MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Sabato 12 maggio a Villa di Donato “…E parlammo…” con Adriana Carli, da Eduardo De Filippo

Sabato 12 maggio, alle ore 21.00, a Villa di Donato (Piazza S. Eframo Vecchio – Napoli), nell’ambito di “A CENA CON…monologhi d’artista”, rassegna a cura di Anna Maria Ackermann dedicata al monologo come grande prova d’attore e come atto d’amore verso il pubblico, l’attrice e regista napoletana Adriana Carli mette in scena uno spettacolo tutto dedicato ad una delle pietre miliari del teatro italiano e della cultura partenopea: Eduardo De Filippo.

Spiega l’attrice e regista: «L’incontro mancato con Eduardo si può dire che sia stato dettato da una valutazione affrettata all’epoca giovanile, quando avevo una visione del teatro che mi portava lontano dal suo mondo teatrale, solo dopo avrei capito che il teatro può essere solo “buono” o “cattivo”, forse era questo che volevano dirmi gli occhi magnetici di Eduardo in un lontano e casuale incontro nel suo camerino. Parecchi anni dopo, forse nel 2000, volli fare uno spettacolo che si chiamava “Zona Eduardo – Sottosuolo” che si muoveva nell’humus di una Napoli sotterranea dove Filumena Marturano si collegava con Yerma, Medea e tutte le donne nell’ambito della maternità. Oggi l’incontro con Anna Maria Ackermann, grande attrice eduardiana e non solo, ha scatenato in me la voglia di immergermi con lei nel teatro del De Filippo, cogliendo dalle sue opere alcuni personaggi femminili, tra ironia, comicità e drammaticità».

Sottofondo musicale della pièce: la canzone amata da Eduardo, Uocchie c’arraggiunate.
Interpretata da: Francesco Albanese, Consiglia Licciardi, Giacomo Rondinella, Maria Nazionale, Peppe Barra, Roberto Murolo, Claudio Villa, Ernesto Radano, Eduardo De Filippo.

Come di consuetudine a Villa di Donato, lo spettacolo sarà seguito da una cena appositamente preparata per gli ospiti dagli chef della casa Gianluca e Tina Maggio.
In menù per la cena del 12 maggio Gnocchetti al Pesto Siciliano e Corona di Riso Orientale, seguiti dalle immancabili graffette calde.

Villa di Donato – Piazza S. Eframo Vecchio, Napoli
posto unico spettacolo + cena = 25 euro

Si consiglia di prenotare in gruppo o in coppia così da poter riservare i tavoli.
Prenotazione obbligatoria – numero di posti limitato

Per prenotazioni: prenotazioni@key-lab.net

NB Nella Piazza Sant’Eframo vecchio, di fronte alla Villa trovate un Garage

Info e Contatti:
Villa di Donato – Piazza S. Eframo Vecchio, 80137, Napoli
info@villadidonato.it
www.villadidonato.it
https://www.facebook.com/villadidonato/?fref=ts
Instagram: Villa di Donato

Press e accrediti:
Chiara Reale per Villa di Donato
0039/3805899435
chiara.reale81@gmail.com

Annunci

9 maggio, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Campania, Italia, Napoli, Regioni, Teatro | , , , | Lascia un commento

Giovedì 15 settembre con “Gente di Strada” riparte il ciclo del Maggio della Musica “Letture in musica… con the”

Logo Associazione Maggio della Musica 2010
Per il ciclo “Letture in musica… con the”, promosso dal Maggio della Musica, giovedì 15 settembre, alle ore 18, al dehors del Gran Caffè la Caffettiera in piazza dei Martiri a Napoli, l’attore Massimo Andrei sarà protagonista di “Gente di Strada”, reading incentrato sulle figure di Masaniello, degli scugnizzi e di Filumena Marturano, e su Fortunato ‘o tarallaro che ispirò un noto brano di Pino Daniele, con letture da Francesco Mastriani ed Eduardo De Filippo, e musiche di Enzo Gragnaniello, Raffaele Viviani e di Daniele eseguite da Gianni Dell’Aversana alla chitarra e Maurizio Saccone al sassofono.
“Letture in musica… con the”, dedicato al racconto della Napoli di un tempo e dei suoi caratteristici personaggi, proseguirà con “Gente di Moda” il prossimo 22 settembre per concludersi il giorno 29 con “Gente da Caffè”.

Info:
Prenotazione obbligatoria
tel. 081 5604700
maggiodellamusica@libero.it
maggiodellamusica.it

Ufficio Stampa
Paolo Popoli
paolopopoli@gmail.com

______________________________________________________

Letture in musica… con the
La Napoli di un tempo tra racconti, cronache e musiche dell’epoca
Produzione: Maggio della Musica
In collaborazione con: Gran Caffè la Caffettiera
A cura di: Massimo Andrei

Giovedì 15 settembre 2016, ore 18
Gran Caffè la Caffettiera, dehors – piazza dei Martiri, Napoli

Gente di Strada
Letture da: F. Mastriani, E. De Filippo
Musiche di: E. Gragnaniello, R. Viviani, P. Daniele
Massimo Andrei, voce recitante
Gianni dell’Aversana, chitarra classica
Maurizio Saccone, sassofono
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

13 settembre, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Maggio della Musica, Musica, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Con “Tre in Uno” Susanna, Brunello e Riccardo Canessa per la prima volta insieme sul palcoscenico

Foto Sonia Ritondale

Foto Sonia Ritondale

Lei, Susanna, è una violoncellista, chitarrista e folksinger di grande bravura, gli altri due sono Brunello, affermato cantautore, arrangiatore, chitarrista e pianista e Riccardo, famoso regista di opere liriche.
Tutti e tre hanno un cognome prestigioso, Canessa, che rimanda a quello del padre Francesco, giornalista e critico musicale, ancora oggi molto attivo, e uno degli ultimi a potersi fregiare degnamente del titolo di sovrintendente del Teatro di San Carlo.
Ma non va dimenticata l’altra parte della famiglia, poiché la mamma dei tre artisti era Italia Carloni, prematuramente scomparsa nel 1997, appartenente ad una famiglia di attori, a sua volta imparentata con i De Filippo, in quanto nipote di Titina.
Non è quindi un caso che i fratelli Canessa abbiano respirato musica e teatro fin dalla tenera età e, per la prima volta, si sono voluti esibire tutti e tre insieme sul palcoscenico (quello del Nuovo Teatro Sancarluccio), anche per ricordare i loro celebri antenati.
Per tale motivo lo spettacolo, dal titolo “Tre in Uno”, si è aperto con il trio, che ha interpretato la scoppiettante arringa dell’avvocato Tartaglia, posta verso la fine della commedia ‘O Scarfalietto di Eduardo Scarpetta, padre dei De Filippo, mentre Riccardo Canessa si è poi calato nei panni del ragioniere Spasiano, recitando le drammatiche battute poste quasi al termine di “Napoli Milionaria”, capolavoro eduardiano, che nell’esordio avvenuto nel 1945 a Napoli erano state affidate ad uno degli attori della famiglia Carloni.
La parte musicale è invece iniziata con Brunello che, insieme a Susanna, ha eseguito “Lo guarracino”, celebre tarantella in dialetto napoletano, di autore ignoto, risalente alla fine del Settecento, abbastanza curiosa per l’ambientazione.
Infatti la vicenda descritta si svolge interamente nel mare, ed è incentrata su una storia d’amore fra la castagnola (nome italiano del guarracino) e la sardina, che causerà una rissa furibonda, alla quale prenderanno parte, fra pesci, molluschi e crostacei, almeno un’ottantina di specie differenti.
Rimanendo nell’ambito della tradizione partenopea, ma più vicina ai nostri giorni, i due si sono confrontati con “Luna rossa”, famosissima canzone di De Crescenzo e Vian, presentata alla Festa di Piedigrotta del 1950 e, da allora, interpretata da un gran numero di cantanti, anche stranieri come Frank Sinatra.
Il successivo medley, rivolto a motivi classici napoletani e ad alcuni suoi protagonisti, era affidato a Brunello e Riccardo, quest’ultimo autore di pregevoli imitazioni di una serie di artisti che hanno mantenuto alto il nome di Napoli nel mondo.
E’ stata poi la volta di un delizioso duetto sulla canzone “Non m’innamoro più” dove Susanna e Riccardo hanno vestito i panni rispettivamente di Catherine Spaak e Johnny Dorelli, seguita da “Tu ca nun crire” e “No potho reposare”, due struggenti motivi eseguiti da Susanna, il primo consistente in una lirica di Titina De Filippo, musicata da Brunello Canessa, il secondo tratto dalla tradizione sarda.
Toccava quindi a “Nun me ce trovo” e “Chella sera”, altri due motivi frutto del connubio fra i testi di Titina e la musica di Brunello, mentre un secondo medley di musica napoletana, affidata a Brunello e Riccardo (con ulteriori simpatiche ed azzeccatissime imitazioni), ha preceduto gli ultimi due brani in programma, interpretati in trio, “La sorella di Sasà” (di Iannuzzi e Marsiglia), frizzante canzone del filone legato all’avanspettacolo e “Zitti zitti, piano piano”, da “Il barbiere di Siviglia” di Rossini.
Pubblico numerosissimo, partecipe ed entusiasta, che è stato omaggiato con un bis di grande effetto, “Questo è un nodo avviluppato”, da “La Cenerentola” di Rossini, ulteriore prova della grandiosità dell’autore pesarese e della bravura dei protagonisti.
Uno sguardo, ora, ai tre interpreti, che hanno confezionato uno spettacolo molto piacevole, di grande spessore artistico, contraddistinto da un perfetto equilibrio.
E, se da tantissimo tempo conosciamo il valore di Susanna (fra l’altro anche autrice degli splendidi arrangiamenti rossiniani, scritti appositamente per la serata) e di Brunello, Riccardo, capace di essere a suo agio sia in ruoli teatrali comici e drammatici, sia come cantante ed imitatore (a tal proposito ci siamo ricordati quando anni addietro teneva alto il morale dello spogliatoio, imitando le voci dei suoi compagni di squadra), si è rivelato la vera sorpresa dello spettacolo.
L’unico rammarico legato a questo evento riguarda la sua (almeno per ora) unicità, in quanto non ha avuto repliche.
D’altronde, mettere insieme tre persone così impegnate non è cosa semplice, anche perché il problema non si limita a trovare una serata libera per l’allestimento ma, trovandoci di fronte a seri professionisti, vanno considerate le molte ore da dedicare alle prove.
Ad ogni modo il nostro augurio conclusivo è di poter rivedere quanto prima sul palcoscenico “Tre in uno”, in quanto varrebbe veramente la pena riproporlo.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

11 gennaio, 2016 Posted by | Campania, Cantanti, Chitarristi, Concerti, Francesco Canessa, Italia, Musica, Napoli, Regioni, Registi, Riccardo Canessa, Scrittori, Susanna Canessa, Teatro | , , , , , | Lascia un commento

“Attori si nasce”, l’ultimo libro di Francesco Canessa si presenta domenica 1 dicembre al Teatro Diana

Si presenta

Domenica 1 dicembre 2013 ore 11,30

Teatro Diana (via Luca Giordano 64 ) – Napoli

Attori si nasce copertinaAttori si nasce – protagonisti e grandi famiglie del Teatro napoletano

l’ultimo libro di
Francesco Canessa
edizioni da La Conchiglia
in occasione del cinquantenario della scomparsa di Titina De Filippo, che cadrà il prossimo 26 dicembre. Ricorrenza vicina anche al trentesimo anniversario della scomparsa di Eduardo, che cade nel 2014.

Interviene il M° Roberto De Simone

conduce Giuliana Gargiulo

Letture di Giancarlo Cosentino

con la partecipazione di Brunello e Susanna Canessa.

Attori si nasce” segue il cammino del Teatro Napoletano nella prima metà del Novecento, quando da espressione localistica si trasforma nei contenuti e nel linguaggio in fenomeno drammaturgico di valore assoluto. Il libro parte dal processo a Eduardo Scarpetta intentato da Gabriele D’Annunzio e Marco Praga a nome della Società degli Autori, per la parodia in dialetto della “Figlia di Jorio” e si chiude con l’affermazione planetaria di “Filumena Marturano” tradotta in più di 40 lingue e rappresentata in tutto il mondo.

IMG_1727La tesi dell’autore (nella foto) è che una simile evoluzione non sarebbe stata possibile senza il contributo creativo di più generazioni di attori. E il racconto porta a conoscere da vicino i più geniali tra questi teatranti, da Eduardo Scarpetta a Raffaele Viviani, da Gennaro Pantalena a Tina Pica – che in alcuni momenti fa da filo conduttore alla narrazione – a Totò e alla nascita del Teatro di rivista al Nuovo sopra Toledo, ad Armando Gill che anticipa la figura del cantautore e tanti altri ancora, sino all’apparizione folgorante dei tre De Filippo, con la seconda stagione creativa edoardiana e a Papa Pio XII che in una udienza privata chiede a Titina di recitare per lui la preghiera di Filumena.

Per essere informati e aggiornati sugli eventi iscriviti ai gruppi su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band.
Acquistalo online cliccando sulla copertina oppure clikka qui. Potrai ascoltare anche le anteprime!!

30 novembre, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Attori e attrici, Cultura, Francesco Canessa, Letteratura, Letteratura contemporanea, Libri, Napoli, Scrittori, Teatri, Teatro, Teatro Diana | , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lunedì 11 novembre, si presenta l’ultimo libro di Francesco Canessa “Attori si nasce” presso il Salone Rubinacci di Palazzo Cellammare

Attori si nasce copertina2Si presenta lunedì 11 novembre a Napoli presso il Salone Rubinacci di Palazzo Cellammare (via Chiaia 149 ore 18,30) l’ultimo libro di Francesco Canessa
Attori si nasce – protagonisti e grandi famiglie del Teatro napoletano”
edito da La Conchiglia in occasione del cinquantenario della scomparsa di Titina De Filippo, che cadrà il prossimo 26 dicembre. Ricorrenza vicina anche al trentesimo anniversario della scomparsa di Eduardo, che cade nel 2014. All’incontro condotto da Giuliana Gargiulo partecipano Luca De Fusco, direttore del Teatro Stabile e del Napoli Teatro Festival, Claudio Novelli, curatore dell’archivio  Eduardo De Filippo, l’attrice Annie Pempinello, il musicista Brunello Canessa.
In collaborazione con l’Associazione Culturale Il Globo

Attori si nasce” segue il cammino del Teatro Napoletano nella prima metà del Novecento, quando da espressione localistica si trasforma nei contenuti e nel linguaggio in fenomeno drammaturgico di valore assoluto. Il libro parte dal processo a Eduardo Scarpetta intentato  da Gabriele D’Annunzio e Marco Praga a nome della Società degli Autori, per la parodia in dialetto della “Figlia di Jorio” e si chiude con l’affermazione planetaria di “Filumena Marturano” tradotta in più di 40 lingue e rappresentata in tutto il mondo.

Francesco Canessa-2La tesi dell’autore (nella foto) è che una simile evoluzione non sarebbe stata possibile senza il contributo creativo di più generazioni di attori. E il racconto porta a conoscere da vicino i più geniali tra questi teatranti, da Eduardo Scarpetta a Raffaele Viviani, da Gennaro Pantalena a Tina Pica – che in alcuni momenti fa da filo conduttore alla narrazione – a Totò e alla nascita del Teatro di  rivista al Nuovo sopra Toledo, ad Armando Gill che anticipa la figura del cantautore e tanti altri ancora, sino all’apparizione folgorante dei tre De Filippo, con la seconda stagione creativa edoardiana e a Papa Pio XII che in una udienza privata chiede a Titina di recitare per lui la preghiera di Filumena.

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato daSusanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

4 novembre, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Annie Pempinello, Arte, Attori e attrici, Cultura, Francesco Canessa, Letteratura, Letteratura contemporanea, Libri, Napoli, Teatro | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Al via venerdì 8 luglio la XIV edizione dei “Concerti d’estate di Villa Guariglia” con “Lo scoiattolo in gamba” di Nino Rota ed Eduardo de Filippo

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Venerdì 8 luglio alle ore 21, (Ingresso Libero) si riaccendono i riflettori sul palcoscenico dei “Concerti d’estate di Villa Guariglia organizzati da Tonia Willburger, con il contributo della Provincia di Salerno, del Centro Studi “Raffaele Guariglia”, del Comune di Vietri sul Mare, della Camera di Commercio di Salerno,della Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana, dell’Ept di Salerno e con la collaborazione tecnica è della Regione Campania, della Coldiretti Salerno e dell’Enoteca Provinciale di Salerno, con la celebrazione del centenario della nascita di Nino Rota e l’inaugurazione della sezione classica della rassegna, curata da Francesco Nicolosi.

La serata avrà il suo preludio nel vernissage della mostra, curata da Enrico De Nicola, Lucia Avigliano e Anna Rita Fasano, nell’ambito della celebrazione del Millennio dell’Abbazia Benedettina della SS. Trinità di Cava de’ Tirreni e benedizione del P. Abate D. Giordano Rota, previsto per le ore 19.30.
Il cenobio benedettino, con le sue immediate pertinenze, ossia i luoghi che ci circondano ed in cui si trova lo scrigno che ospita questa esposizione, sono rappresentati nelle collezioni dell’ambasciatore Guariglia in oggetti ed opere d’arte di natura diversa: quadri, disegni, stampe, libri, cartoline, e persino in un servizio di piatti che il colto diplomatico fece realizzare appositamente dalla Richard-Ginori di Doccia.
Cava, Vietri e Cetara, sono i luoghi dell’immediata giurisdizione dell’abbazia cavense: uniti dalla comune radice storica, e dall’essere oggetto di ammirazione da parte di artisti, letterati e viaggiatori, che in vario modo ne hanno fissato e trasmesso a noi le straordinarie bellezze ambientali ed architettoniche, oggi purtroppo non sempre conservate nello splendore di allora.
Gli oggetti esposti in mostra sono quelli osservati dall’ambasciatore Raffaele Guariglia quotidianamente, i libri sfogliati con l’amore onnivoro per la ricerca, le stampe raccolte in cartelle e le cartoline pazientemente raccolte in album, così come dipinti e disegni di Giacinto Gigante, Gabriele Smargiassi, Consalvo Carelli, Giovanni Giordano Lanza, ossia alcuni tra i grandi maestri del paesaggismo napoletano dell’800.

Alle ore 21, toccherà all’orchestra e al coro del Conservatorio Statale di Musica “Giuseppe Martucci” di Salerno, diretti da Massimiliano Carlini, onorare il tema della rassegna “Seiren Parthenope-il canto della sirena” con la rappresentazione di un’operina, “Lo scoiattolo in gamba”, composta da Nino Rota, nel 1959, per il XXII Festival Internazionale di Musica di Venezia, che si avvarrà della regia di Filippo Morace e dell’ allestimento scenico dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia.
“Lo scoiattolo in gamba” è una favola lirica su libretto di Eduardo De Filippo, su un tema scolastico di Luisa De Filippo.
Ha come protagonista un piccolo scoiattolo, interpretato dal soprano Carla Esposito, che non può rosicchiare perché ha perso in denti e si trova impegnato nell’arduo compito di cucinare per il Re, a cui darà voce il baritono Biagio Pizzuti, pur non essendone capace, in cambio di una dentiera d’oro.
Tra mille peripezie intraprende l’impresa ma non la porta a compimento se non dopo una minaccia di condanna a morte e alla fine, scoprendo di aver nuovamente i suoi denti, mangia tutto e scappa lasciando il Re ed il Ciambellano (ruolo baritonale in cui si alterneranno Antonio Cappetta e Luca Spassiera) con un palmo di naso.
Questa favola è costruita come un’opera lirica in miniatura, con un’introduzione recitata che vedrà protagonista la voce di Fabiana Cozzolino, con arie, duetti, concertati e cori, ma si distingue dall’opera tradizionale per la rapidità e la nitida caratterizzazione delle situazioni musicali e dei personaggi.
La musica, è pura espressione dell’estetica di Nino Rota, ancorata ad una concezione immediata, ingenua e spontanea, che può senz’altro prescindere da proposizioni teoriche e da forzate concettualizzazioni, fedele al primato della melodia e basato su di una tonalità del tutto priva di complicazioni armoniche e su ritmi e forme simmetriche e immediatamente percepibili, che condurrà l’uditorio in un libero giuoco di associazioni, spaziante tra i diversi generi musicali, dalla canzone, al musical, all’aria, al puro sinfonismo.

Il dopo-concerto sarà firmato da 8 ristoranti tra Vietri sul Mare, Salerno e Sieti ( Dal Pescatore, Enoteca Segetum, Il Principe e la Civetta, La Locanda del Cantastorie, L’Antica Pagliera, L’Argonauta e Taverna Santa Maria De Domno) in cui si rinnoverà quel felice connubio che solo musica e buona cucina riescono a realizzare.
Concerti d’estate è anche solidarietà: fino al 2 agosto (serata in cui saranno presenti anche alcuni bambini e la direttrice dell’orfanotrofio di Zhodino, Bielorussia) gli amici della rassegna di Villa Guariglia contribuiranno all’acquisto di un pianoforte per iniziare alla musica i piccoli.
Quest’anno la rassegna si avvarrà anche di un servizio navetta per e da Villa Guariglia, con partenza dal teatro Verdi di Salerno alle 20.00 e partenza da Villa Guariglia alla fine dell’evento.

Per info.:
ditta Rocciola: 347/ 4531429

L’Ufficio Stampa
Concita De Luca
Cell.: 328 0261294
Olga Chieffi
Cell-: 3478814172
sito web: www.eventsandmusic.it

Segreteria organizzativa:
CTA – Centro Turistico ACLI Vietri sul Mare
Piazza Matteotti
84019 Vietri sul Mare SA
telefono e fax: (+ 39) (0)89 211 285
mobile: (+ 39) 329 4158640
e-mail: ctavietri@libero.it oppure cta@comune.vietri-sul-mare.sa.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

6 luglio, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Canto, Cava de' Tirreni, Concerti, Musica, Musica classica, Musica Lirica, Opera | , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: