MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Venerdì 4 ottobre “Piano City Napoli 2013” si inaugura con la sfida fra un pianista ed un robot

Teo Tronico e Roberto Prosseda
Venerdi 4 ottobre, alle ore 18.00, presso il Complesso Monumentale di San Domenico Maggiore, inaugurazione di “Piano City Napoli 2013” con un concerto-sfida alla tastiera: pianista-umano contro pianista-robot.
Il dibattito sul ruolo dell’interprete è aperto da molti decenni, e si è spesso discusso su quanto un interprete possa spingersi verso un’interpretazione personale-creativa-arbitraria della
partitura.
Questo concerto-sfida è finalizzato a svecchiare il recital pianistico e a dare al pubblico maggiori stimoli per un ascolto più consapevole, critico e partecipato.

Il programma è diviso in tre parti.
Nella prima, la sfida vera e propria, Roberto Prosseda e il robot Teo Tronico si alterneranno al pianoforte, eseguendo gli stessi brani.
Il robot suonerà in modo “robotico”, riproducendo letteralmente la partitura, così da evidenziare le differenze tra una mera riproduzione e una più libera interpretazione.
La seconda parte vedrà il robot impegnato ad incarnare interpretazioni di grandi pianisti del passato, (Rachmaninoff, Busoni, Hoffman), riproducendone le incisioni su rullo.
Il dibattito estetico quindi si sposterà sulla storia dellʼinterpretazione pianistica, offrendo ascolti di rarissima reperibilità e spunti critici per considerare lʼevoluzione dellʼinterpretazione pianistica negli ultimi 100 anni.
Nella terza ed ultima parte il robot eseguirà musiche originali per player-piano, come lʼEtude per pianola di Strawinsky, alcuni studi di Conlon Nancarrow e due brani scritti appositamente per Teo Tronico da Nicola Campogrande e Stefano Ianne.

Ingresso libero

Maggiori informazioni nei seguenti link:
www.pianocitynapoli.it
www.facebook.com/pianocitynapoli
www.youtube.com/pianocitynapoli
www.twitter.com/pianocitynapoli

________________________________________

Programma

Parte prima: la sfida. Il robot riproduce file midi “robotici”.
Ogni brano viene suonato subito dopo da Roberto Prosseda.

1. Chopin: Notturno op. 9 n. 2 in Mi bemolle maggiore
2. Scarlatti: Sonata K 427
3. Mozart: Marcia turca
4. Chopin: op. 25 n. 2

Parte seconda: il robot suona midi umanizzati (incisi da pianisti umani)

5. Liszt: Studio Trascendentale n. 5 “Fuochi Fatui” (Midi live)
6. Volo del calabrone (rullo di Rachmaninoff)
7. Mendelssohn: La Filatrice (rullo di Rachmaninoff)
8. Joplin: Maple Leaf Rag (rullo)
9. Liszt: La Campanella (rullo di Busoni)
10. Chopin: Valse op 64 n. 1 (rullo di Hoffman)

Parte terza: il robot suona brani per player piano.

11. Strawinsky: Etude per pianola (1915)
12. Nancarrow: Studio n. 2a e n. 7 per player piano
13. Ligeti: Studio n. 14a per player piano
14. Campogrande: Casorati Groove (2012)
15. Ianne: Rain Again (2012)

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

3 ottobre, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Campania, Concerti, Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Napoli, Pianisti, Regioni | , , , , , | Lascia un commento

Venerdì 4 ottobre l’ “Autunno in musica” del Conservatorio di Avellino parte con il recital del pianista Antonio Di Palma

Joseph Ascher

Joseph Ascher

Tutto pronto per la partenza della rassegna “Autunno in musica – I concerti di ottobre”.
Venerdì 4 ottobre, alle 19.30, nell’Auditorium del Conservatorio “Domenico Cimarosa” di Avellino , sarà il Recital pianistico di Antonio Di Palma ad aprire la serie di concerti dedicati a questa stagione.
Un’occasione di riguardo questa che vedrà esibirsi il virtuoso vicedirettore del Cimarosa con brani di Mozart, Beethoven e Ascher.
Se i primi due compositori sono noti al grande pubblico, il terzo è un assaggio da intenditori, come ci spiega il maestro Di Palma. “La scelta di proporre Joseph Ascher per aprire la rassegna è nata quasi per caso, quando ho avuto tra le mani le pagine che andrò a proporre e me ne sono letteralmente innamorato. Con questi brani, il compositore ha dato, infatti, una lettura in chiave pianistica della Traviata di Verdi restituendo una visione contemporanea di quella che diventò uno dei maggiori successi del genio di Busseto, commentandola con il suo strumento per proporla a corte e nei salotti buoni della Francia del tempo. Il Gran Capriccio, in programma, in particolare, appare scritto con tutto il cuore dall’autore, pur non avvicinandosi alle parafrasi fatte all’opera verdiana da Liszt o Thalberg. Si tratta, oltretutto, di un omaggio a Verdi, di cui ricorre il bicentenario dalla nascita, attraverso un’opera quasi mai eseguita del virtuoso compositore e pianista personale dell’imperatrice consorte Eugenia di Francia, moglie di Napoleone III e di cui non si trova nulla su YouTube. La composizione richiama i temi principali di Traviata, miscelandoli con effetti a sorpresa, il che risulta all’ascolto particolarmente interessante”.

E, sulla novità musicale proposta dal Conservatorio, per volontà del direttore Carmine Santaniello, in omaggio all’autunno è ancora Di Palma a fare un commento. “Questa rassegna è diversa dalle altre già proposte da alcuni anni dal Cimarosa: offre una panoramica di repertori che caratterizza in qualche modo l’Istituzione. Come è stato già ricordato dal coordinatore delle attività artistiche Carmelo Columbro, il nostro Conservatorio vanta un’ottima tradizione pianistica che parte dal primo direttore Vincenzo Vitale e passa per tanti grandi come Laura De Fusco, Francesco Nicolosi, Carlo Alessandro Lapegna, Gianluca Di Donato, Sandro De Palma e tanti altri pianisti di fama. Per cui iniziare con questo strumento era quasi un obbligo”.

L’appuntamento si prospetta interessante, vista l’offerta di perle musicali che sono state inserite nel programma dagli organizzatori.
Alla prima serata seguirà, infatti: venerdì 18 ottobre “Omaggio a L. Boccherini”, di cui verranno eseguiti i quintetti con chitarra da Gianluigi Giglio, Lucio Matarazzo, Stefano Magliaro e Aligi Alibrandi, e il quartetto d’archi suonato da Mario Dell’Angelo, Antonio Salerno, Simone Basso e Danilo Squitieri; mercoledì 23 ottobre, sarà la volta di “Rarità cameristiche del primo Romanticismo”, concerto eseguito dall’Ensemble da camera del Cimarosa, con Massimo Testa, Simone Basso, Mattia Mennonna, Danilo Squitieri, Vincenzo Lo Conte e Pierfrancesco Borrelli su musiche di J. N. Hummel e F. Mendelssohn-Bartholdy; per finire, venerdì 25 ottobre ancora una serata dedicata al pianoforte con Massimo Severino che interpreterà Chopin e Rachmaninov.

per info
Ufficio Stampa
3935837525

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

1 ottobre, 2013 Posted by | Agenda Eventi, Avellino, Campania, Conservatori di Musica, Conservatorio "D. Cimarosa", Italia, Musica, Musica classica, Musica da camera, Pianisti, Regioni | , , , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: