MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Mercoledì 15 luglio l’Institut Français Napoli ospita il concerto-spettacolo di Cleo T.


Farà tappa a Napoli la musicista parigina Cleo T. in occasione della Festa Nazionale Francese presso l’Institut Français Napoli.‬‬
Un evento speciale nell’ambito di “La Francia in scena 2017”, che vedrà Cleo T. protagonista di SHINE, spettacolo coinvolgente e sensoriale basato sul suo nuovo album “And Then I Saw A Million Skies Ahead” che ha attraversato l’Europa, dall’Inghilterra alla Germania, dai Balcani all’Italia, prima di approdare in Canada e di atterrare a Parigi in autunno.

Il concerto-spettacolo si terrà presso la Sala Dumas dell’Institut Français Napoli (Via Crispi 86) e sarà aperto al pubblico ‪sabato 15 luglio‬, alle ore 20.30 (ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili).
‪Il giorno prima, per le celebrazioni del 14 luglio‬ in occasione della Festa Nazionale Francese, si terrà una serata ad inviti.‬‬‬‬‬‬‬‬‬‬

Siamo molto orgogliosi di ospitare Cleo T. per la festa nazionale – dichiara il Console generale di Francia a Napoli Jean Paul SeytreUn’artista eclettica e versatile che con la sua opera musicale riesce ad abbracciare tutte le forme d’arte, dalla pittura alla danza, dalla letteratura al mondo digitale, in una contemporaneità straordinariamente suggestiva. Il suo evento rientra nel progetto dell’Institut français di apertura alla città di Napoli attraverso la residenza di artisti francesi che meglio esprimono la contaminazione e riunificazione delle arti del nostro mondo contemporaneo”.

Creato ogni volta site specific e ospitato nella sala Alexandre Dumas di recente completamente rinnovata, lo spettacolo SHINE ha lo scopo di costruire un ponte tra l’approccio concettuale al mondo dell’arte e l’immediatezza emotiva della musica pop.
Un’esperienza interattiva, dove musica, ballo, pittura, strumenti analogici e arti visive si mescolano e seducono l’ascoltatore, fondendosi in un’esperienza artistica e sensoriale a 360 gradi.

Tre anni dopo il suo primo album registrato a Bristol con John Parish (leggendario produttore di PJ Harvey), Cleo T. presenta, nel marzo 2017, “And Then I Saw A Million Skies Ahead”.
Segue le orme delle grandi dive di ieri e di domani e ci offre un album al di là di ogni classificazione.
Di base a Berlino dal 2015, l’artista combina la sua naturale capacità autoriale con la potente elettronica di Rodion, produttore e DJ berlinese.
Il suo nuovo lavoro mette insieme musicisti da tutto il mondo, che mixano gospel e musica balcanica, Neo Soul e cantautorato, pop ed elettronica, il velluto delle dive del jazz e l’acidità di un funk inesplorato.
SHINE è il primo titolo del nuovo album, da cui prende il nome lo spettacolo, un lavoro di sinestesia multidisciplinare, dove le voci, i corpi, le immagini si incontrano, e la pittura e il video si mescolano tra arti analogiche e digitali.

Le coreografie digitali dello spettacolo sono firmate dall’artista visivo Maflohé Passedouet fondatore della compagnia Mobilis_Immobilis, che dopo un intenso lavoro di collaborazione e condivisione estetica con l’artista, ha creato un’interpretazione visiva delle idee di Cleo T.
Musica e azione, in continuo movimento, riflettono effetti di luce e vengono animati da una coreografia interattiva, che può ricordare alcuni fenomeni naturali straordinari, riecheggiando l’aurora boreale o elementi bioluminescenti come le lucciole.

Il nuovo spettacolo di Cleo T. cambia direzione rispetto al live classico da palco: il pubblico si trova al centro dell’opera d’arte, prendendo parte a un’esperienza multisensoriale, dove i visual vengono creati in tempo reale.
Facendo uso di raggi a infrarossi, telecamere, sensori e sofisticati software musicali di ambiente Max/MSP, la performance, che mescola strumenti elettronici e acustici, spoken word e teatro, si trasforma in un processo interattivo fra pubblico, musicisti ed elementi visivi.
Tra la notte profonda e una meteora, la musica di Cleo T. unisce la potenza emotiva dei grandi interpreti all’intensità selvaggia dell’elettronica minimale.

SHINE si presenta, così, come un rituale di metamorfosi interattivo e collettivo.
I ritmi elettronici, le distorsioni del suono delle chitarre, la metafisica della luce e le onde di energia divengono testimonianza di una conquista sensoriale e spirituale.

Cleo T. si accosta ad una antologia poetica, rimandando al mondo dell’arte e della letteratura.
Secondo la musicista parigina, l’arte è come una porta per il nostro tempio interiore.
Per il suo lavoro, ha trovato ispirazione nella poesia e nella pittura classica, in bilico tra spazio e tempo, partendo dalle linee artistiche ideali, invisibili e intangibili del filosofo greco Plotino, passando all’avanguardia del russo Kasimir Sewerinowitsch Malewitsch, alla pittrice messicana Frida Kahlo, per arrivare alla grande mente di Pier Paolo Pasolini.

Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili

Ufficio stampa:
MiNa vagante s.r.l.
Alessandra Cusani
alessandra.cusani@gmail.com

________________________________________________________

15 luglio 2017, ore 19.00 – Institut Français Napoli (Sala Dumas)
Via Francesco Crispi, 86 – Napoli

CLEO T. presenta SHINE

Clémence Leaute, voce
Valentin Mussou, violoncello
Victor Roux, chitarra

Annunci

7 luglio, 2017 Posted by | Agenda Eventi, Campania, Cantanti, Concerti, Italia, Musica, Napoli, Regioni | , , , , , , , | Lascia un commento

Insegne in francese a Napoli, la mostra del concorso fino al 19 luglio

Spazio Arte di Claudia Campagnano


La Francia e Napoli, due realtà legate a doppio filo, la dominazione francese a Napoli, con gli  Angioini prima ed il decennio francese poi, episodi storici che hanno lasciato tracce indissolubili, penetrate nel profondo della napoletanità, che hanno influenzato l’architettura, i modi e la lingua. Dalle famose e semplici buatte allo charcutière di totò, passando per le varie boulangerie e patisserie.

Alessandro Gattuso

Alessandro Gattuso

Un mondo che riemerge nella scelta dei nomi delle insegne dei nostri negozianti, e che rivive in questa mostra concorso. Dal momento dell’uscita del bando, che richiedeva agli autori un massimo di cinque scatti che avessero per soggetto insegne scritte in francese o di marche francesi a Napoli, al momento della selezione, sono arrivate più di 300 fotografie. Le 30 migliori, scelte da un’attenta giuria, presieduta da Mimmo Jodice e da Pascale Giffard, direttrice delle mostre del festival Incontri di fotografia di Arles, sono adesso in mostra. Tra queste durante l’inaugurazione saranno assegnati i quattro premi in palio. Per scoprire a chi andrà l’ambito soggiorno ad Arles per la settimana del festival bisogna essere presenti la sera di venerdì 24 maggio alle 19 all’Institut français Napoli (via Crispi 86).

Michele Di Lillo

Michele Di Lillo

Per chi invece fosse interessato al risvolto sociologico è consigliata la partecipazione alle 18 all’incontro con il Professor Pecchinenda, preside della facoltà di Sociologia della Federico II, che  ha firmato l’introduzione in catalogo.

188 è il numero di insegne che sono state fotografate tra Napoli e provincia, il che ha consentito una prima mappatura della Francia in Campania. Ma le insegne ed i richiami alla Francia, sono molti di più e per rendersene conto basterà adesso alzare lo sguardo per esserne sommersi!

Insegne in francese a Napoli

24 maggio – 19 luglio

Dal lunedì al venerdì 10 – 19.

Institut français Napoli

Via Crispi 86

www.napoliinstitutfrancais-napoli.com

(c.cam.)

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo online cliccando sulla copertina oppure clikka qui. Potrai ascoltare anche le anteprime!!


24 maggio, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Fotografia, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , , | Lascia un commento