MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

IL CINQUETTO Comicità in frac, nuovo appuntamento della Rassegna “Le Armonie di Partenope” alla “Domus Ars”

30441036_10215637079911040_6952546995516997632_n (1)

Sabato 14 aprile, alle 20,30 alla Domus Ars preparatevi al concerto più pazzo del mondo, non crederete ai vostri occhi e alle vostre orecchie! Un concerto dove virtuosismo e comicità raggiungono livelli estremi… preparatevi per un concerto divertente e incredibile!

30571826_10215637078230998_8598091001183076352_n

IL CINQUETTO “Comicità in frac”

Salvatore Lombardo, Giuseppe Carotenuto, Angelo Casoria, Nicola Marino, violini
Gianni Stocco, contrabbasso

Produzione e realizzazione PartenArt
Direzione artistica Gianni Mola
Sabato 14 aprile 2018 – ore 20,30 Domus Ars – Via Santa Chiara10/c – Napoli
Biglietto: €.15 Ridotto bambini fino a 12 anni: €.5
Vendita biglietti: Domus Ars Tel. 081 342 5603
infoeventi@domusars.it
infopartenart@libero.it
Evento Facebook: clicca qui

 

*****************************************

Iscriviti al blog MusicArTeatro

Seguici su:
if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275
MusicArTeatro

if_Chat_communication_facebook_line-icon_social_web_2903275


MusicArTeatro Eventi a Napoli


@Music_Ar_Teatro

Annunci

11 aprile, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Campania, Concerti, Cultura, Italia, Jazz, Music, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Prima del concerto, Regioni, Swing, Violinisti | , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

EMILIA ZAMUNER QUARTET “Omaggio a Pino Daniele”|Secondo appuntamento della Rassegna “Le Armonie di Partenope” alla “Domus Ars”

 

EMILIA ZAMUNER QUARTET
“Omaggio a Pino Daniele”
Direzione Artistica Gianni Mola
Produzione e realizzazione PartenArt
Sabato 10 febbraio 2018 – ore 18
Domus Ars – via Santa Chiara 10/C Napoli
Ticket €12

 

 

Dopo il successo del concerto inaugurale dei Meditamburi, la rassegna “Le Armonie di Partenope”, prodotta e realizzata dalla PartenArt, con la direzione artistica di Gianni Mola, continua con un’ospite di eccezione: Emilia Zamuner, l’astro nascente del canto jazz. Sarà, infatti, l’atteso concerto dell’artista napoletana a calamitare l’attenzione del pubblico in un appuntamento da non perdere.
La sua performance, che sarà arricchita dal prezioso contributo di Paolo Zamuner al pianoforte, Lorenzo Scipioni al contrabbasso e Massimo Del Pezzo alla batteria, darà vita ad una serata suggestiva, interamente dedicata al compianto Pino Daniele, nel terzo anniversario della sua scomparsa.
Una serata celebrativa in cui Emilia, rileggendo con il suo personalissimo stile vocale i capolavori di uno dei più grandi cantautori del nostro blues e del nostro pop, non mancherà certamente di regalarci un’atmosfera magica, pregnante di forti e vibranti emozioni.

 

 

Ticket €12
Per informazioni, acquisto abbonamento e/o biglietti
Tel. 0813425603
infoeventi@domusars.it
infopartenart@libero.it
Evento Facebook: clicca qui

 

 

*************

Iscriviti al blog MusicArTeatro

I nostri gruppi su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

1 febbraio, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Campania, Cantanti, Canto, Concerti, Cultura, Italia, Jazz, Music, Musica, Musica Jazz, Napoli, Prima del concerto, Regioni, Swing | , , , , , , , , | Lascia un commento

Le Armonie di Partenope 2018|Programma completo della Rassegna a cura di PartenArt da gennaio a maggio presso la Domus Art a Napoli

 

L’Associazione culturale PartenArt, operante dal 2013 nell’ambito della progettazione e realizzazione di eventi culturali ed artistici, è lieta di comunicare che dal 27 gennaio 2018, prenderà il via la rassegna di concerti “LE ARMONIE DI PARTENOPE”. Con un variegato ventaglio di proposte, la PartenArt promuove sei eventi di pregevole spessore musicale e artistico, offrendo al pubblico una programmazione ”alternativa” rispetto alle tradizionali stagioni concertistiche, con dei programmi che possano soddisfare le diverse esigenze di gusti degli ascoltatori. Un percorso combinato di epoche e stili musicali, di interpretazioni strumentali e generi compositivi diversi.

Tutti i concerti della rassegna, che terminerà il 26 maggio, si svolgeranno di sabato alla Domus Ars – Centro d’Arte, Cultura e Musica (Napoli – via Santa Chiara 10/c).

Abbonamento a 6 concerti €.65

Biglietti da €.12

 

 


Tutti i concerti della Rassegna, si svolgeranno alle 20,30 alla Domus Ars – Centro d’Arte, Cultura e Musica (Via Santa Chiara 10/C – Napoli).
Per informazioni, acquisto abbonamento e biglietti,
Tel. 0813425603
infoeventi@domusars.it
infopartenart@libero.it

Direzione artistica, Gianni Mola
Progettazione e realizzazione, PartenArt

PROGRAMMA DELLA RASSEGNA

Sabato 27 gennaio 2018 – ore 20,30

MEDITAMBURI in “Antichi viaggiatori”

Emidio Ausiello, percussioni – Gabriele Borrelli, percussioni – Michele Maione, percussioni e sequenze – Paolo Cimmino, voce e percussioni – Ashai Lombardo, coreografie.

 

Sabato 10 febbraio 2018 – ore 20,30

EMILIA ZAMUNER QUARTET “Omaggio a Pino Daniele”

Emilia Zamuner, voce – Paolo Zamuner (pianoforte), Lorenzo Scipioni (contrabbasso), Michele Sperandio (batteria),

 

Sabato 10 marzo 2018 – ore 20,30

DEA ENSEMBLE – “Lu Tiempo Antico”

Fabio Fiorillo, voce— Angelo Nocerino, voce — Lello Russo, voce— Serena Pisa, voce— Antonio Zuozo, chitarra— Franco Porzio, chitarra

 

Sabato 14 aprile 2018 – ore 20,30

IL CINQUETTO – “La comicità in frac”

Giuseppe Carotenuto, violino — Salvatore Lombardo, violino— Nicola Marino, violino— Angelo Casoria, violino — Giovanni Stocco, contrabbasso

 

Sabato 12 maggio 2018 ore 20,30

NEAPOLIS BRASS SEXTET – “Fotogrammi sonori”

Francesco Amoroso, tromba— Vincenzo Leurini, tromba— Luca Martingano, corno— Domenico Brasiello, trombone—Alexandre Cerdà, tuba—Luca De Rosa, percussioni

 

Sabato 26 maggio 2018 ore 20,30

WIND SYMPHONIETTA – “Monografie del ‘900”

Direttore, Gianni Mola

Voce narrante, Carmine Tremolaterra

Musiche di Bartok, Grieg, Shostakovich, Katchaturian, Prokofiev

*************

Iscriviti al blog MusicArTeatro

I nostri gruppi su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

5 gennaio, 2018 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Arte contemporanea, Associazione PartenArt, Associazioni culturali, Associazioni Musicali, Campania, Cultura, Italia, Jazz, Music, Musica, Musica classica, Musica Jazz, Napoli, Prima del concerto, Rassegne, Regioni, Tango | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 21 novembre I Quartieri Jazz di Mario Romano tornano a Palazzo Venezia sulle note del gipsy jazz napoletano

locandina 21 novembre

Napoli – Sabato 21 novembre alle 21.30 I Quartieri Jazz di Mario Romano intraprenderanno un viaggio sulle note del gipsy jazz napoletano a  Palazzo Venezia in via Benedetto Croce, 19 a Napoli

21 novembre bisNapoli – Nuovo appuntamento a Palazzo Venezia (via Benedetto Croce, 19) per I Quartieri Jazz di Mario Romano, in programma sabato 21 novembre alle 21.30.

Un nuovo viaggio sulle note del Gipsy Jazz Napoletano.

Lo scrittore Guy De Maupassant sostiene che “il viaggio è una specie di porta attraverso la quale si esce dalla realtà come per penetrare in una realtà inesplorata che sembra un sogno”.

Così grazie a Mario Romano, che suonerà la chitarra classica, Luigi Esposito al pianoforte, Ciro Imperato al basso ed Emiliano Barrella alla batteria, sarà possibile intraprendere questo doppio viaggio alla scoperta del jazz partenopeo, che “impasta” jazz manouche, dalla musicalità girovaga, e sonorità made in Naples, abbinato ad un tour alla scoperta delle vicissitudini e dei tesori conservati tra le stanze e nel giardino pensile di Palazzo Venezia.

Nel viaggio sonoro che si intraprenderà con la band partenopea capitanata da Mario Romano troveranno spazio il vociare e le nenie dei vicoli di Napoli e del suo cuore pulsante, le percussioni africane, la dolce malinconia trasportata dai petali di lavanda delle campagne provenzali, i movimenti fluidi e ricchi di energia brasiliani. Ed ancora la coralità dei villaggi della Mittleuropa.

Un jazz partenopeo nutrito di talento, impegno e sacrifici, quelli di chi non si arrende e continua la sua battaglia in nome della cultura e della resistenza culturale, grato dell’eredità e degli insegnamenti dei grandi maestri del passato e del presente, ma senza rinunciare alla sua identità ed al suo “tocco personale” , un po’ in controtendenza e fuori dalle logiche dii un business ad oltranza.

 LA FORMULA DELLA SERATA
La serata prevede una visita guidata a Palazzo Venezia, riportato a nuova vita grazie all’impegno di Gennaro Buccino, ed un gustoso aperitivo per accompagnare ed assaporare ancor di più questo “valzer” di note. Questo viaggi, tra l’interno delle proprie emozioni evocate dai ritmi, e l’esterno, rappresentato dalle sale ed il giardino pensile di Palazzo Venezia.

 

Caratteristica è la Casina Pompeiana, aggiunta alla struttura in epoca neoclassica, ispirata allo stile pompeiano antico.

Suggestivo anche il giardino pensile. I giardini ospitano una piccola cappella denominata “grotta della Madonnina”. Essa ha sua particolare struttura, con soffitto “a cielo e stelle” di un intenso colore celeste brillante, che l’hanno resa, in un passato ormai lontano, un luogo particolarmente adatto al raccoglimento ed alla preghiera.

Il contributo organizzativo è di 12 euro.

Qualche gustosa sorsata di Neapolitan gipsy jazz:

https://www.youtube.com/watch?v=Ka4-zCjSW6U&feature=youtu.be (Vesuvia)

https://www.youtube.com/watch?v=rgLZqan66ek&feature=youtu.be (Cammen)

https://www.youtube.com/watch?v=uoWB12rZaGQ (Le 4 giornate di Napoli)

Per maggiori informazioni e prenotazioni è possibile telefonare al 3404893836 o mandare una mail a quartierijazz@live.it. O rivolgersi a Palazzo Venezia allo 0815528739 o via mail all’indirizzo palazzovenezianapoli@gmail.com

Ufficio Stampa Quartieri Jazz: Dr.ssa Tania Sabatino

Mobile: 3205741842, e-mail: ufficiostampaquartierijazz@gmail.com

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

18 novembre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Campania, Chitarristi, Concerti, Cultura, Italia, Jazz, Music, Musica, Musica Jazz, Napoli, Palazzo Venezia, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 17 ottobre I Quartieri Jazz di Mario romano a Palazzo Venezia con musica e storia… napoletana

Locandina Musica e Storia... Napoletana

Napoli – Sabato 17 ottobre alle 21.30 I Quartieri Jazz di Mario Romano tornano nelle suggestive atmosfere di Palazzo Venezia in via Benedetto Croce, 19 a Napoli. La serata sarà dedicata ad un viaggio alla riscoperta della “Musica e storia… Napoletana”.

Mario Romano alla chitarra manoucheCon Mario Romano (nella foto), che suonerà la sua inseparabile chitarra classica, sul palco l’Ensemble, formata da altri tre elementi: Luigi Esposito al pianoforte, Ciro imperato al basso ed Emiliano Barrella alla batteria.

Dopo essere andati alla scoperta dei sapori, degli odori e dei suoni dei vigneti, con il Jazz in vigna, la band torna in città, per una nuova tappa del suo gemellaggio con i luoghi simbolo della cultura e della storia dell’urbe.

Il leitmotiv di questa serata in musica potrebbe essere il motto “Napoli alzati e combatti”, imbracciando le armi della cultura e forte della riscoperta dell’orgoglio partenopeo nato da secoli di storia e vicissitudini.

Non è un caso che il nuovo lavoro discografico in preparazione sia dedicato proprio alle “Quattro giornate di Napoli”, quella rivolta popolare spontanea, nata dalla voglia di reagire ad un sopruso, che in soli 4 giorni portò il popolo partenopeo a sconfiggere i Tedeschi.

E, ieri come oggi, la scintilla può e deve partire dai giovani e dai giovanissimi, che devono scoprire e riscoprire dentro di sé la voglia di combattere per il proprio futuro.

Come il piccolo Gennaro Capuozzo, che, ancora bambino, ebbe l’ardire di ribellarsi ai “giganti” tedeschi ed alla loro violenza distruttiva.

A rendere l’atmosfera magica note come quelle del vulcanico brano “Vesuvia” e la dolce ed intensità di “Cammen”. E poi, girato l’angolo, ecco imbatterci proprio nei ritmi de “Le Quattro giornate di Napoli”.

Ma non mancheranno evergreen come Rum e Speranzella o Valzer a Forcella, evergreen tratti dal primo lavoro discografico ‘E strade cà portano a mare” attualmente in ristampa.

LA FORMULA DELLA SERATA

La serata prevede una visita guidata a Palazzo Venezia, un tempo centro nevralgico per la città, in seguito vittima di un lungo e silenzioso degrado. La struttura oggi è stata riportata a nuova vita grazie all’impegno di Gennaro Buccino.

La visita sarà accompagnata da uno stuzzicante aperitivo.

Caratteristica è la Casina Pompeiana, aggiunta alla struttura in epoca neoclassica, ispirata allo stile pompeiano antico.

Suggestivo anche il giardino pensile. I giardini ospitano una piccola cappella denominata “grotta della Madonnina”. Essa ha sua particolare struttura, con soffitto “a cielo e stelle” di un intenso colore celeste brillante, che l’hanno resa, in un passato ormai lontano, un luogo particolarmente adatto al raccoglimento ed alla preghiera.

Il contributo organizzativo è di 12 euro.

Ed ora un po’ di Neapolitan gipsy jazz:

https://www.youtube.com/watch?v=Ka4-zCjSW6U&feature=youtu.be (Vesuvia)

https://www.youtube.com/watch?v=rgLZqan66ek&feature=youtu.be (Cammen)

https://www.youtube.com/watch?v=uoWB12rZaGQ (Le 4 giornate di Napoli)

Per maggiori informazioni e prenotazioni è possibile telefonare al 3404893836 o mandare una mail a quartierijazz@live.it

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

13 ottobre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Art, Arte, Campania, Chitarristi, Concerti, Cultura, Italia, Jazz, Music, Musica, Musica Jazz, Napoli, Palazzo Venezia, Regioni | , , , | Lascia un commento

Mercoledì 7 ottobre Davide Azfal Quartet alla Chiesa Evangelica Luterana di Napoli per i “Concerti di Autunno” 2015

Davide Afzal

Davide Afzal

Mercoledì 7 ottobre 2015, alle ore 20.30, presso la Chiesa Evangelica Luterana (via Carlo Poerio, 5 – Napoli), la ventesima edizione dei “Concerti di Autunno” propone una serata di jazz e altre sonorità con il bassista Davide Azfal e il suo quartetto, formato da Pasquale De Paola alla batteria, Claudio Cardito al sax e Marco Fiorenzano al piano & rhodes.
In programma: musiche di Berg, Hancock e Petrucciani, e composizioni dello stesso Azfal, autore nel 2003 del disco “Melting Pot” e apprezzato session man al fianco di grandi interpreti della scena jazz, latino-americana e pop italiana.

Il concerto è a ingresso libero.

Per informazioni:
tel. 081.8043130
lucianarenzetti@gmail.com
www.celna.it

Ufficio Stampa
dott. Paolo Popoli
tel.: 329.6197910
email: paolopopoli@gmail.com

Comunità Evangelica Luterana
Chiesa: via Carlo Poerio, 5 – Napoli
Ufficio: largo Terracina, 1 –Napoli
Tel +39-081-0900133 / Fax +39-081-660909
email: napoli@chiesaluterana.it
www.celna.it

_______________________________________________________

Mercoledì 7 ottobre 2015, ore 20.30 – Chiesa Evangelica Luterana (v. Poerio, 5 – Napoli)

Davide Azfal Quartet
Pasquale De Paola, batteria
Claudio Cardito, sax
Marco Fiorenzano, piano & rhodes
Davide Afzal, basso

Programma

Davide Afzal (1972)
Groovy Nights
Too far from you
Flood Alert

Michel Petrucciani (1962 – 1999): Brasilian Like

Davide Afzal
2M
Occasioni Perdute

Herbie Hancock (1940): Butterfly

Bob Berg: Coaster

Marco Fiorenzano: Marco’s Tune

Davide Afzal: Stanotte

Davide Afzal
nato nel 1972, ha iniziato a suonare il basso all’età di 17 anni.
Nel 1999 si è diplomato all’Università della Musica di Roma dove ha potuto studiare con insegnanti di caratura nazionale come Gianfranco Gullotto, Marco Siniscalco e Massimo Morriconi.
Ha partecipato e seguito diversi seminari e masterclass di alcuni tra i più grandi musicisti internazionali quali John Patitucci, Marcus Miller, Alain Caron, Gary Willis, Dave Weckl, Paolo Costa, Tony Levin, Jeff Berlin (quest’ultimo in qualità di interprete).
Fin dal 1993 ha iniziato a suonare, dal vivo e in studio di registrazione, con molti artisti italiani e internazionali spaziando tra i generi musicali più vari: dal pop (Aleandro Baldi, Audio2, Sandro Giacobbe, Pietra Montecorvino, Rita Forte, Luca Sepe, Gigi Finizio, Fred Buongusto, ecc ecc) al jazz (il trombettista americano Bob Marquart e il percussionista americano Karl Potter per citarne alcuni..), dalla musica latina (il cantante argentino Diego Moreno, il pianista Cristiano Viti con il suo mix di jazz e musica cubana) al funky-soul (i cantanti americani Bernadette Covington, Patrick Duenas e la band “Eclissi di Soul” tra gli altri).
Ha suonato in spettacoli televisivi ed in alcuni musical teatrali, oltre che partecipare a varie registrazioni in qualità di “session-man”.
Nel 2013 esce il suo primo disco solista “Melting Pot”, cui seguono, negli ultimi due anni, concerti in tutta Italia con il suo quartetto.
Fin dal 2000 svolge una costante attività didattica, sia privatamente che in diverse scuole ed istituzioni musicali.
_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

6 ottobre, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Campania, Chiesa Luterana, Concerti, Italia, Jazz, Musica, Napoli, Regioni | , , , , , , | Lascia un commento

TrentinoInJazz 2015: martedì 18 agosto i SovverSamba a Moena!

Una travolgente formazione di dieci membri porta a Moena suoni, voci e percussioni dal Brasile: appuntamento martedì 18 agosto all’Agritur El Mas.
Mercoledì 19 il Trio Amadei in Val di Fassa
I SovverSamba al TrentinoInJazz 2015!

Trentino Jazz
Fondazione CARITRO
Provincia autonoma di Trento
Regione Autonoma Trentino Alto Adige
Scuola Musicale Eccher
MART – Museo di Arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto

presentano:

TRENTINOINJAZZ 2015
…nuove direzioni in musica…

Martedì 18 agosto 2015
ore 11:30
Agritur El Mas
Strada Saslonch, 174
Moena (TN)

Couros e Cordas: musica dal Brasile con i SovverSamba

Elisa Amistadi – voce solista, tamborim, shaker
Michele Bazzanella – basso, surdo e tamborim
Chiara Bertoni – congas, caxixi, triangolo, ganzá, tamborim, agogo, surdo e voce
Paola Comin – tamborim, surdo, agogô, patangome e voce
Federica Marchi – surdo, tamborim, caxixi
Nicola Pandini – direzione, repenique, triangolo, surdo, rullante, congas, caxixi
Luna Pauselli – caxixi, congas, patangome, tamborim, xequerê, surdo, triangolo e voce
Luca Penasa – pandeiro, rullante, surdo, agogô
Barbara Saiani – congas, caxixi, surdo, tamborim
Renza Tavernini – tamborim, caxixi, patangome, surdo e voce

© MoniQue foto - Monica Condini 2015 www.moniquefoto.com SOVVERSAMBA

© MoniQue foto – Monica Condini 2015
http://www.moniquefoto.com
SOVVERSAMBA

Martedì 18 agosto, nel cartellone di Moena Armonica – Alla sorgente dei Suoni, il TrentinoInJazz 2015 presenta Couros e Cordas: musica dal Brasile con i SovverSamba. Integrando voci e basso con la dimensione percussiva e utilizzando strumenti tradizionali, i dieci componenti dei SovverSamba presentano un concerto coinvolgente e ricco di sfumature. Le radici della loro musica affondano nella cultura afro-brasiliana: dal samba di Rio de Janeiro all’afro di Salvador de Bahia, dal baião e il maracatu tipici del Nord-est brasiliano fino ai musicisti contemporanei ed ai ritmi più recenti come reggae,  funky e timbalada. Il concerto sarà l’occasione per presentare Couros e Cordas, il loro disco d’esordio, dove si trovano interpretazioni di brani scelti sia nel repertorio di artisti come Renata Rosa, Milton Nascimento e Chico Cèsar, sia nella tradizione popolare.

Anche per l’edizione 2015 TrentinoInJazz rilancia la sua originale fisionomia di network: il festival nasce infatti come “federazione” di rassegne preesistenti nelle valli della provincia di Trento ma oggi più che mai mostra unitarietà organizzativa e omogeneità artistica. Dal 24 giugno ai primi di settembre Panorama Music Festival anima il palcoscenico naturale delle Dolomiti della Val di Fassa, con concerti in alta quota. Coinvolto per la prima volta anche il MART di Rovereto, con appuntamenti unici nel loro genere tra musica e cultura contemporanea. Immancabile il Valsugana Jazz Tour, che riserva grande attenzione alle colonne del jazz internazionale e ai frizzanti Aperitivi Jazz. Presenti anche la Valli del Noce, all’insegna del jazz di frontiera quest’anno tutto italiano, con una dedica speciale a Miles Davis. Quattro concerti di lusso per il Lagarina Jazz, diretto dal giornalista Giuseppe Segala, con artisti di risonanza mondiale. La fase finale si svolge in autunno a Trento e Rovereto: Sonata Islands – diretta da Emilio Galante – dedicata ai connubi sperimentali tra jazz, rock e musica colta.

Prossima data:
Mercoledì 19 agosto, Trio Amadei, Val di Fassa.

Calendario completo della rassegna:
http://www.synpress44.com/02Works.asp?id=2893&stc=3

Mediapartner:
Jam: http://www.jamonline.it
Jazzitalia: http://www.jazzitalia.net
Senzabarcode: http://www.senzabarcode.it

Info:
http://www.trentinojazz.com
info@trentinojazz.com
0463.424310

Facebook:
http://www.facebook.com/trentinoinjazz

Ufficio stampa:
http://www.synpress44.com
info@synpress44.com

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

17 agosto, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Art, Concerti, Italia, Jazz, Music, Musica, Musica Jazz, Percussionisti | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 11 marzo l’Associazione Alessandro Scarlatti ospita il celebre chitarrista Al Di Meola che propone un viaggio attraverso la musica dei Beatles

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Mercoledì 11 marzo 2015, alle ore 21.00, nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo per la Associazione Alessandro Scarlatti finalmente a Napoli Al Di Meola – senza dubbio uno dei più conosciuti e apprezzati virtuosi chitarristi jazz del mondo – propone il suo nuovo progetto, All Your Life, sua personale interpretazione di alcune delle più note melodie dei Beatles riarrangiate per chitarra acustica.
Ad accompagnare Al Di Meola in questo viaggio evocativo attraverso la musica dei Fab Four, Mario Parmisano al pianoforte e Peter Kaszas alle percussioni.
“Con questo progetto – ha dichiarato il chitarrista – sono tornato al punto di partenza. Penso che i Beatles siano stati il motivo più grande che mi ha spinto a fare musica. Ho iniziato la mia carriera amando i Beatles e non ho mai smesso di farlo, proprio come molti altri chitarristi della mia generazione”.

Nel concerto risentiremo le melodie di tante celebri canzoni del gruppo londinese: And I love her, Michelle, Eleanor Rigby, Penny Lane, Blackbird, solo per citare alcune tra le più famose.
Non si tratta ovviamente di mere riproposizioni ma trasfigurazioni nelle quali può non essere riconoscibile il tema, ma nelle quali il tema scorre nelle fibre interne delle esecuzioni di Di Meola e del suo ensemble.
Esecuzioni tutti poggiate su una solida tecnica classica arricchita da influenze latine e da improvvisazioni di stampo jazzistico.

Il concerto è un vero e proprio atto d’amore nei confronti dei quattro baronetti di Liverpool “Questo progetto è il sogno di una vita atteso da tempo e quindi per me estremamente appagante!”
Queste le parole usate da di Meola in occasione del lancio del disco.
Amore che ha portato l’artista ad incontrare anche Paul McCartney e a confrontarsi con le tecniche di registrazione usate nei leggendari studi di Abbey Road.
“Ho scelto di registrare nello stesso modo dei Beatles – conferma di Meola – usando cioè una piccola quantità di tracce con un modello più analogico e visivo. Sono felice del risultato perchè si distacca dalle altre riletture dei Beatles”.

Costo del biglietto
Platea I settore: 25 Euro
Platea II settore: 20 Euro
Platea III settore
Intero: 15 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it;
info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Al Di Meola
artic sunrise tour in italy, second activity in BrindisiRiconosciuto a livello internazionale negli ultimi quattro decenni come un virtuoso di prim’ordine, la sua superba padronanza tecnica tanto della chitarra acustica quanto di quella elettrica, e le sue peculiari doti di compositore gli hanno valso un posto di primissimo piano nell’odierno panorama musicale, anche grazie al suo ruolo pionieristico nella linea che punta a mescolare, contaminare, e fondere, tradizioni e culture musicali dei più diversi paesi e continenti.
Nato il 22 luglio 1954 nel New Jersey, sin dall’adolescenza ha mostrato le sue uniche doti interpretative, accompagnate da un costante impegno di studio; alla formazione musicale avviata al Berklee College of Music di Boston si è quasi subito affiancato l’inizio degli impegni accanto ad altri musicisti nei piccoli clubs del Greenwich Village, preludio ad una straordinaria carriera.
Virtuoso al più alto livello, “eroe” della chitarra, negli ultimi trent’anni Al Di Meola è noto anche da tempo come prolifico compositore e figura leader di numerosissime incisioni discografiche con gruppi e formazioni diverse: “Tour de Force”, il Trio con John McLaughlin e Paco de Lucia (attivo tra il 1980 e il 1995), quello con Stanley Clark e Jean-Luc Ponty, e negli anni Settanta “Return to Forever” con Chick Corea, Stanley Clarke e Lenny White.
Nel 2008, a 25 anni di distanza, il formidabile quartetto si è riunito per una tournée di oltre 50 date negli Stati Uniti immortalato nel DVD “Live in Montreux”.
Di Meola ha succesivamente collaborato con artisti del calibro di Manuel Barrueco, Paul Simon, Phil Collins, Carlos Santana, Steve Winwood, Wayne Shorter, Tony Williams, Herbie hancock, Gonzalo Rubalcaba, Milton Nascimento, Egberto Gismondi, Stevie Winwood, Les Paul, Jiimy Page, Frank Zappa e con le star italiane Luciano Pavarotti e Pino Daniele.
Pioniere del jazz e della world music fin dal 1976 (con “Land of the Midnight Sun”), continua ad esplorare il territorio della musica fusion seguendo le influenze del flamenco, del tango e della musica mediorientale, brasiliana e africana con la sua World Sinfonia, un ambizioso gruppo multietnico, formato nel 1991, incidendo dischi di grande successo come “La Grande Passion” ( 2000), “Rhapsody” ( 2011) e “Morocco Fantasia” ( 2012) registrato live al Mawazine Festival di Rabat con ospiti speciali come Chraibi all’oud, Abdellah Meri al violino e Tari Ben Ali alle percussioni.
Negli ultimi vent’anni (a partire da “Di Meola plays Piazzolla”, 1990) la sua attenzione si è focalizzata con particolare interesse sulle musiche per tango del grande compositore argentino, del quale Di Meola riconosce l’influenza sul suo percorso artistico, e di cui fu a lungo amico.
Nel 2013 dedica un vero tributo ai Beatles con il CD “All your life”, un progetto interamente dedicato ai mitici Fab Four registrato negli altrettanto mitici Abbey Road Studios di Londra, dove si respira ancora l’aria dei baronetti di Liverpool.
Melodie, arpeggi e virtuosismi straordinari nella rilettura di brani come “Penny Lane”, “Michelle”, “Eleanor Rigby” e “Blackbird” che soddisferanno sia gli amanti dei Beatles che gli estimatori del grande chitarrista.
“Realizzare questo disco è stato come chiudere un cerchio – ha raccontato il grande chitarrista americano – Ho iniziato a fare musica amando i Beatles e non ho mai più smesso. E come me molti moltissimi altri musicisti della mia generazione”.
La sua straordinaria carriera gli ha già garantito un posto speciale nella “Gallery of Guitar Greats”.
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

9 marzo, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Chitarristi, Concerti, Italia, Jazz, Musica, Napoli, Regioni, Sale da concerto | , , , | Lascia un commento

Domenica 25 gennaio la stagione dell’Associazione Alessandro Scarlatti ospita il duo formato dal violoncellista Mario Brunello e dal pianista Uri Caine

Logo Associazione Scarlatti 2014-2015
Domenica 25 gennaio 2015, nell’Auditorium di Castel Sant’Elmo , alle ore 20.30, uno dei massimi pianisti jazz dei nostri giorni, noto per le sue riletture del repertorio classico, Uri Caine, si presenta per la prima volta al pubblico della Associazione Alessandro Scarlatti in compagnia di una vecchia conoscenza, il violoncellista Mario Brunello.
Due musicisti di forte personalità che hanno lavorato per la prima volta insieme intorno alla costruzione di un programma intitolato “Bach Networks”, che alterna Suite per violoncello solo e Sonate a composizioni ed improvvisazioni del compositore e pianista jazz statunitense.
Non a caso Bach, come molti celebri autori del passato, era un grande improvvisatore.
Lo era per brillante intelligenza, per qualità di sensazioni e per somma esperienza del suo campo.
Improvvisare, infatti, non significa creare dal nulla: vuol dire sintonizzarsi su quel flusso di energia che al momento giusto sgorga dall’interiorità, crogiolo in cui si fondono caratteristiche innate ed esperienza personale, si interiorizzano le norme del creare, gli si affida intimo significato.
Da questa fonte deriva appunto la ricchissima pulsione vitale che la musica più grande ci comunica.
Freud collocava nel preconscio questo crogiolo, luogo di confine e di incontro tra le forti sensazioni provenienti dall’inconscio, dei sensi e della coscienza.
Ogni creazione è dunque in parte improvvisata, voluta ma non tutta coscientemente scelta, afferrata al momento del suo emergere.
In questo compromesso sta la camaleontica originalità del suo essere nella storia. Rendere omaggio a J. S. Bach, oltre che con le sue opere, con l’improvvisazione, come accade in questo concerto, significa rendere omaggio all’energia stessa che ce le ha donate.

Amante delle sfide, delle scoperte e degli scambi di emozioni, Mario Brunello, è il primo italiano ad aver trionfato nel 1986 al Concorso Čiajkovskij di Mosca, calcando da allora le scene di tutto il mondo e non solo: è da anni il più assiduo ospite de “I Suoni delle Dolomiti”, l’innovativo festival dove amanti della musica e della montagna, musicisti e pubblico, partono a piedi dal fondovalle fino a raggiungere radure e conche nei pressi dei rifugi, teatri naturali in cui la musica viene proposta in piena sintonia con l’ambiente circostante

Uri Caine è uno degli “architetti” più intelligenti e sensibili della musica d’oggi, un geniale alchimista, che compone in modo originale ripartendo dal passato prossimo del grande jazz come da quello più remoto della musica classica, capace di rileggere i repertori di ogni epoca con intelligenza, cultura, humour.
Il suo jazz è una miscela di musica classica, rock ed elettronica.
Nato nel 1956 a Philadelphia, dove ha cominciato a studiare pianoforte con Bernard Peiffer, brillante pianista che richiedeva al giovane allievo una nuova composizione ogni settimana per poi rielaborarla, estenderla, deformarla e arricchirla.
Tale approccio si è rivelato basilare nello sviluppo non solo della tecnica sulla tastiera ma anche della teoria.

Costo del biglietto

Platea I settore: 25 Euro
Platea II settore: 20 Euro
Platea III settore
Intero: 15 Euro
Giovani: 8 Euro
Last minute: 3 Euro (giovani al di sotto dei 25 anni, biglietti messi in vendita un’ora prima del concerto)

Per informazioni:
www.associazionescarlatti.it;
info@associazionescarlatti.it
Infoline: 081 406011

_________________________________________________________

Domenica 25 gennaio, ore 20.30 – Auditorium di Castel Sant’Elmo
Bach Networks
Mario Brunello, violoncello
Uri Caine, pianoforte

J. S. Bach
Suite n. 3 per violoncello solo BWV 1009
Sonata n. 1 in sol maggiore BWV 1027

U. Caine: Improvvisazione per pianoforte

J. S. Bach: Sonata n. 2 in re maggiore BWV 1028

U. Caine: Invenzione per violoncello e pianoforte

J. S. Bach: Sonata n. 3 in sol minore BWV 1029

Mario Brunello
Mario BrunelloNel 1986 è il primo artista italiano a vincere il Concorso Čaikovskij di Mosca che lo proietta sulla scena internazionale. Viene invitato dalle più prestigiose orchestre, tra le quali London Philharmonic, Munich Philharmonic, Philadelphia Orchestra, Mahler Chamber Orchestra, Orchestre Philharmonique de Radio-France, DSO Berlin, London Symphony, NHK Symphony di Tokyo, Kioi Sinfonietta, Filarmonica della Scala, Accademia di Santa Cecilia; lavora con direttori quali Valery Gergiev, Sir Antonio Pappano, Yuri Temirkanov, Manfred Honeck, Riccardo Chailly, Vladimir Jurowski, Ton Koopman, John Axelrod, Riccardo Muti, Daniele Gatti, Myung-Whun Chung, Seiji Ozawa.
Brunello si presenta sempre più di frequente nella doppia veste di direttore e solista dal 1994, quando fonda l’Orchestra d’Archi Italiana, con la quale ha una intensa attività sia in Italia che all’estero.
Nell’ambito della musica da camera collabora con celebri artisti, tra cui Gidon Kremer, Yuri Bashmet, Martha Argerich, Andrea Lucchesini, Frank Peter Zimmermann, Isabelle Faust, Maurizio Pollini, Valery Afanassiev e l’Hugo Wolf Quartett.
Nella sua vita artistica riserva ampio spazio a progetti che coinvolgono forme d’arte e saperi diversi (teatro, letteratura, filosofia, scienza), integrandoli con il repertorio tradizionale.
Interagisce con artisti di altra estrazione culturale, quali Uri Caine, Paolo Fresu, Marco Paolini, Stefano Benni, Gianmaria Testa, Margherita Hack, Moni Ovadia e Vinicio Capossela.
Attraverso nuovi canali di comunicazione cerca di avvicinare il pubblico a un’idea diversa e multiforme del far musica, creando spettacoli interattivi che nascono in gran parte nello spazio Antiruggine, un’ex-officina ristrutturata, luogo ideale per la sperimentazione.
I diversi generi artistici si riflettono nell’ampia discografia che include opere di Vivaldi, Bach, Beethoven, Brahms, Schubert, Franck, Haydn, Chopin, Janáček e Sollima. Deutsche Grammophon ha pubblicato il Triplo Concerto di Beethoven diretto da Claudio Abbado e EGEA Records ha dedicato all’artista la collana “Brunello Series” composta da cinque Cd: “Odusia”, odissea musicale nella cultura del Mediterraneo, “Brunello and Vivaldi”, “Violoncello and” per violoncello solo, “Schubert e Lekeu” con Andrea Lucchesini e le Suites di Bach (Premio della Critica 2010).
Il suo ultimo disco, per EMI, contiene la registrazione live del Concerto di Dvořák con l’Accademia di Santa Cecilia e Antonio Pappano.
Tra i principali impegni della stagione 2014-15 un lungo tour in Giappone dove terrà recital per violoncello solo, con pianoforte e concerti con orchestra.
Alla Kioi Hall di Tokyo presenterà l’integrale delle Sonate e Variazioni di Beethoven con Andrea Lucchesini, mentre nelle principali sale del Giappone e della Cina sarà solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia diretta da Antonio Pappano con il Concerto di Dvořák.
“Bach Networks” è il titolo del nuovo progetto ideato con Uri Caine che sarà presentato in varie sale italiane.
Brunello sarà artista residente dell’Orchestra della Svizzera Italiana, solista con la Mahler Chamber Orchestra e ritornerà al Teatro La Fenice di Venezia nel doppio ruolo di direttore e solista.
Mario Brunello ha studiato con Adriano Vendramelli, perfezionandosi in seguito con Antonio Janigro.
È direttore musicale del festival “Artesella arte e natura” e Accademico di Santa Cecilia. Suona il prezioso violoncello Maggini dei primi del Seicento appartenuto a Franco Rossi

Uri Caine
Uri CaineÈ uno degli “architetti” più intelligenti e sensibili della musica d’oggi, un geniale alchimista, che compone in modo originale ripartendo dal passato prossimo del grande jazz come da quello più remoto della musica classica, capace di rileggere i repertori di ogni epoca con intelligenza, cultura, humour. Il suo jazz è una miscela di musica classica, rock ed elettronica.
Nato nel 1956 a Philadelphia, dove ha cominciato a studiare pianoforte con Bernard Peiffer, brillante pianista che richiedeva al giovane allievo una nuova composizione ogni settimana per poi rielaborarla, estenderla, deformarla e arricchirla.
Tale approccio si è rivelato basilare nello sviluppo non solo della tecnica sulla tastiera ma anche della teoria.
Quando si iscrive all’università, Caine è già coinvolto nella scena jazzistica della sua città. Trasferitosi a New York incide i primi due dischi come solista, Sphere music nel 1993 e Toys nel 1995.
Il secondo contiene una citazione dalla Prima Sinfonia di Mahler che porta Caine a immergersi profondamente nella musica del grande compositore.
Nel 2003 è direttore di una memorabile edizione della Biennale di Venezia dove presenta The Othello Syndrome, un lavoro di variazioni liberamente tratte dall’opera di Verdi la cui registrazione di Winter&Winter viene nominata ai Grammy Awards di Los Angeles come migliore album di musica classica/crossover del 2008 e ottiene il premio Echo Klassik 2009.
Tra i suoi progetti recenti, ricordiamo una composizione sugli orrori della guerra, per il Festival di Granada, un’opera musicale ispirata alle opere di Goya; una tournée delle Variazioni Diabelli con l’Orchestra Regionale Toscana e l’Orchestra Toscanini, Berio Project, per Ravenna Festival, la prima esecuzione del programma Wagner e Venezia presso il Festival tedesco di Potsdam, programma che è stato replicato al festival di Ravello, una commissione per Suoni delle Dolomiti per orchestra d’archi e pianoforte, una nuova composizione con il Quartetto Arditti, dal titolo Twelve Caprices e Moonsongs, scritto per celebrare i 100 anni della prima esecuzione del Pierrot Lunaire di Schoenberg, eseguito al Konzerthaus di Vienna e a Modena, e infine Rhapsody in Blue di Gershwin commissionato dall’Orchestra WDR di Colonia, che ha avuto la sua prima nazionale ad Imola per il festival jazz Crossroads nel 2014.
La sua discografia, ampia e ricca di opere importanti, alcune riconosciute come pietre miliari, viene indicata come snodo fondamentale della storia musicale contemporanea.
Sonic Boom, duo con Han Bennink, Rhapsody in Blue con la voce di Theo Bleckmann e Callithump sono i titoli delle incisioni più recenti.
______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

19 gennaio, 2015 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Associazioni Musicali, Auditorium Castel S. Elmo, Campania, Concerti, Italia, Jazz, Musica, Musica classica, Napoli, Pianisti, Regioni, Sale da concerto, Violoncellisti | , , , | Lascia un commento

Venerdì 21 novembre alla Casina del Principe di Avellino “Napolinjazz” con Marina Bruno, Salvatore Santaniello, Giuseppe Di Capua, Francesco Angiuli e Gianfranco Manna

napolinjazz
Uno spettacolo nuovo dedicato a una città senza tempo alla Casina del Principe di Avellino, venerdì 21 novembre, alle ore 20.
Napolinjazz il titolo della serata, perché sarà proprio il jazz la chiave di lettura di un universo musicale conosciuto e cantato in tutto il mondo.
Le più belle canzoni di Napoli saranno interpretate da Marina Bruno, una cantante dalla vocalità solare.
La affiancheranno quattro musicisti, docenti e laureati del corso di jazz del Conservatorio “Domenico Cimarosa”, con i quali rivisiterà i grandi capolavori della musica partenopea in chiave jazz.
Le splendide melodie dei classici napoletani si prestano magnificamente ad una rilettura elegante e sofisticata, tipica del mondo jazzistico, generando nuovi capolavori, elevati al livello di “standards” internazionali.

Tra le songs in programma “Voce ‘e notte”, “Maruzzella”, “Rumba degli scugnizzi”, “I’ te vurria vasà”, “Passione”, “Funiculì funiculà”, spesso pesantemente “virate” ed ibridate con altri famosi standards strumentali, quasi con l’intento di eliminare la scontata oleografia con la quale tocca confrontarsi ogni volta che si interpretano brani così noti.

Un concerto che esplora nuove strade e non cerca facili consensi, ma prova a creare atmosfere intense, da vero jazz club.
Autori delle elaborazioni musicali il M° Giuseppe Di Capua ed il M° Salvatore Santaniello, docente e capo del dipartimento di jazz del Conservatorio “D. Cimarosa” di Avellino.
Sulla scena Marina Bruno (voce); Salvatore Santaniello (sax); Giuseppe Di Capua (pianoforte); Francesco Angiuli (contrabbasso) e Gianfranco Manna (batteria).

Non dimentichiamo, però, che si avvicina il grande evento che vedrà esibirsi sabato 22, alle 19.30 in un concerto straordinario la cantante Carmen Giannattasio, insieme all’Orchestra del Conservatorio Cimarosa diretta da Carmine Santaniello, proprio dal palco dell’Auditorium dell’Istituto Musicale per celebrare l’apertura dell’anno accademico 2014/2015.

Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Conservatorio di Avellino

______________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

17 novembre, 2014 Posted by | Agenda Eventi, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Jazz, Musica | , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: