MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Dal 10 aprile al 6 maggio in scena al Teatro Bellini L’ULTIMO DECAMERONE di Stefano Massini dall’opera di Giovanni Boccaccio

L'Ultimo DecameroneMartedì 10 aprile (ore 21.00; repliche sino a domenica 6 maggio) al Teatro Bellini di Napoli debutta, in prima assoluta, una nuova produzione nata dalla collaborazione tra la Fondazione Teatro di San Carlo e la Fondazione Teatro di Napoli-Teatro Bellini:

L’ultimo Decamerone
di Stefano Massini dall’opera di Giovanni Boccaccio

regia Gabriele Russo

coreografia Edmondo Tucci

musiche Nello Mallardo

coproduzione

Fondazione Teatro di San Carlo, Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

 

Interpreti

Angela De Matteo, Maria Laila Fernandez, Crescenza Guarnieri, Antonella Romano, Paola Sambo, Camilla Semino Favro, Chiara Stoppa

Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo

regia Gabriele Russo

coreografia originale Edmondo Tucci
eseguita dal Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo

musiche originali Nello Mallardo
arrangiamenti Ivano Leva

scene Roberto Crea
costumi Giusi Giustino
luci Fiammetta Baldiserri

foto di scena Mario Spada

Si comunica che lo spettacolo dedicato ai giornalisti è quello di venerdì 13 aprile alle ore 21,00

L’ultimo Decamerone questo il titolo dello spettacolo, puro esempio di teatro-danza, creato su testi di Stefano Massini che ha tratto il suo lavoro dal Decamerone di Giovanni Boccaccio e sulle coreografie originali di Edmondo Tucci. La regia è a firma di Gabriele Russo. Originali anche le musiche ad opera di Nello Mallardo (arrangiamenti di Ivano Leva).

Interpreti Angela De Matteo, Maria Laila Fernandez, Crescenza Guarnieri, Antonella Romano, Paola Sambo, Camilla Semino Favro, Chiara Stoppa e il Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo diretto da Giuseppe Picone. Le scene sono di Roberto Crea, i costumi di Giusi Giustino, le luci di Fiammetta Baldiserri, le foto di Mario Spada

L'Ultimo Decamerone

Stefano Massini, uno degli autori teatrali più eclettici, prolifici e rappresentati in Italia, con L’ultimo Decamerone propone un riscrittura originale del Decameron. Toscano di nascita, Massini ha trovato nella lingua di Boccaccio terreno fertile per realizzare una rilettura completamente nuova, che si differenzia dalle tante rappresentazioni che l’hanno preceduta in primo luogo per la scelta di non affrontare solo alcune fra le cento novelle dell’opera, ma di contenerle tutte. Nelle mani di Massini, le 10 novelle narrate dai 10 protagonisti del Decameron diventano una sola novella: così, tradendo del tutto il testo originale, gli è rimasto più che mai fedele.

“A me premeva soprattutto indagare il formidabile valore di riflessione di Boccaccio, – sostiene Massini – antica e modernissima, sull’urgenza del narrare, sul ruolo del narrare e sui meccanismi del narrare. Oggi viviamo in una società che è continuamente bombardata di storie, pensiamo, per esempio, quanto il web e i social network entrino continuamente nella nostra vita, con un intrecciarsi di narrazioni multiple, narrazioni istantanee come le fotografie o narrazioni per immagini come i video. E noi, immersi in questo grande mare di storie superflue, molto spesso perdiamo il senso della narrazione. Il Decamerone, viceversa, parte proprio da questo punto: la salvezza, dentro una crisi, sta sempre nel racconto”.

L'Ultimo Decamerone

«Con Massini, fin dal nostro primo incontro – racconta il regista Gabriele Russo – siamo stati subito d’accordo nel non proporre una lettura in chiave filologica dell’opera, che oggi sarebbe risultata anacronistica o già vista e rivista, piuttosto ci siamo interrogati sul perchè all’epoca Boccaccio scrisse il Decameron e quali ragioni di allora possano essere ancora oggi valide. Perchè qualcuno dovrebbe chiudersi in un casolare di campagna e mettersi a raccontare favole? Da cosa fugge? All’epoca, dalla peste. E oggi? Vedremo».

 

Dal punto di vista progettuale è la prima volta in Italia che una Fondazione Lirica e un Teatro di Prosa condividano un impegno produttivo di tale entità, unico anche nella sua concezione: «Questa è un’occasione – prosegue Gabriele Russo – nata dalla nostra ormai persistente voglia di mettere insieme, sparigliare le carte, creare collaborazioni, ampliare gli orizzonti; una voglia che consideriamo la chiave di volta per creare qualcosa di nuovo, di bello. Abbiamo trovato nella direzione del Teatro di San Carlo disponibilità, apertura e curiosità, e, insieme, ci siamo augurati di dischiudere, con questo esperimento, nuovi scenari e nuove possibilità; di inaugurare, insomma, un nuovo meccanismo che potrebbe essere terreno fertile per l’intero sistema, e, soprattutto, che può diventare un’occasione per il pubblico di vedere in scena spettacoli importanti, che senza la volontà di collaborazione e il coraggio di innovare, sarebbero impossibili da realizzare».

*****************************************

Seguici su:
if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275
MusicArTeatro

if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275


MusicArTeatro Eventi a Napoli


@Music_Ar_Teatro

 

Annunci

5 aprile, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Italia, Letteratura, Musica, Musica e Teatro, Napoli, Registi, Teatro, Teatro Bellini, Teatro San Carlo, W il Teatro! | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

A Palazzo Venezia replica a grande richiesta dello spettacolo “Scartafazio” di e con Emilio Massa

12734036_10207105609231596_6407610776140705104_n

Scartafazio di e con Emilio Massa
venerdì 4 marzo alle ore 21.00
casina pompeiana di Palazzo Venezia, via Benedetto Croce 19, Napoli

A grande richiesta andrà in scena in replica negli splendidi interni di Palazzo Venezia Napoli ”Scartafazio”, uno spettacolo interpretato e diretto da Emilio Massa, apprezzatissimo talento del panorama istrionico partenopeo.

SCARTAFAZIO
(ZIBALBONE)

“Pescare nei documenti, nelle testimonianze, tra i ricordi, alla rinfusa, come nel baule lasciato in soffitta o in cantina…chi non ha mai messo da parte qualcosa con la consapevolezza che prima o poi l’avrebbe utilizzata.
Ho sempre vissuto così le letture, le canzoni, le grandi e piccole opere che hanno avuto significato nella mia vita.
Ho fatto un passaggio di memoria e sono andato a riprendermi tutte quelle cose che tanti anni fa non ho avuto il coraggio di proporre. Comune denominatore il desiderio di raccontare, di recitare e regalare emozioni cosi come noi stessi le abbiamo provate e vissute”. 
Con queste parole il regista e ideatore dello spettacolo, Emilio Massa, vuole descrivere la sua ultima fatica. Un insieme dunque di suggestioni e contenuti che hanno voluto significare qualcosa nella sua vita che corrispondono ad un insieme di emozioni da trasmettere al pubblico.
Si rinnova dunque l’appuntamento con l’arte istrionica a Palazzo Venezia, non è nuova infatti la collaborazione con l’artista che più volte ha calcato con successo il palco della casina pompeiana.
Spettacolo ideato e diretto da Emilio Massa.
Emilio Massa: voce.
Esposito Daniela: fisarmonica, pianoforte, voce, cajon.
Esposito Sergio: chitarra, voce.
Informazioni: 0815528739.

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 febbraio, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Cantanti, Canto, Italia, Musica, Musica e Teatro, Napoli, Palazzo Venezia, Regioni, Teatro, W il Teatro! | , , , , , , , | Lascia un commento

ORGIA di P. P. Pasolini dal 16 al 18 maggio in scena alla Galleria Toledo di Napoli

rawGALLERIA TOLEDO teatro stabile d’innovazione

16, 17, 18 maggio 2015
Teatro Scientifico di Verona/ Estate Teatrale Veronese
ORGIA
di Pier Paolo Pasolini
diretto e interpretato da Isabella Caserta e Francesco Laruffa


Tra gli appuntamenti di maggio di Galleria Toledo, da non perdere è Orgia, proposto nell’allestimento del Teatro Scientifico di Verona, per la regia e interpretazione di Isabella Caserta e Francesco Laruffa dal testo di Pier Paolo Pasolini, del quale il prossimo novembre cadrà l’anniversario della morte,
Orgia va in scena nel 1968 al Deposito d’Arte di Torino, accolto con ostilità dalla critica del tempo, ed è la prima opera teatrale scritta e diretta da Pasolini, che sceglie come interpreti Laura Betti e Luigi Mezzanotte. Un testo duro e critico, che scava provocatoriamente e in profondità nella carne del mal di vivere della società borghese di allora, ma che si rivela, a quasi cinquant’anni dal suo primo debutto, sempre verosimile e di grande attualità, ancora oggi specchio della crisi della società, come si osserva nella violenza di genere delle cronaca nera, che colloca negli scenari domestici i luoghi di peggiore e disumana efferatezza. Un tragedia, cruda fino alla ferocia, angosciante, sulla dimensione intrinseca del dolore e sulla realtà mistificata del gioco dei rapporti interpersonali, che continua a proporre interrogativi sulla decadenza e sulla vera natura dell’essere umano all’interno delle convenzioni sociali.

_MG_0104” Orgia è il primo dramma teatrale di Pasolini, da Pasolini stesso allestito nel 1968.
Due coniugi piccolo borghesi, nel tepore di una desolata pasqua padana, nell’interno della loro camera matrimoniale, si lanciano addosso, in una sorta di sacrificio rituale, parole, ricordi, passioni laceranti che li porteranno inesorabilmente alla sconfitta.
Orgia è probabilmente la tragedia più emozionante di Pasolini, che lo definì “il dramma per la disperata lotta di chi è diverso contro la normalità che respinge ai margini”.
Il testo, forte, intenso e altamente poetico, presenta un itinerario nelle “pulsioni oscure e violente” che agiscono dal profondo dentro di noi, fra noi e intorno a noi: nell’individuo, nella coppia, nella società.
Quello che lo spettacolo propone è un viaggio nei meandri della mente e tra le pieghe nascoste dell’animo umano, nella psiche lacerata dell’individuo, oltre le apparenze di una normale coppia borghese, quello che avviene nei chiusi confini della stanza (della mente?), dentro l’oscuro abisso della coppia, oltre quello che appare dall’esterno.
I personaggi sono complici di un gioco perverso vittima /carnefice.
Lo spettatore è posto in media re, è voyeur di una violenza privata che avviene all’interno della camera da letto dei coniugi dominata da un letto/campo di battaglia/prato pasoliniano/altare sacrificale.”

E’ consigliata la visione ad un pubblico adulto

indirizzo
teatro Galleria Toledo
Concezione a Montecalvario, 34
80134 Napoli

M
linea 1 / stazione Toledo
uscita Montecalvario

orario spettacoli
sabato e lunedì ore 20.30
domenica ore 18.00

biglietti
intero 15 euro
ridotto 10 euro

contatti
t.+39 081425037
galleria.toledo@iol.it
http://www.galleriatoledo.org
facebook.com / Galleria Toledo – Materiali Contemporanei

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

14 maggio, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Attori e attrici, Napoli, Registi, Teatri, Teatro, Teatro Galleria Toledo, W il Teatro! | , , , , , , | Lascia un commento

22 marzo 2015, NON CI RESTA CHE VIVERE con Leda Conti a “Il Salottino” – Napoli

Domenica, 22 marzo 2015 ore 18,00

“Marzo è DONNA”
8-29 marzo 2015

“Il Salottino” – Associazione Le ali del silenzio
Via IV novembre, 54 – Napoli

presenta

NON CI RESTA CHE VIVERE con Leda Conti

 

Il Salottino copiaIl Salottino – Associazione Le ali del silenzio Via IV novembre, 54 – Napoli
Come raggiungerci:

il-salottino-mappa-googlePrenotazione obbligatoria telefonando al : 3406654282

10994346_435367423278455_757388409450224805_nCon Leda Conti in “Non ci resta che vivere”. Mitiche/terrene, forti/deboli, allegre/tristi, eroiche/vittime, pazienti/irruenti…potrebbe continuare all’infinito la lista di coppie di aggettivi per definire l’ essere donna.
Come infinite sono le gradazioni della sostanza femminile.
Secoli di letteratura di ogni angolo del mondo hanno descritto la donna nell’intimo e nella società.
Questo caleidoscopio di ritratti si propone ancora una volta la rappresentazione del femminile, ma scegliendo il punto di vista delle donne, che con vibrante auto-ironia sanno talvolta essere più crudeli degli uomini, amici/nemici a tratti odiati, più spesso amati, malgrado le differenze e le difficoltà.
Perché la comprensione – reciproca – è davvero un obiettivo arduo da raggiungere.
E allora, cominciamo da noi stesse, impariamo a ridere di noi, a commuoverci per noi, a reinventarci. Proviamoci. Nella diversità è la nostra vera ricchezza.
Nostre compagne saranno le parole scritte da alcune tra le più brillanti attrici-autrici dei nostri giorni, dalle statunitensi Eve Ensler e Gloria Calderón-Kellett, alle italiane Franca Rame e Lella Costa.
Un breve viaggio, ci auguriamo, in cui la strada e la meta possano coincidere.
Donne. Sostantivo femminile plurale.

Non perdete questo semiserio ironico caleidoscopio di ritratti femminili.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA TELEFONANDO AL 3406654282

Prossimo spettacolo della Rassegna 29-3-2015 ore 18,00 “DUETS Storie di donne nella musica e nell’arte” di e con Susanna Canessa e Monica Doglione

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

19 marzo, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Attori e attrici, Campania, Cultura, Il Salottino - Associazione Le ali del silenzio, Napoli, Rassegne, Regioni, Teatro, W il Teatro! | , | Lascia un commento

Successo al Teatro Il Primo per la riduzione teatrale del romanzo di Rosalia Catapano

imageLo scorso sabato 28 febbraio è andata in scena a Napoli la seconda recita di “Tutto andrà nel migliore dei modi”, riduzione teatrale dell’omonimo romanzo di Rosalia Catapano edito da “Homo Scrivens” al Teatro “Il Primo”. Secondo appuntamento della Rassegna “Tra teatro e Letteratura: Quando un libro…va in scena” (prossimo appuntamento il 15 e 16 maggio con “Sirena” dal romanzo di Aurelio Raiola) a cura dell’ Associazione Culturale  “Parole Alate” diretta dall’attore e regista Paquito Catanzaro. Un’operazione non facile per le complicate vicende che si alternano nel romanzo ma che ha soddisfatto sicuramente le aspettative in primis dell’autrice e naturalmente del pubblico che ha apprezzato la realizzazione teatrale meritando i lunghi applausi finali. Di effetto l’idea registica: una produzione cinematografica per la realizzazione di un film tratto dal romanzo della Catapano: ambientato in una sala  dove si provano le scene che il giorno dopo gireranno nei luoghi reali del romanzo (Barcellona, Capri e Napoli) per la successiva realizzazione di un film da parte di una piccola compagnia, naturalmente con i soliti problemi economici (perfettamente attinenti alla realtà) con tanto di “Ciak, motore…azione!” ad ogni inizio di scena. Questo il modo scelto dal regista Catanzaro per descrivere i momenti salienti di una storia centrandone l’essenza. imageGli attori della Compagnia: Annalisa Raiola, Francesca Fasulo, Giusy Solaro, Rosalba Spiezia, Dario Gaetano, Giano Vander, Paolo Romano e naturalmente Paquito Catanzaro nella doppia veste di attore e regista. Claudia Punzo, assistente alla regia. Tutti molto bravi, di esperienza, un lavoro scorrevole e piacevole, pienamente  meritevole del positivo riscontro del pubblico numeroso sia alla prima che alla seconda serata. E brava l’autrice Rosalia Catapano (qui nella foto) che, dopo aver ispirato anni fa la compagnia “Imprenditori di sogni”  a mettere in scena il suo primo libro di racconti “Direzioni Immaginarie”, bissa con il suo ultimo lavoro e ci regala un altro momento di grande teatro. Mi chiedo: la prossima volta andremo veramente… al cinema? Lo spero, intanto leggo il libro!

Susanna Canessa

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro **P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’** Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su: ascoltalo GRATIS su:SPO …e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

1 marzo, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Associazione Parole Alate, Associazioni culturali, Attori e attrici, Campania, Cultura, Italia, Letteratura, Letteratura contemporanea, Libri, Napoli, Registi, Rosalia Catapano, Scrittori, Teatro, Teatro Il Primo, W il Teatro! | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Dal 29 Ottobre al 2 Novembre “L’Internazionale” di R. Bracco, regia G. Meola a Galleria Toledo

L'INTERNAZIONALE-LocandinaDal 29 Ottobre al 2 Novembre debutterà al teatro Galleria Toledo di Napoli, prodotto dalla compagnia Virus Teatrali, L’Internazionale, un atto unico di Roberto Bracco scritto e rappresentato per la prima volta esattamente un secolo fa: una commedia con al centro una canzonettista, un personaggio le cui sfumature sono l’emblema della visione, moderna e in anticipo sui tempi, dell’universo femminile del suo autore che assieme al suo antimilitarismo, alla sua sete di libertà, al suo pacifismo, uniti ad una scrittura drammaturgica di tutto rilievo, ne fecero un’icona, un punto di riferimento per tanti artisti e intellettuali, da Viviani ad Anna Maria Ortese.

I suoi testi furono interpretati e sollecitati dai maggiori attori dell’epoca: Ermete Zacconi, Emma Gramatica, Eleonora Duse, Novelli, Ruggeri e tanti altri.

L’Internazionale è la prima delle opere che il ‘progetto–Bracco’ del regista Giovanni Meola, con la compagnia Virus Teatrali, porterà in scena e che nel tempo potrebbe trasformarsi in una drammaturgia originale e in un soggetto cinematografico incentrato sulla straordinaria figura dell’intellettuale.

In anteprima Giovanni Meola terrà a palazzo Giusso, una vera e propria lezione-conversazione con gli studenti della facoltà di Letteratura Italiana Contemporanea dell’Università Orientale di Napoli il prossimo 24 ottobre, dalle ore 9 alle ore 10:30, nell’Aula Magna “ M. Ripa” .

Ufficio stampa Virus Teatrali

Paola Amore e Gabriella Galbiati

320 038 4851 – 334 990 261 – 320 21 66484

Virus Teatrali presenta

L’INTERNAZIONALE

di | Roberto Bracco

regia | Giovanni Meola

con:

Sara Missaglia – ( nel ruolo di Mignon )

Luca di Tommaso – ( nel ruolo di Renzo )

Luigi Credendino – ( nel ruolo di Cavalier Aprile)

Simona Pipolo – (nel ruolo della domestica Virginia)

 

scene | Armando Alovisi

costumi / Annalisa Ciaramella

ass.te alla regia | Serena Russo

fotografo di scena | Alessandro Pone

progetto grafico | Irene Petagna
una produzione | VIRUS TEATRALI

presentata da | Le Pecore Nere

in collaborazione con | Factory Costumi

Note di regia:

È il 1914 e l’Italia non è ancora in guerra.
La bella Mignon, canzonettista apparentemente spensierata, avvisata dal suo manager-amante che potrebbe avere difficoltà con il suo repertorio di canzoni internazionali, non sembra affatto interessarsene.
L’attenzione di Mignon è tutta rivolta ad una enorme cartina geografica dell’Europa in guerra dove muoiono già migliaia di giovani…

 

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

 

 

24 ottobre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Attori e attrici, Campania, Cultura, Italia, Napoli, Regioni, Registi, Teatri, Teatro, Teatro Galleria Toledo, W il Teatro! | , , , , , , , , | Lascia un commento

Al Circolo Arcas Teatro dal 10 al 12 ottobre “Quella giusta” di Sara Saccone

Quella giusta  LocandinaAl Circolo Arcas Teatro dal 10 al 12 ottobre

Quella giusta di Sara Saccone

tratto da La donna giusta di S. Marai

 

con in o.a.

Vito Pace

Alessandro Palladino

Sara Saccone

Chiara Vitiello

Disegno luci: Diego Sommaripa

Foto e grafica: Pepe Russo

Adattamento e Regia: Sara Saccone

 

Dal 10 al 12 ottobre al Circolo Arcas Teatro andrà in scena Quella giusta, diretto da Sara Saccone che ne ha curato anche l’adattamento teatrale dal romanzo La donna giusta dell’autore ungherese Sandor Marai.

Quella giusta, che ha debuttato la scorsa stagione al Te.Co. Teatro di Contrabbando, fa parte quest’anno della rassegna Senza Sipario dell’Arcas tra gli spettacoli a scelta in abbonamento.

In scena troviamo Vito Pace, Alessandro Palladino, Chiara Vitiello e Sara Saccone che interpreteranno quattro personaggi che si rincorreranno e racconteranno a loro modo dell’illusione dell’amore e della felicità che può regalare agli uomini. Un inganno di cui spesso ci si nutre per vivere nella speranza di una vita migliore e che allo stesso tempo non ci permette di distinguere tra un sentimento concreto ed uno ideale.

 

 

Note di regia

Quattro personaggi, quattro vite condizionate dalla spasmodica e ossessiva ricerca della persona giusta, di un amore che possa colmare ogni vuoto, cancellare ogni angoscia, riscattare se stessi. Ma cosa accade se nell’amore non si cerca più soltanto l’amore, ma lo si idealizza, ce ne si costruisce una versione mitizzata, attribuendo all’oggetto del proprio desiderio la facoltà magica di curare le ferite della propria anima?

Una riflessione anche due immagini di donna, che spesso ricorrono nella vita di ogni uomo: la “donna idea”, amore ideale, colei che possiede la chiave della vera felicità, ma alla quale non ci si avvicina nella vita reale, se non con esiti disastrosi; la “compagna”, colei che da conforto, che fa sentire il proprio uomo al centro dell’universo… ma che non potrà mai essere una “donna idea”.

Sara Saccone
Circolo Teatro Arcas – via Veterinaria n. 63, Napoli

Per info e prenotazioni: 081 595 55 31 – 346 210 0916 – circoloarcas@gmail.com

Giorni spettacolo: 10 – 11 – 12 ottobre

Orario: venerdì e sabato ore 21; domenica ore 18

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

9 ottobre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Attori e attrici, Circolo Teatro Arcas, Registi, Teatri, Teatro, W il Teatro! | , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: