MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Venerdì 1 dicembre concerto della giovane violoncellista Eliana Razzino Yang al Club 55


Venerdì 1 dicembre, alle ore 20.00, al Club 55 (via Toledo, 55 – Napoli), concerto organizzato dalla IAAM (“Italian Association for Arts and Music”) con la partecipazione della violoncellista Eliana Razzino Yang, accompagnata dal pianista Mario Buonafede.

Programma

J. S. Bach: Suite per violoncello solo in do minore n. 5 BWV 1011

L. van Beethoven: Sonata per violoncello e pianoforte in sol minore op. 5, n. 2

A. Dvořák: Allegro dal Concerto per violoncello in si minore, op. 104

Ingresso libero previa prenotazione al 345 4317836
_________________________________________________________

Eliana Razzino Yang
La violoncellista Eliana Razzino Yang è una delle studentesse di Clara Minhye Kim al Juilliard Pre-College.
Ha tenuto recitals come solista a Londra, Parigi, Roma, New York, Helsinki e Philadelphia e concerti con orchestra presso il Festival di Cannes, Newburyport Festival Orchestra, Temple University e Musicopia String Orchestra.
E’ risultata vincitrice dei concorsi Philadelphia All City Orchestra Concerto, Young Classical Virtuosos of Tomorrow e Vivace Competition e ha collaborato con i membri dei quartetti Vermeer, Tokyo e Audubon.
Nel 2015 è stata a Budapest, in Ungheria, per suonare per il compositore György Kurtág e nel 2016 ha suonato per il compositore George Crumb.
Ha studiato individualmente con gli insegnanti Ron Leonard, Peter Wiley, Richard Aaron, Paul Katz, Laurence Lesser, Timothy Eddy e Bonnie Hampton.
Eliana suona un Joseph Panormo del 1810, per gentile concessione di Mr. Harold e Holly Glass di Filadelfia.

Annunci

27 novembre, 2017 Posted by | Agenda Eventi, Associazione IAAM, Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Napoli, Regioni | , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 21 ottobre la stagione concertistica della Associazione Alessandro Scarlatti apre con Gli Archi di Santa Cecilia diretti da Luigi Piovano

Logo Associazione Scarlatti 2015-2016
Mercoledì 21 ottobre, alle ore 21, nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo, si inaugura la Stagione Concertistica 2015/2016 della Associazione Alessandro Scarlatti con una delle indiscusse “eccellenze italiane” che ne sono protagoniste, Gli Archi di Santa Cecilia diretti da Luigi Piovano.
Da sempre la musica da camera è una delle attività dell’Orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia; ma negli ultimi anni ha acquisito ancora maggior rilevanza e i musicisti dell’Orchestra formano regolarmente diversi ensemble.
Gli Archi di Santa Cecilia sono costituiti dal nucleo forte di un’orchestra che sta conseguendo molti e meritati successi non solo nella sede romana, ma anche nelle tournée che sempre più spesso compie in Italia e all’estero.
Luigi Piovano è primo violoncello dell’orchestra ceciliana, musicista valoroso e focoso, ed è altrettanto intenso come direttore dell’orchestra d’archi dell’Accademia romana che gli è stata affidata direttamente da Sir Antonio Pappano.
Il programma presentato a Napoli proporrà due capolavori, i due classici per eccellenza scritti per una orchestra d’archi: le Serenate di Dvořák e di Čajkovskij, introdotte dal Concerto per archi di Nino Rota.

Biglietti:
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani (under 33): 10 Euro
Last minute (under 33): 3 Euro – in vendita un’ora prima del concerto

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_______________________________________________________

Mercoledì 21 ottobre 2015, ore 21.00 – Auditorium di castel Sant’Elmo

Gli Archi di Santa Cecilia
direttore: Luigi Piovano

Programma

Nino Rota (1911- 1979): Concerto per archi

Antonín Dvořák (1841-1904): Serenata per archi in mi maggiore op. 22

Pëtr Il’ič Čaikovskij (1840 – 1893): Serenata per archi in do maggiore op. 48

Gli Archi di Santa Cecilia

©Musacchio & Ianniello

©Musacchio & Ianniello

L’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia è stata la prima in Italia a dedicarsi esclusivamente al repertorio sinfonico.
Dal 1908 a oggi ha tenuto circa 15.000 concerti collaborando con i maggiori musicisti del secolo: è stata diretta, tra gli altri, da Mahler, Debussy, Strauss, Stravinskij, Hindemith, Sibelius, Toscanini, Furtwängler, De Sabata e Karajan.
I suoi direttori stabili sono stati Bernardino Molinari, Franco Ferrara, Fernando Previtali, Igor Markevitch, Thomas Schippers, Giuseppe Sinopoli, Daniele Gatti e Myung-Whun Chung.
Dal 1983 al 1990 Leonard Bernstein ne è stato il Presidente Onorario.
Da quando, nel 2005, Sir Antonio Pappano ha assunto la carica di Direttore Musicale, il prestigio dell’Orchestra ha avuto uno slancio straordinario ottenendo i più importanti riconoscimenti internazionali sia in occasione delle numerose tournée sia per le registrazioni discografiche.
Dopo aver inciso per le maggiori etichette internazionali sotto la direzione di Maestri quali De Sabata, Solti, Maazel, Schippers, Giulini, Sinopoli, Bernstein, Gatti e Chung, oggi l’Orchestra di Santa Cecilia può vantare un rapporto in esclusiva con la EMI Classics (ora Warner Classics).
Tra le pubblicazioni più recenti dirette da Sir Antonio Pappano ricordiamo la Sesta Sinfonia di Mahler, la Nona Sinfonia di Dvořák, la Petite Messe Solennelle di Rossini e il War Requiem di Britten.
Da sempre la musica da camera è una delle attività dell’Orchestra di Santa Cecilia; negli ultimi anni ha acquisito ancora maggior rilevanza e i musicisti dell’Orchestra formano regolarmente diversi ensemble.
Dopo il grande successo ottenuto nel maggio 2013 nella stagione da camera di Santa Cecilia in occasione di un concerto con musiche di Schubert, l’Orchestra d’Archi dell’Accademia di Santa Cecilia ha avviato una collaborazione stabile triennale con Luigi Piovano, primo violoncello solista dell’Orchestra.
Nel marzo 2014 l’etichetta francese Eloquentia ha pubblicato il primo CD del gruppo sotto la direzione di Piovano con lo stesso programma del concerto di esordio: la Sonata “Arpeggione” nella trascrizione per violoncello e orchestra d’archi dello stesso Piovano (qui anche in veste di solista) e il Quartetto “La Morte e la Fanciulla” nella trascrizione per orchestra d’archi di Gustav Mahler.
Il CD ha avuto splendide recensioni sulla stampa internazionale.
Nel 2015, subito dopo un nuovo concerto nella stagione da camera dell’Accademia di Santa Cecilia, gli Archi hanno registrato un secondo CD sotto la direzione di Luigi Piovano per Eloquentia con in programma le due Serenate di Ciaikovskij e Dvořák.

Luigi Piovano

©Musacchio & Ianniello

©Musacchio & Ianniello

Primo violoncello solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia, Luigi Piovano si è diplomato in violoncello a 17 anni col massimo dei voti e la lode sotto la guida di Radu Aldulescu, con cui in seguito si è diplomato in violoncello e musica da camera anche al Conservatorio Europeo di Parigi.
Premiato in diversi concorsi internazionali, è stato borsista della “International Menuhin Music Academy” di Gstaad e membro della “Camerata Lysy” e si è esibito, anche come solista, sotto la direzione di Yehudi Menuhin.
Per diversi anni ha fatto parte del Quartetto Michelangelo ed è stato primo violoncello del gruppo Concerto Italiano, diretto da Rinaldo Alessandrini, suonando nelle più prestigiose sedi internazionali e registrando numerosi CD.
Nel 1999 è stato scelto da Maurizio Pollini per partecipare al “Progetto Pollini” al Festival di Salisburgo, ripreso nel 2001 alla Carnegie Hall di New York, a Tokyo nel 2002 e a Roma nel 2003.
Dal 2000 è regolarmente ospite del Festival di Newport (USA). Ha tenuto concerti di musica da camera con Wolfgang Sawallisch, Myung-Whun Chung, Alexander Lonquich, Dmitry Sitkovetsky, Leonidas Kavakos, Katia e Marielle Labeque, Malcolm Bilson.
Dal 2007 suona regolarmente in duo con Antonio Pappano e dal 2009 fa parte del trio “Latitude 41”.
Ha suonato come solista con prestigiose orchestre – Tokyo Philharmonic, New Japan Philharmonic, Accademia Nazionale di Santa Cecilia – sotto la direzione di Chung, Pletnev, Boreyko, Menuhin, Bellugi.
Fra i suoi dischi più recenti, le Sei Suites di Bach (2010) per la Eloquentia che nel 2011 ha pubblicato anche l’integrale per violoncello di Saint-Saëns e un CD di musiche di Schubert con Latitude 41. Nel 2012 la Nimbus ha pubblicato le Variazioni Goldberg di Bach registrate in trio con Dmitry Sitkovetsky e Yuri Zhislin.
Suona un Alessandro Gagliano del 1710 e un violoncello a cinque corde William Forster III del 1795.
Dal 2002, fondata l’Orchestra da Camera della Campania – che nel 2010 ha mutato il proprio nome in quello di “Musici Aurei” –, Piovano si dedica sempre più anche alla direzione.
Ha registrato per la Naxos tre Concerti per pianoforte e orchestra di Paisiello (2009, solista Francesco Nicolosi) e per la Eloquentia le Quattro Stagioni di Vivaldi (2010, solista Grazia Raimondi), e ha collaborato con solisti come Luis Bacalov, Maurizio Baglini, Gemma Bertagnolli, Stefano Bollani, Michele Campanella, Sara Mingardo, Dmitry Sitkovetsky, François-Joël Thiollier.
Nel 2012 la Eloquentia ha pubblicato un CD in cui dirige i Kindertotenlieder e i Lieder eines fahrenden Gesellen di Mahler con Sara Mingardo e Musici Aurei, premiato in Francia dalla Académie du disque lyrique come miglior CD di Lieder dell’anno.
Di recente uscita, sempre per Eloquentia, il Concerto per violino di Britten con Livia Sohn come solista.
Dal 2008 è direttore artistico dell’Estate Musicale Frentana in Lanciano.
Nel 2010 ha ricevuto a L’Aquila il Premio Carloni “Premio Speciale Abruzzo Musica”.
Nel 2011, dopo il suo debutto come direttore e solista con l’Istituzione Sinfonica Abruzzese, è stato invitato da quest’orchestra a tornare ogni anno in stagione come solista-direttore fino a tutto il 2014.
Nel 2012 è stato nominato direttore musicale dell’Orchestra della Magna Grecia di Taranto.
Dal 2013 è il nuovo direttore musicale di Roma Tre Orchestra.
Dopo il grande successo ottenuto nel 2013 dirigendo il gruppo degli Archi dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia in un concerto di musiche di Schubert al Parco della Musica di Roma e l’immediata registrazione del medesimo programma per un CD pubblicato dalla Eloquentia nel marzo 2014, Piovano ha avviato una collaborazione stabile triennale alla testa degli Archi di Santa Cecilia.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

19 ottobre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica da camera, Napoli, Prima del concerto, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 9 febbraio il Quartetto Savinio e il pianista Matteo Fossi ospiti della stagione della Associazione Alessandro Scarlatti

Critica Classica di Marco del Vaglio:


Giovedì 9 febbraio, alle ore 21, all’Auditorium di Castel Sant’Elmo, il Quartetto Savinio, con il pianista Matteo Fossi, eseguirà un accattivante programma che affianca i Quintetti con pianoforte di Dvořák e Šostakovič, nell’ambito della stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti.
Questo concerto riprende l’appuntamento dell’8 dicembre 2011, rimandato per l’indisposizione di uno dei musicisti.
Nel frattempo, essendo sopravvenuto dal 1° gennaio 2012 il divieto al lavoro autonomo agli artisti dipendenti dagli enti lirici, il violoncellista del Quartetto, Lorenzo Ceriani, sarà sostituito da Vittorio Ceccanti.

Il già affermato ensemble napoletano nato nel 2000 – che prende il nome dallo pseudonimo di Andrea De Chirico, fratello di Giorgio De Chirico, che è stato scrittore, pittore, musicista, uomo di teatro, ha appena pubblicato per Decca il CD con l’incisione del programma che ascolteremo al concerto; inoltre il 9 dicembre 2011 il Quartetto ha ricevuto il Premio Carloni 2011 come “Miglior interprete giovane italiano dell’anno”.
Così si è recentemente espresso Sandro Capelletto nei loro confronti: “…Per convincere un Quartetto deve produrre un risultato artistico nel quale le singole parti siano riconoscibili, annullandosi però nel percorso comune. L’individualità è necessaria, non sufficiente. Serve coesione, unità di scelte e di traguardi, nella “metafora di una società ideale”, come ha scritto L. Berio. Queste qualità vivono e si percepiscono nel lavoro del Savinio.”

Prezzo del biglietto

I settore: 25 Euro
II settore: 20 Euro
III settore
Intero: 15 Euro
Ridotto giovani: 8 Euro
Last minute (giovani al di sotto dei 31 anni): 3 Euro, in vendita un’ora prima del concerto
.

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it;
info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

________________________________

Programma

Antonín Dvořák (1841 – 1904): Quintetto in la maggiore op. 81

Dmitri Šostakovič (1906 – 1975): Quintetto in sol maggiore op. 57

Quartetto Savinio
Alberto Maria Ruta, violino
Rossella Bertucci, violino
Francesco Solombrino, viola
Vittorio Ceccanti, violoncello, in sostituzione di Lorenzo Ceriani

Matteo Fossi, pianoforte

Quartetto Savinio
Fondato a Napoli nel febbraio del 2000 dai suoi attuali componenti, sin dal debutto è stato molto apprezzato per le doti tecniche e interpretative, confermate dalle affermazioni in prestigiosi concorsi internazionali, fra cui il terzo premio in quello intitolato a Dmitrij Šostakovič, a Mosca.
Alla formazione presso la Scuola di Musica di Fiesole sotto la guida di Piero Farulli e Andrea Nannoni ha fatto seguito, grazie all’Accademia Europea del Quartetto, la possibilità di avvalersi dei consigli di protagonisti della scena quartettistica come Brainin, Skampa, Beyerle, Berlinsky, Gal, e di lavorare con grandi compositori contemporanei quali Fabio Vacchi e Azio Corghi.
Ospite in Italia delle maggiori istituzioni concertistiche e di importanti festival, all’estero il complesso si è esibito in tutti i maggiori paesi europei, e oltreoceano in Usa e in Brasile.
Nel 2005-2006, in occasione delle celebrazioni mozartiane, l’ensemble ha realizzato con Sandro Cappelletto il racconto-concerto “La notte delle dissonanze” per molti dei più prestigiosi enti italiani.
Importanti sono anche le collaborazioni con artisti italiani e stranieri come fra gli altri Michele Campanella, Roberto Cominati, Andrea Lucchesini, François-Joël Thiollier, Bruno Canino, Bruno Boano, Alain Meunier.
Nella stagione 2012-2013 il complesso porterà in tournée l’integrale dei Quartetti di Beethoven per diversi enti concertistici italiani, e terrà diverse masterclasses di musica da camera.
Fra le incisioni ricordiamo: per “Amadeus” il CD con l’esecuzione live del “Movimento di quartetto” di Fabio Vacchi, per “Classic Voice” l’integrale dei Quartetti di Cherubini, che ha ottenuto numerosi premi; recentissimo poi il CD Decca con i Quintetti di Dvořák e di Šostakovič, con al pianoforte Matteo Fossi.
Il 9 dicembre il Quartetto Savinio ha ricevuto il Premio Carloni 2011 come “Miglior interprete giovane italiano dell’anno”

Matteo Fossi
Fiorentino, ha studiato fin da piccolissimo pianoforte e musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole, diplomandosi al Conservatorio di Ferrara; fra i suoi maestri, ricordiamo Tiziano Mealli, Piero Farulli, Maria Tipo, e Pier Narciso Masi.
Ha inoltre frequentato masterclasses con Alexander Lonquich, il Trio di Milano, Mstislav Rostropovič, Maurizio Pollini (all’Accademia Chigiana di Siena).
Molto attivo da sempre come concertista, è ormai considerato fra i cameristi italiani di spicco, anche per il duo stabile formato con la violinista Lorenza Borrani, con cui si è affermato in importanti concorsi internazionali e, nel 2005, si è diplomato all’Accademia di Imola.
Nel 1995 ha fondato il Quartetto Klimt, oggi fra i gruppi cameristici italiani più attivi, e da qualche anno suona in duo pianistico con Marco Gaggini, con cui ha intrapreso la prima registrazione integrale delle Sinfonie di Brahms trascritte per due pianoforti. Con queste formazioni, e come solista, Fossi si è esibito per le principali istituzioni italiane e, all’estero, in importanti teatri e festival in Europa, Stati Uniti, Brasile, e Corea del Sud.
Collabora costantemente con artisti di rilievo internazionale, e incide per Decca, Universal, Nimbus, Tactus, Amadeus, Unicef, Fenice Diffusione Musicale.
Molto attivo anche come didatta e organizzatore, insegna musica da camera alla Scuola di Musica di Fiesole, ed è direttore artistico dell’Associazione “Nuovi Eventi Musicali”, con cui ha portato a Firenze artisti quali Rostropovič, Mauricio Kagel, Sofia Gubaidulina, e il Kronos Quartet.

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

8 febbraio, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Auditorium Castel S. Elmo, Concerti, Musica classica, Musica da camera, Napoli | , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 8 ottobre la chitarrista Sharon Isbin ed il direttore Muhai Tang per la prima volta a Napoli nell’ambito della stagione sinfonica del Teatro di San Carlo

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Sabato 8 ottobre, alle ore 20.30 (con replica domenica 9 ottobre, alle 18.00), secondo appuntamento della Stagione Sinfonica 2011-12 del Teatro di San Carlo.
Per la prima volta sul palcoscenico del Lirico di Napoli, due figure di spicco del mondo classico: la chitarrista Sharon Isbin e il direttore Muhai Tang, che eseguiranno con l’Orchestra del San Carlo il “Concerto per chitarra e orchestra”.
Composto proprio per la chitarrista statunitense nel 1996 da Tan Dun (premio Oscar per la colonna sonora del film “La Tigre e il Dragone”), il brano è inserito nel disco con cui il duo Isbin-Tang ha conquistato nel 2002 il prestigioso Grammy Award e l’Echo Klassik Award.
L’opera di Dun mescola la tradizione cinese con quella occidentale, e la partitura consente alla chitarra della Isbin di spaziare dalle sonorità che evocano il suono della p’i-p’a (l’antico liuto cinese) a quelle del flamenco.
La seconda parte del concerto vede protagonisti Tang e la compagine sancarliana, con due pagine sinfoniche che richiamano in parte la tradizione popolare dei paesi dell’est europeo: l’ouverture da “Ruslan e Lyudmila” di Mikhail Glinka e la “Sinfonia n. 8 in sol maggiore op. 88” di Antonín Dvořák.
Tecnica raffinata, lirismo elegante ed estrema versatilità sono le caratteristiche del successo della Isbin, ribattezzata dalla critica “il Monet della chitarra classica”, autrice di oltre trenta incisioni discografiche che spaziano dal barocco al jazz-fusion insieme con virtuosi della classica e artisti del rock come Steve Vai, vincitrice di due Grammy, solista per 160 tra le orchestre più prestigiose al mondo, ed infine interprete per la quale sono stati scritti ben 9 concerti. Il concerto al San Carlo segna il suo ritorno in Campania dopo il recital per l’Associazione Scarlatti del 2001 e l’esibizione al Ravello Festival del 2007.
Debutto a Napoli, invece, per Muhai Tang, direttore principale dell’Orchestra da Camera di Zurigo, la cui carriera internazionale iniziò con l’invito da parte di Herbert von Karajan a dirigere i Berliner Philharmoniker. Principalmente impegnato nella lirica, il maestro di Shangai è stato il primo a dirigere in Cina un’opera di Wagner, “L’Olandese volante”.
Dal 1984 Tang è costantemente sul podio delle principali orchestre europee ed asiatiche. Ha collaborato con solisti di pregio, tra cui Pierre Fournier, Mstislav Rostropovich, Itzak Rampal e Martha Argerich.

Prossimo appuntamento al San Carlo con la Sinfonica 2011-12, lunedì 17 ottobre alle ore 20.30, con il recital del soprano Mariella Devia, accompagnata al pianoforte da Erica Ciccarelli in un programma dedicato a Maurice Ravel, Franz Liszt e Fryderyk Chopin.

Biglietti: a partire da 35 euro

Biglietteria del Teatro di San Carlo
Infoline: 081.7972331-412-468
email: biglietteria@teatrosancarlo.it

Ufficio Stampa Teatro di San Carlo
tel. 081.7972301-202
email: ufficiostampa@teatrosancarlo.it
sito web: www.teatrosancarlo.it

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

7 ottobre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica, musica sinfonica, Napoli, Teatro alla Scala | , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 9 e lunedì 10 ottobre riprende l’attività dell’Associazione Napolinova con il concerto dei partecipanti alla masterclass di violoncello

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Riprende l’attività di Napolinova, domenica 9 e lunedi’ 10 ottobre, sempre alle ore 18.00, alla Sala Chopin (Piazza Carità,6 – Napoli), con un viaggio nel repertorio del violoncello, uno degli strumenti più affascinanti del panorama musicale.
In occasione del master tenuto dal violoncellista romeno Ilie Ionescu, i partecipanti, talenti di diverse età, eseguiranno, accompagnati dal pianoforte, alcune delle pagine più belle e famose del repertorio violoncellistico.
In particolare si potranno ascoltare il concerto di Saint-Saëns, quello di Dvořák, le “Variazioni Rococò” di Ciaikovsky e tanti altri brani di grandissima bellezza.

Ingresso libero

Info: 347 8430019

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

5 ottobre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Musica da camera, Violoncellisti | , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: