MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Concerti a Napoli dall’11 al 17 giugno

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Gaetano Fusella

Questi i concerti della prossima settimana:

Martedì 12 giugno, alle ore 20.30, al Teatro di San Carlo, per la stagione sinfonica (Turno S), concerto dell’Orchestra del Teatro di San Carlo, diretta da Roberto Abbado, con la partecipazione del baritono Markus Werba, del tenore Mario Zeffiri e dell’attore Toni Servillo

Programma

H. Berlioz:
Symphonie Fantastique
Lélio, o Il ritorno alla vita Op. 14b

Costo del biglietto
Intero: da 90 a 35 Euro
Ridotto: da 80 a 30 Euro (titolari Carte dei programmi di Membership, gruppi di almeno 10 persone membri di enti, CRAL ed associazioni convenzionati con il Teatro di San Carlo)
Giovani under 30 (palchi laterali): 20 Euro
_________________________________________________________

Giovedì 14 giugno, alle ore 20.30, a Villa Pignatelli, per la rassegna Maggio dei Monumenti-Maggio della Musica, concerto del pianista Filippo Gamba

Programma

F. Schubert: Sonata in la minore D 537

J. Brahms
Tre intermezzi, op. 117
Sette fantasie, op. 116

Costo del biglietto
Intero: 20 Euro
Ridotto: 15 Euro
_________________________________________________________

Venerdì 15 giugno, alle ore 19.30, nella Basilica di Santa Restituta al Duomo, l’Associazione Alessandro Scarlatti, propone un concerto degli “Angiulilli di Napoli”, diretti da Rosario Totaro ed accompagnati al pianoforte da Salvatore Biancardi, con la partecipazione dell’attore Luca Saccoia, del soprano Angela Luglio di Domenico Luciano (sassofono e clarinetto) e del percussionista Marco Mercurio.

In programma l’opera musicale “Un bambino di nome Gennaro” di Gaetano Panariello su testi di Panariello e Mariapia Candreva

Ingresso libero
_________________________________________________________

Sabato 16 giugno, alle ore 19.00, nella Sala Scarlatti del Conservatorio di Napoli, per “I Venerdì Musicali”, presentazione del libro “Miss Sarajevo” di Bill Carter e concerto dell’Ensemble Marco Sannino

Ingresso libero
_________________________________________________________

Domenica 17 giugno, alle ore 19.30, nel Duomo di Napoli, per la rassegna “Organi storici della Campania”, organizzata dall’ Associazione Alessandro Scarlatti, concerto di Angelo Castaldo

Programma

G. Cotrufo: Sonata per organo op. 52 (revisione critica a cura di Angelo Castaldo)

L. Vierne: Sinfonia n. 3 in fa diesis minore

J. Langlais: Suite médiévale

Ingresso libero
_________________________________________________________

Domenica 17 giugno, alle ore 20.30, presso il Grand Hotel Cocumella (S. Agnello di Sorrento), nell’ambito della rassegna “Doppio Gioco”, organizzata dal Grand Hotel Cocumella in collaborazione con il Centro di Musica Antica Pietà dei Turchini, concerto del duo formato da Umberto Maisto (chitarra) e Francesca Iovine (voce recitante)

In programma musiche di Cordero, Pujol, Llobet, Turina, Granados

Costo del biglietto
15 Euro (con aperitivo a partire dalle 19.30)
50 Euro (con cena dopo il concerto)

Navetta da Napoli a 10 Euro se si raggiunge il numero minino di 19 persone

Prenotazioni e informazioni:
tel. 081-8782933
e-mail: direzione@turchini.it

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

10 giugno, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Associazione "A. Scarlatti", Concerti, Musica, Musica classica, Musica da camera, musica sinfonica, Napoli, Teatro San Carlo | , , | Lascia un commento

Dal 10 giugno ‘E feste ammare di Antonella Monetti al Napoli Teatro Festival Italia

Foto Kio

Dopo il successo dello scorso anno con lo spettacolo in barca a vela Otello e Iago, Antonella Monetti presenta al Napoli Teatro Festival Italia dal 10 giugno (con repliche 11,12,13,14,15,16,17, alle ore 21) al Molo Cappellini di Nisida, ‘E feste ammare ispirato a un classico di Raffaele Viviani “Napoli in frac”.
La struggente attualità dell’opera di Viviani si offre allo spettatore con quadri teatrali che rispecchiano le immutate condizioni dell’oggi e sembrano quasi rinfacciare le occasioni di svolta che la nostra città ha disatteso.
Attraverso questa lente sembra proprio che Napoli abbia da sempre mancato alle sue vocazioni “naturali” di città, essendo ancor oggi carente in certe cose basilari: innanzitutto nelle condizioni igienico sanitarie, nelle opportunità di lavoro, nella cittadinanza responsabile, nell’accoglienza del visitatore, nella tutela del suo patrimonio umano ed artistico.
Di tanto in tanto però, la svolta si tenta, il filo si spezza, ci si ritrova in piazza a reclamare, gli amministratori cambiano, si spera questa volta di riuscire… ma nessun potere finora è riuscito ad imprimere il famigerato nuovo corso.
La sua necessità ciclicamente infervora, il suo sogno inorgoglisce e attraverso la sua evocazione si riesce a veicolare qualsiasi speculazione, qualsiasi inganno.
Nel 1926 l’ingegnere igienista Gustavo Giovannoni viene nominato “alto commissario alla rinascita della grande Napoli”; siamo nel pieno del ventennio fascista e in tutte le città d’Italia fervono grandi lavori per la realizzazione di opere che testimonino la grandezza del regime.
Il “risanamento” a Napoli era iniziato una cinquantina d’anni prima, dopo l’epidemia di colera del 1884, ma, nonostante le migliori intenzioni iniziali, aveva legittimato la parcellizzazione del territorio favorendo l’avallo di progetti non omogenei tra loro e creando una sorta di “zonizzazione delle classi sociali”. Infatti, i costi per la realizzazione degli impianti fognari e le ingenti quote di investimenti privati, portarono alla realizzazione di quartieri signorili che i proletari dei quartieri popolari non poterono permettersi.

“… un’opera che doveva essere destinata a profitto degli abitanti delle più fetide abitazioni della città (i bassi), si risolse in un macroscopico inganno proprio a danno di queste popolazioni…” (E. Manzo)

Bagnoli, isolotto di Nisida, litorali elitari, ancora vietati all’usufrutto cittadino, appalto di fallimentari istituzioni post industriali, caserme, carceri, spiagge negate: un mare che non bagna né Napoli né i napoletani.
Incantevole lo specchio di mare che divide Nisida dalla terraferma, da una parte la rupe di Posillipo, dall’altra il costone di tufo dell’isola, base nautica della polizia penitenziaria. Molo Cappellini (l’avevamo mai sentito nominare?): è qui che porteremo in scena l’antologia teatral musicale tratta da Napoli in Frack di Raffaele Viviani: una visita guidata alle bellezze della città con accompagnamento teatrale di ritratti urbani (solisti e corali) vivianeschi tratti da Santa Lucia Nova, Festa di Piedigrotta, Porta Capuana, Piazza Ferrovia.
Protagonisti di questo spettacolo sono dunque in primis la città di Napoli come territorio conteso tra le classi sociali, la sua vocazione (mancata da sempre) all’ospitalità verso il visitatore e il suo rapporto scellerato con i propri artisti, da sempre figliastri, a volte accattoni.

REPLICHE
11, 12, 13, 14, 15, 16, 17 giugno
ore 21.00

‘E FESTE A MMARE

Spettacolo antologico di versi prosa e musica
tratti dalle opere di Raffaele Viviani
Progetto e regia Antonella Monetti
Direzione musicale e arrangiamenti Riccardo Veno
Coreografie Anna Redi
Allestimenti Marco Mazzocchi
Costumi Daniela Salernitano
Disegno luci Paco Summonte
Fonica Cesare Gardini
Organizzazione Linda Martinelli
Produzione Fondazione Campa nia dei Festiva l – Napoli Teatro Festival Italia
in coproduzione con Chiaradanza
in collaborazione con Istituto Penale per Minori di Nisida

con
Salvatore Cantalupo Il prestigiatore, il guappo Aitano, il cantante di pianino
Antonello Cossia L’avvocato Torre, Don Ciro il cravattaio, Domenico
Dario Eduardo De Falco L’avvocato Sabatello, Totore
Daniele Mango Il cantante dalla bella voce, Riccetiello
Ambra Marcozzi La bella ballerina, Concettina
Antonella Monetti La posteggiatrice Dolores Melodia, Nannina
Anna Redi Il mendicante, donna Rosa
Gianni Simioli Il presentatore, Mimì di Montemurro

Riccardo Veno Bebè il Cocainomane, sax soprano
Riccardo Frulio Flauto
Bruno Sepe Clarinetto
Raffaele Carotenuto Trombone
Mario Romano Chitarra
Martina Mollo Fisarmonica
Ciro Imperato Contrabbasso
Leonardo De Lorenzo Batteria e percussioni
con la partecipazione dei ragazzi del laboratorio di teatro a cura di Veria
Ponticiello dell’Istituto Penale per minori di Nisida: Antonio, Dragana,
Luca, Mario, Raffaele, Roberto
Assistente alla regia Antimo Campanile
Tattoo Mary Samele

Si ringrazia il Provveditorato Regionale della Campania, il Dipartimento Amministrazione Penitenziaria, il Dipartimento Giustizia Minorile, i Sovrintendenti Luigi Grillo e Procolo Chiocca, Gino Sorbillo della
storica pizzeria di via Tribunali, Stefano Ferrara Forni S.r.l., Forni a legna artigianali – Neapolitan hand made brick ovens
Ringraziamenti speciali a: Giulia Saciko Gomez, Giuliano Longone, Valeria Parrella, Davide Iodice, Marzia Dalesio, Cyop & Kaf, Mauro Mascolo, Gaetano Cozzuto, Gianluca Fusco, Nicola Laieta, Mary Samele, Mattia Doto, Sandro Amatucci, Ilaria Ceci, Amleto Casolari, Fortuna Mosca

Ufficio stampa
Napoli Teatro Festival Italia
t. +39 081 19560383

Raffaella Tramontano: +39 392 8860966

Viola Tizzano: +39 339 8146592

Ivan Morvillo: +39 393 9687733

Valeria Prestisimone: +39 339 2082696

Melina Chiapparino: +39 389 4353167

Valentina Orellana: +39 366 6210582

__________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

10 giugno, 2012 Posted by | Agenda Eventi, Napoli, Teatro | , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: