MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Da domenica 27 luglio fiabe, note e fotogrammi a Rapone (Pz) – Il Paese delle Fiabe premia i vincitori dei concorsi musicale e cinematografico

Manifesto Rapone
Rapone, il Paese delle Fiabe premia i vincitori dei concorsi “Rapone Fiaba Film Festival” e “Rapone, una fiaba in sette note” indetti dall’Amministrazione comunale nell’ambito del progetto legato al recupero delle tradizionali fiabe raponesi.

Quattro le serate in programma: si comincia domenica 27 luglio, ore 20.30, in piazza XX Settembre con il Gran Galà di premiazione a cui parteciperanno il Sindaco di Rapone Felicetta Lorenzo, il musicista Antonio Infantino e il regista Luigi Di Gianni, giurati dei concorsi, il Direttore della Lucana Film Commision Paride Leporace.
La serata sarà allietata dal magico intermezzo musicale dell’etereo, romantico, nostalgico carillon vivente di Norina Liccardo che suonerà sia la composizione musicale vincitrice che musiche anni ‘30 e ‘40 inerenti le fiabe.
Nel corso della serata sarà proiettato il cortometraggio vincitore e verrà lanciato il prossimo bando di Rapone Paese delle Fiabe legato alle Illustrazioni e alle Belle Arti.

La serata di lunedì 28 luglio, ore 20.30, sempre in piazza XX Settembre, sarà dedicata ai vincitori del concorso musicale le cui opere faranno da colonna sonora alla narrazione delle fiabe cui sono ispirate da parte di Flavia D’Aiello con il suo teatro delle ombre, di Giulio Laurenzi che le illustrerà in diretta per il pubblico con la sua coloratissima matita digitale e di Lucignolo che infiammerà l’immaginazione del pubblico con la sua danza con il fuoco.

Martedì 29 luglio, ore 21, sarà protagonista il grande cinema con la proiezione di tutti i cortometraggi candidati al “Rapone Fiaba Film Festival”.

“Fiaba Contamination Languages” chiuderà l’evento venerdì 15 agosto, ore 20.30, in piazza XX Settembre con una singolare staffetta tra due spettacoli di genere opposto: da un lato il concerto di The Martini & co. Quintet che riproporrà nell’improvvisazione di una jam session jazz l’estemporaneità del racconto orale, dall’altro l’esibizione del Gruppo Folk di Rapone con uno spettacolo itinerante per le vie del borgo durante il quale balli e canti tradizionali accompagneranno momenti di narrazione delle fiabe popolari raponesi.

Ufficio stampa:
Viola Tizzano
viola.tizzano@gmail.com
cell.: +39 339 8146592

________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

26 luglio, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Cinema, Festival, Folk music, Italia, Musica, Teatro | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Gli allievi della Sezione Jazz del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino al Fiano Music Festival 2013 che si terrà da venerdì 30 agosto a domenica 1 settembre

Allievi jazz del Conservatorio di Avellino
Il Direttore del Conservatorio di Avellino, Maestro Carmine Santaniello ed il Maestro Giuseppe Di Capua, docente del conservatorio e direttore artistico del Fiano Music Festival, hanno dimostrato una grande sensibilità verso i giovani jazzisti, dando loro la possibilità di partecipare a manifestazioni di rilievo che permettano di fare esperienza nel mondo della musica.
I giovani allievi della Classe Jazz del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino apriranno, in tutte e tre le serate, i concerti degli artisti più noti.
Si esibiranno, sul prestigioso palco del Fiano Music Festival, lo stesso palco calcato da Guest Star internazionali, nell’ambito di una manifestazione giunta all’XI edizione, promossa dal Comune di Aiello del Sabato con il patrocinio dell’EPT di Avellino, sotto la direzione artistica del Maestro Giuseppe Di Capua, in programma da venerdì 30 agosto a domenica 1° settembre, che coniuga la passione per il Fiano di Avellino Docg, con arte, musica e gastronomia d’eccellenza.

I ragazzi condivideranno la passione del Jazz con:
Anthony Strong, giovane londinese astro nascente del light jazz mondiale, cantante e pianista di livello assoluto, con due grandi del jazz italiano: Marco Sannini alla tromba e Luigi Di Nunzio al sax.
Il grande sassofonista Max Ionata, ospite del pianista Michele Di Martino e del suo Trio, con Aldo Vigorito al contrabbasso e Giovanni Scasciamacchia alla batteria.
Il duo “Streetmates”, formato dal contrabbasso di Enzo Pietropaoli, vera icona del jazz italiano, e dalla chitarra di Adriano Viterbini.
Ospite del duo sarà il batterista Alessandro Paternesi.
La Star internazionale Javier Girotto, sassofonista argentino molto amato in Italia, che presenta un nuovo progetto musicale affiancato dalla cantante Marina Bruno, una delle più apprezzate voci del panorama nazionale, dal titolo “Singing Naples-new bottle, old wine”.
Insieme all’eccellente pianista Francesco Nastro, al batterista Emanuele Smimmo ed al bassista Marco Siniscalco, autore anche delle elaborazioni musicali, rivisiteranno i più grandi capolavori della musica partenopea di ogni tempo, in un concerto di grandissima qualità e sicuro coinvolgimento.
Uno dei più grandi chitarristi sulla scena jazz italiana: Antonio Onorato, coadiuvato da Mario De Paola alla batteria e da Angelo Farias al contrabbasso.

In attesa delle Guest Stars ecco il calendario del “Cimarosa Young Jazz Players”:

Venerdì 30 agosto, ore 20.45
Davide Cerreta-Voice
Bruno FontanaPiano
Piergiorgio Farese-Guitar
Giovanni Di Benedetto-Drums
Ciro Di Lorenzo-Bass

Sabato 31 agosto

ore 20.45
Carmine De Luca-Voice
Simone Di Cataldi-Piano
Giuseppe Nocito-Bass
Gianfranco Manna-drums

ore 21.20
Gabriella Di Capua-Voice
Marco Lace-Piano
Andrea Gaita-Guitar
Ciro Di Lorenzo-Bass
Giovanni Di Benedetto– Drums

Domenica 1 settembre, ore 20.45
Gabriele Grifa-Guitar
Mario Grifa-Double bass
Marco Barbato-Drums
Guest- Gabriella Di Capua-Voice

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

30 agosto, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Festival, Italia, Jazz, Musica, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Presentata a Roma Lech Lechà – Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica, manifestazione pugliese in programma per fine agosto

Logo Lech Lecha' 2013
Ha suscitato ampio e rinnovato interesse l’annuncio dell’edizione 2013 della manifestazione Lech Lechà 2013– Settimana di Arte, Cultura e Letteratura Ebraica in programma dal 25 agosto al 2 settembre 2013 nelle città pugliesi di Trani, Barletta, Brindisi, Manfredonia, San Nicandro Garganico, Sogliano Cavour; in calendario anche un appuntamento romano.
E proprio nella Capitale si è tenuta mercoledì 31 luglio la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa presso il Centro Bibliografico dell’Unione Comunità Ebraiche Italiane, sul Lungotevere Sanzio.
Alla conferenza erano presenti l’avv. Renzo Gattegna, Presidente dell’UCEI (Unione Comunità Ebraiche Italiane), Pier Luigi Campagnano, Presidente della Comunità Ebraica di Napoli, l’avv. Cosimo Yehuda Pagliara, esponente di spicco della comunità ebraica pugliese, e Francesco Lotoro, direttore artistico della manifestazione.
Dalla conferenza è emerso chiaramente come gli obiettivi principali della Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica Lech Lechà 2013 siano il ritorno, la diffusione e la conoscenza dell’ebraismo e dei suoi valori nel Sud muovendo dalla recente ‘rinascita’ della storica comunità ebraica di Trani, riappropriatasi dopo secoli dell’antica sinagoga di Scolanova.
A tal proposito – come ha ricordato il Presidente Gattegna – “anni fa riscoprire le radici ebraiche in diverse regioni d’Italia sembrava a molti solo un sogno. In tanti hanno però accolto con noi la sfida di tale riscoperta e oggi quel sogno è diventato realtà in quanto è cresciuta l’attenzione nei confronti della cultura ebraica. Abbiamo riaperto la sinagoga a Trani, diventata punto di riferimento per gli ebrei di Puglia e per tutti coloro che vogliono conoscere la cultura ebraica. Voglio però precisare che la nostra non vuole essere opera di proselitismo, ma soltanto la scoperta di una cultura che per molti anni è stata dimenticata anche nelle scuole, forse perché ricorda momenti tragici della storia d’Italia. La finalità di iniziative come Lech Lechà è dunque quella di far emergere una realtà che merita di essere portata a conoscenza di tutti, soprattutto dei giovani.”

La conferenza romana ha quindi dato eco ai saluti e agli apprezzamenti di Pasquale Cascella, sindaco di Barletta, una delle città che ospitano e patrocinano la Settimana di arte, cultura e letteratura ebraica.
Gattegna ha infatti voluto ringraziare Cascella “sindaco di Barletta ed ex portavoce e primo consigliere dell’attuale Presidente della Repubblica, che ha riservato grande attenzione alla comunità ebraica di Roma durante il primo settennato di Napolitano. Oggi, anche se non presente a questa conferenza, ha voluto farci arrivare un suo messaggio…”.
Si è quindi proceduto alla lettura del messaggio di Cascella il quale ha sottolineato come “riscoprire e valorizzare la presenza ebraica nelle regioni meridionali d’Italia significa tornare alle antiche radici che affondano in queste nostre terre. In particolare, in Puglia trovano testimonianze preziose nel tessuto urbano, nel patrimonio artistico e culturale, nella stessa lingua e nelle diverse identità delle nostre comunità. Una manifestazione come la Settimana dell’arte, cultura e letteratura ebraica rappresenta sicuramente un’occasione per ritrovarsi e riflettere. Ognuna delle nostre città che partecipano alla rassegna, come Barletta, può e deve fornire il suo contributo affinché si possano riannodare i fili della pace e della collaborazione tra i popoli.”

Su questo punto l’avv. Cosimo Yehuda Pagliara, che ha moderato l’incontro, ha ribadito come sia in atto “un risveglio dell’ebraismo in Puglia…Lo notiamo perché in questi 10 anni abbiamo visto crescere l’interesse per qualcosa che non riguarda solo il passato, incrementarsi l’attenzione per qualcosa che ‘esiste’, che è presente e che fa parte della vita, della quotidianità degli ebrei. In passato tutto ciò sembrava solo un sogno, oggi è realtà. La presenza ebraica in Puglia, a dire il vero non è mai scomparsa del tutto, ma questo risveglio di memoria e di interesse fa si che la vita ebraica torni ad essere percepita come un aspetto della quotidianità”.

La parola è quindi passata al direttore artistico della manifestazione, Francesco Lotoro, il quale ha illustrato alcuni dei ben 111 eventi che compongono il cartellone di Lech Lechà 2013: “fra gli altri eventi che compongono il ricco cartellone di questa edizione, posso citare i convegni Ebraismo e Islam con l’imam Yahya Pallavicini e Presupposti di giustizia nella disobbedienza civile con il magistrato Ferdinando Imposimato, Luigi Pannarale e il rabbino capo di Roma Riccardo Di Segni, in programma per il 27 e 29 agosto presso la Biblioteca G. Bovio di Trani; poi la presentazione del libro di Anna Foa ‘Diaspora’ (edito da Laterza) in programma il 26 agosto presso la Sala Rossa del Castello di Barletta; la conferenza Il Dibbuk nella tradizione mistica ebraica con Tullio Levi e Fabrizio Lelli, in programma il 27 agosto presso il Palazzo Nervegna di Brindisi; sempre Tullio Levi sarà protagonista con Ugo Volli e Rav Scialom Bahbout dell’incontro Israele e la Diaspora previsto per il 28 agosto alla Biblioteca ‘Bovio’ di Trani.
Importante anche l’allestimento dell’opera lirica Der Kaiser von Atlantis scritta nel campo di Terezin da Viktor Ullmann, che sarà rappresentata domenica 25 agosto per la prima volta nella sua versione definitiva presso il Cineteatro Impero di Trani, con la regia di Gianluigi Belsito.
E poi il Corso di Ebraismo articolato in corso-base (la mattina) e corso avanzato (il pomeriggio), nell’ambito di un vasto programma generale che prevede anche visite guidate, proiezione di film (fra gli altri ‘Yentl’, di Barbra Streisand e ‘The Believer’ di Henry Bean saranno due fra i capolavori in programma per la rassegna ‘Un ebreo a Hollywood’), appuntamenti con la cucina Kasher presso il ristorante Il Marchese del Brillo di Trani, Shabbat all’aperto con una serie di eventi in piazza.
La seconda edizione di Lech Lechà si avvierà a conclusione il 31 agosto a Trani con una lezione sulla Cabalà tenuta da Daniel Eldar e introdotta da Rav Scialom Bahbout; seguirà La Notte dell’Ebraismo Tranese con danze e musiche per tutti coloro che vorranno partecipare, promenade su Via La Giudea (antico quartiere ebraico di Trani) accompagnati da animatori in abiti d’epoca e grigliata finale di carne kasher.
Gli eventi pugliesi, saranno seguiti dall’appuntamento romano dell’1 settembre presso la Sala Consiglio Comunità Ebraica, dove alle 18.30 si terrà la conferenza Economia e Cabalà, due mondi incredibilmente vicini con Rav Scialom Bahbout e Daniel Eldar.
Lech lechà 2013 si concluderà lunedì 2 settembre a Roma presso la Sala Protomoteca del Campidoglio, dove alle 20.00 si terrà il concerto-spettacolo Bravo! Da Capo! Il Cabaret nei Lager durante la 2° Guerra Mondiale con l’Orchestra Musica Concentrationaria diretta dal M° Paolo Candido.”

Promosso e sostenuto dall’Assessorato al Mediterraneo della Regione Puglia, dalla Comunità ebraica di Napoli e dal Comune di Trani (che ha inserito Lech Lechà nelle iniziative del 950mo anniversario della promulgazione degli Statuti Marittimi), Lech Lechà 2013 è patrocinato dall’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, dai Comuni di Barletta, Brindisi, Manfredonia, San Nicandro Garganico, Sogliano Cavour, attestandosi come uno dei più importanti eventi dell’ebraismo italiano e momento ideale per la promozione dei valori dell’interculturalità.

Ufficio stampa
Luciana Doronzo cell. 3470095976
Enzo Garofalo cell. 328/1443279
email: settimanaculturaebraica@gmail.com
traniebraica@fastwebnet.it

info
direttore artistico
Francesco Lotoro
cell. 3402381725

presidente commissione scientifica
Rav Shalom Bahbout
cell. 3663165622

coordinatore per il Salento
Cosimo Y. Pagliara
cell. 330877878

segreteria organizzativa
Luciana Doronzo; Grazia Tiritiello
cell. 331/3989353

Lech Lechà è promosso anche su Facebook

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

31 luglio, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Festival, Letteratura, Musica, Musica classica, Poesia, Puglia, Teatro | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 9 settembre quarto concerto organizzato dal Conservatorio “Nicola Sala” nell’ambito di Benevento Città Spettacolo

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Venerdì 9 settembre, la corte dell’ex Convento degli Scolopi, già teatro del concerto tenuto dal Flutensemble Nicola Sala lo scorso 2 settembre, ospiterà alle 18.30, nell’ambito del Festival Benevento Città Spettacolo, l’ Harmoniemusik, ensemble del Conservatorio di Benevento diretto dal M° Claudio Rufa, ispirato ad una forma di musica da camera per strumenti a fiato, diffusa in Europa nel sec. XVIII, ampliata dall’apporto di strumenti ad arco.
Gli allievi – Vittorio Coviello e Angela Padovano, flauti; il M° Giacomo Crestacci e Luca Di Manso, oboi; Alessandro Verrillo e Agostino Napolitano, clarinetti; Luciano Corona e Ugo Montenigro, fagotti; Andrea Bracalente, Gabriele Massaro, Vincenzo Parente e Alessandro Saraconi, corni; Sergio De Castris, violoncello; Valerio Mola, contrabbasso – eseguiranno la Serenata per strumenti a fiato, violoncello e contrabbasso in re minore op. 44 di Antonín Dvořák e l’Andante-Serenata in mi bemolle maggiore per strumenti a fiato, op. 7 di Richard Strauss.

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

7 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Festival, Musica, Musica da camera | , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 7 settembre la Salentorkestra ospite del Festival delle Ville Flegree

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Nuovo appuntamento per il Festival delle Ville Flegree, Mercoledì 7 settembre, alle ore 21.00 con la grande musica del Salento a Villa di Livia (via Campi Flegrei, 19/A) a Pozzuoli.
Il concerto della Etno-mediterraneo Salentorkestra sarà un intreccio tra la cultura musicale e strumentale della propria terra con quelle che si affacciano sul Mare Nostrum.
Il gruppo presenterà la Pizzica Pizzica, dove il virtuosismo strumentale e l’ipnosi delle nenie colorano sapientemente il ritmo incalzante, ma rispettoso, della danza.
Suoneranno: Giancarlo Paglialunga (tamburelli e voce), Massimiliano Morabito (organetto), Dario Muci (chitarra, bouzouki e voce), Marco Tuma (clarinetti, flauto traverso e pifferi) e Massimiliano de Marco (chitarra e mandolino).
Nel corso della serata sarà possibile visitare le installazioni artistiche di Laura Niola e Daniela Morante a cura dell’associazione Leaf.
Le opere sono presentate da Mimmo Grasso.
Visita archeologica alla struttura di Villa di Livia a cura dell’associazione Nemea.
Assaggio di un piatto tipico a cura del ristorante Bobò e vino Falanghina doc dei Campi Flegrei della Cantina La Sibilla di Bacoli.

Ingresso tutto incluso: previa iscrizione associativa (che si può fare all’ingresso) euro 15.00.
Info:
349.6352376
e-mail: associazionedefalla@virgilio.it

Ideatore e direttore artistico Alessandro Petrosino.
Patrocino morale dell’Azienda di Cura, Soggiorno e Turismo di Pozzuoli e del Forum delle Culture Napoli 2013

A settembre previsti altri due appuntamenti a Pozzuoli.
Venerdì 16 settembre (ore 21.00) al Tempio di Nettuno: teatro e canzone con i Virtuosi di San Martino in “Nel nome di Ciccio” un omaggio al grande Nino Taranto, con una esilarante carrellata di canzoni, brandelli, situazioni, tratti dal vastissimo repertorio del teatro di avanspettacolo, della rivista, del teatro musicale.

Giovedì 23 settembre (ore 21.00) a Villa di Livia: musica e video sui Campi Flegrei con il gruppo Koinè Ensemble
L’Ensemble commenta dal vivo filmati di diversi autori sul territorio flegreo e sul tema del mare. Dalla città sommersa ai monumenti archeologici, dall’arte al sociale.

Salentorkestra
La tradizione salentina è un punto di partenza dal quale operare una serie affascinante di innesti, intrecciando la cultura musicale e strumentale della propria terra con quelle che si affacciano sul Mare Nostrum.
Le differenti sonorità della trance del mediterraneo vengono ripercorse, recuperandone voci e strumenti; sonorità oramai radicate nel tempo, lasciate a noi dai popoli che hanno percorso o conquistato le nostre terre.
Il “grande mare bianco” come lo chiamano gli arabi è crocevia di culture millenarie, estasiato dalla conoscenza dell’arte e dei suoi molteplici linguaggi, che rappresentano il comune sentire dell’umanità.
Dopo una lunga e profonda ricerca effettuata sul campo a stretto contatto con la propria gente e collaborazioni musicali nel campo della worldmusic, il gruppo presenta il suo primo progetto discografico dal titolo “Centueuna”, proponendo composizioni originali e musiche tradizionali salentine nel contesto più ampio della cultura musicale del mediterraneo.
La grande forza del gruppo sta nel riproporre la pizzica pizzica, antico ritmo popolare che conduce per gradi alla trance, dove il virtuosismo strumentale e l’ipnosi delle nenie colorano sapientemente il ritmo incalzante ma rispettoso della danza, catartica e liberatoria.

Villa di Livia
Villa di Livia si trova su un fondo di proprietà della famiglia Carannante che a proprie spese e in stretta collaborazione con la Soprintendenza ha finanziato i lavori di restauro e di risistemazione dell’area archeologica: un raro caso di intervento economico completamente privato finalizzato al recupero e alla valorizzazione dei beni culturali.
La struttura si trova di fronte al Complesso Olivetti e offre una veduta panoramica senza pari su tutto il Golfo di Pozzuoli.
È una villa di età imperiale modificata nell’alto medioevo.
La sala più grande, l’atrio, presenta un mosaico con decorazioni geometriche e, al centro, un impluvium.
Dall’atrio è possibile accedere a piccoli ambienti, probabilmente lararium, cubicola, lararium ipogeo.
Un corridoio porta alla “sala panoramica” che si affaccia sul Golfo di Pozzuoli.
I giardini sono costituiti da due filari di tufelli e uno di laterizi e introducono a quello che era il settore di rappresentanza dedicato all’otium e al godimento del paesaggio.
La quasi totalità del complesso scultoreo rinvenuto nella villa è conservato nel Museo archeologico di Baia.
Tra i ritrovamenti la bellissima statua marmorea di Livia – da cui il nome della struttura –rinvenuta nell’800 e ora esposta alla Carlsberg Glypthotek di Copenaghen.
La struttura ospita un centro polifunzionale culturale dotato di sale per congressi (per 100 persone), conferenze, banchetti, cerimonie, meeting e ampio giardino.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

5 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Festival, Folk music, Musica | , , , , , , , , | Lascia un commento

Domenica 4 settembre appuntamento all’alba con il Nicola Sala Sax Quartet nell’ambito del Festival Benevento Città Spettacolo

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 4 settembre, alle sei del mattino, presso la Rocca dei Rettori di Benevento, nell’ambito del Festival Benevento Città Spettacolo, appuntamento con il Concerto all’alba del Nicola Sala Sax Quartet, composto da: Pasquale Cesare, Pasquale Saccone, Antonio Compare e Ivan Lepore.
Nato nel 2008 dall’unione di quattro musicisti amanti del repertorio particolare che la letteratura per quartetto di sassofoni offre, il Nicola Sala Sax Quartet sin dall’avvio dell’attività concertistica si è esibito in diverse manifestazioni, rassegne musicali nazionali ed internazionali, riscuotendo grande successo di pubblico e di critica proponendo in concerto composizioni originali, inedite ed arrangiamenti.
Il quartetto ha inoltre ottenuto lusinghieri ed importanti risultati in concorsi nazionali ed internazionali tra cui il 1° premio per due anni consecutivi al concorso europeo “Luigi Denza” di Castellammare di Stabia.
Il programma della matinée prevede l’esecuzione dei seguenti brani: G. Reverberi, Sinfonia per un addio; E. Morricone, C’era una volta in America e The Mission; A. Piazzolla, Violentango e Libertango; P. Iturralde, Suite ellenica; G. Gershwin, An American in Paris; J. Kander-F. Ebb, New York, New York; Z. Abreu, Tico Tico.
Durante il concerto saranno inoltre realizzate fotografie a cura dell’Accademia di Fotografia Julia Margaret Cameron, che saranno esposte dal 7 all’11 settembre a Palazzo Paolo V nella mostra: “Benevento in musica al sorgere del sole”.
Si ricorda inoltre che, dopo il successo del tutto esaurito della prima, l’opera Il Barbiere di Siviglia, allestita dal Conservatorio di Benevento, sarà replicata domenica 4 settembre, alle 20.30, presso il Teatro Comunale “Vittorio Emanuele”.

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

3 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Festival, Musica, Musica classica, Prima del concerto | , , , , , , , | Lascia un commento

Il Festival Paganiniano di Carro chiude con tre concerti in altrettante località liguri

Il Festival Paganiniano, evento organizzato dalla Società dei Concerti della Spezial, che si avvale della direzione artistica del maestro Bruno Fiorentini, è nato con l’intento di approfondire la figura del grande genio della musica, valorizzando nel contempo la parte spezzina della Val di Vara, che comprende anche il piccolo borgo di Carro, dove nacquero i genitori del grande compositore.
Quest’anno la rassegna, giunta alla decima edizione, ha offerto nella sua fase finale tre appuntamenti, dislocati fra il mare e le colline della provincia ligure.
Il primo concerto si è svolto nella Corte del Palazzo De Paoli-Gotelli a Porciorasco, frazione collinare disabitata del comune di Varese Ligure, ed ha avuto come protagonista il duo formato da Dami Kim (violino) e Valentina Messa (pianoforte).
Esclusivamente violinistico l’inizio della serata, con l’esecuzione di due Capricci di Paganini (il n. 4 in do minore ed il n. 9 in mi maggiore) e di una sonata bachiana.
A seguire abbiamo ascoltato due brani per violino e pianoforte, la celeberrima Sonata in la maggiore di Franck e la Carmen Fantasy, op. 25 di Sarasate.
Il programma, come si può comprendere, era concepito per esaltare il virtuosismo e le qualità della ventiduenne interprete coreana, giunta seconda al prestigioso Premio Paganini (con il primo posto non assegnato), ma il luogo freddo ed umido scelto come palcoscenico, ha finito per penalizzare esecutori e pubblico, risolvendosi in un’occasione mancata per poter apprezzare appieno un giovanisimo talento.

Foto Antonio Mendoza

Il festival si è spostato il giorno dopo a Bonassola, incantevole località di mare, dove l’ Oratorio di Sant’Erasmo ha ospitato il recital dell’arpista Lisetta Rossi.
E’ stata l’occasione per poter ammirare ed ascoltare un’arpa del 1818, proveniente dalla bottega parigina di Sébastien Érard, da poco riportata al suo antico splendore, dopo un lungo e accurato restauro.
Lo strumento era innovativo per l’epoca, in quanto munito di un meccanismo a forchetta, brevettato dal costruttore francese che, agendo sulle corde tramite un pedale, permetteva all’interprete di eseguire qualsiasi scala cromatica, superando così le precedenti limitazioni legate all’univocità fra corda e singola nota.
La Rossi ha rivolto la sua attenzione su autori attivi fra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento, alcuni dei quali raramente eseguiti, partendo dalle Sonate dell’op. 2, n. 5 in fa maggiore e n. 3 in do minore, di Sophia Giustina Corri, per molto tempo erroneamente attribuite a Jan Ladislav Dussek, suo illustre consorte.
Le due sonate successive appartenevano al toscano Giovanni Francesco Giuliani, mentre il Tema con varizioni su L’oiseaux chantant era tratto dalla produzione del francese François Joseph Naderman.
Il programma proseguiva con le rare incursioni in campo arpistico effettuate da Rossini e Beethoven, autori rispettivamente di una Sonata e delle Sei Variazioni su un tema svizzero, chiudendosi con Ricordanza di Paganini di Joseph François Théodore Labarre e Pistache, suonato come bis, del contemporaneo transalpino Bernard Andrès.
La serata era impreziosita dalle spiegazioni di Lisetta Rossi, relative alla meccanica dello strumento e alla lunga peregrinazione dell’arpa, in questi due secoli di vita, da Parigi agli Usa, dove è stata acquistata prima del restauro.
Infine, vanno ricordati i brevi ed efficaci interventi dell’artista e musicologo venezuelano Antonio Mendoza, riguardanti aneddoti e notizie dei compositori proposti che, precedendo i vari brani, hanno decisamente ravvivato la serata, tenendo desta l’attenzione degli ascoltatori.

Foto Antonio Mendoza

Passiamo, quindi, al terzo ed ultimo concerto, tenutosi nella Piazza della Chiesa di Carro, preceduto da un’interessante conferenza dal tema “L’arpa nei repertori d’opera ottocenteschi”, curata da Lisetta Rossi e dal musicologo Dario De Cicco.
Ospiti della serata finale, due artisti di risonanza internazionale, il violinista Domenico Nordio ed il pianista Andrea Bacchetti, con un recital dal titolo “Le tenebre”, che ha esordito lo scorso anno al Ravenna Festival, comprendente brani legati all’oscurità, non necessariamente di carattere diabolico.
L’apertura era dedicata a tre Notturni di Chopin, il n. 1 in si bemolle minore, il n. 2 in mi bemolle maggiore ed il n. 20 in do diesis minore, quest’ultimo nella trascrizione per violino e pianoforte di Nathan Milstein.
A seguire tre brani per il medesimo organico, un Notturno di Aaron Copland, la Sonata “Il Trillo del diavolo” di Tartini e lo Scherzo dal mendelssohniano “Sogno di una notte di mezza estate”.
Il primo fu scritto dall’autore statunitense nel 1944 in memoria di un amico caduto in guerra, mentre gli altri due sono il frutto di arrangiamenti, curati rispettivamente dai violinisti Fritz Kreisler e Jascha Heifetz.
E’ stata poi la volta della Sonata n. 5 in sol maggiore per violino solo del belga Eugène Ysaÿe (dalle Sei sonate, op. 27), dedicata al suo allievo Mathieu Crickboom.
Il programma si completava con una versione macabra del natalizio Stille Nacht, ad opera del russo di famiglia ebreo-tedesca Alfred Schnittke, che rispecchiava fortemente l’animo di un compositore continuamente perseguitato dal regime, e con il Notturno e Tarantella, op. 28 di Karol Szymanowski, ricco di elementi folcloristici, fra i principali punti di riferimento della musica dell’autore polacco.
Per quanto riguarda i due interpreti, si sono dimostrati all’altezza della loro fama, fornendo un’ottima interpretazione sia nei brani solistici, sia in quelli d’insieme, dove hanno evidenziato un perfetto affiatamento ed estrema versatilità.
Successo conclusivo meritatissimo e pubblico in visibilio, che ha chiesto a gran voce un bis, ottenendone addirittura tre (l’ultimo dei quali, Per Caterina di Bruno Maderna, di rarissima esecuzione), che hanno suggellato l’evento finale di una manifestazione di forte richiamo, ormai radicata nella zona spezzina, certamente passibile di ulteriori miglioramenti, soprattutto nella ricerca di luoghi dove la musica non venga penalizzata a favore di un improbabile rilancio turistico.

Marco del Vaglio

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

22 agosto, 2011 Posted by | Concerti, Festival, Musica classica, Musica da camera | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 16 luglio il Nuovo insieme strumentale italiano ospite dell’inaugurazione del Festival Paganiniano di Carro

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Il Nuovo insieme strumentale italiano apre domani, sabato 16 luglio, a Carro, la X edizione del Festival Paganiniano, la prestigiosa kermesse estiva realizzata dalla Società dei Concerti della Spezia che proprio quest’anno ha ottenuto il Premio di Rappresentanza del Presidente della Repubblica.
L’ensemble, composto dal violinista Alessandro Milani, dal violoncellista Sergio Patria e dalla pianista (e compositrice) Elena Ballario si esibirà nella piazzetta della Chiesa di San Lorenzo (ore 20.45) con un calamitante programma: musiche di Beethoven e Carl Reinecke.
Alessandro Milani, che è stato allievo del mitico Salvatore Accardo, per l’occasione ci farà ascoltare la voce di uno strumento storico: un violino Santo Serafino (1770) prestatogli dalla Fondazione Peterlongo.

Non solo note
Si chiude, domani 16 luglio, al CAMeC (Centro Arte Moderna e Contemporanea) la 3a edizione del Convegno internazionale di studi paganiniani che, sin dal suo decollo, richiama alla Spezia musicologi (e musicofili) provenienti da tutto il mondo.
Particolarmente attraente l’argomento trattato: “La Direzione d’Orchestra nell’800”.
La manifestazione è realizzata dal Centro Studi Opera Omnia Luigi Boccherini di Lucca e dalla Società dei Concerti spezzina in collaborazione con Palazzetto Bru Zane – Centre de Musique Romantique Française e Musicalwords.it.
Gli atti del convegno saranno pubblicati in un volume multilingue, edito da Brepols.
Ingresso libero.

Sempre al Camec è in corso, fino al 30 luglio, la mostra fotografica di Franco Mapelli sui luoghi del Festival “Ascoltare il paesaggio. Un itinerario paganinano dalla Val di Vara a Genova”.
Il noto fotografo romano è altresì l’autore della singolare esposizione sulle “Case del Festival” che s’inaugurerà domani, a Carro, all’interno di Palazzo Paganini e sarà visitabile fino al 14 agosto.
Si tratta di case antiche salvate dall’abbandono e dalla distruzione grazie alla rinascita culturale stimolata dal Festival sin dalla sua prima edizione.
All’iniziativa, ideata e promossa dall’Associazione Amici del Festival Paganiniano, il Presidente della Repubblica ha conferito una propria medaglia di rappresentanza.
Catalogo bilingue (italiano-inglese) a cura di Maria Perosino.

Notizie utili.
Biglietto: 15 euro, ridotto 12.
Servizio navetta A/R incluso nel prezzo del biglietto.
Partenza per Carro ore 18.30 (stazione Centrale), ore 18.45(Comune, p.zza Europa), ore 19 (via della Pianta)
Info e prenotazioni:
0187.731214,
www.sdclaspezia.it

Ufficio Stampa
Studio Montparnasse
Tel. 347/6843236
E-mail: studio.montparnasse@teletu.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

15 luglio, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Festival, Musica classica, Musica da camera | , , , , , , | Lascia un commento

Taccuino personale di Francesco Canessa:NAPOLI A SALISBURGO 2011/2

NAPOLI A SALISBURGO 2011/2
da Repubblica Napoli del 15/06/2011

La festa musicale napoletana di Salisburgo si è chiusa fra applausi, rimpianti e consuntivi numerici da capogiro – biglietti venduti in 30 paesi, negli Stati Uniti come in Estonia, 65 giornalisti accreditati, arrivati anche dall’Oriente – e i negozianti di Hafnergasse intenzionati a riprendere pur se a tempo scaduto la spassosa trasformazione della loro stradina in un vicolo di Napoli. Era la quinta ed ultima edizione del progetto realizzato per il Festival di Pentecoste da Riccardo Muti , centrata sulla riproposta di un’opera scritta in Spagna da Saverio Mercadante intorno al 1826. Era di moda nell’ormai declinante panorama dell’opera buffa napoletana il sequel delle Nozze di Figaro, dopo che Paisiello e Rossini ne avevano curato il prequel con i loro Barbiere di Siviglia. Così tra un Figaro falso e uno raddoppiato, ne avevano o ne avrebbero scritto Luigi e Federico Ricci, Giovanni Panizza, Antonio Speranza ed altri minori. E anche Mercadante, benché accreditato come autore di drammoni tutti lagrime e sangue, ci provò con un titolo inequivocabile, “I due Figaro” che nella interpretazione rivitalizzante di un Muti in gran forma ha rivelato come fossero in circolo nella scuola di Napoli gli stilemi della commedia di carattere che arriverà di lì a poco, specie con Donizetti o i ritmi di danza dell’operetta e trattandosi di un lavoro scritto per Madrid, della zarzuela, sua variante spagnola. Come già accaduto nelle precedenti edizioni, anche per questo <gran finale> non era presente soltanto Muti sui palcoscenici di Salisburgo, ma anche uno dei massimi specialisti della musica barocca, il belga René Jacobs (nella foto) alla guida di un gruppo mitico di strumenti antichi, l’Akademie fur Alte Musik Berlin. Che al pari del nostro direttore hanno fatto saltare l’applausometro nella sala gremita della Haus fur Mozart con “Aci Galatea e Polifemo” una <Serenata a tre voci> di Georg Friedrich Handel. Anche questo gigante della musica europea, tedesco naturalizzato inglese ha trascorsi napoletani, essendo venuto nel 1708 a studiare con Nicola Porpora, così come farà in seguito  Haydn. La storia della cantata è esemplare per scoprire quanto fosse ricco il costume musicale a Napoli già prima della costituzione del regno, durante il vicereame austriaco. A commissionarla fu una nobile talent-scout, la duchessa Aurora Sanseverino di Bisignano, che a un musicista di casa, Nicola Fago designato per una prima cantata, “E’più caro il piacer” affiancò per la seconda, tratta dal tredicesimo libro delle Metamorfosi di Ovidio, il ventitreenne studente di Amburgo, malgrado le perplessità del marito, Nicola Gaetano d’Aragona, duca di Laurenzano. Le due composizioni erano destinate a riempire la parte profana dei festeggiamenti per le nozze della nipote Beatrice Tocco di Montemiletto, principessa di Acaja con Tolomeo Saverio Gallio, duca di Alvito. Se quella di Fago finì lì, così non fu per quella di Handel, ripetuta per altre nozze aristocratiche, puntualmente segnalate nel saggio di Dirk Moeller, professore di Storia della Musica al Conservatorio Brahms di Amburgo, che il Festival di Salisburgo ha pubblicato in tre lingue. Quanto all’applausometro cui si è fatto cenno, esso è salito così in alto per “Aci,Galatea e Polifemo” che Jacobs ha dovuto concedere il bis del lietissimo finale. Il che, per un concerto di musica barocca, è davvero un record.

Francesco Canessa

Klikka qui per leggere gli altri articoli del Taccuino

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

25 giugno, 2011 Posted by | Art, Arte, Austria, Concerti, Direttori d'orchestra, Festival, Francesco Canessa, Giornalismo, Giornalisti, Music, Musica, Musica classica, Musica Lirica, Opera, Riccardo Muti, Salisburgo, Salzburger Festspiele | , , , , , | 1 commento

Taccuino personale di Francesco Canessa:NAPOLI A SALISBURGO 2011 /1

NAPOLI A SALISBURGO 2011 /1 da Repubblica/Napoli del 9/06/2011

“Gran Finale” recita la scritta che quest’anno si aggiunge a “Neapel Metropole der Erinnerung” (Napoli capitale della memoria) che dal 2007 dà nome alla fetta del Festival di Salisurgo che si fa a Pentecoste, sin dai tempi di Karajan destinata a spettatori più raffinati di quelli irreggimentati – anche il turismo culturale può diventare di massa – che arrivano d’estate nella città di Mozart. E’ infatti l’ultimo anno della più importante rassegna organica che mai abbia avuto la musica di Scuola napoletana dopo il tramonto del ruolo di protagonista in Europa, vissuto nel secolo dell’Illuminismo e sino agli inizi dell’Ottocento. Manifestazione pensata, voluta e diretta da Riccardo Muti (nella foto) che subito ruppe gli argini della comprensibile prudenza degli organizzatori, allungando la sua durata da tre a cinque anni. Nel bilancio che se ne può trarre oggi, molte sono le note positive: lo straordinario successo di pubblico, l’interesse della critica, la rivelazione di capolavori provenienti dalle Biblioteche di San Pietro a Majella e dei Gerolamini di Scarlatti, Hasse, Paisiello, Cimarosa, Jommelli, Leo. E i molti spettacoli replicati all’estero, da Parigi a Madrid. E i convegni musicologici sui rapporti fra Mozart e i Napoletani organizzati dalla Mozart Society, la stupefacente Mostra di vedute di Napoli, dalle guaches alle fotografie raccolte da un collezionista viennese, la pubblicazione in lingua tedesca della Storia della Musica e dello Spettacolo a Napoli nel Settecento edita dalla Pietà dei Turchini. Ma un altro aspetto è da sottolineare: la presenza affettuosa e spontanea della città di Salisburgo alle giornate napoletane. Hafnergasse, la stradina più caratteristica ed elegante del Centro antico, ha steso da un balcone all’altro fili di panni al sole, gustosamente scenografati, un abito del Settecento accanto alla maglietta di Maradona, mentre sfilavano modelle con le collezioni-mare divise per gruppi ciascuno accompagnato da un cartello: Posillipo, Mergellina, Capri, Sorrento. A questa che è stata la manifestazione più costante, altre se ne sono aggiunte di volta in volta: il parallelo e meno impegnato Berg Festival, che si tiene nelle suggestive grotte del massiccio che cinge la città, si è adeguato con “ ‘O sole mio, Neapoletanische Nacht” E il cinema del centro ha proiettato “Napoli è una canzone” lo straordinario film muto del 1927 con Leda Gys protagonista. Quattro edizioni in cui la Napoli ufficiale si è tenuta a distanza, ignorandone il significato complessivo di grande rivincita in tempi in cui circolava – come  tuttora circola – l’immagine più retriva della città. Il che ha addolorato assai, com’era naturale, il maestro Muti ma anche lasciati perplessi il management del Festival e lo sponsor svizzero della Manifestazione.  Ora siamo al “Gran Finale”, che avvicina un napoletano all’estero, Mercadante a Madrid con “I due Figaro” direttore Riccardo Muti con l’Orchestra Cherubini. E uno straniero a Napoli, Haendel e la cantata “Aci, Galatea e Polifemo” composta per le nozze del duca Gennaro d’Alvito affidata allo specialista René Jacobs e l’Akademie fur Alte Musik Berlin. Con la speranza che il nuovo Sindaco giri pagina anche su questo, mandando finalmente un segnale giusto a Salisburgo.

Francesco Canessa

Klikka qui per leggere gli altri articoli del Taccuino

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

17 giugno, 2011 Posted by | Centro di musica antica "Pietà dei turchini", Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "S.Pietro a Majella", Direttori d'orchestra, Festival, Francesco Canessa, Giornalismo, Giornalisti, Herbert von Karajan, Music, Musica, Musica classica, musica sinfonica, Riccardo Muti, Salzburger Festspiele | , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: