MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Sabato 17 settembre l’edizione 2011 del MozArt Box Summer chiude con le trascrizioni delle sinfonie mozartiane curate da Clementi

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Sabato 17 settembre, alle ore 20.45, nella Cappella di Corte del Palazzo Reale di Portici (Na), concerto conclusivo del MozArt Box Summer 2011 dal titolo “L’altro Mozart – Le sinfonie di Mozart trascritte da Muzio Clementi”, con la partecipazione del quartetto formato da Ciro Longobardi (pianoforte), Tommaso Rossi (flauto), Francesco Solombrino (violino), Manuela Albano (violoncello).

Ingresso gratuito su invito

Infoline per gli inviti
081 480384
081 273152

Programma

W. A. Mozart – M. Clementi
Sinfonia in do maggiore n.36 K 425 “Linz”
Sinfonia in sol minore n. 40 K. 550
Sinfonia in re maggiore n.35 K 385 “Haffner”

Nota al concerto di Tommaso Rossi

Varie e tutte interessanti furono le motivazioni che spinsero Muzio Clementi a pubblicare tra il 1815 e il 1820 le sei più importanti sinfonie mozartiane (la k 385 “Haffner”, la K 425 “Linz”, la K 509 “Praga”, la K 543 in mi bemolle maggiore, la K 550 in sol minore, la K 551 “Jupiter”).
Innanzitutto dobbiamo ricordare la multiforme attitudine di Clementi verso svariati aspetti della produzione musicale.
Oltre a essere pianista e compositore, Clementi, aveva avviato a Londra, dove si era trasferito nel 1782, sia un importante attività come costruttore di pianoforti che una iniziativa editoriale.
Sappiamo quanto faticassero ad essere apprezzate nella capitale londinese le sinfonie di Mozart, ancora in pieno ‘800 giudicate “troppo difficili” e superate in notorietà dalle sinfonie di Haydn, specie da quelle che il grande compositore aveva composto proprio a Londra.
Ecco dunque che l’iniziativa editoriale di Clementi, oltre che il tentativo per realizzare un buon affare nella cerchia degli amatori di musica da camera, si poneva come veicolo per il repertorio sinfonico del grande salisburghese, al quale presto anche i palcoscenici londinesi si inchineranno.
La scrittura delle trascrizioni valorizza certo il pianoforte, che fa sfoggio di una tecnica notevole e che regge il peso musicale dell’impalcatura sinfonica.
Ma sono importanti le scelte timbriche che, attraverso l’utilizzo di flauto, violino e violoncello, donano all’ensemble un particolare impasto, che rende di grande suggestione la riproposizione in chiave cameristica del sinfonismo mozartiano.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

12 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica da camera, Napoli, Portici, Prima del concerto | , , , , , , , | Lascia un commento

Giovedì 15 settembre Matteo Messori propone un Bach filologico al Bologna Festival

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Giovedì 15 settembre, ore 20.30, all’Oratorio San Filippo Neri, con il concerto della Cappella Augustana diretta da Matteo Messori si apre la rassegna di musica antica e contemporanea Il Nuovo L’Antico di Bologna Festival.
In programma i Mottetti sacri di Bach a quattro, cinque e otto voci. Primo appuntamento del progetto Rifrazioni Corali dedicato alla musica vocale tardorinascimentale, barocca e romantica, il concerto bachiano di Messori propone una interpretazione filologica di questo gruppo di sei mottetti.
La scelta di eseguirli con un coro di “soli” sostenuto dal basso continuo – spiega il musicista bolognese – «altro non è che il doveroso ripristino della pratica quotidiana di quel tempo».
Sarà lo stesso Messori a realizzare il basso continuo all’organo.
Clavicembalista, organista, clavicordista, direttore, bolognese di nascita e formazione, attualmente tra i più interessanti interpreti bachiani dell’ultima generazione, Matteo Messori di recente si è esibito come clavicembalista al Konzerthaus di Vienna, insieme ai Wiener Philharmoniker e Daniel Harding.

Il prossimo appuntamento della rassegna Il Nuovo l’Antico è per mercoledì 21 settembre, con il primo concerto del progetto di musica contemporanea “Debussy-Boulez” e la prima conferenza (ore 18) del ciclo dedicato al pensiero musicale di Boulez “Ai confini della terra fertile”.

Costo del biglietto: 15 Euro

Informazioni
Associazione Bologna Festival
via delle Lame, 58
40122 Bologna
Tel.: 051 6493397
Fax: 051 5280098
www.bolognafestival.it

Biglietteria Bologna Welcome
(Piazza Maggiore 1/E)
Tel.: 051 231454
tutti i giorni dalle 12 alle 19

Paola Soffià
Ufficio stampa Bologna Festival
Cell.: 328 7076143
Tel.: 051 6493397
e-mail: stampa@bolognafestival.it

____________________________________________________________________

Programma

Johann Sebastian Bach: Mottetti BWV 225-230

Singet dem Herrn ein neues Lied BWV 225
Der Geist hilft unser Schwachheit auf BWV 226
Jesu, meine Freude BWV 227
Fürchte dich nicht, ich bin bei dir BWV 228
Komm, Jesu, Komm! BWV 229
Lobet den Herrn, alle Heiden BWV 230

Matteo Messori
Bolognese, si è diplomato in organo e contrappunto al Conservatorio della sua città e in clavicembalo, allievo di Sergio Vartolo, al Conservatorio di Venezia.
Da anni Matteo Messori tiene concerti come solista in Europa e America, oltre ad aver realizzato una trentina di incisioni discografiche.
Come direttore ha debuttato con il suo ensemble, la Cappella Augustana, registrando un CD dedicato alla musica sacra di Vincenzo Albrici (1631-1690), maestro di cappella a Dresda e organista della Thomaskirche di Lipsia.
Attualmente sta registrando l’opera omnia di Heinrich Schütz per l’etichetta olandese Brilliant Classics.
Di particolare rilievo, anche la sua registrazione della terza parte del Clavierübung di Bach su tre organi storici bachiani.
Di prossima uscita l’Arte della fuga, l’Offerta musicale, l’incompleta Fuga BWV 1080/19 e le variazioni canoniche su Vom Himmel hoch da komm’ ich her BWV 769, che lo vedono impegnato come solista su diversi clavicembali e come concertatore insieme al suo ensemble.
Il suo approccio all’interpretazione della musica di Bach unisce l’imprescindibile “stile cantabile” di matrice italiana ai risultati delle più recenti acquisizioni scientifiche (musicologiche e organologiche) della Bach-Forschung.
Nella stagione 2011 ha suonato come clavicembalista al Konzerthaus di Vienna, insieme ai Wiener Philharmoniker e Daniel Harding.
Matteo Messori insegna organo e clavicembalo al Conservatorio di Bergamo.

Cappella Augustana
Fondato nel 2000 su iniziativa di Matteo Messori, Cappella Augustana è un ensemble nato per riunire interpreti europei di primo piano nel campo della musica antica, legati dal comune intento di approfondire i rapporti tra la musica italiana e quella dei paesi d’oltralpe nel periodo tardorinascimentale e barocco.
Assume in tal senso un rilievo fondamentale il lavoro di ricostruzione delle opere proposte, sviluppato secondo le più aggiornate ricerche musicologiche e attento al recupero degli organici originali.
Sotto la guida di Matteo Messori l’ensemble Cappella Augustana si è esibito in Italia e all’estero affrontando pagine di Bach, Händel, Schütz, Buxtehude, Purcell, Kerll, Scandello, Scheidt, Peranda, Geist, Locke, Coprario e molti altri.
Recentemente, alla Sagra Musicale Malatestiana, hanno presentato per la prima volta in Italia La Bellezza ravveduta di Händel in forma scenica, con la regia di Denis Krief. Importante, il monumentale progetto discografico che li vede impegnati dal 2003 nella registrazione di tutte le opere di Heinrich Schütz.
Sino ad ora sono stati pubblicati venti CD, contenenti i primi due libri di Symphoniae sacrae, tutte le Historiae evangeliche (Passioni, Storie di Natale e di Pasqua, dialoghi biblici), le Cantiones sacrae, i due libri di Kleine geistliche Concerte, le Musikalische Exequien, la Geistliche Chor-Musik e i Madrigali.
Sempre positivi i riscontri della critica specializzata, nazionale e internazionale.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

12 settembre, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Canto, Musica, Musica classica | , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: