MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Il Seicento napoletano di Pietro Antonio Giramo al centro dell’entusiasmante concerto conclusivo dello Scarlattilab

Da sinistra verso destra Cristina Grifone, Leslie Visco, Maddalena Pappalardo, Silvia Tarantino (soprani), Candida Guida e Enrico Vicinanza (contralti) - Foto Giovanni Caiazzo

Terzo ed ultimo appuntamento dello Scarlattilab, progetto dell’Associazione Alessandro Scarlatti legato al repertorio barocco, concepito per mettere in evidenza i talenti dei Conservatori di Napoli, Bari e Cosenza, affidato alla direzione artistica di Antonio Florio e Dinko Fabris.
Al centro della serata, svoltasi nella splendida chiesa dei Santi Marcellino e Festo, “Il pazzo, la pazza e l’hospedale de’ pazzi” di Pietro Antonio Giramo, attivo a Napoli nella prima metà del Seicento.
Alla base del lavoro, felice connubio fra musica e commedia dell’arte, vi era un classico come la pazzia amorosa, nelle sue molteplici sfaccettature, descritte in brevi ed efficaci quadretti.
Dopo un’apertura dedicata a “Il pazzo a voce sola”, che vedeva impegnati i due contralti, faceva seguito il clou del programma, consistente ne “L’hospedale de’gl’infermi d’amore”.
In esso l’ “hospedaliere” accoglieva una serie di degenti che gli si presentavano in successione, e dava loro preziosi consigli curativi, in una gustosa carrellata che comprendeva varie tipologie, dall’ “amante ferito” all’ “amante geloso”, passando per altri casi umani quali l’ “amante povero” e l’ “amante vecchio”.
La chiusura era invece affidata a un duetto fra soprani, caratterizzato da un testo, anticipatore dell’opera buffa del Settecento, dove trovava posto anche il dialetto, che precedeva il gran finale, un elogio della pazzia al quale partecipava tutto il sestetto protagonista del concerto.
Uno sguardo, ora, agli interpreti, cominciando dal gruppo dei cantanti, formato dai soprani Cristina Grifone, Maddalena Pappalardo, Silvia Tarantino e Leslie Visco e dai contralti Candida Guida ed Enrico Vicinanza, tutti bravissimi e già con un prestigioso percorso artistico alle spalle.
Ma, al di là dell’elevato livello dei singoli, si percepiva chiaramente che l’affiatamento raggiunto era anche frutto di un intenso e duro lavoro di approfondimento, abbinato ad uno spirito di grande collaborazione ed amicizia, difficile da riscontrare in un ambiente molto competitivo come quello musicale.
Non va dimenticato, inoltre, l’apporto del quartetto strumentale, che ha ottimamente accompagnato i cantanti, costituito dal celebre flautista Tommaso Rossi (che ha collaborato attivamente al progetto Scarlattilab), e dai giovani Francesco Aliberti (cembalo), Vincenzo Caterino (violoncello) e Paola Ventrella (tiorba), quest’ultima in rappresentanza del Conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari.
Infine, non c’è dubbio che, dietro l’intero allestimento, si percepiva l’impronta del maestro Florio, massimo esperto internazionale di musica napoletana del Seicento e del Settecento.
In conclusione un concerto di altissimo spessore, che ha riscosso un enorme e meritato successo, per cui andrebbe sicuramente riproposto, magari nella prossima stagione ufficiale della Associazione Alessandro Scarlatti, sia per il suo intrinseco valore, sia per la gioia dei tanti appassionati che, a causa di un violento nubifragio abbattutosi sulla città, non sono riusciti a raggiungere la chiesa dei Santi Marcellino e Festo.

Marco del Vaglio

Da sinistra verso destra Tommaso Rossi (flauto), Paola Ventrella (tiorba), Francesco Aliberti (cembalo), Vincenzo Caterino (violoncello) - Foto Giovanni Caiazzo

_________________________________________________________

Seguici su Facebook:

MusicArTeatro

MusicArTeatro Eventi a Napoli

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

23 aprile, 2012 Posted by | Associazione "A. Scarlatti", Canto, Conservatorio "S.Pietro a Majella", Musica, Musica classica, Napoli | , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: