MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Venerdì 2 settembre la 32a edizione di Benevento Città Spettacolo apre con il FlutensembleNicolaSala

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Sarà il FlutensembleNicolaSala, gruppo di giovani flautisti del Conservatorio di Benevento, diretti dal M° Romolo Balzani – titolare della classe di flauto – a dare il via agli appuntamenti musicali prodotti dal Conservatorio sannita per la 32a edizione di Benevento Città Spettacolo.
Il concerto, che si terrà venerdì 2 settembre, alle ore 19.00, sarà anche l’occasione per conoscere un angolo della nostra città: la Corte dell’ex Convento degli Scolopi, presso piazza Piano di Corte.
Il programma eseguito dall’ensemble – accompagnato per l’occasione dalla chitarra di Rossella De Ioanni e dal violoncello di Sergio de Castris – è costituito da brani trascritti per insieme di flauti: la Suite n. 1, op. 46 (Morning, The Death of Aase, Anitra’s dance, In the Hall of the Mountain King), dal Peer Gynt di Edvard Grieg; il Minuetto e Danza degli spiriti beati dall’ Orfeo ed Euridice di Christoph Willibald von Gluck; l’Andante e Saltarello dalla Sinfonia n. 4 “Italiana” di Felix Mendelssohn; il Menuet e Rigaudon da “Le Tombeau de Couperin” e la Pavane pour une infante défunte di Maurice Ravel; la Suite n. 2 (Pastoral, Intermezzo, Menuet, Farandole) da L’Arlesienne di Georges Bizet.
Tutti i musicisti sono allievi delle classi di flauto del Conservatorio sannita: Vittorio Coviello, Anastasia Cecere, Angela Padovano, Emanuela Soreca, Aniello Del Monaco, Francesco Santamato, Cristian Calzone, Teresa Zeppetella, Carla Bizzarro, Francesca Quarantiello, Manuela Cerrone, Erica Parente, Rosalba Pettrone.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti

(Comunicato a cura di Filomena Formato, studente del Biennio specialistico in Chitarra, indirizzo interpretativo-compositivo, collaboratrice Ufficio Comunicazione)

Per ulteriori informazioni

Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala”
Via Mario La Vipera, 1 – 82100 Benevento
Tel. 0824.21102
fax 0824.50355
sito web: www.conservatorionicolasala.eu

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

31 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica | , , , , , , | Lascia un commento

La violoncellista Silvia Chiesa dà il via al “Progetto Nino Rota”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Alzi la mano chi non ricorda l’irresistibile marcia nel film di Fellini Otto e ½ o la straziante melodia nel Padrino di Ford Coppola.
Sono soltanto due tra le decine di colonne sonore composte da Nino Rota per Fellini, Coppola, ma anche per Visconti, Zeffirelli o Monicelli, e fanno ormai parte della memoria collettiva.
Ancora in gran parte sconosciuta è invece la ricca produzione di opere liriche, sinfonie, musica da camera, a cui il maestro si dedicava con competenza e passione.
Un’occasione per scoprire questo tesoro musicale, meno noto ma non meno emozionante, è fornita dal “Progetto Nino Rota” che prende il via nelle prossime settimane in occasione del centenario della nascita del compositore (Milano 3 dicembre 1911 – Roma 10 aprile 1979).
Ne è protagonista Silvia Chiesa che ha deciso di portare sotto i riflettori due capolavori sconosciuti: i Concerti per violoncello e orchestra.
Il primo fu composto nel 1972 insieme alle musiche per Il Padrino (che fece vincere a Rota l’Oscar per la colonna sonora), il secondo è del 1973, lo stesso anno di Amarcord.
E’ in uscita nei prossimi giorni il CD (Sony) con i Concerti per violoncello di Rota interpretati da Silvia Chiesa con l’Orchestra della Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris: si tratta della prima registrazione mondiale dei due brani con interpreti tutti italiani, solista, direttore e orchestra.
Il Secondo Concerto di Rota sarà presentato dal vivo alla Festa del Violoncello, in programma venerdì 11 novembre all’Auditorium Toscanini di Torino, dove Silvia Chiesa suonerà con l’Orchestra Rai di Torino diretta da Gürer Aykal (nella stessa serata si esibiranno anche i violoncellisti Giovanni Sollima e Massimo Macrì).
Un’anteprima è invece prevista in Francia, nella serata inaugurale della stagione del Teatro dell’Opera di Rouen, venerdì 9 e domenica 11 settembre: la violoncellista milanese interpreterà il Secondo Concerto con l’Orchestre de l’Opéra de Rouen diretta da Luciano Acocella.

“Nei Concerti per violoncellocommenta Silvia Chiesasi ritrova l’inesauribile vena melodica che caratterizza i lavori per il cinema di Rota. Il compositore qui fa ‘cantare’ al solista temi carichi di suggestione, esaltati dalla ricchezza timbrica dell’orchestra. Anche all’ascolto si notano molte affinità con le colonne sonore, che non sfuggiranno agli appassionati del grande schermo”.

Info:
www.sonymusic.com
www.operaderouen.fr
www.orchestrasinfonica.rai.it

Silvia Chiesa
Milanese di nascita e bolognese per scelta, Silvia Chiesa è la più conosciuta violoncellista italiana sulla scena internazionale.
Dopo gli studi con Filippini, Brunello e Janigro, ha intrapreso una brillante carriera solistica e si esibisce regolarmente in Francia (dove di recente la tv France 3 le ha dedicato una puntata dell’ambito programma Toute la musique qu’ ils aiment), ma anche in Inghilterra, Cina, Usa, Russia e Israele.
Ha eseguito in prima italiana musiche di Nicola Campogrande, Aldo Clementi, Michele Dall’Ongaro, Peter Maxwell Davies, Giovanni Sollima e per lei hanno scritto compositori come Azio Corghi e Matteo D’Amico.
Violoncellista del Trio Italiano dal 1997 al 2002, continua a dedicarsi alla musica da camera: in duo con il pianista Maurizio Baglini – suo partner anche nella vita – e con interpreti come Mario Brunello, Bruno Canino, Raina Kabaivanska, Andrea Lucchesini e Shlomo Mintz.
E’ in uscita per Sony il suo CD con i due Concerti di Nino Rota – di cui nel 2011 si celebra il centenario della nascita – insieme con l’Orchestra Rai di Torino diretta da Corrado Rovaris.
Suona un violoncello Giovanni Grancino del 1697.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

31 agosto, 2011 Posted by | Musica classica, Violoncellisti | , , , , | Lascia un commento

Venerdì 2 settembre “Un’Estate al Madre” ospita I “Foja” e K-Conjog

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Venerdì 2 settembre 2011, alle ore 21.30, doppio appuntamento musicale, a cura di “Progetto Sonora”, per la IV edizione di “Un’Estate al Madre”, con i Foja + K-Conjog sul palco del Museo Donnaregina (via L. Settembrini n. 79 – Napoli).
I “Foja” nascono nella primavera del 2006. “A’ Foja” è la foga, qualcosa che brucia dentro ma non consuma, anzi accende. È la vitalità nevrotica dei nostri giorni, più che un nome è un manifesto. Da subito la band partenopea sceglie di non cavalcare nessuna moda e non cercare etichette o classificazioni.
Per il quartetto napoletano la contaminazione più che una scelta stilistica è una forma di comunicazione necessaria per chi come loro nel cuore ha il rock e nell’ispirazione ritrova ritmi e melodie del repertorio napoletano.
È una musica che punta sull’immediatezza delle melodie e degli arrangiamenti; live sempre carichi di energia e sudore, un loro rock-folk viscerale che arriva dritto al cuore mediante un linguaggio contaminato e originale, talvolta grintoso e ironico, talvolta romantico e malinconico.
‘Na Storia Nova, live che proporranno venerdì prossimo sul palco del Museo Madre, e progetto discografico pubblicato da “Materia Principale Fullheads” nel 2011, è una performance contaminata e che contamina, dove gli strumenti e i sogni viaggiano nella stessa direzione, dove il groove dei Foja a tratti rievoca scenari del wild west con saloon, a tratti le luci e ombre dell’underground made in Naples, al punto da non restare imbrigliato in un unico genere o in un solo colore musicale.
Tutto ciò, grazie anche al forte impatto sulla platea, come già si accennava, ha reso questo quartet ‘nostrano’ una delle realtà emergenti più interessanti del momento con notevoli riconoscimenti di pubblico e critica.
Il loro primo lavoro è “Se po’ sbaglià”, album autoprodotto uscito nel 2009.
Nel sound dei Foja elementi alti e popolari si miscelano in maniera originale e non provinciale.
Undici tracce dall’impianto tipicamente rock, quelle di ‘Na Storia Nova, con strutture semplici impreziosite dal bagaglio della tradizione musicale partenopea e dagli influssi newpolitani delle posse campane.
Un incrocio sonoro dove echi del Mediterraneo, dell’Europa e degli Usa si incontrano in un mix felice in cui la voce di Sansone è schietta e nitida, le ritmiche della batteria di Schiattarella possenti, le linee melodiche del basso di Falcone acute e dirette, la chitarra di Frongillo trascinante e armoniosa al contempo.

Foja, la formazione:
Dario Sansone, testi, voce e chitarra;
Ennio Frongillo, chitarra;
Giovanni Schiattarella, batteria;
Giuliano Falcone, basso.

“K-Conjog” è Fabrizio Somma, un polistrumentista che si avvicina all’elettronica più per le possibilità espressive offerte dal genere che per le sonorità.
Dopo collaborazioni con musicisti e performer vari, nonché piccole pubblicazioni e partecipazioni a compilation, nell’ottobre del 2009 arriva il suo disco d’esordio, “Il Nuovo è al passo coi tempi”, uscito per Snowdonia Dischi/Audioglobe.
L’album è un pot-pourri di sonorità e ritmi che alterna nuance più dichiaratamente gioiose a indugi verso una sentita malinconia, portando l’ascoltatore a un continuo cambio d’umore.

“Nel mondo di Fabrizio Somma, in arte K-Conjog, non è permesso alla voce umana di rompere la magia, solo musica e rumori governano l’alternarsi di maree e cicli lunari di una notte lunga 45 minuti.” Enrico D’Amelio (Ondalternativa).
A dicembre 2010, poi, per l’etichetta inglese “Dirty Demos” esce il suo secondo disco, un EP electro/folk intitolato “Le storie che invento non le so raccontare.”
Il disco suddiviso in 4 Capitoli/Chapter cattura anche l’attenzione del videomaker Francesco Lettieri, che decide di realizzare una serie/saga di videoclip basata proprio sulle musiche del cd.
L’album diviene dunque un progetto audio/video diretto da Francesco Lettieri. Chapter II, il primo video della serie, è vincitore di numerosi festival di cortometraggi e video musicali.
Tra questi: Clip Music 2010 Ravello Festival (miglior videoclip italiano indipendente), PuntodivistaFilmFestival (I premio sezione cortospot sociale “Per la particolare sensibilità dimostrata verso un tema di interesse sociale, trattato con suspence e ironia.”), Il giardino dei corti 2010 (“Una storia raccontata al contrario dall’esito imprevisto che sorprende di fotogramma in fotogramma utilizzando le migliori tecniche del videoclip”), Miglior corto per la televisione al CortoLovere 2010 (premio San Marino RTV, motivazione: “Per l’immediatezza e il sarcasmo che lo rendono fruibile da ogni pubblico”).
K-Conjog ha collaborato inoltre con Valerio Berruti partecipando all’installazione, “E più non dimandare”, presentata al tina.b, festival internazionale di arte contemporanea di Praga; ha musicato la sua ultima personale, “Una sola moltitudine”, col pezzo “Mono No Aware”, anche colonna sonora per la prima App IPad mai realizzata per un artista contemporaneo. Il catalogo della mostra è edito da Allemandi.
Attualmente presenta “A Love will come with a Red Light in Her Hands”, un laptop live set con interazioni video di Francesco Lettieri.
A breve uscirà il suo prossimo disco per l’etichetta americana “Abandon Building Records”.
“La musica di K-Conjog può essere interpretata come si vuole. Si passa dal divertente all’angosciante, dalla spensieratezza alla tribolazione. Ma solo una cosa è certa, la sua musica è sicuramente scordata.”

Costo del biglietto: 12 Euro
Info e prenotazioni:
081/19313016
prevendite circuito: www.go2.it

Ufficio Stampa “Progetto Sonora”:
Victoriano Papa
cell.: 333/2824262,
e-mail: victorianopapa@alice.it
sito web: www.progettosonora.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

31 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Folk music, Museo Madre, Musica, Napoli, Un'estate al madre | , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: