MusicArTeatro

comunicazione eventi di Musica Arte e Teatro

Taccuino personale di Francesco Canessa: RADAMES L’ETIOPE

RADAMES L’ETIOPE

Sciocchezze sulle pagine dei giornali se ne sono lette tante e se ne continuano a leggere, non si fa in tempo a stupirsi di una, che subito ne arriva un’altra. Certo, c’è differenza tra giornale e giornale, ma la quota di rischio è in proporzione, chi più chi meno ci incappano tutti. E’ capitato persino al Corriere della Sera e la sciocchezza è di quelle che colpiscono al cuore il melomane. Vero è che la sua è cultura di nicchia, rispetto al sapere generalista degli altri,che di solito eccelle in ben diverse discipline, come il calcio, la sua storia, i suoi protagonisti. Ed è proprio in una storia di calcio che sul massimo quotidiano d’Italia s’incontra Radames, generale egiziano segretamente innamorato di Aida, citato quale testimone a favore di Niccolò Carosio, mitico radiocronista dei tempi andati. La storia rimonta ai campionati del mondo in Messico del 1970 quando durante la partita Italia-Israele l’immaginifico inventore del <gol, quasi gol!> adoperò l’aggettivo <etiope> per qualificare un segnalinee, che cittadino d’Etiopia era per davvero, il signor Seyoun Tarekegn. Carosio, che malamente si era adattato al passaggio da radio e tele-cronista,  fu accusato di colpa ben più grave, di avere cioè chiamato
<negro> il suddetto segnalinee e pertanto sospeso dal servizio e sostituito per la partita successiva da Nando Martellini. Nel volume “Sport in TV”  (Editore Rai-Eri) firmato dal capo dei Servizi sportivi della Rai Massimo De Luca un capitolo è dedicato a rievocare l’episodio, smentire quell’accusa e riabilitare Carosio, scomparso nel 1984. “Dopo verifiche meticolose e sulla base della documentazione esistente” l’autore dimostra che <negro> non fu il termine adoperato, bensì <etiope>: ”Albertosi salva in uscita su Shpiegler in fuori gioco netto lasciato correre dall’<Etiope>!.. è la frase che risulta nella registrazione video recuperata negli archivi Rai. E tre minuti dopo il telecronista si ripete: “ Shpiegler è ancora in fuori gioco, ma questa volta l’<Etiope> ha sbandierato!” Del recupero di tanta verità storica, il Corriere della Sera dà conto pubblicando l’intero capitolo del libro. E vi si può leggere un’altra testimonianza, quella di Enzo Tortora, scomparso nel 1988 che in una delle pause del suo tormentato rapporto con la Rai si era rivolto al presidente Bernabei dalle colonne del Resto del Carlino: “ Dottor Bernabei, con tutto il rispetto che merita, vorrei dirle che prendersela per la parola <etiope> pronunciata da Carosio, sarebbe davvero un po’ forte. Anche Ghislanzoni, librettista di Verdi dice nell’Aida < Già corre voce che l’Etiope ardisca sfidarci ancora…> Neppure contro Ghislanzoni furono mai presi provvedimenti. Ma se ha torto, il dottor Bernabei dovrà essere purtroppo rigoroso. E dovrà avvicendare sui teleschermi anche Radames”  Quest’ultima frase non è molto chiara, riflette probabilmente la polemica allora in corso tra Tortora e il presidente della Rai, che gli aveva appena tolto la conduzione della Domenica Sportiva. Ma per Massimo De Luca è più che sufficiente e così chiosa: “Dalle parole del <grande epurato> affiora una buona volta la verità: Carosio aveva solo dato dell’<etiope> a Tarekegn, come il librettista Ghislanzoni aveva fatto con Radames!” Ed è qui che al melomane cadono le braccia,  perché l’Aida è la regina delle opere, il colossal dell’Italia musicale, la più rappresentata, la più orecchiabile e orecchiata di tutte, Celeste Aida, Ritorna vincitor e Marcia trionfale, ed è quasi incredibile che un giornalista di stato maggiore  com’è l’autore dell’inchiesta, pur interessandosi prevalentemente di sport, non ne sappia il soggetto manco per sommi capi, e dia dell’<etiope> a  Radames, il personaggio che sogna per l’amata un trono vicino al sol, che sconfigge e mette in catene Amonasro invasore del sacro suolo d’Egitto ed <etiope> a tutto tondo essendo, per dirla col Ghislanzoni, d’Aida il padre e degli Etiopi il re.  Questo prima in un libro delle edizioni Rai e poi sul Corriere della Sera, senza che nessuno se ne sia accorto, né un editor, né un redattore, né un correttore di bozze. Sì! In quel che era il Paese del Melodramma, i melomani e la loro cultura sono ridotti in una nicchia  “Oh Terra addio, addio valle di pianti!..” cantano Radames e Aida non appena la fatal pietra si chiude sopra di loro. E se avesse letto la storia dell’etiope di Carosio, narrata da Tortora e De Luca, il buon Ghislanzoni avrebbe aggiunto: “… E di sciocchezze!”

Francesco Canessa

Klikka qui per leggere gli altri articoli

18 maggio, 2010 Posted by | Campania, Canto, Cultura, Francesco Canessa, Giornalisti, Italia, Musica, Napoli, Regioni | , , | Lascia un commento

Angri, musiche dedicate alla Madonna per L’Associazione Euterpe

ASSOCIAZIONE CULTURALE e MUSICALE

“EUTERPE”di ANGRI

PRESENTA

Concerto per MARIA

CORI: Genesi del terzo millennium

Pueri Cantores “S. Michele Arcangelo”

Direttore: M° ROBERTO ALTIERI

Musiche dedicate alla Madonna, composte da vari musicisti

Domenica  23 Maggio 2010 ORE 19:30

Chiesa  SS. ANNUNZIATA- ANGRI

INGRESSO LIBERO

Direttore Artistico: M° Maria Pia Cellerino

SOPRANO: M° Anna Maria Gargiulo

TENORE : M° Carmelo d’Esposito

Pianisti accompagnatori: M° Annalisa  Pepe

Manuela Cafiero

CORI : GENESI DEL TERTIUM MILLENNIUM

PUERI CANTORES “S.MICHELE ARCANGELO”

PIANO DI SORRENTO

Direttore: M° ROBERTO ALTIERI

Roberto Altieri Compositore, direttore e didatta nato a Napoli nel 1958. Dopo studi classici, si è diplomato presso il Conservatorio di Musica S. Pietro a Majella di Napoli in Pianoforte, in Musica corale e direzione di coro, in Composizione e in Direzione d’orchestra. Ha seguito per tre anni i corsi di perfezionamento in Composizione all’Accademia Chigiana di Siena conseguendo il diploma di merito. Ha frequentato corsi di Musica per film all’Accademia Chigiana di Siena e di Analisi Schenkeriana a Roma, Trento e Napoli.Ha vinto vari concorsi nazionali ed internazionali di composizione.Tra opere originali ed elaborazioni, ha al suo attivo un centinaio di brani. Tra le composizioni di musica da camera: Frattali per pianoforte (1991), Acqua per 10 esecutori (1992), Cadenza sul nome BACH per flauto solo (1993), Tessaract per sax soprano e pianoforte (1997), Libertad per coro a cappella (2003), Metamorfosi per chitarra (2004, ed. Bèrben).
Tra le composizioni di musica sinfonica: Fuoco (2001) e Sirene (2002, ed. Bèrben). Tra le opere sacre: Stabat Mater per soprano, coro e orchestra (1990/3) , Messa per il Terzo Millennio per doppio coro e orchestra (2001/3) e Te Deum per il Bicentenario del comune di Piano di Sorrento per Soprano,Tenore,coro ed orchestra di fiati.
Insegnante di ruolo nei Conservatori di Musica dal 1989, è attualmente titolare della cattedra di Armonia, contrappunto, fuga e composizione.  Attualmente ricopre la carica di vicedirettore al Conservatorio S. Pietro a Maiella.

L’Associazione  Culturale-Musicale “Tertium Millennium” di Piano di Sorrento è nata nel febbraio del 1999  con le finalità della diffusione della cultura in tutte le forme tra le quali quella musicale attivando un’intensa attività didattica con l’intento di avvicinare a quest’arte , in modo corretto, sia i bambini (da cinque anni in su)  che gli adulti , ottenendo un buon successo vedendo passare oltre 150 allievi,di cui alcuni hanno intrapreso gli studi presso i conservatori di musica.Attualmente tale attività non è attiva.
Nell’arco dei dieci anni l’associazione ha organizzato e partecipato in tutta la penisola sorrentina ad oltre 200 eventi musicali.
Nell’ambito dell’associazione sono sorti ,dieci anni fa, il coro di voci bianche  denominato“Piccolo Coro”,formato da oltre venti bambini con età dai cinque ai tredici anni,diretto dal M° Anna Maria GARGIULO,che è anche il direttore artistico dell’associazione, ed il coro“Genesi”formato, all’inizio,dai genitori dei bambini del piccolo coro,che ha una consistenza di oltre venti elementi per la massima parte rappresentata da veri appassionati di musica. Il coro è  diretto dal M° Roberto ALTIERI.
Il coro Genesi ha partecipato, tra l’altro, alla  trasmissione televisiva di RETE 4 “ La Domenica del Villaggio” nell’anno 2002 e ha al suo attivo oltre 150 concerti.
Da circa nove anni organizza e partecipa al “Concerto per La Famiglia”,che è diventato un appuntamento fisso delle festività Natalizie in Penisola Sorrentina . Nel gennaio 2008 ha organizzato ed eseguito,insieme al coro “Elpis” ed ai “Pueri Cantores”,il “TE DEUM” per il Bicentenario del Comune di Piano di Sorrento.  Inoltre da circa un anno ha contatti internazionali che ha portato al gemellaggio con il con Scozzese di Edinburgo “THE EDINBURG ACCADEMY” e con il coro Inglese di Cambridge “FAIRHAVEN SINGERS” ha partecipato alla manifestazione “Echi Barocchi in Penisola Sorrentina” eseguendo lo “Stabat Mater del M° Roberto Altieri” per Soprano,Coro ed Orchestra”
L’associazione oltre a tale attività organizza attività culturali legate alle conoscenza della storia  locale  e gestione di congressi scientifici nazionali.
Da alcuni anni il Coro Genesi è affiancato,per alcuni eventi, dal coro “Pueri Cantores  S. Michele Arcangelo”,che è il più antico coro della penisola sorrentina (nato da oltre 60 anni).

18 maggio, 2010 Posted by | Agenda Eventi, Arte, Associazione "Euterpe", Associazioni Musicali, Campania, Cantanti, Canto, Compositori, Concerti, Coristi, Direttori d'orchestra, Italia, Musica, Napoli, Regioni | , , , , , , , | 2 commenti

   

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: