MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Save the skin. Asta online di beneficenza al museo Madre. Fino al 10 giugno.

Spazio Arte di Claudia Campagnano


 

“Save the Skin” è l’iniziativa di beneficenza organizzata dall’Istituto Nazionale dei Tumori di Napoli “Fondazione G. Pascale ” e dal Museo Madre per la raccolta fondi in favore della Fondazione Melanoma.

45 artisti del panorama culturale napoletano e campano sono stati chiamati dalla direzione del Madre a partecipare all’iniziativa e tutti hanno risposto generosamente donando una loro opera. L’asta OnLine “Save the Skin” si propone come un’occasione d’incontro tra artisti e collezionisti nella speranza di poter contribuire allo sviluppo di un’importante istituzione medica napoletana attraverso la vendita di opere d’arte. I partecipanti all’asta avranno la possibilità di portare a casa una testimonianza della creatività contemporanea scegliendo tra dipinti, disegni, fotografie e sculture, e di aiutare allo stesso tempo la propria città.

Dal 10 maggio al 10 giugno 2012si potranno visionare le opere, registrarsi, fare un’offerta e, aggiudicandosi all’asta un’opera, effettuare la donazione alla Fondazione Melanoma, tutto online.

il sito è http://www.museomadre.it

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

31 Mag, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , , | Lascia un commento

Non vedi quello che credi di vedere

Spazio Arte di Claudia Campagnano


Comunicato Stampa

Non vedi quello che credi di vedere

Marc Breslin • Jota Castro • Santiago Cucullu • Luca Francesconi •

Marco Raparelli • Marinella Senatore • Eugenio Tibaldi • vedovamazzei

Galleria Umberto Di Marino – Napoli

17 maggio – 28 settembre 2012
La condizione di disagio sociale cui ha condotto l’attuale momento storico indica ormai la necessità di un punto di svolta, che non interessi più solo i processi economici e produttivi, ma investa drasticamente le premesse politiche ed il sistema dei valori della società occidentale. È opinione comune tra gli studiosi, a partire da Noam Chomsky, Zygmunt Bauman e molti altri, sebbene da prospettive differenti, che ci troviamo di fronte all’onda lunga della crisi dello stesso sistema capitalistico. Un fenomeno che affonda le sue origini nel secolo scorso e comincia ad aggravarsi a seguito degli sconvolgimenti politici negli anni ’80.

L’aver concentrato il potere nelle mani di ristrette oligarchie economiche ed autoreferenziali, infatti, si è rivelata a lungo andare una scelta controproducente. A partire dai movimenti di protesta spontanei, fino anche a certi discorsi politici ormai populisti, la democrazia partecipativa è sempre più invocata, in termini più o meno strumentali, per proporre modelli economici e sociali alternativi a quelli precostituiti.

Tuttavia, questa tensione non è affiancata da una parallela ricerca delle forme in cui sviluppare una corretta  partecipazione collettiva alla politica. Mai come in questi anni, infatti, grazie anche all’evoluzione tecnologica, è stata apparentemente data tanta libertà d’azione alle masse attraverso la rete globalizzata. Di contro, però, si è assistito progressivamente ad una continua mistificazione dei contenuti e ad un impoverimento intellettuale attraverso la manipolazione delle informazioni, laddove il ruolo predominante dei mass-media è andato di pari passo con la trascuratezza nelle politiche culturali.

La riflessione intorno a cui si articola la collettiva presso la Galleria Umberto Di Marino cerca dunque di considerare, in un mondo evidentemente distopico, alcuni possibili mezzi di rigenerazione sociale e soprattutto il contributo fondamentale dell’arte in questo senso. Non ignorando l’impossibilità di decretare il miglior mondo possibile per tutti, la mostra vuole tuttavia sottolineare il valore dell’utopia e del ragionare fuori dagli schemi prefissati come veicolo per il cambiamento.

Partendo da queste premesse l’invito è rivolto ad interrogarsi su quanto sia funzionale la costruzione o la decostruzione di un linguaggio o di un fenomeno nella formulazione di nuove ipotesi. Le pratiche artistiche selezionate, dunque, si trovano in relazione con questi quesiti attraverso lo slancio poetico, la carica ironica, la condivisione sociale, la riflessione sul valore del passato, i possibili contesti da cui attingere le risorse innovative.

Il titolo Non vedi quello che credi di vedere si riferisce ad un noto classico ante-litteram della letteratura distopica, Flatlandia (1882) di Edwin A. Abbott. Il protagonista (un quadrato proveniente da un mondo piatto iniziato al concetto di profondità da una sfera) pone in dubbio la conoscenza acquisita della realtà ed ipotizza l’esistenza di mondi a più dimensioni. A questo punto, però, chi lo aveva inizialmente messo nelle condizioni di progredire intellettualmente, lo invita subito a fermarsi per paura di perdere la propria condizione di vantaggio. Al contrario, ciò che chiamiamo crisi potrebbe essere inteso come occasione di rigenerazione degli equilibri sociali, guardando con una nuova attenzione il contesto in cui viviamo.
Nicoletta Daldanise

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

17 Mag, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , , , , , | Lascia un commento

Opus Reticulatum, fotografie di Malja Brando

Spazio Arte di Claudia Campagnano

 

 

Nell’ambito della rassegna di mostre Cum Finis – oltre i confini del sensibile, presso il Salotto Antichità Scippa, venerdì 11 maggio alle 18.30 si presenta la personale fotografica di Malja Brando, dal titolo Opus Reticulatum.

Napoli, le sue origini nell’antichità classica, il mito, la storia che si legge sulla magia ortogonale dell’impianto urbanistico della città e che riflette il modo di organizzare il muro degli antichi: la rete. Negli scatti della Brando una rete fatta di ombre, luci e riflessi, si sovrappone alle antiche pietre, evocatrici di origini. Il passato vissuto e il futuro sognato.

Questa prima personale dell’artista è dedicata all’opera reticolata, all’opus reticulatum, che è alle basi della forma della nostra città.

La Paparo edizioni seguirà l’evento pubblicando nella prossima uscita del trimestrale IoLeggo le foto di Malja Brando. Mentre l’inaugurazione della mostra sarà trasmessa in diretta dal canale online livestream del salotto: livestream.com/salottoscippa

 

Salotto Antichità Scippa
Via Vannella Gaetani 20
Inaugurazione 11 maggio 18.30
12 maggio – 6 giugno, lunedì – sabato 10.00 – 13.00 e 15.00 – 19.00

Malja Brando napoletana, da sempre amante della fotografia, è alla sua prima personale. I suoi lavori sono visibili sul sito www.photonapoli.it

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

9 Mag, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , | Lascia un commento

Fauna di Mary Cinque, Librarteria il Punto, fino al 30 aprile

Spazio Arte di Claudia Campagnano

Ancora pochi giorni per visitare la mostra Fauna di Mary Cinque. Chiuderà i battenti il 30 infatti l’esposizione di disegni che l’artista partenopea ha creato per la libreria il Punto, in occasione del Comic(on) off, la rassegna di fumetto che ad aprile precede il consuetudinario appuntamento con il Comicon.

Nel mese precedente l’ inaugurazione l’artista è stata protagonista di una performance silenziosa. Ospite della libreria è rimasta a scrutarne il pubblico producendo dei rapidi ritratti al tratto; traducendo quindi in immagini i gesti semplici della clientela, chi sfoglia un libro, chi una rivista, chi chiede informazioni.

Veloce nell’esecuzione dei suoi disegni Mary Cinque riesce egualmente a caratterizzare i soggetti, attraverso piccoli dettagli che ne delineano la personalità. Particolari dei quali non sempre l’artista si accorge all’istante ma che quasi spontanei emergono con forza.

I disegni sono eseguiti su fogli di riviste, incrociando il lavoro artistico della fumettista con quello grafico del giornale e con le parole degli autori, proiettandoci così in mondo surreale fatto di parole e piccoli gesti.

Di volta in volta poi sul sito della libreria sono apparsi frammenti di questi disegni insieme al libro sfogliato o comprato dalla persona ritratta, come lettura consigliata del giorno.

Claudia Campagnano

Librarteria il Punto
via Diodato Lioy 11, Napoli
fino al 30 aprile
lunedì – venerdì 10-19
sabato 10-14
www.librarteria.org

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

26 aprile, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , , | Lascia un commento

Cum Finis oltre i confini del sensibile, fino al 25 aprile

Spazio Arte di Claudia Campagnano


Inaugura domani (venerdì 30) alle 18 la mostra Cum Finis, oltre i confini del sensibile. La location è quella del Salotto Antichità Scippa, piccolo spazio antiquario prestato all’arte contemporanea, dove il propietario di frequente  organizza incontri, mostre e letture. Quella di domani è una collettiva di tredici fotografi che aprono una rassegna che poi si snoderà per tutto l’anno, alternando di mese in mese ciascun artista con una mostra personale.

Il tema su cui sono stati chiamati a confrontarsi è Napoli vista da una zona di confine, un luogo sì fisico ma sopratutto mentale. La Napoli del Vesuvio e del luogo comune, ma anche quella della bellezza nascosta capace ancora di sorprendere. Antonio Coppola, Malja Brando, Massimo Buonaiuto, Luca Canzanella, Angelo Casteltrione, Francesco Saverio Fienga, Giusi Iescone, Antonio Manno, Alberto Mazzarino, Grazia Rossi, Roberto Russo, Francesca Sciarra e Simonetta Volpe,  ognuno con il suo stile ed il suo sguardo ci accompagnerà alla scoperta di una Napoli attraverso visioni personali, scorci nuovi o comuni ma mai banali, analizzando la propria idea di confine.

Durante la serata inaugurale sarà distribuito il numero zero della nuova rivista culturale “Io leggo”, con all’interno uno speciale dedicato alla mostra. Un nuovo e bel progetto editoriale della Paparo edizioni che punta sull’interdisciplinarietà, trattando di filosofia, arte, architettura, storia, letteratura e costume.

Salotto Antichità Scippa
via Vannella Gaetani 20
Lunedì – Sabato 10.00 – 13.30 e 15.00 – 19.30

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 marzo, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Fotografia, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Ombre e fuochi. Angelo Baccanico all’Holiday Inn Napoli

Spazio Arte di Claudia Campagnano


Angelo Baccanico con “Ombre e Fuochi”
all’Holiday Inn Naples,
a cura di Maurizio Vitiello.
 
Nell’accogliente spazio dell’Holiday Inn Naples, Via D. Aulisio – Centro Direzionale is. E6 Napoli, sabato 24 marzo 2012, alle ore 18.30, sarà inaugurata la mostra, curata dl critico d’arte Maurizio Vitiello,  intitolata “Ombre e Fuochi”,  con opere dell’artista Angelo Baccanico. Vengono proposte pitture di un’espressività in cui si rincorrono motivi certi di un’inquietudine contemporanea.  Alle ore 19.00 interventi di Pino Cotarelli, Nando Romeo, Antonino Scialdone e Carlo Spina, moderati da Maurizio Vitiello. Sino a giovedì 31 maggio 2012.
Breve bioscheda
Angelo Baccanico è nato a Boscoreale (Napoli) il 16 settembre 1940, vive e opera a Napoli al Centro Direzionale. Ha seguito gli studi a Napoli e ha insegnato materie artistiche. Ha partecipato a rassegne e a collettive, ha realizzato varie personali in tutt’Italia e all’estero. Alcune delle sue opere sono in collezioni private italiane ed estere. Hanno scritto e/o commentato: Monzurro, Piero Girace, Guido Della Martora, Genny Bruzzano, Guido Pavese, Bruno De Stefano, Franco Lista, Pino Cotarelli, Nando Romeo, Maurizio Vitiello e altri.
 
Scheda della mostra “Ombre e Fuochi”, a cura di Maurizio Vitiello
Le ombre che sottili animano il campo visivo e i fuochi che occupano spinti chiasmi risultano, essenzialmente, macchie guizzanti e respiri palpitanti, tra incroci simbolisti, contaminazioni immaginative, ibridazioni vincolanti; insomma, nella pittura onesta di Angelo Baccanico si rincorrono motivi certi di un’inquietudine.
Il forte talento intellettuale di protagonisti della vita culturale italiana porta sempre verità chiare e trasparenti e la pittura di Angelo Baccanico è diretta, senza mediazioni; talvolta, appare multifocale, poiché si vedono, in differenziati piani-sequenza, frames consecutivi di teorie descrittive parallele.
Esistono e si rincorrono ombre in fuga, quasi smaterializzazioni di silhouettes, accennate con tagli rapidi di occhi e di sguardi in un paesaggio, per metà mitico e per metà gioiosamente epico, su cui vola una mano divina a difendere il terreno, i territorio, il bene comune e una sorgente di fuoco attende lontano il suo momento per poter far sentire la sua voce confusa tra vomitanti ruggiti e bagliori accecanti, se mai dovesse un giorno risvegliarsi il vulcano; il Vesuvio, che si staglia tra griglie, per il momento, raccoglie e respira solo febbricitanti, sottili ritmi e tacite frenesie.
Angelo Baccanico assicura soggetti che hanno voglia di conquistare lo spazio, anzi tentano di sedurlo, di coprirlo, di invaderlo e questa costante si ritrova nella dinamica, dichiarata ed estrema, di incursioni figurative, ma anche gli approcci, sempre paralleli, di carattere e tono informale testimoniano, in contrasto, penetranti ed effusive micro/macro-tessiture.
Angelo Baccanico imposta la redazione delle sue opere con variegati impasti cromatici, talvolta accesi, anche per favorire l’assunzione icastica della scena e controbilanciare la segnica presenza dei protagonisti che l’animano.
Il nostro vivere, con tutte le problematiche quotidiane e le opacità di bilancio, può essere controllato ed esaminato grazie ad una profonda presa di coscienza, corroborata anche dal vaglio di ciò che si sedimenta o che s’intende sedimentare.
Il “focus” dell’azione pittorica di Angelo Baccanico, che prende spunto da vene intimistiche e da riflessioni, cala, poi, il suo interesse sulla rappresentazione di alterne vicende umane; in fondo, l’artista ha sempre cercato di estroflettere immagini forti, in cui frammenti e cromie potessero partecipare e fissare visioni d’insieme consistenti.
Si riesce, così, a captare la volontà dell’artista di significare con tratti, determinati da gesti precisi, un controllato ventaglio di motivi e di conformazioni visive.
L’artista assegna a una personalissima scala di colori, regolata da reticoli di segmenti, che vibrano tra torsioni dinamiche, pensieri alti e ci riassumono l’uomo che riattraversando i miti oltrepassa la storia.
Il suo itinerario pittorico, sostanziato da suggestioni e visioni simboliste, nelle quali si percepiscono accadimenti possibili o prossimi futuri tracciati da figure semioniriche, da ombre danzanti e da presenze variegate, raccoglie e assembla, seguendo palpitanti visioni, un esercizio cadenzato di tocchi e di determinazioni di sostegno; così, l’artista con redazioni pittoriche caricate assume una posizione propria, agganciata, comunque, a solchi di ambiti simbolici.
La pittura di Angelo Baccanico snoda sequenze e inquadrature di un universo raccolto da risposte di uno specchio intimo, che guarda anche al mondo, alla nostra terra toccata dalla mani dell’uomo, al nostro territorio sfregiato, al nostro orizzonte futuro.
Le fratte stesure, premiate da rossi infuocati o da blu notte, aprono nuove frontiere di un percorso sensibile.
Angelo Baccanico cura l’assoluto divenire con coniugazioni cromatiche acconce e sagoma e rifila campi leggendari dell’origine per meglio intendere i profili del futuro.

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

22 marzo, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , | Lascia un commento

Percorsi di Fotografia

Spazio Arte di Claudia Campagnano

Inizia da domenica 26 alle 11 e proseguirà fino a domenica 6 maggio il nuovo ciclo di incontri sulla fotografia a Villa Pignatelli Casa della Fotografia (riviera di Chiaia 200 – Napoli). Ideato e curato da Federica Cerami questo nuovo progetto prende il nome di “Percorsi di Fotografia” e si pone l’obiettivo di mettere in risalto un patrimonio poco noto, quello fotografico. Da sempre considerata arte minore la fotografia vede oggi a Napoli una sorta di rinnovato interesse, grazie anche all’impegno e alla costituzione della casa della fotografia. Aperta nel dicembre 2010 dalla Soprintendenza per il polo museale di Napoli e gli incontri Internazionali d’arte, come osservatorio sulla fotografia che intende favorire il confronto e il dibattito su una disciplina artistica  che riscuote un riconoscimento sempre più ampio.

Villa Pignatelli

Diviso in sei appuntamenti il programma vede avvicendarsi proiezioni di filmati sulla fotografia tratti dalla rassegna Artecinema, e artisti di fama internazionale che racconteranno a studenti ed appassionati la loro esperienza.

Il primo appuntamento è con il fotografo napoletano Oreste Pipolo, fotografo della sua città ma noto soprattutto per la fotografia di matrimonio, un genere poco apprezzato che lui è riuscito a tramutare in arte.

Si proseguirà il 4 marzo con Antonio Biasiucci, interessato alla fotografia antropologica ed al mondo contadino napoletano.

Biasiucci

L’11 marzo sarà la volta del documentario di Paolo Iannuzzi su Ferdinando Scianna, “Quelli di Bagheria”, fotografo siciliano che nei suoi scatti ha documentato la sua terra.

Il 18 marzo invece Mimmo Jodice metterà la sua esperienza al servizio dei giovani, leggendo i portfoli dei giovani aspiranti fotografi napoletani.

L’incontro con Raffaela Mariniello, la cui mostra Souvenirs d’Italie ospitata in queste stesse sale si è da poco conclusa, è previsto il 25 marzo. La chiusura è affidata il 1 aprile al documentario del 2011 su Massimo Vitali, di Giampiero D’Angeli.

Mimmo Jodice

La manifestazione si concluderà nei giorni di 15 – 22 – 29 aprile e 6 maggio con i laboratori fotografici per ragazzi dagli 8 ai 14 anni. I laboratori curati da Federica Cerami e Maurizio Esposito, sono gratuiti e vedranno i ragazzi impegnati nell’apprendimento della fotografia e del suo linguaggio. Gli incontri sono gratuiti, per i laboratori è obbligatoria la prenotazione.

081 7612356 – www.polomusealenapoli.beniculturali.it

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

24 febbraio, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Fotografia, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Marc Breslin, Galleria Umberto Di Marino, fino al 4 maggio

Spazio Arte di Claudia Campagnano

Comunicato Stampa

Marc Breslin

La Galleria Umberto Di Marino è lieta di presentare, giovedì 23 febbraio 2012, la prima personale in Italia di Marc Breslin dal titolo piano piano.

Lo scopo principale della ricerca dell’artista è di condurre un’indagine a tutto campo sulle modalità espressive contemporanee, mettendone in discussione le premesse stratificatesi nel tempo attraverso la storia dell’arte e lasciando entrare nel dibattito variabili imprevedibili e riferibili piuttosto alle condizioni materiali coinvolte nel processo creativo. Metodologie tradizionali vengono forzate per aprire la riflessione ad una ricerca più intimista e ad un allargamento delle prospettive attraverso la contaminazione tra diversi media, come accade per le griglie moderniste dei monocromi. Dalla pittura, al video, alla fotografia, alla poesia, al suono, i progetti di Marc Breslin tendono a creare sottili legami tra le parti, che tuttavia persistono, ricomponendo in una forte coerenza dialogica l’idea di un’opera totale.

In occasione dell’esposizione presso la Galleria Umberto Di Marino, piano piano indica uno slittamento del ritmo abituale, è un invito alla lentezza e all’ascolto. Al di là del riferimento strumentale, infatti, si tratta di una locuzione frequentemente usata anche in campo musicale ed in questo caso adoperata per alludere all’orchestrazione delle variabili messe in gioco durante la preparazione di una mostra. Lo scarto tra ciò che viene programmato e ciò che invece prende forma assume l’importanza cruciale. In questo modo il processo offre un’osservazione dei suoi sviluppi, non solo scegliendo un punto di vista a priori, ma anche sperimentandone via via direttamente i risultati.

Le tele che accolgono il visitatore, insieme alla superficie sospesa tra soffitto e pavimento nelle stanze successive, creano pause percettive all’interno di una “dimensione stereofonica” della pittura, come lo stesso Marc Breslin sottolinea. L’intero volume della galleria diventa, quindi, un elemento con cui giocare… piano piano. La sua estetica si costruisce senza una rigida linearità, ma assorbendo tutto il contesto in cui viene prodotta, ampliando di una nota del tutto originale il concetto di site-specific.

Sede espositiva: Galleria Umberto Di Marino – Via Alabardieri 1, 80121, Napoli

Inaugurazione: giovedì 23 febbraio 2012 – ore 19:00 – 22:00

Durata: 23 febbraio – 4 maggio 2012

Orario: lunedì – sabato ore 15:00 / 20:00 – mattina su appuntamento

Per informazioni al pubblico: Tel. +39 081 0609318  Fax +39 081 2142623

Sito web: http://www.galleriaumbertodimarino.com

  

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

15 febbraio, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | | Lascia un commento

Sulle tracce di Champollion, Mostra Egittologia, Museo Archeologico Nazionale

Spazio Arte di Claudia Campagnano

Comunicato stampa

MOSTRA  EGITTOLOGICA

 Sulle tracce di Champollion

10 Febbraio ore 17 Museo Archeologico Nazionale Napoli

Archeologia, sguardi ed esperienze nella Valle del Nilo

L’esperienza scientifica di J.F.Champollion e dei suoi collaboratori nel 1828-1829 nella Valle del Nilo  segnò l’avvio ufficiale dell’Egittologia quale scienza storica.  Mediante un accurato e scrupoloso lavoro di documentazione, basato su di una meticolosa organizzazione ed un sinergico utilizzo delle risorse, la spedizione franco-toscana poté porre le basi della moderna metodologia di indagine sulle antichità egizie.

La documentazione in nostro possesso sul viaggio, fatta di aneddoti, di appunti, di descrizioni e di annotazioni  “da  taccuino”, ha anche il pregio di rivelare le emozioni e soprattutto le  quotidiane sofferenze di questi “egittologi” in un territorio ostile e in condizioni lavorative insostenibili per consegnare all’umanità un patrimonio culturale inestimabile.

La mostra si propone dunque di tracciare un percorso conoscitivo delle diverse fasi dell’esperienza di Champollion nella Valle del Nilo per coglierne l’essenza scientifica e innescare riflessioni sui metodi della ricerca archeologica del tempo, per poi gettare uno sguardo sulla realtà, sui ritmi e sugli orizzonti d’indagine della moderna Egittologia.

In questo significativo contesto di scoperte e di apporti per gli sviluppi dell’Egittologia, Napoli fu uno dei più fecondi centri di irradiamento dell’interesse per le antichità egizie. Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, infatti,   custodisce importanti collezioni egizie, le cui principali del Cardinale Stefano Borgia e di Giuseppe Picchianti riflettono quel fervente “collezionismo” capace di meravigliare e coinvolgere osservatori e appassionati del tempo.

Se dunque a Champollion e ai suoi successori si deve la nascita e gli sviluppi della scienza egittologica, a quei cultori come Picchianti e Borgia va riconosciuto il merito di aver valorizzato e tesaurizzato quanto acquisito nella Valle del Nilo contribuendo alla conoscenza della civiltà egizia.

La mostra si articola in una serie di sezioni dedicate alle diverse fasi della nascita dell’Egittologia e dell’esperienza di Champollion che comprende cruciali eventi come la spedizione napoleonica e la pubblicazione de La Déscription de l’Égypte (Sezione I), la decifrazione dei geroglifici e le scoperte degli inizi dell’800 (Sezione II), la spedizione franco-toscana (Sezione III) e l’eredità di Champollion e i moderni metodi della ricerca egittologica (Sezione IV). Completa il quadro espositivo una sezione dedicata alle collezioni egizie del museo e alle figure di Borgia e di Picchianti quale insigne espressione della passione egittologica a Napoli nei secoli XVIII-XIX.

La mostra, alla quale il Comune di Napoli ha assicurato il patrocinio morale, è organizzata dalla Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Napoli e Pompei, dal Centro Studi di Egittologia e Civiltà Copta “J.F.Champollion” e dall’Accademia Egizia con la collaborazione del Museo Egizio di Firenze.

Il volumetto esplicativo della mostra è edito da Ananke.

Per tutto il periodo della mostra sono previsti visite e laboratori didattici curati dalla Società Pierreci Codess (prenotazioni: tel. 848800288)

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

7 febbraio, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , | Lascia un commento

Quando l’arte contemporanea è per tutti.

Spazio Arte di Claudia Campagnano

L’arte contemporanea è sicuramente quella considerata come più inaccessibile da parte del grande pubblico, pur se appassionato d’arte in generale. È indubbio che una buona base di conoscenza porti alla comprensione e all’apprezzamento non solo estetico dell’opera. E’ per queste persone che sono nati i corsi di avvicinamento all’arte contemporanea. Un modo per gli adulti di assecondare la propria passione divertendosi e condividendo le proprie sensazioni, emozioni e conoscenze con i colleghi.

Bianco-Valente visibile invisibile, 2008, Partial view of the exhibition at GAM Gallarate (Slow Brain). -ph. M. Guariglia and M. Broggin

L’iniziativa è di Diana Gianquitto, storica dell’arte, curatrice di mostre e critica per alcune delle testate più note del mondo dell’arte contemporanea. Diana accompagna per mano i suoi allievi nel mondo dei quadri astratti, delle istallazioni, e di sculture dall’aspetto insolito, aiutandoli a comprendere cosa si cela dietro queste strane forme. Ai metodi tradizionali di apprendimento Diana associa le metodologie di ascolto ed empatia apprese con un corso di Animatore Relazionale, nell’ottica di un ascolto  empatico dell’arte.

Diana Gianquitto - foto di Giuliana Calomino

I suoi corsi sono di diverse tipologie, si va da quelli per principianti a quelli di approfondimento per chi già non può più fare a meno dell’arte contemporanea.
Le lezioni sul campo sono sempre presenti, con visite nei luoghi d’arte napoletani, musei, gallerie private e installazioni in luoghi pubblici. Gli alunni poi sono invitati a entrare in contatto con le metodologie artistiche diventando artisti essi stessi, sviluppando le proprie capacità creative, tutte capacità che portano ad una comprensione più profonda del lavoro dell’artista.

I corsi si tengono tutto l’anno in diverse associazioni culturali, è possibile contattare Diana per iscriversi ai corsi o attivarne uno nella propria associazione. (dianagianquitto@alice.it)

 

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

  Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

18 dicembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Campania, Claudia Campagnano, Giornalisti, Napoli, Spazio arte, Uncategorized | , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: