MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Domenica 7 agosto il maestro Sergio Orabona apre la I Edizione dei “Vespri d’organo in costiera”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Domenica 7 agosto 2011, alle ore 20.30, nella Chiesa Madonna della Lobra di Massa Lubrense (NA), Sergio Orabona terrà il concerto inaugurale della I edizione della rassegna “Vespri d’organo in Costiera”, organizzata dall’Associazione Trabaci, il cui direttore artistico è il maestro Mauro Castaldo. Coordinatrice e referente M° Olga Laudonia.

In programma musiche di Domenico Scarlatti, Petrali, Morandi, Capocci, Bossi, Dubois

L’ingresso è libero

Prossimi concerti

Giovedì 11 Agosto, ore 20.30
Olga Laudonia (organo)
Colomba Staiano (soprano)

Domenica 18 settembre, ore 20.30
Elisa Teglia (organo)

Mercoledì 21 settembre, ore 20.30
Classe di Organo del Conservatorio di Matera

Per ulteriori informazioni
Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci
Via Duca di San Donato, 28 – Napoli
Tel.: 081.5634518
Cell.: 339.5389103
e.mail: associazionetrabaci@alice.it
sito web: www.associazionetrabaci.it

Programma

Domenico Scarlatti (1685 – 1757)
Sonata K 287
Sonata K 288
Sonata K 328

Vincenzo Petrali (1830 – 1889): Versetto per il Gloria

Giovanni Morandi (1777 – 1856): Rondó con imitazione de’ Campanelli

Filippo Capocci (1840 – 1911): Andantino Pastorale

Marco Enrico Bossi (1861 – 1925): Ave Maria

Théodore Dubois (1837 – 1924): Toccata

Sergio Orabona
Sergio Orabona, nato nel 1978 a Napoli, figlio d’arte, intraprende gli studi musicali in giovanissima età.
Nel 1998 consegue il diploma di “Organo e Composizione Organistica” con il massimo dei voti e la lode sotto la guida del M° Vincenzo De Gregorio, e si perfeziona successivamente con Arturo Sacchetti, Daniel Roth, Harald Vogel, Ennio Cominetti, e all’Istituto Pontifico di Musica Sacra di Roma con Giancarlo Parodi. Ha inoltre conseguito i diplomi di “Pianoforte” e “Musica Corale e Direzione di Coro”.
Nel 1994 incide un compact disc edito dalla casa discografica “Terzo Millennio” e dedicato agli autori della scuola organistica napoletana sull’antico organo Thomas De Martino della Basilica di S. Restituta in Napoli.
Dal 1995 al 2001 è organista della Basilica Santuario della Madonna del Carmine in Napoli.
Ha tenuto numerosi concerti in Italia, Francia, Germania, Svizzera, Spagna, USA, esibendosi per prestigiose organizzazioni tra cui Landsberger Orgelsommer, Festival Città di Ragusa, Estate Musicale Sorrentina, Pietà de’ Turchini, Teatro San Carlo, Cattedrale di San Gallo (Svizzera), Diessen OrgelMatinee, Rossini in Wildbad, OrgelMatinee um Zwolf (Ingolstadt), Internationale ZugerOrgelTage, Organ Manl (Francia), Orgue en Charente, Istituto Italiano di Cultura di Monaco, Euro Via Festival, Weggiser SonntagsKonzerte, EuroVia Festival Claudia Augusta, Duomo di Lindau, Ordre Constantinien de Saint-Georges nella Cattedrale del Principato di Monaco alla presenza del principe Ranieri.
Negli ultimi anni si è dedicato alla letteratura francese dal 1800 ad oggi, eseguendo l’opera omnia di Maurice Duruflé, e collaborando con The Choral Scholars nell’esecuzione di opere di Fauré e Duruflé. Nell’ottobre 2003 ha eseguito per Rai Uno il Requiem di Maurice Duruflè in diretta dalla Basilica di S. Chiara, Napoli.
Ha svolto servizio liturgico in occasione della S. Messa celebrata dal Cardinale Piacenza in diretta dalle Catacombe di San Gennaro su Rete 4 e, in Piazza del Plebiscito, in occasione dell’ultima visita pastorale di Papa Benedetto XVI su Rai Uno.
Ha inoltre effettuato registrazioni radiofoniche, tra cui l’esecuzione di brani inediti di Francesco Durante, Giovanni Furno e Carlo Cotumacci per la Radio Bavarese.
Ha pubblicato trascrizioni e volumi didattici per le Edizioni Setticlavio, ed é membro dell’Associazione Organistica Giovanni Maria Trabaci.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

Annunci

1 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Associazione Trabaci, Musica classica, Organisti, Prima del concerto | , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Mercoledì 3 agosto Raiz e il gruppo Radicanto presentano il progetto “Musica Immaginaria Mediterranea” a “Un’Estate al Madre”

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Mercoledì 3 agosto, ore 21.30, al Museo Donnaregina di Napoli (via Settembrini, 79 – Napoli), si terrà lo spettacolo “Musica Immaginaria Mediterranea”, terzo appuntamento con la sezione musicale della IV edizione della rassegna “Un’Estate al Madre”, curata da “Progetto Sonora”.
“Musica Immaginaria Mediterranea” è il nome del progetto nato dall’incontro di Raiz, inimitabile voce degli Almamegretta, con il gruppo barese Radicanto, formato da Maria Giacquinto (voce), Fabrizio Piepoli (voce e basso elettrico), Giuseppe De Trizio (chitarra classica), Adolfo La Volpe (chitarra elettrica), Francesco de Palma (batteria).
Prendendo come spunto le canzoni del proprio repertorio e standard molto celebri, l’ensemble propone un viaggio musicale ai quattro angoli della nostra macroregione per dimostrare che una nuova canzone mediterranea popolare è possibile e soprattutto è una meta auspicabile per chi, dalla Spagna a Israele, dal Marocco alla Grecia, non si arrende ai canoni imposti dal music business internazionale, e anzi lotta per portare fuori dalla categoria di musica ‘etnica’ la propria espressione culturale.
Arrangiando la canzone napoletana come una cantiga sefardita o interpretando un brano tradizionale mediorientale, come potrebbe fare Sergio Bruni, in una perfetta sinergia di intenti, sposando repertori e declinazioni lontane solo geograficamente, ma musicalmente affini, l’iter sonoro tende a mettere in risalto tutte le cose in cui le differenti culture musicali del mediterraneo si assomigliano.
Il proposito è quello di immaginare una musica unica e ‘panregionale’, portando alla luce una sorta di tradizione comune in cui barriere e steccati cessino d’esistere alla volta dell’integrazione delle varie sintassi musicali.
Punti simili che si avvicinano e distanze che si accorciano col desiderio di diffondere un messaggio di pace e di mutuo rispetto in una parte di mondo ancora purtroppo attraversata da dolorosi conflitti.
E non è un caso che lo storico leader degli Alma, in un’ideale e parallela prosecuzione del suo impegno sia con la band partenopea, sia con i progetti da solista (recentissima è l’uscita per l’Universal del suo album “YA!”), col gruppo pugliese dei Radicanto offra la sua ugola carnalissima, verace e autentica per dar voce a un’Italia multietnica, in cui coesistano tradizione e modernità, Mediterraneo e Medio Oriente in una prospettiva omogenea.
Ancora una volta il canto di Raiz, canto napoletano, italiano, europeo, arabo, cosmopolita, apolide, orgogliosamente wop e no global, parlerà di convivenza e ‘meticciaggio’, intonerà un inno panteista alla vita, sospeso tra la rabbia per ciò che vediamo attorno a noi e la voglia di non lasciarsi andare.
Strumenti della tradizione per raccontare un pentagramma quanto mai vario ma coerente di mediterraneo, poesia e immaginazione.
Musica senza passaporto e l’immagine di una Napoli di sangue, speranza, memoria e dolore, di canto e passione.
Un ritorno alla melodia e alla parola che prescinde dal tempo del reggae, ma spazia, mischiando e (con)fondendo i suoni e i ritmi delle vie di Kingston, Gerusalemme, Algeri, come di Bristol e di New York.
I Radicanto, poi, che nel loro percorso artistico vantano collaborazioni con alcuni tra i massimi esponenti della musica di tradizione, antica, ma anche d’autore e jazz, sia in contesti cinematografici (Craj), che in quelli live e discografici (Teresa De Sio, Raiz, Giovanni Lindo Ferretti), sono il giusto contraltare ritmico e sonoro alla voce inconfondibile di un interprete come Raiz.
Con lui la band barese dimostra in ogni performance grande interplay e un’ottima intesa musicale.
Il risultato è un’esibizione di forte impatto, in cui cadenza e melodia la fanno da padrone col fine di recuperare e raccontare storia e memorie.
Un riappropriarsi delle radici musicali e culturali, ricollocate in un contesto moderno e quindi di più facile e immediata fruizione.

Costo del biglietto: 12 Euro
Info e prenotazioni:
081/19313016
prevendite circuito: www.go2.it

Ufficio Stampa “Progetto Sonora”:
Victoriano Papa
cell.: 333/2824262,
e-mail: victorianopapa@alice.it
sito web: www.progettosonora.it

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

1 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Folk music, Napoli, Prima del concerto, Un'estate al madre | , , , , , | Lascia un commento

Martedì 2 agosto il duo formato da Patrick Gallois e Irina Zahharenkova propone alcune composizioni dei figli di Bach nell’ambito dell’80ª Estate Musicale Chigiana

Critica Classica di Marco del Vaglio:

Un programma interamente dedicato ai figli di Johann Sebastian Bach per il prossimo concerto dell’80ª Estate Musicale Chigiana.
Protagonisti dell’appuntamento, che si terrà domani, martedì 2 agosto, alle ore 21.15, nella suggestiva cornice del cortile di Palazzo Chigi Saracini (via di Città 89, Siena) saranno Patrick Gallois al flauto e Irina Zahharenkova al fortepiano

In programma musiche di Wilhelm Friedemann Bach, Johann Christian Bach, Carl Philipp Emanuel Bach, Johann Christoph Friedrich Bach

I biglietti (posto unico 18 euro, ridotti 8 euro per studenti, giovani sotto i 26 anni e over 65) saranno in vendita anche domani, martedì 2 agosto, a partire dalle ore 19.15 presso Palazzo Chigi Saracini.
In caso di pioggia il concerto si terrà nel salone dei concerti dello stesso Palazzo Chigi Saracini.

Per informazioni: tel. 0577 22091 o www.chigiana.it

Ufficio stampa Accademia Musicale Chigiana
Agenzia Freelance
tel. 0577 219228 – 272123
Sonia Corsi
cell. 335 1979765
Agnese Fanfani
cell. 335 1979385
e-mail: relazioni@chigiana.it o info@agfreelance.it

______________________________________________________________________

Programma

Wilhelm Friedemann Bach
Sonata in mi minore per flauto e basso continuo BR WFB B17
Sonata in fa maggiore per flauto e basso continuo BR WFB B18

Johann Christian Bach
Sonata in sol maggiore op. 16 n. 2 per clavicembalo con accompagnamento di un flauto
Sonata in la maggiore op. 16 n. 4 per clavicembalo con accompagnamento di un flauto

Carl Philipp Emanuel Bach
Sonata in si bemolle maggiore per flauto e clavicembalo W. 161/2 (H. 578)
Sonata in sol maggiore per flauto e clavicembalo W. 133 (H. 564)

Johann Christoph Friedrich Bach
Sonata in re minore per clavicembalo con accompagnamento di flauto
Sonata in re maggiore per flauto e clavicembalo concertato

Patrick Gallois
Docente di flauto ai corsi estivi dell’Accademia Musicale Chigiana dal 1999, e già primo flauto dell’Orchestra Nazionale di Francia con Lorin Maazel, Patrick Gallois ha intrapreso da oltre venti anni una brillante carriera solistica.
È interprete di un vasto repertorio che comprende opere del periodo barocco, classico e romantico, con una forte inclinazione per la musica contemporanea che ha spinto molti compositori a dedicargli nuovi lavori.
Nel 1991 ha firmato un contratto in esclusiva con la Deutsche Grammophon, per cui incide sia musica da camera che concerti con orchestra, con un repertorio che va da Telemann e Vivaldi a Kačaturian.
Gallois, presente anche nel ricco catalogo dell’etichetta Naxos, è titolare di un corso di perfezionamento presso il Banff Centre for the Arts in Canada.

Irina Zahharenkova
Irina Zahharenkova è una delle più importanti strumentiste dell’Estonia di oggi.
Ha vinto primi premi in concorsi pianistici internazionali come il concorso J.S. Bach di Lipsia (2006), il concorso G. Enescu in Romania (2006), il concorso A. Casagrande in Italia (2005) e il Premio Jaén in Spagna (2004). Ha vinto nel 2005 come fortepianista il Premio Primavera di Praga della Repubblica Ceca e nel 2004 come clavicembalista il Premio al Festival delle Fiandre in Belgio. Intensa è la sua attività, sia come solista, che in complessi di musica da camera, con un repertorio che spazia dal barocco al contemporaneo.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

1 agosto, 2011 Posted by | Agenda Eventi, Musica classica, Musica da camera, Prima del concerto | , , , , , , , , , | Lascia un commento

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: