MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

L’Orchestra del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino inaugura la nuova stagione della rassegna “E’ aperto a tutti quanti”


La breve tournée dell’Orchestra del Conservatorio di Avellino, dal titolo “Intrecci Barocchi”, si è conclusa a Napoli, nella prestigiosa cornice di Palazzo Zevallos Stigliano, in occasione del primo appuntamento con la rassegna “E’ aperto a tutti quanti” – Musica a pranzo.
L’evento inaugurale era rivolto a due grandi protagonisti della musica barocca, Antonio Vivaldi (1678-1741) e Alessandro Scarlatti (1660-1725).
Dal repertorio del primo, abbiamo inizialmente ascoltato il Concerto per oboe, archi e continuo in do maggiore, RV 452 ed il Concerto per 2 violoncelli, archi e continuo in sol minore, RV 531, due esempi del contributo dell’autore veneziano alla letteratura dedicata a brani per uno o più strumenti solisti, nati dall’evoluzione del cosiddetto “Concerto Grosso”.
A seguire tre arie (“In voler ciò che tu brami”, “Nell’aspro mio dolor”, “Dì, che sogno, o che deliro”) tratte dall’opera di Alessandro Scarlatti “Griselda”, su testo di Apostolo Zeno, ultima opera del compositore palermitano.
Il lavoro esordì durante il Carnevale del 1721 al Teatro Capranica di Roma con il castrato Domenico Giacinto Fontana, detto “Farfallino”, nel ruolo della protagonista.
Il programma si concludeva con altri due brani vivaldiani, il Concerto n.10 op. 3 per 4 violini, archi e continuo in si minore, RV 580 ed il mottetto In furore iustissimae irae per soprano archi e continuo in do minore, RV 626.
Il primo attirò l’attenzione di Johann Sebastian Bach, che lo trascrisse in la minore per 4 clavicembali e orchestra (BVW 1065), mentre il secondo, del quale non si conosce né l’anno di composizione, né la destinazione, rientra nel repertorio sacro di natura non liturgica.
Per quanto riguarda gli interpreti, partiamo dai solisti, con il soprano Valentina Fortunato che ha fornito il suo ottimo apporto alle arie scarlattiane ed al mottetto vivaldiano.
Dal canto loro, molto bravi sono risultati Manuel Molinario (oboe), Gabriele Melone e Francesca Montella (violoncelli), Eleonora De Crescenzo, Irene Teresa Buzzanca, Mario Petacca e Nicola Morelli (violini), ben supportati dall’Orchestra del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino, compagine compatta ed affiatata che si avvaleva dell’esperta direzione del maestro Giuseppe Camerlingo.
Pubblico numerosissimo ed attento, al quale è stato riproposto come bis l’Alleluja del mottetto di Vivaldi, chiudendo nel modo migliore l’inizio di una rassegna, affidata per il quinto anno consecutivo, nel periodo settembre – gennaio, al conservatorio avellinese, che avrà così l’opportunità di metterà in vetrina i suoi numerosi talenti.

Annunci

30 settembre, 2019 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Da giovedì 12 a sabato 14 settembre “Intrecci Barocchi”, tre appuntamenti con l’Orchestra del Conservatorio di Avellino, diretta dal maestro Giuseppe Camerlingo


Nell’ambito della rassegna “Intrecci Barocchi”, l’Orchestra del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino, diretta dal maestro Giuseppe Camerlingo, terrà tre concerti, giovedì 12 settembre, alle ore 15.30 ad Avellino nell’Auditorium “Vincenzo Vitale” (via Circumvallazione, 156), venerdì 13 settembre, alle ore 19.30, nella chiesa di San Martino a Monteforte Irpino (AV) e sabato 14 settembre, alle ore 13.00 presso Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano (via Toledo 185, Napoli)

Programma

Antonio Vivaldi (1678-1741): Concerto per oboe, archi e continuo in do maggiore, RV 452
Solista: Manuel Molinario

Concerto per 2 violoncelli, archi e continuo in sol minore, RV 531
Solisti: Gabriele Melone, Francesca Montella

Alessandro Scarlatti (1660-1725): Tre Arie dalla “Griselda”
“In voler ciò che tu brami”
“Nell’aspro mio dolor”
“Dì, che sogno, o che deliro”
Soprano: Valentina Fortunato

Antonio Vivaldi: Concerto n.10 op. 3 per 4 violini, archi e continuo in si minore, RV 580
Solisti: Eleonora De Crescenzo, Irene Teresa Buzzanca, Mario Petacca, Nicola Morelli

In furore iustissimae irae, Mottetto per soprano archi e continuo in do minore, RV 626
Solista: Valentina Fortunato

10 settembre, 2019 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, musica sinfonica, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 3 novembre a Palazzo Zevallos la rassegna “E’ aperto a tutti quanti” propone gli “Intrecci Barocchi” dell’Ensemble dell’Orchestra del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino


Sabato 3 novembre, alle ore 13.00, a Palazzo Zevallos Stigliano (v. Toledo, 185 – Napoli), per la rassegna “E’ aperto a tutti quanti”, concerto dell’Ensemble dell’Orchestra del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino, diretto da Giuseppe Camerlingo, dal titolo “Intrecci Barocchi”, con la partecipazione di Francesco Apostolico e Federica Basile (violini), Gerardo Del Gaudio e Manuel Molinario (oboi)

Programma

A. Corelli: Concerto grosso in re maggiore op. 6 n. 7

A. Scarlatti: Concerto Grosso in fa minore n. 1

A. Vivaldi
Concerto per due oboi e archi in re minore RV 535
(solisti Gerardo Del Gaudio e Manuel Molinario)

Sinfonia in sol maggiore RV 149

Concerto per due violini e archi in la minore
(solisti Francesco Apostolico e Federica Basile)

F. Durante: Concerto n. 8 in la maggiore “La pazzia”

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

1 novembre, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 3 marzo prosegue “Parole di Musica” al conservatorio di Avellino con “L’affare Vivaldi” di Federico Maria Sardelli

Copertina L'affare Vivaldi
Il prossimo 3 marzo, alle 15.00, il Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino presenterà, nell’ambito della manifestazione letteraria Parole di Musica, il libro di Federico Maria Sardelli, L’affare Vivaldi, Palermo, Sellerio, 2015.
Con l’autore discuteranno del testo Raffaella Palumbo e Pierfrancesco Borrelli.
Alla presentazione seguirà l’esecuzione di arie vivaldiane dalle opere Incoronazione di Dario “Perderò la bella mia”, Arsilda regina di Ponto “La tiranna avversa sorte” e “Siano gli astri a me tiranni” ad opera dei Maestri Pierfrancesco Borrelli (clavicembalo) e Rosario Totaro (tenore).
La rassegna letteraria dell’Istituto musicale è stata organizzata dal corso accademico di II livello in “Discipline storico critiche e analitiche della musica” ed è coordinata dal prof. Antonio Caroccia.

L’ingresso è libero.

«La storia della riscoperta dei manoscritti di Vivaldi è davvero andata così. Diversamente dalla frase che i romanzieri pongono di solito alla fine del loro lavoro, io devo invece assicurare che i fatti narrati sono realmente accaduti, e solo in pochi casi ho dovuto inventare. La concatenazione degli eventi, per quanto bizzarra possa sembrare, è dovuta alla storia». Se conosciamo Vivaldi quanto lo conosciamo oggi, oltre le Quattro stagioni, ciò è dovuto alle peripezie dimenticate – assurde, incredibili, comiche, cariche a volte di suspense, intricate come uno spettacolo drammatico e farsesco – che questo romanzo storico rivela. Il Prete Rosso, passato di moda dopo una vita di successi, morì in miseria e indebitato fino al collo. I manoscritti con la sua musica inedita, raccolta in centinaia di partiture autografe, passarono di mano in mano fra bibliofili e lasciti ereditari, scomparendo per quasi due secoli. Riemersero, seguendo vie accidentate e occulte, grazie al congiungersi dell’avidità di un vescovo salesiano e l’intelligente intuito di due studiosi appassionati, Gentili e Torri, musicologo dell’Università di Torino il primo, e direttore della Biblioteca Nazionale della città il secondo. Ma da questo momento in poi gli autografi del musicista veneziano dovettero passare nuove disavventure. Causa stavolta l’indifferenza dello Stato, l’odiosa idiozia antisemita del regime fascista, l’opportunismo e l’ingratitudine dei nuovi padroni dell’Italia. Federico Maria Sardelli è uno dei massimi esperti di Vivaldi, nonché scrittore satirico. Egli ricostruisce il destino delle carte del grande compositore seguendo due percorsi. Da un lato gli eventi successivi che le seppellirono nell’oblio dal 1741 alla riscoperta; dall’altro la caccia all’indietro che i due miti eroi intrapresero per recuperarle. E poi le vicende pazzesche legate al tentativo di renderle aperte alla fruizione pubblica. Con il triste epilogo. È un apologo, umoristico e tragico, della ben nota insensibilità dello Stato italiano verso i suoi patrimoni più nobili, e della sua ingratitudine. Ma vuole anche ristabilire una verità storica ed essere un tributo. «Luigi Torri ed Alberto Gentili sono i veri eroi di questa vicenda. Se oggi conosciamo Vivaldi lo dobbiamo al loro fiuto, alla loro intelligenza, al loro infaticabile sforzo».

Per info:
Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino
Eleonora Davide
Relazioni interne e rapporti con la stampa
Tel. 333-717.94.79 –
relazioni.interne@conservatoriocimarosa.org

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

28 febbraio, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Libri, Musica, Musica classica, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Da venerdì 30 maggio il Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino presenta i “Concerti di Primavera”

Logo Conservatorio Avellino
Ha inizio venerdì 30 maggio una nuova rassegna di concerti del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino dal titolo “Concerti di Primavera”.
Il primo appuntamento, presso la Casina del Principe, il 30 maggio, alle ore 19.00, proporrà un concerto del trio formato da Mario Dell’Angelo al violino, Antonio Colonna al violoncello e Simonetta Tancredi al pianoforte, che eseguirà il Trio op. 99 per violino violoncello e pianoforte di Schubert e Phantasiestücke op. 88 per violino violoncello e pianoforte di Schumann.

Giovedì 12 Giugno 2014, alle ore 19.00, sarà la volta, nell’Auditorium del Cimarosa, del concerto L’antica musica e la moderna Prattica – Passeggiata Musicale dal ‘700 al ‘900 a cura delle classi di Musica da Camera dei maestri Pierfrancesco Borrelli e Massimo Testa con musiche di Vivaldi, Telemann e de Falla.

E per concludere martedì 17 giugno, alle ore 19.00, nuovamente presso la Casina del Principe, ad esibirsi sarà il duo formato da Danilo Squitieri (violoncello) e Simonetta Tancredi (pianoforte) con musiche di Beethoven e Shostakovich.

per info
Ufficio Stampa
3935837525

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

26 Mag, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Regioni | , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

In streaming il concerto di Riccardo Muti al Vaticano

in streaming live su telecomitalia.com:

Concerto offerto dal Signor Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano
al Santo Padre Benedetto XVI

Venerdi 11 maggio, Aula Paolo VI 

Città del Vaticano con inizio ore 18:00 

Dirige il Maestro Riccardo Muti 

Orchestra e Coro del Teatro dell’Opera di Roma 

Antonio VIVALDI (1678-1741) • Magnificat per soli, coro e orchestra in sol minore RV 611

Mezzosoprano: Daniela Barcellona

Giuseppe VERDI (1813-1901) – Stabat Mater per coro e orchestra dai Quattro pezzi sacri –

Te Deum per coro e orchestra dai Quattro pezzi sacri – Soprano: Rosa Feola

Potrai commentare live dai social network e sul sito www.telecomitalia.com.

Scarica il programma: Programma Concerto 11 maggio

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

10 Mag, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Concerti, Direttori d'orchestra, Italia, Lazio, Music, Regioni, Riccardo Muti, Roma | , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 12 novembre prosegue l’Autunno Musicale della Nuova Orchestra Scarlatti con il soprano Maria Grazia Schiavo ed il violinista Luigi De Filippi

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Sabato 12 novembre, alle ore 19.00, nel Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina), nuovo appuntamento con l’Autunno Musicale della Nuova Orchestra Scarlatti dal titolo “Tempeste e Furori”.

Tempeste e furori: un emozionante viaggio attraverso le più accese passioni musicali barocche, scolpite in forme di plastica evidenza, dove i furori dell’animo umano adottano lo stesso vertiginoso vocabolario sonoro adoperato per dipingere le tempeste della natura, e la voce del violino e quella di soprano si alternano in Concerti e Arie d’opera – pagine tra le più intense e brillanti di Giovanni Legrenzi, Antonio Vivaldi, Georg Friedrich Händel, Giovanni Battista Pergolesi – in un gioco di rispecchiamenti e confronti tutto in “crescendo” tra virtuosismo, canto, espressione.
Protagonisti del concerto accanto alla Nuova Scarlatti saranno il soprano Maria Grazia Schiavo e il violinista Luigi De Filippi.
Il romano Luigi De Filippi è una poliedrica figura di violinista e musicista che spazia dal repertorio classico al barocco, dal jazz alla musica contemporanea; ha collaborato con le principali orchestre italiane, si è esibito quale solista e direttore alla testa dei Mozart London Players nelle sale più prestigiose d’Europa, dal Concertgebouw di Amsterdam al Palau de la Musica di Barcellona.
Il soprano napoletano Maria Grazia Schiavo è un giovane astro ormai pienamente affermato in campo internazionale per il suo timbro pieno, luminoso e duttile e la sua vitalità espressiva. Ha rivestito i ruoli del grande repertorio settecentesco, da Händel a Mozart, sui più importanti palcoscenici – dal San Carlo a Parigi, da Roma a Salisburgo, da Madrid a Vienna – e sotto la guida di maestri del calibro di Lorin Maazel, William Christie, Riccardo Muti.

I biglietti, del costo di Euro 14.00, sono acquistabili presso il botteghino del Museo Diocesano da un’ora prima del concerto e presso le abituali prevendite

I biglietti si possono acquistare anche on line: www.azzurroservice.net

Nuova Orchestra Scarlatti
tel/fax 081.410175
info@nuovaorchestrascarlatti.it
www.nuovaorchestrascarlatti.it
Ufficio stampa
Luisa Maradei (333.5903471)

_______________________________________________________

Programma

G. Legrenzi: Sonata per archi e basso continuo in sol maggiore “La Raspona”

G. F. Händel: Aria di Armida Ah crudel da “Rinaldo”

A. Vivaldi: Concerto per violino, archi e basso continuo in re maggiore “Grosso Mogul”

G. B. Pergolesi: Aria di Farnaspe Lieto così tal volta da “Adriano in Siria”

G. F. Händel: Aria di Cleopatra Da tempeste il legno infranto da “Giulio Cesare in Egitto”

A. Vivaldi:
Concerto per violino, archi e basso continuo in mi bemolle maggiore. op. 8 n. 5 “La Tempesta di Mare”
Aria di Ippolita Da due venti un mar turbato da “Ercole sul Termodonte”
Aria di Idaspe Anche il mar par che sommerga da “Bajazet”
_______________________________________________________

Autunno musicale 2011 della Nuova Orchestra Scarlatti – Prossimi appuntamenti

Sabato 26 novembre, ore 19.00 – RHAPSODY
musiche di Stravinskij, Martinů, Gershwin e al.
pianoforte: Enrico Fagnoni
voce: Maria Sole Gallevi
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI
direttore Francesco D’Ovidio

Sabato 3 dicembre, ore 11.30/17.00/19.00 – TABLEAUX VIVANTS
Caravaggio e i Caravaggeschi
musiche di Durante, Pergolesi, Scarlatti e al.
TEATRI 35
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI

Sabato 10 dicembre, ore 19.00 – BENVENUTI AL SUD Film Concerto
musiche di Scipione, Bacalov, Morricone, Rota e al.
NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI
direttore Giuseppe Lanzetta
_______________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

11 novembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica, Napoli, Prima del concerto | , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 21 settembre l’ensemble Hortus Conclusus del Conservatorio di Benevento ospite in Vaticano

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Mercoledì 21 settembre, alle 17.30, presso la Chiesa di Maria, Madre della Famiglia, nel Palazzo del Governatorato di Città del Vaticano, l’Hortus Conclusus, orchestra da camera del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, specializzata nell’interpretazione della musica antica, terrà un concerto su invito del Cardinale Giovanni Lajolo, presidente del Governatorato della Città del Vaticano.
Il progetto, curato dal violinista Marco Serino, docente dell’Istituto sannita di Alta Formazione Musicale, è sostenuto dal contributo didattico delle classi di provenienza degli studenti, che sono parte attiva e protagonisti del percorso artistico-formativo.
L’Hortus Conclusus ha tenuto applauditi concerti in Campania e in diverse città italiane, ospite di prestigiose Istituzioni tra cui la Fondazione Stradivari di Cremona e la Fondazione Meyer di Firenze.
Per l’ occasione la compagine eseguirà musiche di Johann Sebastian BachConcerti per violino, archi e continuo BWV 1041 e BWV 1042, Concerto per due violini, archi e continuo BWV 1043, solisti Marco Serino e Mariarosa Grande– e di Antonio VivaldiConcerto in re minore per violoncello, archi e basso continuo, con solista Sergio De Castris.
Le prime parti dell’Hortus, suonano solitamente un violino Vincenzo Postiglione 1899, un violino Armando Altavilla 1935, una viola Giuseppe Tarantino 1934 e un violoncello Alfredo Contino 1926, pregevoli strumenti di liuteria storica della Campania, riportati nel territorio di origine grazie al Conservatorio “Nicola Sala” che li ha acquisiti al patrimonio dell’Istituzione.

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

19 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica, Musica da camera | , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 15 settembre al Top Audio Video Show di Milano la Fonè presenta il recente cd inciso da “I Musici” per celebrare i 60 anni di attività

Critica Classica di Marco del Vaglio:

È dedicato ad Antonio Vivaldi l’ultimo disco dei Musici, storico ensemble romano che nel corso della stagione 2011/2012 festeggerà il 60° anniversario di attività.
Il disco sarà presentato da Fonè il 15 settembre in occasione del Top Audio Video Show, la più importante manifestazione italiana dedicata all’audio, all’audio-video e all’home automation, che si terrà a Milano dal 15 al 18 settembre.
Il disco, realizzato in un formato ad alta definizione, sarà distribuito da tre canali digitali: HDtracks, LINN Records e BELIEVE. E da questi su iTunes, eMusic, Napster, 7digital.
Il CD contiene due Sinfonie e nove dei 44 Concerti per archi e continuo, tra cui il celebre Concerto RV 163 in si bemolle maggiore “Conca”, con il quale Vivaldi rese omaggio allo stile d’Oltralpe.
Il disco è un omaggio sincero a Vivaldi, mentore ideale dei Musici, che proprio dell’esecuzione della sua musica sono stati pionieri nel secondo dopoguerra, insieme a Ricordi che ne curò la prima edizione critica.
Nel 1956, infatti, i Musici, ospiti della stagione concertistica 1956/1957 della Società del Quartetto di Milano, presentarono un programma rarissimo, “un’opera senza precedenti” scriverà Garzanti, che apriva per la prima volta la strada all’esecuzione della musica italiana del ‘700.
Il programma conteneva uno dei dodici Concerti Grossi di Arcangelo Corelli, una rarità di Giuseppe Giordani e le “Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi, queste ultime incise nel 1955 per Philips.
L’incisione passò poi alla storia per un doppio primato: essere stato il primo disco di musica classica dell’etichetta, e aver venduto oltre 25 milioni di copie nelle diverse edizioni (disco di Platino con Diamante).
Partiti da Vivaldi, dunque, i Musici tornano a Vivaldi con questo festoso disco dei sessant’anni, che propone con disciplina ed estro, “armonia” e “invenzione”, il suono italiano, caldo e cantante che da sempre contraddistingue i componenti dell’ensemble romano.
Sebbene sposino un’idea più moderna di Barocco, i Musici restituiscono perfettamente il “retto comporre” e l’ “estro imprevedibile” voluto da Vivaldi (Il cimento dell’armonia e dell’invenzione), condotto ora nei ritmi incalzanti degli Allegro, ora nelle distese liriche degli Adagio.
Il disco segna per l’ensemble un ritorno alla musica del ‘700, dopo aver esplorato il ‘900 con l’incisione del Concerto per archi che Nino Rota compose appositamente per i Musici nel 1965 (in Serenata Italiana, Fonè, 2009).
Anche il programma “I Musici’s Oscars”, che il gruppo presenta nei concerti del 60° anniversario, comprende alcuni nuovi lavori scritti ad “uso de I Musici” da Ennio Morricone, Luis Bacalov e Ryuichi Sakamoto.
I Musici suonano esclusivamente con corde Pirastro.

Claudia Cefalo
studiomusica press|pr
ufficio stampa – press agent

ph. (+39) 059.245486 ext. 0118
mob. (+39) 340 48 91 682
email: claudia.cefalo@studiomusica.net
skype: claudia.cefalo
__________________________________________________________________________

I Musici
La vicenda de I MUSICI è straordinaria e irripetibile.
Nati nel 1951, sono il più antico gruppo da camera in attività.
Pionieri nell’esecuzione della musica italiana del Settecento, con la prima incisione in assoluto delle “Quattro Stagioni” di Vivaldi (primo disco di musica classica della Philips, 1963), hanno battuto ogni record di vendita per l’epoca: oltre 25 milioni di copie nelle varie edizioni (disco di Platino con Diamante).
Nel corso di 60 anni di attività hanno collezionato una serie importante di primati: hanno girato il primo film-video musicale classico negli anni ’70 e portato il nome di Roma, dell’Italia e della musica italiana nel mondo, spaziando con il loro repertorio dal Settecento alla musica contemporanea.
Hanno composto espressamente per I Musici: Nino Rota, Ennio Porrino, Valentino Bucchi, Louis Bacalov, Ennio Morricone, tra gli altri.
L’ensemble si è sempre avvalso di strumentisti di altissimo livello che, anche al di fuori del complesso, hanno continuato a brillare di luce propria: Franco Tamponi, Felix Ayo, Roberto Michelucci, Salvatore Accardo, Pina Carmirelli, Federico Agostini, Mariana Sirbu, Antonio Salvatore, Arnaldo Apostoli, Italo Colandrea, Anna Maria Cotogni, Walter Gallozzi, Luciano Vicari, Dino Asciolla, Aldo Bennici, Paolo Centurioni, Carmen Franco, Alfonso Ghedin, Bruno Giuranna, Enzo Altobelli, Mario Centurione, Francesco Strano, Lucio Buccarella, Maria Teresa Garatti.
I MUSICI sono regolarmente ospiti dei più importanti festival internazionali e svolgono un’intensa attività concertistica nelle sale da concerto e nei teatri più prestigiosi, quali il Festival Internazionale “G. Enescu” di Bucarest, il Teatro Colon di Buenos Aires, la Carnegie Hall e il Lincoln Center di New York, lo “Spring Festival” di Budapest, la Sunthory Hall e la Opera City di Tokyo, la Musikverein di Vienna, la Philharmonie di Berlino, il Palau de la Musica di Barcellona, il Seoul Arts Center, la Boston Simphony Hall, lo Shanghai Concert Hall e tante altre.
I MUSICI hanno inciso per molti anni in esclusiva per la Philips. La loro produzione discografica, una vera e propria miniera di opere di autori del ‘700, ‘800 e ‘900, è stata ripetutamente premiata da giurie specializzate: Grand Prix de l’Acadèmie Charles Cros, Grand Prix International du Disque, Edison Award, Deutsche Schallplattenpreis, Grand Prix des Discophiles.
Recentemente hanno inciso per la Sony Classics e hanno intrapreso una significativa collaborazione con la Fonè realizzando nel 2009 due nuove incisioni discografiche: “Serenata Italiana” e “Concerts and Follies in Pergolesi’s time”.
Nel 2011, in occasione delle celebrazioni per il 60° anniversario della nascita del gruppo, I Musici hanno inciso, sempre per Fonè, i “Concerti per archi e continuo” di Antonio Vivaldi.
Nella stagione concertistica 2011/2012, I MUSICI festeggeranno il 60° anniversario della loro fondazione.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

14 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica | , , , | Lascia un commento

Il violinista Fabrizio Falasca ed il Musicantica Ensemble in concerto domenica 28 agosto a Piano di Sorrento (Na)

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 28 agosto, alle ore 21.00, a Villa Fondi di Piano di Sorrento (Na), Fabrizio Falasca (violino solista) suonerà insiema a Pierfrancesco Borrelli (clavicembalo) ed al Musicantica Ensemble, quintetto d’archi formato da Pasquale Murino e Gianluca Adolfo Falasca (violini), Paolo di Lorenzo (viola), Mauro Fagiani (violoncello) ed Ermanno Calzolari (contrabbasso).
Nel corso dell’evento, organizzato dall’assessore Luigi Maresca, in collaborazione con l’associazione Euterpe, saranno proposti due capolavori di Vivaldi, il Concerto in sol maggiore per archi e continuo RV 151 “Alla Rustica” e “Le Quattro Stagioni” (dalla raccolta “Il cimento dell’armonia e dell’inventione”, op. 8).

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

23 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Musica da camera, Prima del concerto | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: