MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Martedì 15 luglio la rassegna del Conservatorio di Avellino “All’ombra del Castello” chiude con il concerto dell’organista Giorgio Muto

Manifesto all'ombra del castello 2014
Si chiude con Giorgio Muto la manifestazione del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino “All’ombra del Castello”.
Martedì 15 luglio, alle ore 20.00, nell’Auditorium il maestro eseguirà un concerto d’organo su musiche di Frescobaldi, Bruhns, Bach, Saint-Saëns e Franck.
Giorgio Muto, docente del Cimarosa, iniziò a studiare musica a soli 7 anni, mostrando una grande versatilità.
Studiò Canto Gregoriano presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra, ma anche pianoforte e contra ppunto, spaziando fino alla Direzione di Coro e alla Musica Jazz.
Oggi insegna Teoria e Formazione Audiopercettiva.
Girolamo Frescobaldi fu il più grande compositore per clavicembalo del XVII secolo.
Introdusse la vocalizzazione nel suono degli strumenti musicali al fine di evocare gli affetti degli ascoltatori, sensibili fino ad allora solo alle proposte dei cantanti, dando così maggiore dignità all’esecuzione strumentale.
L’organista tedesco Nicolaus Bruhns fu coevo di Frescobaldi.
Johann Sebastian Bach, di poco posteriore ai due precedenti, è considerato uno dei più grandi geni della storia della musica.
Riuscì a fare una sintesi degli stili italiano e tedesco, unificando anche le tendenze compositive della sua epoca.
Le sue composizioni restarono a lungo appannaggio dei migliori esecutori a causa della loro complessità e perciò fu meno noto al grande pubblico rispetto a compositori suoi contemporanei.
Saint-Saëns fu un uomo del suo tempo. Vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo, mostrò una grande versatilità di interessi che spaziavano dalla musica alle scienze all’astrologia, pur restando legato ai canoni classici della Musica.
Abbiamo sentito il suo Concerto n. 5 in fa maggiore op.103 “Egiziano” dalle mani di Aldo Ciccolini nella prima serata.
Una delle figure più importanti del panorama musicale francese della seconda metà del XIX secolo fu l’organista belga César Franck.
La sua influenza sulla musica strumentale del suo tempo riguardò la forma ciclica utilizzata per dare coesione alle composizioni musicali.

Comunicato a cura dell’Ufficio Stampa del Conservatorio di Avellino
cell.: 393 5837525

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

imagesSu Twitter: @Music_Ar_teatro

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

ascoltalo GRATIS su:SPO

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirliclikka qui

Annunci

12 luglio, 2014 Posted by | Agenda Eventi, All'ombra del castello, Avellino, Campania, Concerti, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Rassegne, Regioni | , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: