MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Vitalità dinamiche, opere di Achille Quadrini, al Melarancio di Roma, fino al 31 gennaio

 Spazio Arte di Claudia Campagnano

 

 

Comunicato Stampa

Al “Melarancio” di Roma

“Vitalità Dinamiche”

con opere recenti di Achille Quadrini.

 

 

Nell’accogliente spazio del Melarancio a Via del Vantaggio, 43, Roma (tel. 06.320.22.00; e-mail: ristorantemelarancio@gmail.com)  la personale dell’artista Achille Quadrini, intitolata “Vitalità Dinamiche”, a cura del critico Maurizio Vitiello, in cui vengono proposte pitture-oggetto concepite con materiali carichi di un’espressività primaria, come legno e metallo, rivelatori di istantaneità sensoriali, staccati dai tradizionali media espressivi.
Catalogo in distribuzione. Orario: 12:00-14:30;19:00-23:00; giorno di chiusura settimanale: Lunedì.

Sino a martedì 31 gennaio 2012.

 Scheda della mostra “Vitalità Dinamiche”, a cura di Maurizio Vitiello.

L’artista Achille Quadrini è di nuovo a Roma, che ama molto.

Il Melarancio, situato nel cuore di Roma, a due passi da Piazza del Popolo e da Piazza di Spagna, è in grado di accogliere gli amici in un ambiente rilassante e adatto a ogni occasione.

Ispirato alla tradizione italiana, ma con un tocco di creatività, lo spazio Melarancio propone un’attenta selezione delle materie prime del territorio, utilizzando, tra l’altro, prodotti biologici, provenienti direttamente dalla Toscana.

Achille Quadrini lavora a Frosinone, viaggia molto in Italia e in Europa, ed è ritornato, da una rassegna da Praga e da Viterbo per la Biennale, edizione 54, allestita a Palazzo degli Alessandri.

L’operato dell’artista viaggia in stretto rapporto con l’ecosistema, riappropriandosi di valori essenziali come il senso della terra, della natura, dell’energia pura, della storia dell’uomo, rivisitati in chiave ludica proprio in virtù dell’oggetto scelto, che dal riciclo trae la propria dimensione energetica: sfere, triangoli, quadrati come sunti di vita in pannelli geometrici.
Molte delle opere sono in formato 100×100; l’artista le ha realizzate, soprattutto, con tappi, a vite e a corona, in metallo di varie marche di bevande. 
Il titolo della mostra è “Vitalità Dinamiche” e le opere fanno riferimento al contesto delle energie, sia in relazione alla natura che alla cultura dell’uomo.

L’artista cerca di confermare e configurare muta sostanza alle attese e coglie, nelle sue diversificate pitture, certezze acute di soglie e di limiti.
Nelle dinamiche di pensieri riflessi propone orientamenti e fa di tutto perché ci sia un varco, un respiro, un’apertura, insomma una possibilità di andare oltre.
Un sentimento di riappropriazione lo spinge a riempire e a colmare la tela bianca ed, allora, “legge” i moti e i movimenti della società all’angolo della strada e le aritmie determinate dagli eventi mondiali.
Il nostro quotidiano che precisa il nostro vivere, con sussulti brevi e/o lunghi, può essere controllato, condensato ed esaminato grazie ad una profonda presa di coscienza, corroborata anche dalla disamina di ciò che si sedimenta.
Le sue attuali pitture si presentano ancor più interessanti e compatte ed il senso della realtà domina gli scenari.

Non dimentica, però, paesaggi di forte sapore mediterraneo, sagaci e spericolate visioni d’insieme, scenografie pulite da assillanti e da assillate metropoli, macchie di scenari verdi e di netti azzurri guadagnano lo spazio della tela.
La mano di Quadrini conquista tessiture ed orditi di panorami reali, ma anche immaginati, e visioni si sospendono, tra sogno ed emozione, e s’elevano cromatismi mediterranei segnati e contrappuntati da minime figurazioni, intervallati da intersecate luci e dettagliati da ombre.
Il pensiero pittorico di Achille Quadrini, oscillante tra pittura cosmica e pittura che cura la natura, cadenza trasparenze e sostanzia atmosfere.
In conclusione, a Quadrini interessa la materia, che trasferisce, nel suo incessante quotidiano esercizio pittorico; e, difatti, nelle ultimissime opere, lavorate tutte con la marcatura della tela grazie all’impatto dell’indice della sua mano, bagnato nel colore, intende indicare la sua dedizione alla pittura-pittura.
Grazie a queste impronte particolari che motivano l’interno di grandi cerchi predefiniti, colora un mondo, il suo mondo.
Le impronte colorate dell’indice fanno navigare segnacoli visivi in rotondità cercate.

Maurizio Vitiello

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

5 dicembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte | , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: