MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Domenica 26 maggio 2019, Sulle Corde della Chitarra: da Vienna a Napoli, omaggio al M° Mario Giuliani al Salotto Barbaja di Napoli

60722827_2266124760304862_4551516073526034432_nDomenica 26 maggio, ore 11

L’Associazione Culturale Club 55, ovvero il Salotto Barbaja di Napoli, è lieta di presentare:

“Sulle Corde della Chitarra: da Vienna a Napoli”

La prima mostra-spettacolo nell’ambito della capitale partenopea dedicata alla memoria di Mauro Giuliani, illustre capostipite della scuola chitarristica italiana. Il progetto nasce da un’idea di Nicola Giuliani, ultimo discendente del grande Mauro nonché fondatore di Casa Museo Giuliani, in collaborazione con il Salotto Barbaja di Napoli, storica residenza nobiliare appartenuta ai Borgia e alla famiglia De’ Medici d’Acquaviva, che farà da cornice alla suggestiva rappresentazione “Sulle Corde della Chitarra”. Lo spettacolo sarà affiancato da una preziosa esposizione di opere, dipinti, cimeli, documenti, manoscritti e oggetti appartenuti al grande Mauro, tra cui la nota chitarra da concerto Gennaro Fabbricatore costruita a Napoli nel 1804.

Artisti:
Nicola Giuliani: discendente e biografo
Nunzio Liso: voce narrante
Francesco Scelzo: chitarra
Giulia Lepore: soprano
Serena Amato: voce recitante

Prenotazione nominale obbligatoria fino a esaurimento posti.

Per maggiori informazioni e per partecipare è possibile inviare una email all’indirizzo club55napoli@gmail.com o alla pagina Facebook Club 55, o telefonare in orari d’ufficio al numero 081 552 3977

A tutti i partecipanti verrà offerto un aperitivo al termine dello spettacolo.

Per coloro che fossero interessati sarà possibile richiedere un attestato di partecipazione ufficiale.

Associazione Culturale Club 55.
Via Toledo 55, Napoli.

Annunci

23 Mag, 2019 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Concerti, Cultura, Napoli | , , , , , , , | Lascia un commento

Cechov fa male! In scena dal 7 al 10 febbraio al Teatro Elicantropo

d0a4c00d-c8cd-4871-92b5-8a780f0c4f87.jpgDal 7 al 10 febbraio 2019 presso il “Teatro Elicantropo” di Napoli andrà in scena lo spettacolo:
“Cechov fa male! Sincopi, deliqui, infarti e altri mancamenti”
di e con Sergio Basile e con Claudia Natale ed Elisa Sfameli. Lo spettacolo, prodotto da “Fondamenta” e dall’Associazione “Imprenditori di Sogni” in occasione dei suoi dieci anni di attività.

È una grande storia di Amore e di Teatro che indaga il rapporto tra Arte e Potere.
A Mosca nel 1939 vengono convocati presso gli uffici del Glavrepertkom, organo istituito da Stalin per il controllo delle rappresentazioni teatrali, gli attori Serghiej Kozinkov e sua moglie Varvara Ozolin, per fornire chiarimenti circa un loro progetto su Anton Cechov, autore guardato con diffidenza dai fautori del “realismo socialista”.
“Cechov fa male!”, titolo meditato dal celebre monologo cecoviano “Il tabacco fa male”, vuole raccontare, in questa epoca distratta in cui il Teatro sembra aver smarrito il suo ruolo guida nella formazione delle coscienze, quanto invece esso sia importante.

Cechov fa male!
dal 7 al 10 febbraio 2019 – ore 21 (Domenica ore 18,00)
TEATRO ELICANTROPO
Vico Gerolomini, 3 Napoli
www.teatroelicantropo.com
Prenotazione obbligatoria 081296640 – 3491925942
Posto unico 10€

imprenditoridisogni@libero.itwww.imprenditoridisogni.com

30 gennaio, 2019 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Claudia Natale, Cultura, Napoli, Teatri | , , , | Lascia un commento

Venerdì 25 gennaio a Villa di Donato la rassegna “A Cena con…Monologhi d’Artista” propone “Frida Kahlo” di Adriana Carli


Con l’intenso spettacolo “Frida Kahlo” di Adriana Carli, “A Cena con…Monologhi d’Artista”, la rassegna di teatro dedicata al monologo diretta da Anna Maria Ackermann, saluta il nuovo anno venerdì 25 gennaio, alle ore 20.30, a Villa di Donato (Piazza S. Eframo Vecchio – Napoli).

Adriana Carli porta in scena in questa occasione un’icona del mondo dell’arte di innegabile fascino, con tutte le sfaccettature contraddittorie ed appassionante della sua forte personalità.
Frida Khalo, che nell’arte ha trovato il mezzo di sopravvivenza, di comunicazione, di sfogo al dolore fisico ed intimo che ha segnato tutta la sua vita, viene qui “dipinta” attraverso la parola e i gesti, in un turbinio emotivo, filosofico e religioso in cui compaiono due Frida, quella che ci arriva documentata da scritti, foto e dipinti e quella che si intuisce al di là degli sguardi, delle dichiarazioni, dei coraggi e delle sfrontatezze.
Due Frida che non si contrappongono, che non si combattono, che non si escludono, che non si compensano, ma che coesistono con la naturalezza tipica di chi è costretto ad ottenere ciò che vuole e che gli viene rifiutato percorrendo strade impervie, provocatorie e dissacranti.
La grande pittrice, allieva, moglie e musa di Diego Rivera, ebbe contatti fecondi, e a volte burrascosi, con molti protagonisti dell’arte europea.
Nello spettacolo il personaggio di Diego è sempre presente, ma resta sullo sfondo, nella penombra o in controluce.

Come di consuetudine, allo spettacolo seguirà una cena, offerta dalla padrona di casa ai gentili ospiti.
In questa occasione sarà possibile gustare pizzette e paste cresciute, pasticcio di tagliatelle, risotto agli spinaci e anacardi e le immancabili graffette calde.

Live in Villa di Donato – Stagione 2018/19
Villa di Donato – Piazza S. Eframo Vecchio, Napoli

Posto unico + cena: 25 Euro

Prenotazione obbligatoria – numero di posti limitato (nella mail di prenotazione indicare cognome, contatto telefonico e numero di posti prenotati)

Per prenotazioni: prenotazioni@key-lab.net

NB Nella Piazza Sant’Eframo vecchio, di fronte alla Villa trovate un Garage

Info e Contatti:
Villa di Donato – Piazza S. Eframo Vecchio, 80137, Napoli
info@villadidonato.it
www.villadidonato.it
https://www.facebook.com/villadidonato/?fref=ts
Instagram: Villa di Donato

Press e accrediti:
Chiara Reale per Villa di Donato
0039/3805899435
chiara.reale81@gmail.com

24 gennaio, 2019 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Attori e attrici, Campania, Italia, Napoli, Regioni, Teatro | , , | Lascia un commento

Venerdì 28 dicembre, spettacolo di Paolo Caiazzo al cinema-teatro “Hart” con le canzoni napoletane cantate da Alessia Moio

locandina cena caizzo social.jpgVenerdì 28 dicembre 2018, ore 21

Cena Spettacolo nel meraviglioso contesto del cinema-teatro Hart (ex Cinema Ambasciatori), con l’esilarante spettacolo di PAOLO CAIAZZO .

Ospite e presentatore ufficiale ANTHONY PETH – direttamente da LA7.

BIGLIETTO CON CENA (start H. 21:00) – € 38,00
Con spettacolo Live di Alessia Moio in un viaggio tra le più belle canzoni di musica Classica Napoletana

Cena servita
* Antipasto: il Cuoppo Fritto
* Primo: Pasta al forno napoletana
* Secondo: Arista di Maiale con patate al forno
* Dolce : degustazione panettone artigianale PURATOS
Acqua, calice di vino, pane e servizio inclusi
BIGLIETTO SOLO DRINK (ingresso H. 22:30) – € 25,00
* 1 Drink a scelta

– Open Bar.
– Guardaroba.
– Easy Parking.

Evento a numero chiuso.
I biglietti possono essere acquistati presso :

– Uffici N&M Management Napoli (Via Torrione San Martino, 55/A – NAPOLI)
– Cinema Teatro HART (Via Crispi,33 – NAPOLI)

Per info e prenotazioni
– 08118994938 (N&M Management)
– 3278211773 (Referente N&M Management Napoli)
– 800 582 436 (CINEMA TEATRO HART)

19 dicembre, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Attori e attrici, Campania, Concerti, Italia, Music, Musica, Napoli, Teatro, Uncategorized | , , | Lascia un commento

Venerdì 21 dicembre 2018, giornata dedicata a Titina De Filippo

In occasione della Cerimonia di intitolazione di Via Titina De Filippo

L’Assessorato alla Cultura e al Turismo in collaborazione con l’Assessorato alla Toponomastica, la Società Napoletana di Storia Patria, il Teatro stabile di Napoli – Teatro Nazionale e C.O.R. promuove

Venerdì 21 dicembre 2018

Giornata dedicata a Titina De Filippo

ore 10.00

Via Nuovo Teatro San Ferdinando/piazza Eduardo De Filippo

Il Sindaco Luigi de Magistris, alla presenza dell’Assessore alla Cultura e al Turismo Nino Daniele e dell’Assessore alla Toponomastica Alessandra Clemente, intitolerà l’attuale via Nuovo Teatro San Ferdinando a Titina De Filippo.

Mappa Via T. De Filippo.jpeg

La cerimonia che avrà inizio con lo scoprimento della targa si terrà all’altezza del civico 37. Interverranno alla cerimonia il Presidente della IV Municipalità Giampiero Perrella e gli eredi di Titina.

Nel corso della mattinata, nel foyer del Teatro San Ferdinando, Lara Sansone leggerà alcune pagine di “Attori si Nasce” di Francesco Canessa e “la preghiera alla Vergine” recitata da Titina inFilumena Marturano”.

Agli ospiti verrà offerto il dolce dedicato a Titina dai maestri pasticcieri Marco e Vincenzo Napolitano. Un dolce al limone, aspro come il carattere di molti personaggi interpretati da Titina, decorato con un fiore di magnolia che Eduardo paragonava alle “bianche e pure mani di Titina”.

***********

ore 16.00

Maschio Angioino, Biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria – Maschio Angioino

PRESENTAZIONE DEL FONDO CARLONI

(ARCHIVIO DI TITINA DE FILIPPO)

Claudio Novelli, curatore del Fondo (Storie di vita e di teatro nell’archivio di Titina De Filippo) Giuseppina Scognamiglio, docente di Letteratura Teatrale Italiana presso l’Università Federico II° (La porporina d’oro di Titina) Modera il professor Nicola de Blasi. Segue: “La musica nelle parole” le poesie di Titina musicate da Brunello Canessa (chitarra e voce) con l’autore, Ingrid Sansone (voce recitante), Marco Gesualdi (chitarra), Francesco de Laurentiis (violino).

Archivio Titina Locandina.jpg

***********

Per tutta la giornata sarà possibile vista la mostra I De Filippo – Il mestiere in scena, in corso a Castel dell’Ovo fino al 24 marzo 2019, eccezionalmente fino alle ore 21.00 usufruendo dell’offerta promozionale di due ingressi al costo di uno.

La mostra monumentale “i De Filippo, il mestiere in scena”, in anteprima mondiale a Napoli, invade per cinque mesi, dal 28 ottobre 2018 al 24 marzo 2019, le storiche sale dell’intero Castel dell’Ovo. Fortemente voluta dalla famiglia De Filippo e promossa dal Comune di Napoli (Assessorato alla Cultura e al Turismo) con al fianco le principali istituzioni di riferimento, l’esposizione è a cura di Carolina Rosi, Tommaso De Filippo e Alessandro Nicosia, Presidente di C.O.R. a cui si deve anche la produzione e si propone come un dialogo continuo tra i De Filippo ed il pubblico, nel rispetto del quale questa grande famiglia ha sempre lavorato e donato ogni giorno il suo mestiere, la sua arte. Perché come scriveva Eduardo: “Puoi fare teatro se tu sei teatro perché il teatro nasce dal teatro…l’albero è uno, e i frutti sono pochi”.

Attraverso materiale inedito, lettere, foto, video, oggetti e centinaia di costumi, locandine, manifesti, copioni manoscritti e dattiloscritti, conservati in archivi privati, in istituti e soprattutto nel fondo degli eredi Eduardo De Filippo, partendo dal capostipite Scarpetta, incontreremo Eduardo anche nei film, nelle sue poesie, nelle sue canzoni… vivremo la sua forza, il suo rigore, la considerazione per il teatro e per il pubblico che lo portarono a non fermarsi nemmeno quando la vita fu terribilmente dura con lui.

Ritroveremo Luca, la sua lezione di umiltà nel seguire gli insegnamenti di Eduardo per poi diventare attore a tutto tondo, proiettato in una dimensione europea nell’arte della recita, della pausa e della controscena, senza mai dimenticare la lezione della tradizione da cui parte e che esplora con la sua Compagnia, con incursioni nel teatro di suo padre messo in scena negli anni, fino alle regie di un altro gran

Per maggiori informazioni: www.comune.napoli.it

17 dicembre, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Attori e attrici, Campania, Cultura, Francesco Canessa, Italia, Letteratura, Libri, Musica, Napoli, Teatro | , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Miriàm. Storia laica di una nascita annunciata_venerdì 6 aprile 2018, ore 21_Villa di Donato

29512635_1621396977936286_1905136238709874126_n

MIRIÀM – Storia laica di una nascita annunciata

Voce recitante: Adriana Follieri
Musiche originali eseguite al violoncello: Pasquale Termini
Disegno Luci: Davide Scognamiglio

Testi liberamente tratti da Erri De Luca, Alda Merini, Pablo Neruda, Mariangela Gualtieri.

Nell’ambito di “A CENA CON…monologhi d’artista”, rassegna a cura di Anna Maria Ackermann dedicata al monologo come grande prova d’attore e come atto d’amore verso il pubblico, venerdì 6 aprile alle ore 21 sarà Adriana Follieri a salire sul palco di Villa di Donato in MIRIÀM – Storia laica di una nascita annunciata.

In un incastro tra narrazione e poesia, MIRIÀM – Storia laica di una nascita annunciata” è un elogio alla semplicità, il racconto universale della nascita e della morte, di una maternità profondamente laica che pure si riconosce nei nomi e nei luoghi di una fede nata senza il sospetto del proselitismo.
Storia di un Cristo nella pancia di sua madre, racconto intenso di nove mesi di paura, solitudine, incomprensione, stelle guida e stupore di fronte all’inatteso. La scena è quasi vuota, solo un luogo da riempire con voce accompagnata, presa per mano, da note, ritmo e melodia di viaggio, e poi tratti di pennello dipinti da corpi in stati tragici e incantevoli, che mostrano agli occhi i luoghi impossibili di una storia possibile.
“Io amo la vita/ perché se morissi/ non sopporterei il pianto di mia madre.”

A conclusione dello spettacolo teatrale, come consuetudine della casa, sarà servita una cena a tema, appositamente ideata dalla padrona di casa e realizzata dagli chef Gianluca e Tina Maggio.
Per l’occasione il MENU’ “LAICO” sarà composto da
Zeppolelle, Sformato di riso primavera, Casarecce alla Norma con la ricotta salata.
E per finire le …… Graffette calde.

Stagione 2017/18 di Live in Villa di Donato
posto unico + cena a tema = 25 euro
Prenotazione obbligatoria – numero di posti limitato
Per prenotazioni:
prenotazioni@key-lab.net

NB Nella Piazza sant’Eframo vecchio, di fronte alla Villa trovate un Garage

Info e Contatti:
Villa di Donato – Piazza S. Eframo Vecchio, 80137, Napoli
info@villadidonato.it
www.villadidonato.it
https://www.facebook.com/villadidonato/?fref=ts
Instagram: Villa di Donato

*****************************************

Seguici su:
if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275
MusicArTeatro

if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275


MusicArTeatro Eventi a Napoli


@Music_Ar_Teatro

5 aprile, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Italia, Letteratura, Music, Musica, Musica e Teatro, Napoli, Teatro, Violoncellisti | , , , , , , , | Lascia un commento

Dal 10 aprile al 6 maggio in scena al Teatro Bellini L’ULTIMO DECAMERONE di Stefano Massini dall’opera di Giovanni Boccaccio

L'Ultimo DecameroneMartedì 10 aprile (ore 21.00; repliche sino a domenica 6 maggio) al Teatro Bellini di Napoli debutta, in prima assoluta, una nuova produzione nata dalla collaborazione tra la Fondazione Teatro di San Carlo e la Fondazione Teatro di Napoli-Teatro Bellini:

L’ultimo Decamerone
di Stefano Massini dall’opera di Giovanni Boccaccio

regia Gabriele Russo

coreografia Edmondo Tucci

musiche Nello Mallardo

coproduzione

Fondazione Teatro di San Carlo, Fondazione Teatro di Napoli – Teatro Bellini

 

Interpreti

Angela De Matteo, Maria Laila Fernandez, Crescenza Guarnieri, Antonella Romano, Paola Sambo, Camilla Semino Favro, Chiara Stoppa

Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo

regia Gabriele Russo

coreografia originale Edmondo Tucci
eseguita dal Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo

musiche originali Nello Mallardo
arrangiamenti Ivano Leva

scene Roberto Crea
costumi Giusi Giustino
luci Fiammetta Baldiserri

foto di scena Mario Spada

Si comunica che lo spettacolo dedicato ai giornalisti è quello di venerdì 13 aprile alle ore 21,00

L’ultimo Decamerone questo il titolo dello spettacolo, puro esempio di teatro-danza, creato su testi di Stefano Massini che ha tratto il suo lavoro dal Decamerone di Giovanni Boccaccio e sulle coreografie originali di Edmondo Tucci. La regia è a firma di Gabriele Russo. Originali anche le musiche ad opera di Nello Mallardo (arrangiamenti di Ivano Leva).

Interpreti Angela De Matteo, Maria Laila Fernandez, Crescenza Guarnieri, Antonella Romano, Paola Sambo, Camilla Semino Favro, Chiara Stoppa e il Corpo di Ballo del Teatro di San Carlo diretto da Giuseppe Picone. Le scene sono di Roberto Crea, i costumi di Giusi Giustino, le luci di Fiammetta Baldiserri, le foto di Mario Spada

L'Ultimo Decamerone

Stefano Massini, uno degli autori teatrali più eclettici, prolifici e rappresentati in Italia, con L’ultimo Decamerone propone un riscrittura originale del Decameron. Toscano di nascita, Massini ha trovato nella lingua di Boccaccio terreno fertile per realizzare una rilettura completamente nuova, che si differenzia dalle tante rappresentazioni che l’hanno preceduta in primo luogo per la scelta di non affrontare solo alcune fra le cento novelle dell’opera, ma di contenerle tutte. Nelle mani di Massini, le 10 novelle narrate dai 10 protagonisti del Decameron diventano una sola novella: così, tradendo del tutto il testo originale, gli è rimasto più che mai fedele.

“A me premeva soprattutto indagare il formidabile valore di riflessione di Boccaccio, – sostiene Massini – antica e modernissima, sull’urgenza del narrare, sul ruolo del narrare e sui meccanismi del narrare. Oggi viviamo in una società che è continuamente bombardata di storie, pensiamo, per esempio, quanto il web e i social network entrino continuamente nella nostra vita, con un intrecciarsi di narrazioni multiple, narrazioni istantanee come le fotografie o narrazioni per immagini come i video. E noi, immersi in questo grande mare di storie superflue, molto spesso perdiamo il senso della narrazione. Il Decamerone, viceversa, parte proprio da questo punto: la salvezza, dentro una crisi, sta sempre nel racconto”.

L'Ultimo Decamerone

«Con Massini, fin dal nostro primo incontro – racconta il regista Gabriele Russo – siamo stati subito d’accordo nel non proporre una lettura in chiave filologica dell’opera, che oggi sarebbe risultata anacronistica o già vista e rivista, piuttosto ci siamo interrogati sul perchè all’epoca Boccaccio scrisse il Decameron e quali ragioni di allora possano essere ancora oggi valide. Perchè qualcuno dovrebbe chiudersi in un casolare di campagna e mettersi a raccontare favole? Da cosa fugge? All’epoca, dalla peste. E oggi? Vedremo».

 

Dal punto di vista progettuale è la prima volta in Italia che una Fondazione Lirica e un Teatro di Prosa condividano un impegno produttivo di tale entità, unico anche nella sua concezione: «Questa è un’occasione – prosegue Gabriele Russo – nata dalla nostra ormai persistente voglia di mettere insieme, sparigliare le carte, creare collaborazioni, ampliare gli orizzonti; una voglia che consideriamo la chiave di volta per creare qualcosa di nuovo, di bello. Abbiamo trovato nella direzione del Teatro di San Carlo disponibilità, apertura e curiosità, e, insieme, ci siamo augurati di dischiudere, con questo esperimento, nuovi scenari e nuove possibilità; di inaugurare, insomma, un nuovo meccanismo che potrebbe essere terreno fertile per l’intero sistema, e, soprattutto, che può diventare un’occasione per il pubblico di vedere in scena spettacoli importanti, che senza la volontà di collaborazione e il coraggio di innovare, sarebbero impossibili da realizzare».

*****************************************

Seguici su:
if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275
MusicArTeatro

if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275


MusicArTeatro Eventi a Napoli


@Music_Ar_Teatro

 

5 aprile, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Italia, Letteratura, Musica, Musica e Teatro, Napoli, Registi, Teatro, Teatro Bellini, Teatro San Carlo, W il Teatro! | , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

PICCOLA ANTIGONE E CARA MEDEA da giovedì 17 marzo a domenica 20 marzo 2016 al TEATRO ELICANTROPO di Napoli

PICCOLA ANTIGONE e CARA MEDEAda giovedì 17 marzo a domenica 20 marzo 2016 
al
TEATRO ELICANTROPO
di Napoli
PICCOLA ANTIGONE E CARA MEDEA
di Antonio Tarantino – regia Teresa Ludovico
presentato da Teatro Kismet OperA
Inizio delle rappresentazioni
ore 21.00 (dal giovedì al sabato), ore 18.00 (domenica)
Info al 3491925942 (mattina), 081296640 (pomeriggio)
http://www.teatroelicantropo.com

Dalla scrittura tragica di Sofocle ed Euripide a quella densa e sarcastica di Antonio Tarantino: la regista e attrice Teresa Ludovico ha scelto la sua riscrittura dei due personaggi femminili per il suo nuovo lavoro. Presentato dal Teatro Kismet OperA di Bari, l’allestimento vede i protagonisti in scena, Teresa Ludovico e Vito Carbonara, impegnati in un monologo tragico e graffiante, avvolti dallo spazio e le luci a cura di Vincent Longuemare.
Rivisitate e ricostruite ma non meno drammatiche, le due storie si avvicinano: una prostituta e il suo cliente che scoprirà essere suo padre Edipo, Piccola Antigone, e un’ex deportata che dopo aver ucciso i suoi figli, raggiunge il suo Giasone, Cara Medea.
Le protagoniste creano con le loro storie un viaggio in quella modernità che ci sta lacerando, e che, anche se in modi diversi, ci infligge dolore e ci logora.
Antigone e Medea si liberano con parole feroci e banali per sfuggire, spesso, al dolore di un vivere quotidiano che le stringe in una morsa inesorabile e le paralizza.
L’opera rispecchia lo stile drammaturgico di Tarantino, che non risparmia allo spettatore parole forti, dure e pungenti.
Attraverso due donne simbolo della mitologia greca, lo spettacolo propone una vera e propria trasposizione in chiave moderna di un modello di donna contemporanea: disperata, dilaniata e alla fine annoiata.
Una donna che sopperisce al banale con il banale stesso, che si accompagna a un uomo che, al contempo, anela e distrugge, ora Edipo, ora marito; una figura, che, con il proprio “divampare femminino” e discorsi che investono tutto, mette in ombra ogni cosa la circondi, in modo particolare la figura maschile.
L’accostamento tra le figure di Antigone e Medea e la loro collocazione nella storia recente, entro sobborghi di città degradate e distrutte dagli eventi bellici, offre, dunque, un tentativo di decostruzione di una essenza: quella di donne deboli e, allo stesso tempo, forti. Donne che hanno inciso nella storia e nella letteratura, portatrici di antiche ferite mai rimarginate, e che sono rese, attraverso il filtro della modernità, tormentate dalla banalità, affette dall’isteria dell’eloquio, per colmare i vuoti della noia.
Non importa il tempo in cui si trovano, ciò che conta è l’azione del racconto, in cui, la protagonista, su uno sfondo erotico e decadente, è, in entrambi i casi, una donna forte e sfacciata, delusa dalla vita e scettica davanti a qualsiasi possibilità di cambiamento.

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

19 marzo, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Italia, Napoli, Regioni, Teatro | , , , , , , , | Lascia un commento

A Palazzo Venezia replica a grande richiesta dello spettacolo “Scartafazio” di e con Emilio Massa

12734036_10207105609231596_6407610776140705104_n

Scartafazio di e con Emilio Massa
venerdì 4 marzo alle ore 21.00
casina pompeiana di Palazzo Venezia, via Benedetto Croce 19, Napoli

A grande richiesta andrà in scena in replica negli splendidi interni di Palazzo Venezia Napoli ”Scartafazio”, uno spettacolo interpretato e diretto da Emilio Massa, apprezzatissimo talento del panorama istrionico partenopeo.

SCARTAFAZIO
(ZIBALBONE)

“Pescare nei documenti, nelle testimonianze, tra i ricordi, alla rinfusa, come nel baule lasciato in soffitta o in cantina…chi non ha mai messo da parte qualcosa con la consapevolezza che prima o poi l’avrebbe utilizzata.
Ho sempre vissuto così le letture, le canzoni, le grandi e piccole opere che hanno avuto significato nella mia vita.
Ho fatto un passaggio di memoria e sono andato a riprendermi tutte quelle cose che tanti anni fa non ho avuto il coraggio di proporre. Comune denominatore il desiderio di raccontare, di recitare e regalare emozioni cosi come noi stessi le abbiamo provate e vissute”. 
Con queste parole il regista e ideatore dello spettacolo, Emilio Massa, vuole descrivere la sua ultima fatica. Un insieme dunque di suggestioni e contenuti che hanno voluto significare qualcosa nella sua vita che corrispondono ad un insieme di emozioni da trasmettere al pubblico.
Si rinnova dunque l’appuntamento con l’arte istrionica a Palazzo Venezia, non è nuova infatti la collaborazione con l’artista che più volte ha calcato con successo il palco della casina pompeiana.
Spettacolo ideato e diretto da Emilio Massa.
Emilio Massa: voce.
Esposito Daniela: fisarmonica, pianoforte, voce, cajon.
Esposito Sergio: chitarra, voce.
Informazioni: 0815528739.

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

29 febbraio, 2016 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Attori e attrici, Campania, Cantanti, Canto, Italia, Musica, Musica e Teatro, Napoli, Palazzo Venezia, Regioni, Teatro, W il Teatro! | , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: