MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Domenica 29 gennaio Barbara Palumbo e Riccardo Frulio ai “Concerti in Villa Floridiana”

Critica Classica di Marco del Vaglio:


Domenica 29 gennaio, alle ore 11.30, nel vestibolo del Museo Duca di Martina (via Aniello Falcone, 171 – Napoli), per il terzo appuntamento con la stagione “Concerti in Villa Floridiana”, organizzata dall’Associazione Musicale Golfo Mistico, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per il P.S.A.E. e per il Polo Museale della città di Napoli, nell’ambito della mostra “Un Museo…tutto da bere”, la clavicembalista Barbara Palumbo ed il flautista Riccardo Frulio eseguiranno musiche di B. Marcello, J. S. Bach, C. P. E. Bach, P. D. Paradies, G. B. Platti

Costo del biglietto
Intero: 10 Euro
Ridotto (Under 25 e over 65): 8 Euro
Soci Fondazione Humaniter: 7 Euro

Per ulteriori informazioni
www.polomusealenapoli.beniculturali.it

_____________________________________

Programma

B. Marcello:
Sonata in fa maggiore, op. 2 n. 1
Sonata in re minore, op. 2 n. 2

J. S. Bach: Concerto italiano BWV 971 per clavicembalo

C. P. E. Bach: Sonata in sol maggiore per flauto e basso continuo “Amburghese”

P. D. Paradies: Sonata decima in re maggiore

G. B. Platti: Sonata in sol maggiore, op. 3 n. 6
_____________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

25 gennaio, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Concerti, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il rigore interpretativo di Olga Laudonia ai “Vespri d’organo”

Olga Laudonia è stata la protagonista del recente appuntamento, nella chiesa napoletana di Santa Caterina a Chiaia, con i “Vespri d’organo”, rassegna organizzata dall’Associazione Trabaci e affidata alla direzione artistica del maestro Mauro Castaldo.
La musicista ha incentrato il suo concerto su brani risalenti al periodo compreso fra la fine del Cinquecento e l’epoca barocca, con un occhio particolare a due forme apparse in epoca tardo-rinascimentale, il ricercare e la toccata, entrambe utilizzate per esaltare il virtuosismo dell’interprete.
In apertura abbiamo quindi ascoltato il Ricercare I del napoletano Ascanio Mayone (? – 1627), allievo del franco-fiammingo Jean de Macque (1548/50-1614), che ricoprì importanti incarichi nella città partenopea.
A seguire le Toccate III e IV del ferrarese Girolamo Frescobaldi (1583-1643), rispettivamente dal I Libro di Toccate (1615) e dal II Libro di Toccate (1627), raccolte pubblicate a Roma, e la Toccata VII di Michelangelo Rossi (ca. 1601/1602–1656), genovese attivo anch’egli a Roma.
E’ stata poi la volta del Capriccio V di Johann Jakob Froberger (1616-1667), allievo di Frescobaldi nato a Stoccarda, e del Ricercare II tuono del toscano Bernardo Pasquini (1637–1710), altro compositore di grande prestigio.
La chiusura del concerto è stata invece dedicata a due rappresentanti della scuola veneziana, Benedetto Marcello (1686–1739) e suo fratello Alessandro (1684-1750).
Del primo è stata proposta la Sonata in sol minore, mentre al secondo apparteneva l’Adagio dal Concerto per oboe in re minore, molto noto in quanto utilizzato come leitmotiv della colonna sonora del film “Anonimo Veneziano”, qui presente nella trascrizione per tastiera, operata da Johann Sebastian Bach (1685-1750), contenuta nel Concerto in re minore BWV 974.
Confrontandosi con un programma di grande interesse storico-musicale, Olga Laudonia ha evidenziato un approccio rigoroso e preciso, mostrando di essere perfettamente a suo agio nell’eseguire questo genere di repertorio, portando nel contempo alla ribalta una serie di figure che sono ancora oggi indispensabili riferimenti nell’ambito della letteratura organistica.
Grande successo e pubblico piuttosto numeroso, che ha lungamente applaudito l’artista, prodottasi in un suggestivo e raffinatissimo bis di Bach (Largo dal Concerto in fa minore per clavicembalo BWV 1056), degna conclusione di un recital di elevato livello.

Marco del Vaglio
_____________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

11 novembre, 2011 Posted by | Associazione Trabaci, Musica, Organisti | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 6 novembre Olga Laudonia ai “Vespri d’organo”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 6 novembre, alle ore 19.00, nella chiesa di Santa Caterina a Chiaia (via S. Caterina 76 – Napoli), nuovo appuntamento con la V edizione della rassegna “Sette secoli di musica sacra per organo a Napoli – Vespri d’organo”, organizzata dall’Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è Mauro Castaldo.
Protagonista sarà Olga Laudonia, organista titolare del Santuario della Madonna del Carmine di Sorrento, che aprirà il concerto con il Ricercare I del napoletano Ascanio Mayone (? – 1627), allievo di Jean de Macque, che ricoprì prestigiosi incarichi nella città partenopea.
Da Napoli a Roma dove, durante il Seicento, confluirono un gran numero di compositori.
La figura di riferimento fu indubbiamente il ferrarese Girolamo Frescobaldi (1583-1643), alla cui produzione appartengono la Toccata III (dal I Libro di Toccate, 1615) e la Toccata IV (dal II Libro di Toccate, 1627).
Del suo allievo tedesco Johann Jacob Froberger (1616-1667) ascolteremo invece il Capriccio V.
Nella città capitolina, in tempi diversi, soggiornarono anche il genovese Michelangelo Rossi (ca. 1601/1602–1656), autore della Toccata VII ed il toscano Bernardo Pasquini (1637–1710), presente con il Ricercare II tuono, pubblicato fra la fine del Seicento e i primi del Settecento.
Il recital si concluderà nel segno della scuola veneziana, con la Sonata in sol minore di Benedetto Marcello (1686–1739) e l’Adagio dal Concerto in re minore BWV 974 di Johann Sebastian Bach (1685-1750), trascrizione per tastiera del Concerto per oboe in re minore di Alessandro Marcello (1684-1750).

L’ingresso è libero

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 – Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.associazionetrabaci.it

Olga Laudonia
Nata a Sorrento nel novembre 1981, ha iniziato gli studi musicali nel 1997 con il Maestro Vincenzo De Gregorio e in soli sei anni ha conseguito il Diploma in Organo e Composizione organistica con il massimo dei voti presso il Conservatorio S. Pietro a Majella di Napoli, dove ha poi seguito il corso di tirocinio.
Ha proseguito gli studi musicali presso il Conservatorio F. Morlacchi di Perugia, conseguendo nel 2008 il Diploma Accademico di II Livello in Organo e Composizione organistica sotto la guida del Maestro Wijnand van de Pol. Diplomata in Clavicembalo presso il Conservatorio di Napoli, è attualmente iscritta al primo anno del Diploma accademico di secondo livello in Clavicembalo nella classe del Maestro Enza Caiazzo presso il medesimo Conservatorio.
Ha seguito corsi di perfezionamento in organo e clavicembalo con maestri di chiara fama internazionale, quali: P. D. Peretti, K. Schnorr, E. Fadini etc.
Agli studi musicali ha affiancato quelli umanistici: infatti, nel 2005 ha conseguito la Laurea in Lettere Moderne – Settore Musica e Spettacolo presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II con una tesi in Storia della Teoria Musicale sull’organista Franco Michele Napolitano.
Nel 2004 ha vinto il Secondo Premio al Concorso nazionale d’organo “Premio Goffredo Giarda” (Roma – Accademia organistica romana) ed è stata invitata ad eseguire un concerto per l’inaugurazione del Nuovo Anno del Corpo Consolare di Napoli.
Nello stesso anno ha partecipato come relatrice al Convegno internazionale di studi “Napoli e l’Europa: gli strumenti, i costruttori e la musica per organo dal XV al XX secolo” (Battipaglia, Salerno – Accademia Organistica Campana).
Nel 2008 ha inaugurato presso l’Università “Suor Orsola Benincasa” di Napoli la mostra “La città cantante” a cura del M° Pasquale Scialò.
Nel Capodanno del corrente anno ha tenuto un concerto in occasione della presa della Diaconia da parte del Cardinale Kurt Koch della Chiesa del Sacro Cuore in Piazza Navona a Roma.
Docente di Educazione musicale presso il Conservatorio “S. Maria della Pietà” di Sorrento, dal 2004 è organista titolare del Santuario della Madonna del Carmine della stessa città.

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

3 novembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Associazione Trabaci, Musica, Musica classica, Napoli | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Il duo formato dal mezzosoprano Rosa Montano e dall’organista Maurizio Rea propone un ampio ed interessante repertorio nell’ambito dei “Vespri d’Organo”

La chiesa napoletana di S. Nicola da Tolentino, nota anche come Nostra Signora di Lourdes, ha ospitato il recente appuntamento dei “Vespri d’organo”, rassegna organizzata dall’Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è Mauro Castaldo.
Protagonisti del concerto il mezzosoprano Rosa Montano e l’organista Maurizio Rea, che hanno proposto un programma dove si alternavano brani per organo e pezzi per voce ed organo.
In apertura Maurizio Rea ha eseguito la Sonata n. 4 in si bemolle maggiore di Felix Mendelssohn-Bartholdy (1809-1847), appartenente alle Sei Sonate, op. 65, raccolta scritta a seguito di una commissione ricevuta dalla casa editrice inglese Coventry & Hollier.
In origine la richiesta aveva lo scopo di rinnovare il repertorio legato al “voluntary”, genere tipicamente britannico, ma poi l’autore tedesco preferì creare composizioni aventi come principale punto di riferimento i corali bachiani, alle quali abbinò il suo inconfondibile stile.
E’ stata poi la volta di tre brani per mezzosoprano e organo, l’Ave Maria di César Franck (1822-1890), Tota Pulchra e Alma Redemptoris di don Lorenzo Perosi (1872-1956), tutte appartenenti alla produzione ottocentesca.
La Canzoncina a Maria Vergine, op. 113 per organo, di Marco Enrico Bossi (1861-1925) ha preceduto altri due pezzi che si avvalevano dell’interprete vocale, Pange Lingua, attribuito a Leonardo Leo (1694-1755) e O salutaris di Charles Gounod (1818-1893).
Il successivo Allein Gott in der Höh sei Ehr BWV 664, era tratto dai Diciotto Corali di Lipsia, scritti da Johann Sebastian Bach (1685-1750) nell’ultimo periodo di attività, mentre la conclusione era affidata al Salmo 8 di Benedetto Marcello (1686-1739), facente parte dell’ “Estro poetico-armonico”, che rappresentava una risposta polemica ad una celebre raccolta di Vivaldi dal titolo molto simile, e comprendeva 50 salmi, musicati a parftire dai testi tradotti in italiano dal letterato Girolamo Ascanio Giustiniani.
Per quanto riguarda gli interpreti, Rosa Montano e Maurizio Rea hanno saputo fornire il loro ottimo contributo ad un programma molto vario, avendo anche cura di mettere in evidenza autori raramente eseguiti, come Perosi e Benedetto Marcello.
Ricordiamo ancora la lotta ingaggiata dall’organista durante il corposo brano iniziale, con le pagine dello spartito che sembravano quasi animate da uno spirito dispettoso e ribelle, per cui il musicista era costretto continuamente a riportarle nella posizione ottimale.
Particolarmente suggestiva è apparsa, inoltre, durante la Canzoncina di Bossi, l’aggiunta del registro dell’organo relativo al suono delle campane.
E, sempre in tema di organo, il Rotelli-Varesi, recentemente sottoposto a manutenzione straordinaria, abbisognerebbe ora di un completo restauro, in quanto ha evidenziato numerosi problemi di suono e di tenuta, soprattutto durante pezzi complessi come quelli di Mendelssohn e Bach.
Pubblico abbastanza numeroso e attento, che ha tributato un lungo e meritato applauso nei confronti dei due prestigiosi artisti, dandosi appuntamento al prossimo 30 ottobre, quando nella chiesa dell’Immacolata al Vomero si terrà il recital dell’organista tedesco Johannes Skudlik.

Marco del Vaglio
__________________________________________
Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

21 ottobre, 2011 Posted by | Associazione Trabaci, Musica, Musica classica, Napoli, Organisti | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: