 1919 da Camille Saint-Saëns (1835-1921) al re del Portogallo e poi In Paradisum e la Toccata in sol maggiore, appartenenti a due raccolte organistiche di Théodore Dubois (1837-1924), vincitore del Prix de Rome nel 1861, docente del Conservatorio di Parigi e autore di un “Trattato d’armonia teorica e pratica” ancora molto attuale.

L’ingresso è libero

Prossimi appuntamenti:

Lunedì 1 dicembre 2014, ore 19.30
Chiesa S. Maria della Rotonda, Napoli
XVII Concerto AVAS – Onlus
Leona Pelešková, soprano
Daniela del Monaco, contralto
Vincenzo Leurini, tromba
Roberta Schmid, organo
Mauro Castaldo, organo

Venerdì 19 dicembre 2014, ore 19.30
Chiesa dell’Immacolata al Vomero, Napoli
Coro Beata Virgo Maria
Rosa Montano, mezzosoprano
Egidio Mastrominico, violino
Elena Scala, direttore del coro
Mauro Castaldo, organo

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 – Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.trabaci.com

_________________________________________________________

Programma

D. Buxtehude: Praeludium in Re BuxWV 139

J. G. Walther: Concerto “del sigr. Vivaldi”

J. F. Dandrieu: Magnificat primi modi

J. S. Bach: Corali “Nun komm der Heiden Heiland” BWV 659 e BWV 661

C. Saint-Saëns: Fantaisie n. 3 in do maggiore op. 157

T. Dubois
In paradisum
Toccata

Fabrizio Fancello
Fabrizio FancelloDopo aver compiuto gli studi di Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio “N. Paganini” di Genova, sotto la guida del M° Attilio Baronti, ha approfondito svariati aspetti della interpretazione organistica, frequentando, presso le principali Accademie musicali italiane ed estere, corsi di perfezionamento tenuti da docenti quali J. Langlais, L. F. Tagliavini, T. Koopmann, M.-C. Alain, L. Rogg, A. Isoir e G. Parodi.
Fin da giovane, affascinato dal canto gregoriano, ha avuto l’opportunità di approfondirne lo studio con Dom Eugène Cardine, considerato il fondatore della Semiologia gregoriana.
Ha svolto attività anche come direttore di coro seguendo corsi di perfezionamento tenuti da A. Zecchi e da D. Bartolucci, partecipando a rassegne, convegni regionali e nazionali ed al Concorso internazionale di Tours.
Dal 1990 Organista principale nella Cattedrale di San Lorenzo in Genova, nel 2005 è stato nominato Organista titolare.
E’ membro della Commissione Beni Culturali e della Commissione di Musica Sacra dell’Arcidiocesi di Genova.
Vincitore del Concorso a cattedre per i Conservatori di Musica, è docente di Organo e Canto Gregoriano al Conservatorio “N. Sala” di Benevento.
Nel 2010, per le Edizioni Carrara, ha curato il volume ‘Luigi Porro – Opere sacre’, contenente una raccolta di musiche composte dal sacerdote genovese.
Svolge regolare attività concertistica in Italia e all’estero, sia come solista che in collaborazione con cori, cantanti e strumentisti riscuotendo consensi di critica e pubblico.

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

26 novembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Associazione Trabaci, Associazioni Musicali, Concerti, Ensemble vocali, Music, Musica, Musica classica, Napoli, Rassegne | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 17 aprile il maestro Mauro Castaldo ospite della rassegna “Vespri d’organo”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 17 aprile 2011, alle ore 19.30, nella Chiesa dell’Immacolata al Vomero, appuntamento pasquale con la V edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci.
Protagonista del concerto il maestro Mauro Castaldo, direttore artistico dell’Associazione Trabaci, che aprirà il suo recital con la Partita sopra il corale “Jesu meine Freude” di Johann Gottfried Walther, compositore, teorico ed organista tedesco, noto soprattutto per le sue trascrizioni dei concerti di Albinoni, Vivaldi, Telemann e Torelli, e per essere cugino di Bach.
Con il successivo corale, O Mensch, bewein’ dein’ Sünde gross BWV 622 di Johann Sebastian Bach (1685-1750), tratto dall’Orgelbüchlein (Piccolo libro d’organo), si entrerà nell’atmosfera della Settimana Santa, in quanto il brano è legato a quella parte della raccolta pensata per accompagnare i riti quaresimali.
Il recital si chiuderà con la Sonata in re minore, op. 45 di Giuseppe Martucci (1856-1909), unico contributo alla letteratura organistica del grande compositore campano, proposta per l’occasione in una versione curata dal maestro Castaldo, partendo dal manoscritto originale custodito nella biblioteca del Conservatorio di San Pietro a Majella.

L’ingresso è libero

Prossimi appuntamenti della rassegna, domenica 8 maggio, alle ore 19,00, nella Chiesa di Santa Caterina a Chiaia, con il concerto di Roberto Canali e domenica 15 maggio, alle ore 19,00, nella Chiesa di San Nicola da Tolentino con il recital di Olga Laudonia

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 – Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.associazionetrabaci.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**
il Video Ufficiale dal CD
NEFELI di Susanna Canessa:

CALEB MEYER
watch on YouTube!Click here

15 aprile, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Associazione Trabaci, Concerti, Musica, Napoli, Organisti | , , , , , | Lascia un commento

Domenica 3 aprile 2011 Giovanni Picciafoco ai “Vespri d’organo”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 3 aprile, alle ore 19.30, nella Cattedrale di Nola, nuovo appuntamento con la V edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è Mauro Castaldo.
Protagonista del concerto Giovanni Picciafoco che aprirà la serata con Trattenimento e Preludio e Fuga, due brani di Alessandro Salvatore Speranza (1728 – 1797), autore nato nella zona di Palma Campania e allievo di Francesco Durante, che il maestro ha recentemente sottratto ad un lunghissimo oblio.
Ascolteremo poi il Concerto del Sig.Torelli appropriato all’Organo LV 140, una delle 14 trascrizioni operate da Johann Gottfried Walther (1684 – 1748), partendo da concerti strumentali appartenenti alla produzione di Albinoni, Vivaldi, Gentili, Taglietti, Telemann e, naturalmente, Torelli.
In tema di trascrizioni, è tale anche il successivo Andante dal Concerto Brandeburghese n. 4 BWV 1049 di Johann Sebastian Bach (1685 – 1750), che precederà la Première Sonate pour Orgue op.25 di Clément Loret (1833 – 1909), nato in Belgio, dove studiò con Lemmens e Fétis al conservatorio di Bruxelles, prima di trasferirsi in Francia, intraprendendo una prestigiosa carriera che lo vide, fra l’altro, per circa 30 anni
organista titolare della Basilica parigina di Saint Geneviève (l’attuale Panthéon)
L’interessante recital si chiuderà con la Toccata en la mineur, op. 64 n. 3 di Aloÿs Claussmann (1850 – 1926), altro rappresentante della gloriosa scuola transalpina, nato nella zona dell’Alto Reno ed allievo di Gigout alla Scuola Nedermayer, la cui attività si svolse prevalentemente a Clermont Ferrand, città nella quale fondò anche il Conservatorio.

L’ingresso è libero

Prossimi appuntamenti della rassegna domenica 10 aprile, alle ore 19.00, nella chiesa di S. Caterina a Chiaia, con il recital di Tobias Gonzáles Jiménez e domenica 17 aprile, alle ore 19,30 nella Chiesa dell’Immacolata al Vomero, con il concerto di Mauro Castaldo.

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 – Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.associazionetrabaci.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 marzo, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Associazione Trabaci, Concerti, Musica, Musica classica, Organisti | , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: