MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Giovedì 20 aprile la stagione IAAM prosegue con il trio Salvatore-Cerri-Grisolia a Palazzo Carafa di Maddaloni


Giovedì 20 aprile, alle ore 19.00, presso il Palazzo Carafa di Maddaloni (via Maddaloni, 6 – Napoli), nell’ambito della rassegna “MusicAscolto in Salotto”, organizzata dall’ Associazione IAAM, “Musica in trio” con la partecipazione di Dario Salvatore (chitarra), Luigi Cerri (flauto) e Ludovica Grisolia (violino).

Il trait d’union fra i brani che caratterizzano l’eterogeneo programma di questo concerto è dato dalla presenza costante della chitarra, le cui potenzialità espressive saranno messe in luce attraverso diverse formazioni musicali.
Immaginando una geometria che va da uno a tre, il concerto si aprirà con due composizioni per chitarra sola, le cui originali partiture furono composte per pianoforte da Joaquim Malats ed Enrique Granados.
Queste furono trascritte, poi, per chitarra all’inizio del ‘900, periodo in cui ci fu una particolare attenzione per lo strumento.
A seguire la chitarra verrà presentata in formazione da camera, facendo un salto indietro nel tempo di circa un secolo, con il flauto nel Duetto n. 2 op. 16 del piemontese Francesco Molino.
Il passaggio all’inizio dell’800 consentirà di chiudere il concerto con il Trio op. 9 di Joseph Kreutzer, che vedrà riuniti insieme tutti e tre gli strumenti.

Programma

Joaquim Malats: Serenata Española

Enrique Granados: La Maja de Goya

Francesco Molino: Duetto n. 2 op.16

Joseph Kreutzer: Trio n.3 op.9

Contributo: 10 euro

Per maggiori info
cell.: 3454317836
eventi@iaam.it
www.iaam.it
fb: iaam

________________________________________________________

Annunci

17 aprile, 2017 Posted by | Agenda Eventi, Associazione IAAM, Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 2 ottobre a Palazzo Zevallos il ciclo dell’Associazione Alessandro Scarlatti “I suoni della storia” ospita il duo minimoEnsemble e l’attore Enzo Salomone nel concerto-spettacolo “Mauthausen 1915-1918”

locandina-i-suoni-della-storia-2016
Domenica 2 ottobre, alle ore 11.30, nella splendida sede di Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo, 185 – Napoli) appuntamento di grande impatto nell’ambito del ciclo “I suoni della storia” intitolato “1916: Musiche dal naufragio”, dedicato idealmente al centesimo anniversario della scomparsa di Enrique Granados, perito nell’affondamento del piroscafo Sussex durante la Prima Guerra Mondiale.

Il duo minimoEnsemble – formato da Daniela del Monaco e Antonio Grande – e l’attore Enzo Salomone daranno vita al concerto/spettacolo intitolato “Mauthausen 1915-1918”, basato sulle ricerche di Beniamino Cuomo sul diario di Paolo Modugno, elettricista del sommergibile Medusa, affondato nel 1915, redatto nei tre anni in cui fu prigioniero a Mauthausen.
Questo campo di prigionia ospitò tra il 1914 e il 1918 quasi quarantamila prigionieri di diverse nazionalità; quasi 2000 italiani vi persero la vita a causa delle atroci condizioni di vita.
Il musicista Gilardi, compagno di prigionia di Modugno, riportò in patria gli spartiti utilizzati dalla banda musicale di questo campo di prigionia, come il “Valzer di Mauthausen” o la “Ninna nanna delle 12 mamme”, che verranno eseguiti accanto a canzoni in voga negli anni di guerra.

Biglietto unico: 5 Euro

Infoline
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Domenica 2 ottobre 2016
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano – ore 11.30
“I Suoni della Storia” – “1916: Musiche dal naufragio”, nell’anniversario della scomparsa di Enrique Granados

Programma

minimoEnsemble
Daniela del Monaco, contralto
Antonio Grande, chitarra
Enzo Salomone, voce recitante

Mauthausen 1915 –‘18
Ricerche storiche e progetto a cura di Beniamino Cuomo

Aniello Califano – Enrico Cannio: ‘O surdato ‘nnammurato

Odoardo Spadaro: Ninna nanna delle dodici mamme

Salvatore Gambardella – Gennaro Ottaviano: ‘O marenariello

Gennaro Capurro – Eduardo Di Capua: ‘O sole mio

P. Brumana: Valzer Mauthausen (chit. sola)

Teodoro Cottrau: Santa Lucia

E. A. Mario: La serenata del cuoco

Vincenzo Bellini (attr.): Fenesta ca lucive

E. A. Mario: Presentimento

Anonimo: E anche al mi marito tocca andare (filastrocca)

Ernesto De Curtis – Giambattista De Curtis: Torna a Surriento
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

28 settembre, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Chitarristi, Concerti, Italia, Letteratura, Musica, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 18 settembre a Palazzo Zevallos il ciclo dell’Associazione Alessandro Scarlatti “I suoni della storia” ospita il Quartetto Gagliano ed il chitarrista Edoardo Catemario

locandina-i-suoni-della-storia-2016-quartetto-gagliano
Domenica 18 settembre, alle ore 11.30, nella splendida sede di Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo, 185 – Napoli), secondo appuntamento del ciclo “I suoni della storia” intitolato “1916: Musiche dal naufragio”.
Traendo spunto dal centesimo anniversario della scomparsa di Enrique Granados, perito nell’affondamento del piroscafo Sussex durante la Prima Guerra Mondiale, la rassegna spazia all’interno del grande repertorio della musica ispanica o ispirata alle tradizioni spagnole.

Protagonista del concerto sarà il Quartetto Gagliano, che aprirà con il Quartetto n.1 di Arriaga, autore ingiustamente poco conosciuto, che è stato definito “il Mozart spagnolo”.
Seguirà il celebre Quintetto di Boccherini “Fandango”, che vede la illustre partecipazione di Edoardo Catemario alla chitarra.

La rassegna presenta la consueta interazione tra musica e parola, con letture che inquadrano poeticamente e culturalmente i programmi musicali, evidenziando per contrasto lo smarrimento dell’individuo al cospetto dei grandi avvenimenti storici.
L’attore Raffaele Ausiello leggerà brani tratti da “Trafalgar” di Benito Pérez Galdós, e poesie di Federico García Lorca e Luis Cernuda, scelte ed in parte tradotte per l’occasione da Encarnación Sánchez García e Diana Gargano.

Biglietto unico: 5 Euro

Infoline
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Domenica 18 settembre 2016
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano – ore 11.30
“I Suoni della Storia” – “1916: Musiche dal naufragio”, nell’anniversario della scomparsa di Enrique Granados

Programma

Quartetto Gagliano
Carlo Dumont e Sergio Carnevale, violini
Gianfranco Conzo, viola
Raffaele Sorrentino, violoncello

Edoardo Catemario, chitarra
Raffaella Caianiello, nacchere
Raffaele Ausiello, voce recitante

Juan Crisóstomo de Arriaga ( 1806 – 1826): Quartetto n.1 in re minore

Luigi Boccherini: Quintetto con chitarra in re maggiore G.448 “Fandango”

Quartetto Gagliano
quartetto-gagliano-foto-2Il Quartetto d’archi Gagliano, che con il proprio nome rende omaggio alla più celebre famiglia di liutai napoletani, vede confluire al suo interno consolidate esperienze cameristiche e precedenti esperienze professionali nell’ambito della musica da camera: i violinisti Carlo Dumont e Sergio Carnevale, il violista Gianfranco Conzo ed il violoncellista Raffaele Sorrentino.
La prima formazione iniziò a lavorare insieme nel 1987 grazie all’incoraggiamento del Gabrieli String Quartet di Londra, seguendo i “Corsi di Perfezionamento Strumentale e di Interpretazione Musicale” a Sermoneta e suonando al Festival Pontino.
Nel 1995, dopo essere stato ascoltato dal Quartetto Alban Berg, il quartetto è stato invitato a perfezionarsi con loro presso la Musikhochschule di Lubecca (Germania), lavorando con Günter Pichler, Thomas Kakuska e Valentin Erben.
Nel 1997 grazie all’ “Amadeus Scholarship Fund”, gli viene assegnata una borsa di studio che gli consente di studiare con il Quartetto Amadeus presso la Royal Academy of Music di Londra.
Parallelamente all’attività didattica, il quartetto ha svolto attività concertistica, suonando nelle principali città europee (Londra, Ginevra, Lubecca, Amsterdam, Barcellona, Roma, Parigi, Lugano, Sofia, Bruxelles, Budapest), tenendo sia recital, che cicli monografici (Boccherini 2005, Mozart 2006, Haydn e Mendelssohn 2009, Schumann 2010), partecipando a tournée e festival internazionali.
Interprete del più significativo repertorio quartettistico, il Quartetto Gagliano suona sovente con strumentisti ospiti, con cui collabora in diverse formazioni dal quintetto all’ottetto, tra cui si ricorda Bruno Giuranna, Antony Pay, Ursula Hollinger, Peter-Lukas Graf, Jean-François Tollier, Alessandro Carbonare, Bruno Mezzena.
Il quartetto, il cui repertorio spazia da “L’Arte della Fuga” di J. S. Bach fino alle più recenti avanguardie, con l’obiettivo di ampliare il repertorio tradizionale, si dedica costantemente al lavoro di ricerca per la riscoperta della musica da camera di autori di scuola napoletana (Giuseppe Martucci, Franco Alfano, Alessandro e Achille Longo, Mario Pilati, etc.), eseguendo e registrando lavori spesso inediti.
Nella stagione 2013/14 il quartetto ha presentato, partendo dal Festival di Cartagine (Tunisi), un programma di raro ascolto dedicato al percorso che, dalle prime forme strumentali cinquecentesche a quattro voci, conduce fino al ‘700 alla nascita del quartetto d’archi in Italia.
Nel 2014 l’International Yehudi Menuhin Foundation ha invitato il quartetto a suonare Rossini, Verdi e Puccini in occasione dell’annuale gala di fine anno, presso il Théatre du Parc di Bruxelles.
Per la stagione 2015/16 il quartetto Gagliano è Quartet in Residence presso il Centro di Musica Antica “La Pietà de’ Turchini” di Napoli, con un programma rivolto alla didattica e alla produzione di progetti speciali (tra cui Gli ultimi quartetti di Beethoven e la Scuola Napoletana).

Edoardo Catemario

Foto Quagli

Foto Quagli

Nato a Napoli, ha intrapreso lo studio della chitarra all’età di cinque anni.
Ha studiato dapprima con Salvatore Canino, poi con Pedata, Tomás, Aruta e Maria Luisa Anido.
Pianoforte e analisi con Titina De Fazio ed interpretazione con i compositori latinoamericani Leo Brouwer e Oscar Casares.
Chitarrista estremamente versatile, passa con disinvoltura dal repertorio romantico (suonato su strumenti originali) a quello barocco , al novecento storico alla musica contemporanea e d’avanguardia.
Il suo repertorio include una enorme quantità di pezzi solistici, oltre che la quasi totalità del repertorio da camera e 42 concerti per chitarra ed orchestra.
Vanta al suo attivo numerosi primi premi di concorsi nazionali ed internazionali.
Ha vinto, tra l’altro, il primo premio dei prestigiosissimi concorsi “Andrés Segovia” di Almuñecar (Granada) nel 1991 e di Alessandria nel 1992.
Catemario si è esibito in concerti, emissioni radiofoniche e televisive nonché nei maggiori festival di musica da camera ed è apparso in numerose trasmissioni televisive e radiofoniche per le maggiori reti nazionali europee TVE2 (Spagna), RTF3 (Francia), RAI1 e RAI3 (Italia).
Ha suonato in prima assoluta composizioni a lui dedicate tra cui: “El Kalasha de AValokitesvara” di Eduardo Morales Caso, “Drei lieder” di Alexander Mullenbach, “Cuadernos de Danzas” di Mauricio Sotelo, “Memorie di una maschera” di Patrizio Marrone”, “Carpe Diem” di Gerard Drozd“ e “I racconti di Mamma Orca” di Roberto De Simone.
E’ stato ospite in qualità di solista di grandi orchestre ed affianca alla sua carriera da solista una intensa attività cameristica.
La sua produzione discografica include lavori per: DECCA records, ARTS Music e Koch Schwann.
Le sue registrazioni hanno vinto numerosi premi della critica fra le quali: Cinque stelle di “Musica” (Italia), Scelta del mese di CD classica (Italia), Scelta dell’editore di Guitart (Italia), Joker di Crescendo (Belgio) fra le altre…
Nel Gennaio 2004 la sua incisione del Concerto n.1 di Giuliani è stata allegata al BBC Music Magazine.
Ha tenuto Master Classes in Germania, Francia, Spagna, Italia, USA, Regno Unito, Australia ed Austria.
Ha collaborato con il Mozarteum di Salisburgo durante la “Sommer Akademie” tra il 2001 ed il 2007 e con La Royal Academy di Londra dove viene regolarmente invitato.
E’ stato titolare della cattedra di perfezionamento ed interpretazione presso il “Conservatoire International de Paris” (Parigi, Francia) dal 1995 fino al Giugno del 2001.

Raffaele Ausiello
raffaele-ausielloInizia e continua la sua formazione tra Torre del Greco e Napoli.
Laureato in Lettere Moderne e specializzato in Filologia Moderna, fin dai tempi del Liceo, contemporaneamente agli studi, intraprende e approfondisce il mestiere e l’arte della recitazione con il prof. Nicola Di Lecce, il prof. Antonio Borriello (noto esperto di Samuel Beckett), Carlo Cerciello (direttore del Laboratorio Teatrale Permanente del Teatro Elicantropo di Napoli).
Segue stages e workshops tenuti da Renato Carpentieri, Orlando Cinque, Cesar Brie, Nicole Kerberger, Anna Redi, Paola Tortora, Michele Monetta, Pierpaolo Sepe, Armando Punzo, Davide Iodice, Pino Carbone, e tanti altri.
In Teatro è stato diretto, tra gli altri, da Carlo Cerciello (lavorando anche al fianco di Isa Danieli), Renato Carpentieri, Luciano Melchionna, Francesco Saponaro, Pino Carbone, Raffaele Di Florio, Walter Manfré, Giovanna Facciolo, Anna Redi.
Nel 2010, assieme a Giuseppe Cerrone, Stefano Ferraro, Aniello Mallardo e Antonio Piccolo fonda il collettivo teatrale Teatro in Fabula, che oltre ai vari impegni teatrali ha collaborato con Lorenzo D’Amelio alla formazione del cast de “L’evento”, un lungometraggio indipendente girato nel Sannio nel 2013.
Oltre che ne “L’evento”, è stato protagonista e coprotagonista in diversi cortometraggi, nonché nel lungometraggio “Nei molti Mondi”, un videodramma a spettatore unico di Guido Acampa e Gabriele Frasca, proiettato alla Galleria Civica di Modena e prossimamente edito dalla Sossella Editore.
In televisione va citata almeno la partecipazione come attore guest nel ruolo di Fabrizio Jovinelli in una decina di puntate (2008) della soap di RAI3”Un posto al sole”.
Per la sua attività teatrale ottiene il Premio Nike come attore emergente nel 2010 e il Premio Domenico Rea nel 2012.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

15 settembre, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Poeti, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 10 e domenica 11 settembre a Palazzo Zevallos Stigliano primi due appuntamenti con la stagione 2016-2017 dell’Associazione Alessandro Scarlatti

locandina-i-suoni-della-storia-2016
Sabato 10 settembre e domenica 11 settembre 2016, nella splendida sede di Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo, 185 – Napoli) riprendono, dopo la pausa estiva, le attività fuori abbonamento della Associazione Alessandro Scarlatti.

Sabato 10 settembre è prevista una conferenza del prof. Massimo Lo Iacono nell’ambito del ciclo divulgativo “Parliamo di musica”.
Tema dell’incontro sarà l’esplorazione del rapporto tra la musica del novecento e le maschere della commedia dell’arte, a conclusione della esposizione dell’ “Arlecchino con specchio” di Picasso.

Domenica 11 settembre, alle ore 11.30, concerto inaugurale del ciclo “I suoni della storia”, quest’anno intitolato “1916: Musiche dal naufragio”, traendo spunto dal centesimo anniversario della scomparsa di Enrique Granados, perito nell’affondamento del piroscafo Sussex, durante la Prima Guerra Mondiale.
La rassegna, partendo dalla figura di Granados, spazierà all’interno del grande repertorio della musica ispanica o ispirata alle tradizioni spagnole in un ciclo di quattro concerti, che si concluderà il 16 ottobre.
Il primo concerto vedrà protagonista il chitarrista Stefano Cardi che suonerà musiche di Domenico Scarlatti, Sor, Granados, Torroba e Mompou.

Costo del biglietto

Sabato 10 settembre: ingresso gratuito
Domenica 11 settembre: 5 Euro

Infoline
081 406011
www.associazionescarlatti.it

_________________________________________________________

Sabato 10 settembre 2016
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano – ore 11.00
Parliamo di Musica
con Massimo Lo Iacono
“Maschere in musica. Arlecchino nelle opere di compositori italiani e stranieri del primo Novecento.”

Domenica 11 settembre 2016
Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano – ore 11.30
“I Suoni della Storia” – “1916: Musiche dal naufragio”, nell’anniversario della scomparsa di Enrique Granados

Stefano Cardi, chitarra

Domenico Scarlatti (1685 – 1757)
Sonata in la maggiore K.208
Sonata in mi minore K.263
Sonata in la maggiore K.322
Sonata in sol maggiore K.431

Fernando Sor (1778 – 1839)
Menuet op.3,
Andantino op.2 n.3
Andante op.45 n.5
Waltz op.32 n.2

Enrique Granados (1867 – 1916)
da Cuentos de la juventud op.1
Dedicatoria, Cuento viejo, El fantasma, Viniendo de la fuente, Lento con ternura, La huerfana, Recuerdos de la infancia

Federico Moreno Torroba (1891 – 1982): Aires de la Mancha

Federico Mompou (1893 – 1987): Suite compostelana

Stefano Cardi
stefano-cardiNato a Roma nel 1959. Ha compiuto gli studi chitarristici al Conservatorio di Santa Cecilia con Mario Gangi.
Primo premio al concorso internazionale “Maria Canals” di Barcellona nel 1985.
Si dedica sia al repertorio solistico, suonando anche strumenti originali dell’epoca classica, sia alla musica da camera; ha collaborato con il violinista Ruggero Ricci in programmi e incisioni paganiniane.
Parallelamente agli studi chitarristici ha frequentato corsi di composizione e di direzione.
Ha tenuto per alcuni anni un laboratorio cameristico rivolto a giovani strumentisti, e in seguito ha fondato Freon, spazio e ensemble per lo studio e l’esecuzione del repertorio contemporaneo, presso la Scuola Popolare di Musica di Testaccio (Istituzione di cui è attualmente Presidente).
Ha commissionato numerose opere ad autori italiani ed internazionali per chitarra e
per ensemble.
Partecipazioni: Accademia di Santa Cecilia, Biennale di Venezia, Accademia Chigiana di Siena, Orchestre RAI, Panatenee di Pompei, Orestiadi di Gibellina, Schleswig-Holstein Musik Festival, Beethovenhalle (Bonn), Festival de Otoño (Madrid), Festival Cervantino (Messico), Fundación Astor Piazzolla (Buenos Aires).
Ha collaborato con personaggi del mondo delle arti visive, della letteratura e dello spettacolo quali José Saramago, Luis Bacalov, Jannis Kounellis, Laura Morante, Susana Walton, Marisa Paredes, Maria de Medeiros, Sonia Bergamasco.
Incisioni: BMG, Stradivarius, Rai Trade.
Recentemente ha eseguito in prima assoluta Aspectos per chitarra sola di Luis Bacalov.
Insegna presso il Conservatorio Girolamo Frescobaldi di Ferrara.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

6 settembre, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica da camera, Napoli, Regioni | , , , , , , , , | 1 commento

Mercoledì 13 maggio Marco Cappelli ospite del ciclo “Quattro chitarre fra Napoli e Spagna”, organizzato dall’Associazione Alessandro Scarlatti in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Napoli

Logo Associazione Scarlatti + Istituto Cervantes
Per il secondo appuntamento del ciclo Quattro chitarre fra Napoli e Spagna, realizzato dalla Associazione Alessandro Scarlatti in collaborazione con l’Istituto Cervantes di Napoli, mercoledì 13 maggio, presso l’Auditorium dell’Istituto Cervantes, alle ore 19, protagonista sarà l’eclettico chitarrista napoletano Marco Cappelli.
Attivo sia in stagioni concertistiche di musica classica e contemporanea che in festival di jazz e di improvvisazione, Marco Cappelli divide ormai da anni il suo tempo tra Napoli, Palermo e New York, interagendo attivamente con la ricchissima scena musicale newyorkese, e realizzando progetti in collaborazione con artisti del calibro di Marc Ribot, del fumettista Art Spiegelman e dello scrittore Maurizio De Giovanni.

I programmi dei quattro concerti del ciclo si spostano sulle rotte del Mediterraneo fra Italia e Spagna, con un’ampia estensione cronologica che spazia dal Cinquecento di Diego Pisador o di Luis de Narvaez agli autori contemporanei come Hans Werner Henze o Luis Bacalov.
I quattro appuntamenti sono dunque una testimonianza dell’interesse che la chitarra ha suscitato nel corso dei secoli, tra echi legati alla musica folklorica spagnola (dalle danze rinascimentali alle descrizioni paesaggistiche del Novecento) e seduzioni del linguaggio contemporaneo, che ha saputo sfruttare la grande duttilità e la ricchezza timbrica dello strumento.

Biglietto unico: 5 Euro, in vendita presso le prevendite abituali e un’ora prima dello spettacolo presso l’Istituto Cervantes

Infoline:
Associazione Alessandro Scarlatti
081 406011
www.associazionescarlatti.it

Instituto Cervantes Nápoles
Via Nazario Sauro,23
80132 Nápoles
Italia
Tel.: 39 081 195 633 11
Fax: 39 081 195 633 16
cultnap@cervantes.es

_________________________________________________________

Mercoledì 13 maggio 2015, ore 19 – Auditorium Istituto Cervantes (v. Nazario Sauro, 23 – Napoli)
Marco Cappelli, chitarra

Programma
Ricercari, danze e canzoni

Alonso Mudarra (1508 – 1580)
Pavana de Alexandre
Romanesca (o Guardame las vacas)
Fantasia X que contrahaze la harpa en la manera de Ludovico

Francisco Tárrega (1852 – 1909): Quattro mazurche
Adelita
Marieta
Mazurca en sol
Sueño

Federico Moreno Torroba (1891 – 1982): Cinque castillos de España
Turegano
Manzanares el Real
Montemajor
Alcañiz
Torijia

Miguel Llobet (1878 – 1938): Tre canzoni catalane
El noy de la mare
Canço del lladre
La filadora

Manuel de Falla (1876 – 1946): Tre danze
Danza del molinero ( da “El sombrero de tres picos”)
Récit du pêcheur ( da “L’amour sorciere”)
Chanson du feu follet (da “L’amour sorciere”)

Enrique Granados (1867 – 1916): Valses poeticos n. 1 e n. 4

Augustin Barrios Mangorè (1885 – 1944): Vals n. 4 op. 8

Marco Cappelli
Marco CappelliNapoletano, si è diplomato in chitarra classica al Conservatorio di S. Cecilia di Roma. Successivamente ha frequentato, grazie ad una borsa di studio, la Musik Akademie di Basilea (Svizzera) dove ha studiato con Oscar Ghiglia (chitarra), Jurg Wittenbach (musica da camera) e Thomas Kessler (musica elettronica).
Marco Cappelli divide il suo tempo tra Palermo e New York, interagendo attivamente con la ricchissima scena musicale newyorkese. Tra i molti frutti di questa preziosa esperienza citiamo il progetto solistico EGP – Extreme Guitar Project, le collaborazioni con Marc Ribot Caged Funk e Adam Rudolph Organic Orchestra.
Sul “versante europeo” è co-fondatore dei gruppi di musica contemporanea Ensemble Dissonanzen e ABC Modern Trio, e suona regolarmene con la surf-rock band Italian Surf Academy e con il Laboratorio Creativo Permanente di Roma.
Negli ultimi dieci anni Marco Cappelli ha sviluppato un’intensa attività` discografica.
Qui ricordiamo anzitutto due cd per chitarra sola Yun Mu (Teatro Del Sole) ed EGP – Extreme Guitar Project: Music from Downtown New York (Mode Records).
Il 2011 ha segnato la pubblicazione in dvd del progetto di musica e animazione In The Shadow of No Towers (Mode Records), in collaborazione con il fumettista Art Spiegelman e l’attore John Turturro.
Nel 2013 ha consolidato la sua presenza nel catalogo Tzadik, (etichetta discografica diretta da John Zorn) con il secondo lavoro del Marco Cappelli Acoustic Trio intitolato Le Stagioni del Commissario Ricciardi, frutto della collaborazione con lo scrittore Maurizio De Giovanni.
Ha scritto le musiche del film INTERVALLO di Leonardo di Costanzo, presentato alla ‪69ª Mostra internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e premiato dal David di Donatello.
Marco Cappelli affianca al concertismo un’ intensa attivita` didattica: titolare della cattedra di chitarra classica presso il Conservatorio “V. Bellini” di Palermo e Associate Professor presso il Music Performance Program della Columbia University di New York, e` stato assistente di Sharon Isbin presso l’Aspen Summer School (2006), e “guest professor” presso prestigiose scuole come la Julliard School, la New York University, la Cal Poly University di Pomona (Los Angeles), il DIM di Citta` del Messico e l’Universita` di Guadalajara.
Nell’estate 2014 ha insegnato all’Universita` di Fisciano (Salerno) nell’ambito degli Incontri Musicali Internazionali organizzati dal Falaut Campus.
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

11 maggio, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 10 giugno il chitarrista Umberto Maisto suona nella Cappella del Cappuccio alla Pietrasanta

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Venerdì 10 giugno, alle ore 19.00, nella Cappella del Cappuccio alla Pietrasanta (piazzetta Pietrasanta – Napoli), si terrà il concerto dal titolo “Eppure un tempo Caino e Abele furono fratelli”, Quando il pensiero si fa parola e la musica si fa pensiero…, con la partecipazione del chitarrista Umberto Maisto e di Francesca Iovine (voce recitante).
Testi di Stefano Aruta

In programma musiche di Cordero, Pujol, Turina, Llobet e Granados

Ingresso libero

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

8 giugno, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Chitarristi, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli | , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: