MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

La rassegna “Organi Storici della Campania” chiude con un maestoso omaggio alla scuola francese da parte del maestro Vincenzo De Gregorio

Il recupero del concerto di monsignor Vincenzo De Gregorio nel Duomo di Napoli, slittato per motivi tecnici, dovuti ad un fulmine che aveva messo fuori uso la centralina elettrica dell’organo, ha chiuso la rassegna “Organi Storici della Campania”, organizzata dall’Associazione Alessandro Scarlatti.
Il celebre organista ha presentato un programma prevalentemente rivolto al repertorio francese, apertosi però con un omaggio a Franz Liszt nel bicentenario dalla nascita.
E’ molto probabile che il soggiorno parigino dell’autore ungherese, risalente agli anni dell’adolescenza, abbia lasciato anche ricordi legati all’organo, sviluppati però in un secondo momento, con il conforto di approfondimenti e studi personali, in quanto quasi tutti i brani, scritti per harmonium, datano dal 1861 in poi.
Quelli proposti nel recital comprendevano Der Papst hymnus S.261 (1863), sul tema composto dall’austriaco Viktorin Hallmayer nel 1857, che fu l’inno del Vaticano fino al 1950, quando venne sostituito dalla Marcia Pontificale di Gounod, Évocation à la Chapelle Sixtine S.658 (1862), dove rivivevano gli echi del Miserere di Allegri e dell’Ave Verum di Mozart e Angelus! Prière aux anges gardiens, S.672c (1877), caratteristico per la suggestiva descrizione del fruscìo di ali posta all’inizio ed alla fine del pezzo.
Da brani pensati per harmonium, a composizioni della gloriosa scuola transalpina, concepite per i monumentali Cavaillé-Coll, partendo da Alexandre Guilmant (1837-1911), figura prestigiosa legata al rinnovamento del movimento organistico dell’Ottocento, per la sua attività che lo vide eccellere anche come interprete, docente e musicologo.
Nonostante ciò, oggi la sua fama risulta abbastanza offuscata, ed è un vero peccato, se pensiamo che pezzi di straordinaria intensità quali Communion (creato per accompagnare i fedeli durante la Comunione) o Marche funèbre e Chant seraphique, grandioso affresco che fa riferimento al Giudizio Universale, si ascoltano molto raramente.
Sicuramente più conosciuto, anche se non per il suo decisivo apporto alla letteratura organistica, César Franck (1822-1890), belga trapiantato in Francia, del quale è stato eseguito un piacevole Andantino (1889), di chiara matrice pianistica ed il Corale n. 1 in mi minore, primo dei Tre corali scritti nel 1890, che rappresentano, nel loro complesso, una sorta di testamento spirituale dell’autore.
Chiusura con Litanies, op. 13 di Jehan-Ariste Alain (1911-1940), del quale si celebra il centenario della nascita.
Caduto sul fronte francese durante l’ultimo conflitto mondiale, proveniva da una famiglia di grandi tradizioni musicali, con il padre Albert compositore ed organista di ottimo livello e la sorella minore, Marie-Claire (1926), tuttora vivente, che va annoverata fra gli organisti più celebri del Novecento, per non parlare degli altri due fratelli, Marie-Odile (1914-1937) e Olivier (1918-1994), soprano e pianista la prima e compositore, organista e musicologo il secondo.
Il brano proposto, risalente al 1937, rappresenta uno dei pezzi più conosciuti del suo repertorio e si basa sulla ripetizione quasi ossessiva di un motivo di impetrazione (non a caso, il primo titolo pensato da Alain era Supplications), con ritmi che attingono anche al jazz e sembrano a tratti appartenere agli anni ’70.
Veniamo, quindi, al protagonista della serata, Vincenzo De Gregorio, che solo da qualche anno ha ricominciato ad esibirsi in concerti pubblici, dopo una lunga pausa dovuta ai suoi innumerevoli impegni istituzionali, fra i quali ricordiamo il lungo e proficuo mandato come direttore del Conservatorio di Napoli nel periodo 2000-2008.
Un ritorno che fa sicuramente bene all’intero movimento organistico cittadino, in quanto grazie alla sua vasta esperienza, il maestro è in grado di proporre recital che non solo vivono sulla sua indiscutibile bravura, ma su programmi molto ben strutturati, pensati specificatamente per le caratteristiche dell’organo suonato in quel momento, avvalendosi inoltre di brevi ed esaurienti spiegazioni relative ai brani eseguiti, ovvero quanto di meglio ci si potesse attendere nell’ambito della conclusione di una rassegna breve ma molto interessante.

**P**U**B**B**L**I**C**I**T**A’**

Nefeli, il nuovo Cd di canzoni folk internazionali alternate a 3 brani classici per violoncello solo
tutto cantato e suonato da Susanna Canessa e la sua band. Acquistalo su:

…e molti altri network in tutto il mondo! per scoprirli clikka qui

1 luglio, 2011 - Posted by | Associazione "A. Scarlatti", Concerti, Musica classica, Napoli, Organisti | , , , , , , ,

Al momento, non c'è nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: