MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Mercoledì 21 settembre l’ensemble Hortus Conclusus del Conservatorio di Benevento ospite in Vaticano

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Mercoledì 21 settembre, alle 17.30, presso la Chiesa di Maria, Madre della Famiglia, nel Palazzo del Governatorato di Città del Vaticano, l’Hortus Conclusus, orchestra da camera del Conservatorio “Nicola Sala” di Benevento, specializzata nell’interpretazione della musica antica, terrà un concerto su invito del Cardinale Giovanni Lajolo, presidente del Governatorato della Città del Vaticano.
Il progetto, curato dal violinista Marco Serino, docente dell’Istituto sannita di Alta Formazione Musicale, è sostenuto dal contributo didattico delle classi di provenienza degli studenti, che sono parte attiva e protagonisti del percorso artistico-formativo.
L’Hortus Conclusus ha tenuto applauditi concerti in Campania e in diverse città italiane, ospite di prestigiose Istituzioni tra cui la Fondazione Stradivari di Cremona e la Fondazione Meyer di Firenze.
Per l’ occasione la compagine eseguirà musiche di Johann Sebastian BachConcerti per violino, archi e continuo BWV 1041 e BWV 1042, Concerto per due violini, archi e continuo BWV 1043, solisti Marco Serino e Mariarosa Grande– e di Antonio VivaldiConcerto in re minore per violoncello, archi e basso continuo, con solista Sergio De Castris.
Le prime parti dell’Hortus, suonano solitamente un violino Vincenzo Postiglione 1899, un violino Armando Altavilla 1935, una viola Giuseppe Tarantino 1934 e un violoncello Alfredo Contino 1926, pregevoli strumenti di liuteria storica della Campania, riportati nel territorio di origine grazie al Conservatorio “Nicola Sala” che li ha acquisiti al patrimonio dell’Istituzione.

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

19 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Musica classica, Musica da camera | , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 21 settembre parte il progetto Debussy-Boulez nell’ambito della rassegna “Il Nuovo L’Antico” di Bologna Festival

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Mercoledì 21 settembre, all’Oratorio San Filippo Neri, nell’ambito della rassegna Il Nuovo L’Antico di Bologna Festival, si inaugura il ciclo di concerti e conferenze dedicato a Pierre Boulez con un doppio appuntamento: alle ore 18 il musicologo Francisco Rocca tiene la prima delle quattro conferenze incentrate sull’attività compositiva di Boulez: “L’ombra doppia del suono. Pierre Boulez dalle Douze Notations a Dérive 2” ; alle ore 20.30 il pianista belga Jan Michiels è impegnato in un concerto che accosta brani di Boulez con lavori di Debussy, Messiaen e Kurtág.

In programma: Incises e la Sonata n.3 di Boulez, il secondo libro degli Studi di Debussy, Petites esquisses d’oiseaux di Messiaen e Hommage à Pierre Boulez di Kurtág.

L’ingresso alla conferenza è libero

Costo del biglietto del concerto
Posto unico: Euro 15; giovani fino ai ventisei anni: euro 8

Informazioni
Bologna Festival
via Lame 58
40122 Bologna
tel.: 051 6493397
sito web: www.bolognafestival.it

Biglietteria
c/o Bologna Welcome (Piazza Maggiore 1/E) tel 051 231454
Tutti i giorni dalle 12 alle 19

Ufficio Stampa Bologna Festival
Paola Soffià
tel.: 051 6493397
cell.: 328 7076143
e-mail: stampa@bolognafestival.it
__________________________________________________________

Il Progetto (21 settembre – 27 ottobre)

Il progetto Debussy-Boulez si articola in 5 concerti e un ciclo di 4 conferenze intitolato Ai confini della terra fertile.
È il ritratto di un grande maestro del nostro tempo, posto a confronto con il suo ideale referente storico, Claude Debussy, autore particolarmente amato dal Boulez compositore e direttore.
Intorno ad alcune delle opere più significative di Boulez, tra cui Dérive 1 e Dérive 2, nei programmi dei concerti figurano anche quelle di autori vicini al suo pensiero musicale, quali Béla Bartók, Anton Webern e Olivier Messiaen.
Al concerto del pianista Jan Michiels, oggi tra i più accreditati interpreti dell’opera di Boulez, (21 settembre ore 20.30, Oratorio San Filippo Neri) seguiranno i concerti del pianista francese Romain Descharmes (28 settembre), della grande violinista Isabelle Faust (9 ottobre), dell’Überbrettl Ensemble con Pierpaolo Maurizzi (19 ottobre) e infine Divertimento Ensemble diretto da Andrea Pestalozza (27 ottobre).
Contestualmente, tra il 21 settembre e il 27 ottobre, si svolge il ciclo di conferenze Ai confini della terra fertile realizzato in collaborazione con il Dipartimento di Musica e Spettacolo dell’Università di Bologna e il Cimes.
Quattro musicologi – tra cui uno dei maggior studiosi di Boulez, Robert Piencikowski – riflettono sul pensiero estetico e sull’attività compositiva di Boulez, infaticabile animatore dell’avanguardia musicale dal 1945 ad oggi.
Le conferenze sono tutte ad ingresso libero, sino ad esaurimento posti disponibili.
Si tengono, ad eccezione di quella del 21 settembre, al Dipartimento di Musica e Spettacolo, in via Barberia, alle ore 17.

Jan Michiels
Dopo gli studi al Reale Conservatorio di Bruxelles con Abel Matthys, nel 1988, all’età di ventidue anni, si trasferisce a Berlino dove frequenta la Hochschule der Künste, allievo di Hans Leygraf.
Nel 1989 vince il Concorso pianistico Emmanuel Durlet e nel 1991 il Queen Elizabeth. Invitato al Festival delle Fiandre, nel 1996 si impone all’attenzione della critica e del grande pubblico quale interprete specializzato nella musica contemporanea.
Tiene concerti in tutta Europa ed in Asia come solista o in formazione cameristica.
Suona in duo con il pianista Inge Spinette e collabora con il quartetto Tetra Lyre e con lo Spiegel Quartet. Dal 1993 è il pianista principale del Prometheus Ensemble.
Ha inoltre collaborato con direttori come Péter Eötvös, Serge Baudo, Stefan Asbury, Yannich Nézet-Séguin, Lothar Zagrosek, Hans Zender, Michel Tabachnik.
Il suo repertorio spazia dalla musica barocca alla contemporanea, con una particolare attenzione alla produzione delle avanguardie storiche e delle neoavanguardie, di cui è un esperto conoscitore.
Ha inciso tutta l’opera pianistica di Schönberg, Webern e Berg; Préludes, Images e Children’s Corner di Debussy; l’opera pianistica del compositore belga contemporaneo Karel Goeyvaerts; gli Studi e tutte le altre composizioni con pianoforte di Ligeti; la Sonata per due pianoforti e percussioni di Bartók e pagine di Janáček insieme al Prometheus Ensemble.
Di particolare interesse il CD Hommage à R. SCH. che accosta musiche di Schumann e Kurtág.
Con A Liszt Portrait, studiata antologia di composizioni e trascrizioni lisztiane, ha ricevuto il Caecilia Prize 2002.
Jan Michiels insegna pianoforte al Conservatorio di Bruxelles, dopo aver tenuto per otto anni il corso di musica contemporanea.
Svolge attività didattica anche all’estero, ospite di importanti istituzioni a Londra, Amburgo, Oslo e a Szombathely, in Ungheria, nell’ambito del Bartók Festival.

Francisco Rocca (Buenos Aires, 1977) ha compiuto studi di Filosofia e di Musicologia, occupandosi prevalentemente di estetica della musica del Novecento.
Ha svolto attività di ricerca a Basilea presso la Fondazione Paul Sacher ed è attualmente borsista della Fondazione Cini di Venezia.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

19 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Musica da camera | , , , , , , , , | Lascia un commento

Da venerdì 23 settembre a domenica 2 ottobre “Namusica”, sei serate di musica dal vivo, nell’ambito della rassegna “Napoli Città Viva *Estate 2011 – L’energia della cultura”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Ospitata nell’accogliente spazio della neoriattata e riaperta al pubblico Casina Pompeiana, piccolo gioiello architettonico sottratto al degrado urbano all’interno del settecentesco Real Cammino Borbonico (Villa Comunale), parte “Namusica”, due weekend, quelli dal 23 al 25 settembre e dal 30 settembre al 2 ottobre, all’insegna della buona musica dal vivo, tra diverse declinazioni e codici sonori che spaziano dal jazz alla tradizione barocca, classica e contemporanea, volti alla sperimentazione e alla contaminazione di differenti linguaggi melodici e ritmici, senza mai tradire le ascendenze originarie dei vari generi e repertori.
L’iniziativa, che cade all’interno della kermesse “Napoli Città Viva *Estate 2011 – L’energia della cultura”, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli, risponde all’esigenza e al desiderio di associazioni culturali, da anni attive nel settore musicale a Napoli e non solo, quali Dissonanzen, Progetto Sonora, Ensemble Barocco di Napoli, Circolo Artistico Ensemble, Arte di Improvvisare, intenzione – si diceva – in una più ampia ottica progettuale e di collaborazione tra vari soggetti, di offrire al pubblico partenopeo, alla platea di turisti, agli addetti ai lavori e ai semplici amanti della buona musica, una serie di performance, occasioni di ascolto e d’incontro in un comune territorio d’interesse.
Fil rouge di questi appuntamenti è un ponte ideale tra modernità e tradizione, tra l’antico e l’attuale, da una parte grazie all’estro e al virtuosismo improvvisativi degli interpreti che saranno protagonisti, gli uni accanto agli altri, dei sei concerti; dall’atra, mediante il dialogo stesso che si crea abitualmente in scena tra loro.
L’arte improvvisativa, dunque, come fulcro e comun denominatore di queste sei serate, prassi avita come la musica stessa, che trasversalmente riesce a far nascere un perfetto e insospettabile sodalizio tra passato e presente e, al contempo, a gettare un raccordo inscindibile tra pubblico e strumentista, tra ascolto ed esecuzione, in un prezioso gioco di staffette, rimandi, variazioni tematiche, mutazioni ritmiche e sonore.
Su un tale humus non può non fiorire una sintassi musicale ricca, polisemica, senza steccati, in cui la classicità è sdoganata dalla sua aura per così dire ‘elitaria’ e la contemporaneità non è tanto distante dal repertorio più tradizionale.
In tal modo, pentagrammi del ’700, in tutta la loro modernità, vengono riletti e rivissuti alla luce di nuove istanze jazzistiche e delle attuali esigenze estetiche; improvvisazioni rinascimentali e barocche possono convivere accanto a interpretazioni di compositori d’oggi e a danze e canti della tradizione popolare del Sud Italia in un’eclettica, equilibrata e caleidoscopica miscellanea di suoni, ritmiche e cadenze differenti.

I sei live set:

Venerdì 23 settembre, ore 20.30 – NOVAngelus Antiche e moderne improvvisazioni
Un progetto di Tommaso Rossi
Ensemble Dissonanzen formato da: Tommaso Rossi, flauti; Marco Sannini, tromba; Canio Lucia, clarinetto basso; Francesco D’Errico, synth e tastiere; Stefano Costanzo, batteria e percussioni.

Sabato 24 settembre, ore 20.30 – Il soffio di Partenope
Ensemble Barocco di Napoli
Musiche di Coreno, Mancini, Sammartini.
La Formazione: Tommaso Rossi e Raffaele Di Donna, flauti; Marco Vitali, violoncello; Patrizia Varone, clavicembalo.

Domenica 25 settembre, ore 20.30 – Cambiamo l’Aria
Un progetto di Marco Sannini.
La Formazione: Marco Sannini, tromba e flicorno; Marco Pezzenati, vibrafono; Marco de Tilla, contrabbasso; Stefano Costanzo, batteria.

Venerdì 30 settembre, ore 20.30 – Arte d’improvvisare
Un progetto di Francesco D’Errico.
La Formazione: Roberto Grisley musicologo; Giulio Martino, sax; Francesco D’Errico, pianoforte; Dario Guidobaldi, batteria.

Sabato 1 ottobre, ore 20.30 – Sax experience
Sonora Network Ensemble diretto da Eugenio Ottieni.
La Formazione: Domenico Luciano, sax; Eugenio Catone pianoforte.

Domenica 2 ottobre ore 20.30 – Tarantoday
Un progetto di Dario Candela.
Circolo Artistico Ensemble formato da: Luca Iovine, clarinetto; Giuseppe Carotenuto, violino; Manuela Albano, violoncello; Dario Candela, pianoforte; Francesco Manna, percussioni.

Ingresso ai concerti: 10 Euro

http://www.comune.napoli.it
infoline: 348/7745726

Ufficio Stampa “Namusica”
Victoriano Papa
cell.: 333/2824262,
e-mail: victorianopapa@alice.it
siti web: www.progettosonora.com, www.dissonanzen.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

19 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica, Napoli | , , , , , , , | Lascia un commento

Sabato 24 settembre Susanna Canessa, accompagnata da Monica Doglione, propone al Festival della Letteratura di Narni brani del suo cd “Nefeli”

Sabato 24 settembre, alle ore 21.30, al Teatro Comunale di Narni, nell’ambito del IV Festival Internazionale della Letteratura-Saggistica Filosofia-Arte al Femminile si terrà il concerto di Susanna Canessa, accompagnata da Monica Doglione (voce).
La violoncellista e folksinger proporrà brani tratti dal suo cd “Nefeli” e durante il concerto sarà proiettato anche il video ufficiale di Caleb Meyer, uno dei brani dell’album.

Note di Rita Felerico
Nefeli sono le nuvole che abitano il cielo, scorrendo veloci fra le immagini dei miti narrati dai poeti.
Creature magiche nate dall’acqua degli oceani o dai flutti ondosi e scintillanti, pronte a librarsi verso le cime dei divini monti, sciogliendosi poi nelle sorgenti dei sacri fiumi.
Le note di Susanna sono pure, leggere come nefeli, coinvolgenti come i ritmi degli antichi suoni, che ci trascinano nei luoghi dell’anima senza tempo, ma solo luce di preziosi diamanti d’amore.
Abbiamo invitato Susanna a partecipare alla IV edizione del Festival, promosso dall’Associazione Eleonora Pimentel Lopez de Leon, dall’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici di Napoli e dal Comune di Narni, non solo perché è brava e perchè svolge una particolare ricerca sulla presenza femminile in ambito musicale, ma per aver rivelato e ideato un originale linguaggio di espressività, nell’ambito di un particolare genere, quello della canzone popolare.
E noi del Festival desideriamo proprio questo, che le voci delle donne abbiano non solo uno spazio di libero confronto, ma un momento di condivisa conoscenza.
Nefeli racconta chi è Susanna ed è il risultato di un percorso di studio ed esperienza che abbraccia i suoi interessi e la sua progettualità a tutto campo.

Monica Doglione

Foto Luca Canzanella

Nata a Bologna, laureata in Lingue e Letterature Straniere, ha sempre coniugato gli studi e la propria attività professionale con una grande passione per l’arte: ha studiato danza contemporanea a Bologna con il gruppo danza Duende (regia e coreografia di Annadora Scalone) e, dopo una formazione di carattere teatrale, ha preso parte a varie rassegne e spettacoli teatrali e performances di teatro-danza.
In ambito musicale, a Bologna ha iniziato, con la cantante Angela Parisi, come vocalist in sala di incisione per colonne sonore di produzioni teatrali e musicali di vario genere.
Negli ultimi anni, ha approfondito gli studi di canto moderno ed educazione vocale presso il Centro della Voce di Napoli con la direzione di Marina Tripodi e a Roma e Napoli ha partecipato ad alcune Masterclasses con Mary Setrakian, vocal trainer di New York.
Dal 2006 è voce femminile del gruppo Vediol Brothers Band.
Dal 2009, con la registrazione del cd “Nefeli”, inizia ad accompagnare – nel ruolo di cantante – gli spettacoli e le performances musicali del M° Susanna Canessa (tra gli altri: “Stop The War” 2009; “Love, Amore, Amor…” 2009; “Nefeli” 2010-11; “Duets” e “Dona Dona”2011).

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

*************************************

CALEB MEYER
Guarda in anteprima il video ufficiale di CALEB MEYER , tratto dal Cd Nefeli, che sarà proiettato live durante il concerto.

19 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Cantanti, Canto, Folk music, Letteratura, Monica Doglione, Musica, Susanna Canessa | , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: