MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Giovedì 15 settembre con “Gente di Strada” riparte il ciclo del Maggio della Musica “Letture in musica… con the”

Logo Associazione Maggio della Musica 2010
Per il ciclo “Letture in musica… con the”, promosso dal Maggio della Musica, giovedì 15 settembre, alle ore 18, al dehors del Gran Caffè la Caffettiera in piazza dei Martiri a Napoli, l’attore Massimo Andrei sarà protagonista di “Gente di Strada”, reading incentrato sulle figure di Masaniello, degli scugnizzi e di Filumena Marturano, e su Fortunato ‘o tarallaro che ispirò un noto brano di Pino Daniele, con letture da Francesco Mastriani ed Eduardo De Filippo, e musiche di Enzo Gragnaniello, Raffaele Viviani e di Daniele eseguite da Gianni Dell’Aversana alla chitarra e Maurizio Saccone al sassofono.
“Letture in musica… con the”, dedicato al racconto della Napoli di un tempo e dei suoi caratteristici personaggi, proseguirà con “Gente di Moda” il prossimo 22 settembre per concludersi il giorno 29 con “Gente da Caffè”.

Info:
Prenotazione obbligatoria
tel. 081 5604700
maggiodellamusica@libero.it
maggiodellamusica.it

Ufficio Stampa
Paolo Popoli
paolopopoli@gmail.com

______________________________________________________

Letture in musica… con the
La Napoli di un tempo tra racconti, cronache e musiche dell’epoca
Produzione: Maggio della Musica
In collaborazione con: Gran Caffè la Caffettiera
A cura di: Massimo Andrei

Giovedì 15 settembre 2016, ore 18
Gran Caffè la Caffettiera, dehors – piazza dei Martiri, Napoli

Gente di Strada
Letture da: F. Mastriani, E. De Filippo
Musiche di: E. Gragnaniello, R. Viviani, P. Daniele
Massimo Andrei, voce recitante
Gianni dell’Aversana, chitarra classica
Maurizio Saccone, sassofono
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

13 settembre, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Maggio della Musica, Musica, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Tappa al Teatro Augusteo di Napoli del Mala Vista Social Tour

Reduce dal successo internazionale all’Istituto di Cultura Italiana di Parigi , il “Mala Vista Social Tour”, proiezione del film “Radici” di Carlo Luglio accompagnato dal concerto con Enzo Gragnaniello, i Sud Express, e special guests Ciccio Merolla, Riccardo Veno e Tony Cercola, Attilio Pastore, approda  a Napoli lunedì  2 gennaio 2012 alle ore 21.15 al Teatro Augusteo. Il film su e con Enzo Gragnagniello,  è stato presentato nella sezione “Giornate degli Autori” della 68. Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Nel cast figurano  Tony Cercola, Franco Del Prete, Maria Luisa Santella, Enzo Moscato, Riccardo Veno, James Senese, Ida Di Benedetto, Ciccio Merolla, Giovanni Persico, Piero Gallo, Francesco Iadicicco, Attilio Pastore, Erasmo Petrigna.“Radici” è una produzione “Figli del Bronx” (Gaetano Di Vaio, Pietro Pizzimento, Fabio Gargano) per la distribuzione di “Minerva Pictures Group”. Informazioni: Tel. 0810203639 – Email: figlidelbronx@libero.it

Link Trailer “Radici ” di Carlo Luglio : http://youtu.be/SHh6tEGy6hE

 

Il film è un viaggio musicale con Enzo Gragnaniello (nella foto) nella memoria di una Napoli di “sotto”, dei suoi luoghi magici, mitologici e storici ma, anche un percorso nella città di “sopra”, attraverso i suoi monumenti e i suoi quartieri più vivi, sempre punteggiato dalle performance realistiche e oniriche di Gragnaniello con i Sud Express che si intrecciano in siparietti con artisti partenopei. Una sorta di musicarello su presente e passato con un taglio leggero che infonde emozioni musicali e visive con il proposito di regalare allo spettatore scorci sulla bellezza millenaria e sulle vitalità nostrane ormai offuscate da continue rappresentazioni mediatiche sul degrado umano e territoriale.

 

 

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

30 dicembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Cinema, Film, Music, Musica, Napoli, Teatro Augusteo | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 15 maggio appuntamento a Salerno con Mayumi Kamata ed Enzo Gragnaniello per la rassegna “Arti di Maggio 2011”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Doppio appuntamento domenica 15 maggio per la seconda giornata di Arti di Maggio 2011 Zapping ‘900, rassegna promossa dall’Associazione Seventh Degree dell’ Università di Salerno, presieduta da Liberato Marzullo, unitamente al direttore artistico Antonello Mercurio e dall’ Assessorato ai Beni Culturali e Portualità Turistica dell’amministrazione comunale.
S’inizierà al Giardino della Minerva alle ore 18 con l’illustrazione della mostra fotografica dedicata a “Matteo Silvatico e al suo Giardino della Minerva, il più antico orto botanico del mondo, presentato nel Giardino di Linneo”, una mostra presentata da Luciano Mauro parte del progetto Terra delle Risonanze, ideata da Silvia Lanzalone e dallo stesso Mauro.
Matteo Silvatico, vissuto a cavallo tra il tredicesimo e il quattordicesimo secolo, nella sua opera dal titolo Opus pandectarum medicinae per la prima volta compendiò tutto il sapere medico-botanico sulle piante allora conosciute, perfezionando l’antico metodo di classificazione basato sulla cosiddetta “dottrina umorale”.
Egli, inoltre “inventò” il ruolo del moderno Orto botanico, trasformando il suo giardino, ubicato nell’area dell’attuale Giardino della Minerva, in un luogo didattico e di sperimentazione.
Carl von Linné, inizialmente Linnaeus, ha dedicato la sua vita a descrivere e classificare la diversità biologica.
Ha inventato il sistema di denominazione binomio che usiamo ancora oggi ed ha sviluppato un vocabolario standardizzato in latino ed il formato per la descrizione di piante e animali.
Tra le sue opere principali ricordiamo lo Specie Plantarum ed il Systema Naturae in cui tutti gli organismi conosciuti sono stati catalogati e descritti.
Questi libri ancora oggi costituiscono la base formale per la nostra denominazione delle specie di origine vegetale e animale.
L’Hortus Upsaliensis, il giardino-accademia, oggi denominato Linnéträdgården, è stato per Linnaeus ed i suoi allievi un libro di testo vivente in medicina e botanica, così come il Giardino della Minerva lo fu per Matteo Silvatico 350 anni prima.
Entrambi i giardini sono stati inoltre essenziali per lo sviluppo di metodi e teorie, ma secondo paradigmi diversi.
A Salerno Matteo Silvatico fondò la sua classificazione sulla base dell’uso delle piante medicinali, ad Uppsala Carl von Linné basò la sua su caratteri osservabili nelle stesse piante.
Nel riconoscimento di questo rapporto speciale tra le due antiche strutture sorelle, si è immaginata la realizzazione di due esposizioni gemelle, per cui la mostra oggi inaugurata avrà la sua omologa nel Linnéträdgården di Uppsala nella prossima estate.
La serata al giardino sarà conclusa da un concerto conferenza della clavicembalista Mayumi Kamata, la quale attraverso musiche di Cipriano de Rore, Girolamo Frescobaldi, Storace, Pasquini, Roman Johnsen, Buxtehude, Fiocco, Bon e Scarlatti, svolgerà il tema “Il clavicembalo in Italia e in Svezia al tempo di Linneo”.

Alle ore 21, ci si sposterà nel cortile del Circolo Unificato Esercito in Via San Benedetto per partecipare ad un evento promosso in collaborazione della Flowers Promotion, a sostegno dell’Ail sezione Marco Tulimieri Salerno Onlus.
Ospite della serata sarà Enzo Gragnaniello e il suo quartetto Sud Express con il leader alla voce e alla chitarra, Franco Del Prete alla batteria, Piero Gallo al mandolino e chitarre e Francesco Iadicicco al basso, che regaleranno l’anteprima del loro ultimo lavoro “Radice”, per la casa Marechiaro edizioni musicali, dodici pezzi, tutti inediti in lingua napoletana, musicale, morbida o dura a seconda dei casi.
A certificare il radicamento partenopeo del lavoro, “Indifferentemente”, l’unico dell’antica tradizione napoletana, rivisitato in maniera passionale (e ritmica), con cui Gragnaniello ha inteso concludere il suo album, quasi a voler gettare un ponte tra antico e moderno, cercando una ipotetica continuazione di un repertorio che ancora ci vede primi nel mondo per poesia e melodia.
Questo progetto è stato condiviso musicalmente con i Sud Express, un gruppo scarno ed essenziale ma estremamente funzionale nell’architettura degli arrangiamenti, al servizio della grande vocalità di Enzo, come nelle migliori tradizioni della cultura musicale straniera.
I testi godono di quella poesia che chi scrive in napoletano ha automaticamente, come patrimonio genetico.
Gragnaniello si sposta con una capacità lirica da grande e navigato scrittore, dall’amore a piccole storie di vita quotidiana.
Da “Ma tu che può sapè”, storia di una violenza su una donna, argomento di assoluta attualità, con un finale sorprendente a “Vasame”, una dichiarazione d’amore così come sgorga, scondita, spettinata, accompagnata da una melodia straziante che ne fa un piccolo gioiello di sentimento e musica, sino alla sensuale “St’ammore”. “Nun me lassà” ed echi arabeggianti, a confermare l’impostazione mediterranea del gruppo in “Tu nun vire mai chi sì”, un’invettiva nuda e cruda verso una donna accecata dal proprio egoismo.
Fra i pezzi più originali che caratterizzano il progetto “Senza na luna (omm d’onore)”, il ritratto, ironico, di un camorrista che a poco a poco ha scalato tutti i gradi della gerarchia militare malavitosa, ma che vuole sposare in chiesa.
La dichiarazione più bella però, Gragnaniello la scrive e la canta all’elemento che segna in maniera incancellabile l’esistenza di chiunque sia nato a Sud: il mare. “Sott’o mare” è un grido di dolore a chi sta maltrattando il grande fratello blu, con un taglio ironico che fa di questo pezzo uno dei momenti più creativi e diretti di tutto “Radice”, sigillo aureo alla seconda giornata di Arti di Maggio.

L’ Ufficio Stampa
Olga Chieffi
cell.: 347/8814172
Carmen Incisivo
cell.: 327/1818381

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

14 Mag, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Campania, Cantanti, Musica, Musica da camera, Salerno | , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: