MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Marco Sannini e il Jazz Ensemble del Conservatorio di S. Pietro a Majella presentano “Cartoons”, progetto sulle musiche dei cartoni animati

E’ indubbio che, per molto tempo, i compositori di musiche per film venivano considerati autori di serie B e visti con un certo disprezzo dai loro colleghi.
Ben presto il disprezzo si è tramutato in invidia, considerando che, con il decollo dell’industria cinematografica, i proventi ottenuti da una colonna sonora potevano ripagare di tanti inutili sforzi profusi in altri generi, per non parlare della notorietà ottenuta se la pellicola raggiungeva il successo, talora dovuto soprattutto a musiche ben indovinate.
Sicché vi sono grandissimi musicisti che hanno prestato il loro ingegno anche al cinema, con risultati di assoluto valore e, solo per fare qualche citazione, ricordiamo i nostri Rota e Morricone, giunti alla fama grazie alle loro colonne sonore, pur essendosi confrontati con i più svariati generi.
Se questa ghettizzazione riguardava gli accompagnamenti di pellicole “serie”, non osiamo neppure immaginare cosa si potesse pensare di chi si occupava di creare accompagnamenti per i “cartoni animati”.
A smentire questi ulteriori pregiudizi ci hanno pensato, a più riprese, i jazzisti che, partendo soprattutto dalle musiche dei film disneyani, hanno dato vita ad una serie di elaborazioni e arrangiamenti di grande efficacia e suggestione.
In tale contesto si inserisce anche “Cartoons”, presentato nel recente appuntamento, organizzato da “Progetto Sonora” nell’ambito della rassegna estiva “Napoli Città Viva”, che ha visto salire sul palcoscenico del cortile del Maschio Angioino, il trombettista Marco Sannini, alla testa del Jazz Ensemble del Conservatorio di S. Pietro a Majella, formato da Domenico Ambrosino (sax tenore), Eleonora Strino (chitarra), Renato Grieco (contrabbasso) e Andrea De Fazio (batteria), con Giulio Martino (sax soprano) nel ruolo di solista ospite.
Il concerto ha proposto motivi tratti dalle colonne sonore di alcuni film d’animazione, arrangiati per la maggior parte dal maestro Sannini.
L’apertura è stata dedicata al tema principale di Spider Man, che si deve alla coppia formata da Paul Francis Webster (parole) e Robert “Bob” Harris (musica).
A seguire Arabian Nights (da “Aladdin”), del pluripremiato Alan Menken (otto Premi Oscar e 19 nomination), autore anche di Be Our Guest (da “La Bella e la bestia”), eseguito al centro della serata.
Samuel “Sammy” Lerner, rumeno trapiantato in tenera età negli Usa, era invece l’autore del celeberrimo “I’m Popeye the Sailor Man”, la canzone che ancora oggi accompagna, a più di 70 anni di distanza, le gesta di Braccio di Ferro.
A proposito di questo autore, va ricordato che a lui si deve la versione inglese di “Ich bin von Kopf bis Fuss aus Liebe eingestellt”, portata al successo da Marlene Dietrich nei panni di Lola Lola ne “L’Angelo Azzurro”.
La panoramica relativa alla Disney comprendeva inoltre Someday my prince will come (da “Biancaneve e i sette nani”), nell’arrangiamento di Sammy Cahn e Sammy Fain, A.E.I.O.U. (da “Alice nel Paese delle Meraviglie”), del britannico Oliver George Wallace e When you wish upon a star (da “Pinocchio”), su testi di Ned Washington e musica di Leigh Carline.
La serata si chiudeva con il tema di “Scooby Doo”, uno dei più noti personaggi della premiata ditta Hanna & Barbera, scritto da Hoyt Curtin.
Per quanto riguarda gli interpreti, il gruppo si avvaleva, da un lato, della grande bravura ed esperienza di Marco Sannini e Giulio Martino e, dall’altro, metteva in evidenza un quartetto costituito da Domenico Ambrosino, Eleonora Strino, Renato Grieco e Andrea De Fazio, allievi della classe di Musica Jazz del maestro Sannino, probabilmente alla loro prima esperienza in pubblico.
Il risultato complessivo è stato di altissimo livello, e i quattro giovanissimi esecutori hanno interagito molto bene con i due “veterani”, fornendo un’ottima prova anche quando sono stati chiamati a passaggi di improvvisazione solistica.
In conclusione una serata che ha segnato l’esordio di un interessante progetto, destinato sicuramente ad ulteriori sviluppi ed approfondimenti.

Marco del Vaglio

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

3 agosto, 2011 Posted by | Conservatorio "S.Pietro a Majella", Jazz, Napoli | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Lunedì 1 agosto Marco Sannino e il Jazz Ensemble del Conservatorio di S. Pietro a Majella presentano “Cartoons” nell’ambito di “Napoli città viva”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

La performance del 1° agosto, che vedrà protagonista, alle ore 21.30, la musica jazz in una veste inedita, nella grandiosa e suggestiva cornice del cortile di Castel Nuovo, rientra a pieno titolo nel fitto calendario di appuntamenti artistici della kermesse estiva “Napoli Città Viva *Estate 2011 – L’energia della cultura”.
Una serata nata dall’intento di valorizzare e riconvertire beni architettonici, naturali e monumentali della città in palcoscenici ideali per esibizioni di musica, teatro, danza, cinema e cabaret.
Veri e propri eventi spettacolistici e di intrattenimento, come quello che il Jazz Ensemble del Conservatorio di S. Pietro a Majella, diretto dal M° Sannini, propone, in collaborazione con l’Associazione Culturale “PROGETTO SONORA”, per questo primo scampolo di agosto napoletano.
Il virtuosismo, la perizia e la capacità improvvisativa dei musicisti jazz si sposano, in questa particolare occasione, con l’ironia e la leggerezza di alcune canzoni tratte dai più famosi e amati cartoons.
Rivisitazioni originali e ad hoc di colonne sonore di lungometraggi della Walt Disney Pictures e di serie animate TV come “Scooby Doo” o “Spider Man” sono il fulcro di questo spettacolo, che adotta, nella rilettura del M° Marco Sannini, una sintassi sonora davvero fuori dagli schemi.
Una scelta sui generis per il jazz, dettata da ragioni artistiche e musicali radicate nel proposito didattico del maestro.
Canzoni canticchiate dai bambini, ma con un valore musicale profondo, sia per costruzione melodico-armonica che per arrangiamenti, pur nella semplicità e nell’indiscutibile immediatezza, scritte da compositori statunitensi come Alan Menken o Don Raye, che oltre a lavorare per il cinema hanno frequentato i teatri di Broadway.
D’altra parte, nella cultura jazz questa contaminazione con il musical e il cinema esiste da sempre.
I primi “standard”, ovvero i temi e i giri armonici che i jazzisti hanno cominciato a rielaborare, e su cui hanno iniziato a improvvisare, venivano da Tin Pan Alley, dai musical di Gershwin, di Berlin e di Cole Porter.
“Cartoons”, quindi, mira a restituire freschezza e immediatezza al jazz, approcciando al contempo un materiale familiare, noto ai più e perciò assai fruibile.
Un’esperienza interessante e divertente che pone l’ascoltatore nella condizione di lasciarsi stupire dalla forza inespressa di una musica che ha sempre conosciuto, e che forse non pensava potesse essere suonata anche così.

Costo del biglietto: 5 Euro

Ufficio Stampa “Progetto Sonora”:
Victoriano Papa
cell.: 333/2824262,
e-mail: victorianopapa@alice.it
sito web: www.progettosonora.it
_______________________________________________________________________________________

La Formazione:
Marco Sannini: Tromba e Direzione;
Domenico Ambrosino: Sax Tenore;
Eleonora Strino: Chitarra;
Renato Grieco: Basso;
Andrea De Fazio: Batteria;
Solista ospite: Giulio Martino al Sax Soprano.

Il Repertorio:
1) Spider Man (Opening Theme) – B. Harris (1967), Arr. S. Pace
2) Arabian Nights (Alladin) – A.Menken (1992), Arr. M. Sannini
3) Popeye (Main Theme) – S.Lerner (1933), Arr. M. Sannini
4) A.E.I.O.U. (Alice in Wonderland) – O.Wallace (1951), Arr. M. Sannini
5) Scooby Doo (Opening Theme) – Hanna/Barbera (1979), Arr. M. Sannini
6) Be Our Guest (Beauty&the Beast) – A.Menken (1991), Arr. M. Sannini
7) When you wish upon a star (Pinocchio) – N.Washington/L.Harline (1940)
8 ) Someday my prince will come (Snow White) – S. Cahn/S. Fain (1951).

Marco Sannini
Nato a Napoli il 30/10/59, compie studi accademici e al tempo stesso segue seminari e corsi privati di tromba con Renato Marini, Carmine Caruso, Roger Voisin, Clark Terry; di arrangiamento con Arif Mardin, Bob Freedman, Herb Pomeroy; di improvvisazione con Jerry Bergonzi, Mike Metheny.
Si diploma in Tromba; Jazz; Commercial Arranging.
Svolge dal 1987 un’intensa attività come solista, compositore e arrangiatore di jazz partecipando a varie produzioni discografiche e a numerosi festival, tra i quali Roccella Jonica, Imola, Pescara Jazz, Stratosphera (New York), Jazz Rallye (Bruxelles), La Batie (Ginevra), Brechtforum (New York), Rhino Jazz Festival (Lione).
Collabora, tra gli altri, con Jerry Bergonzi, Kenny Burrell, G. Tommaso, Maurizio Giammarco Enrico Rava, Gianluigi Trovesi, Javier Girotto, G. Mirabassi, Ricky Ford, Cristina Zavalloni, David Murray, J. L. Raissenfosse, Michael Brecker, John Surman, Louis Sclavis, Ernest Reisenger, Yves Robert, Michel Godard, Keith Tippet, Norma Winstone, Marc Ribot, David A. Gross, Seamus Blake.
Partecipa come solista di musica classica e contemporanea a manifestazioni quali il Festival Pontino, Galassia Gutenberg, Accademia Chigiana, Festival di Musica Contemporanea di Palermo, Nino Rota Festival di Fermo, suonando con musicisti internazionali del calibro di Walter Baccile, Enrico Renna, Eric Hull, Emery Cardas, Carlos Pontini.
Ha lavorato frequentemente con la Rai; in qualità di solista, compositore e arrangiatore, ha collaborato a numerose produzioni discografiche di vari generi musicali.
A lungo ha lavorato con Roberto de Simone come solista, compositore e orchestratore nelle seguenti produzioni: “Li Turchi Viaggiano”, “Da Dioniso ad Apollo”, “Festa da requiem”, “La Gatta Cenerentola”.
Ha prodotto vari cd di sue composizioni.
È autore di diversi progetti a suo nome: “Donna Regina” (con Norma Winstone), “Il Genio tra i Laceroni” (con Licia Maglietta), “Notte nella Rabata” (con Peppe Barra), “Poetango” (con Javier Girotto), “Yoruba” (con G. Mirabassi).
Insegna dal 2003 Composizione e Orchestrazione Jazz e Storia del Jazz al Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.
Dirige la Jazz Ensemble San Pietro a Majella, per la quale ha coordinato tre progetti: “Clear Weather” (sulla musica dei Weather Report), “Vich’e Street” (rielaborazione di classici napoletani), “Wonderland” (sulla musica di Stevie Wonder).
Dal 2007 è direttore artistico de “I Cortili del Jazz”, kermesse di jazz ospitata dal Museo di Capodimonte a Napoli.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 luglio, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Jazz, Napoli, Prima del concerto | , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: